Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Top
· Web_Links
 

  Categorie

· Tutte le Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Chris Hedge

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· James Petras

· Libri

· Michel Chossudovsky

· Mike Whitney

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Paul Craig Roberts

· Pepe Escobar

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Stephen Lendman

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· William Engdahl

 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

 
 
comeDonChisciotte.net: 11 settembre

Search on This Topic:   
[ Go to Home | Select a New Topic ]
 
 


 
  11 settembre TRUMP: RIAPRIRO' LE INDAGINI SULL'11 SETTEMBRE

Baxter Dmitry
yournewswire.com

Donald Trump mette nell'agenda dei primi 100 giorni la riapertura delle indagini sull'11 settembre che porterà al più grande terremoto per la classe dirigente.

Trump infatti ritiene che le indagini sull'11 settembre non siano stato adeguate e che sia necessario invece andare al fondo della questione. Così si è espresso:"Prima di tutto, l'originale indagine sull'11 settembre è un totale disastro e deve essere riaperta".

 
 
  Postato da cdcnet il 11/11/2016 (655 letture)
(Leggi Tutto... | 4719 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Economia: LA STORIA MAI RACCONTATA DEL 9/11: IL SALVATAGGIO DELL' EREDITA' DI ALAN GREENSPAN

alan greenspan world trade center 11settembre2011DI PAM MARTENS E RUSS MARTENS
wallstreetonparade.com

I cittadini americani sono ancora allo’oscuro di quelle centinaia di miliardi di dollari di movimenti finanziari che la Federal Reserve gestì nei giorni, settimane e mesi successivi al 9/11.

Quello che ancora manca nel Rapporto Ufficiale della Commissione 9/11, nelle audizioni del Congresso e negli studi accademici, è che Wall Street, il giorno in cui gli aerei colpirono le torri del World Trade Center, era sul punto di ricevere una denuncia dal Procuratore Generale dello Stato di New York, Eliot Spitzer, per aver orchestrato una frode di proporzioni senza precedenti ai danni degli investitori pubblici. Tale indagine fu bloccata per più di sei mesi: sarebbe stato politicamente scorretto attaccare le più grandi banche d’investimento di Wall Street in un momento in cui le famiglie piangevano la perdita dei loro cari, alcuni titoli di risparmio Statunitensi venivano chiamati “Patriottici” e il Congresso rendeva omaggio alle eroiche grandi banche, alla Borsa e alla Federal Reserve per aver rimesso in moto tutto il sistema finanziario nel giro di una sola settimana dalla tragedia.

 
 
  Postato da cdcnet il 20/09/2016 (557 letture)
(Leggi Tutto... | 21687 bytes aggiuntivi | Economia | Voto: 5)
 

 
  11 settembre IL MOVIMENTO VERITA' PER L'11 SETTEMBRE 15 ANNI DOPO: A CHE PUNTO SIAMO?

Il Movimento Verità per l’11 settembre 15 anni dopo: a che punto siamo? sakeritalia.it

[Nota: lo scopo di questo articolo non è quello di confutare la teoria ufficiale della cospirazione, secondo cui due aerei avrebbero demolito tre edifici ed altre stupidaggini del genere, o fornire una teoria alternativa, ma quello di valutare ciò che il Movimento Verità per l’11 settembre è riuscito a conseguire negli ultimi 15 anni].

Sono passati 15 anni dai terribili eventi dell’11 settembre, ed è il momento giusto per dare uno sguardo a ciò che il movimento per l’11 settembre ha conseguito, ma anche a ciò in cui ha fallito. Lo smacco maggiore e più evidente è stato, naturalmente, l’incapacità di prevenire quel bagno di sangue che l’Impero chiama Guerra Globale al Terrore (GWOT – Global War on Terror) e tutte le guerre generate a loro volta dal GWOT in Nord Africa, Medio Oriente e altrove. Certo, in questo abbiamo fallito, ma non sono proprio sicuro che di ciò si possa incolpare il Movimento Verità per l’11 settembre. Lasciate che mi spieghi.

Il lavoro di intelligence viene alle volte descritto come “quello delle tre A”: acquisizione, analisi e accettazione. Se paragonassimo il Movimento Verità per l’11 settembre ad un’agenzia di intelligence che opera nell’interesse della popolazione mondiale, allora direi che abbiamo conseguito un grosso successo per quello che riguarda la prima “A”: acquisizione.

 
 
  Postato da cdcnet il 13/09/2016 (870 letture)
(Leggi Tutto... | 25086 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre WTC: PROVE DELLA PRESENZA DI ESPLOSIVI NELLE TORRI GEMELLE

Traduzione a cura di comedonchisciotte.net (postato il 28 settembre 2003; revisionato il 9/9/2016 sulla base delle modifiche apportate all'originale)

Milioni di persone in tutto il mondo osservavano la situazione del WTC l’11 settembre 2001 sulla CNN, in modo incredulo. Viderono le grosse nuvole di fumo espandersi sopra Manhattan e videro le Torri collassare…in un modo curioso. Esse non rovinarono al suolo; ma collassarono, nella stessa maniera con cui abbiamo visto distruggere un edificio con il metodo della demolizione controllata: l’edificio non collassa in modo disordinato e caotico, spargendo detriti su una vasta aera, ma collassa su se stesso. E questo è il modo con cui sono crollate le Torri Gemelle.

Che le torri fossero state demolite in modo controllato non sfuggì nell’immediato ad alcuni astuti osservatori:

 
 
  Postato da cdcnet il 09/09/2016 (1615 letture)
(Leggi Tutto... | 23160 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  11 settembre L'11 SETTEMBRE SAUDITA DI GIULIETTO CHIESA E QUELLO VERO.

Non è questione di capponi di Renzo. E' questione di vita o di morte. Una conferma Usa.

Fulvio Grimaldi
fulviogrimaldi.blogspot.it

Curati. Non rispondo in pubblico perché non voglio dare soddisfazione né a te, né ai tuoi pochissimi tifosi. Questa non è una disputa tra giornalisti. E’ il peto di un frustrato”. (Giulietto Chiesa a Fulvio Grimaldi, 22/7/2916)

http://www.informationclearinghouse.info/article45154.htm (Paul Craig Roberts distrugge la manovra Usa “sauditi-11/9”)

Ragazzi, c’è un altro imbecille, un altro squilibrato, un altro disonesto, un altro infame. Uno che da Giulietto Chiesa si meriterebbe tutti gli appellativi che l’eminente collega mi ha dedicato in risposta a una mia argomentata contestazione (vedi “Giulietto Chiesa, l’iroso Debunker”). Per la verità, a buttare un occhio ad alcuni dei migliori analisti geopolitici internazionali e perfino al pubblico occhiuto ed evoluto che mi onora dei suoi commenti ai miei post sul blog e su FB, di altri imbecilli infamoni ce ne sono a iosa e, grazie allo spunto del diverbio Grimaldi-Chiesa, sembrano sollecitati a moltiplicarsi. Ma l’imbecille di cui parlo qui, e di cui potete leggere le infamie e imbecillità andando al link qui sopra, è speciale, merita attenzione e considerazione forse un tantino più alte di molti di quelli che ci raccontano le cose del mondo e, nello specifico, degli Usa.

 
 
  Postato da cdcnet il 25/07/2016 (922 letture)
(Leggi Tutto... | 16341 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre 9/11 DISINFORMATION: SAUDI ARABIA ATTACKED AMERICA

By Paul Craig Roberts
Information Clearing House

The forever changing 9/11 story is entering a new phase. Blame is being transferred from Osama bin Laden to the Saudi Arabian government.

There are 28 pages classified secret of a congressional inquiry into 9/11 that allegedly found Saudi financial support for the alleged 9/11 hijackers. Neither the George W. Bush nor the Obama regimes would release the classified pages. Only a few members of Congress have been permited to read it, and they are not permitted to speak about it. Nevertheless, Congress now has before it the Justice Against Sponsors of Terrorism Act which, if passed, permits families of victims of the 9/11 attacks to sue the Saudi Arabian government for damages. In other words, although Congress has no information except rumor with which to support the bill, Congress is going ahead. Obama says if Congress passes the bill, he will veto it.

 
 
  Postato da cdcnet il 27/05/2016 (294 letture)
(Leggi Tutto... | 5749 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre 9/11 - THE EVIDENCE FOR INSIDER TRADING

By Mark H. Gaffney
Information Clearing House

After 9/11, there were indications that traders with inside information had benefited financially from the terrorist attacks. It also appeared that the phenomenon was not limited to US markets. The list of affected nations was long and included, in addition to the US, Germany, Japan, France Luxembourg, the UK, Switzerland, Spain, and even Hong Kong.i One consultant, Jonathan Winer, told ABC, “It’s absolutely unprecedented to see cases of insider trading covering the entire world from Japan to the US to North America to Europe.”ii

 
 
  Postato da cdcnet il 26/05/2016 (591 letture)
(Leggi Tutto... | 65036 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: 9/11: THE FBI REPORT AND THE DANCING ISRAELIS STANDING TRUTH ON ITS EAR

By Mark H. Gaffney
ICH

On the morning of September 11, 2001 a Jersey City, N.J. housewife named Maria was making coffee in her kitchen when she received a phone call from a neighbor who excitedly told her to look out the window. When Maria looked she was shocked to see a plume of smoke rising from the World Trade Center about a mile away across the Hudson River. Quickly Maria grabbed some binoculars and stepped out onto the balcony of her high-rise apartment, known as the Doric Towers, which afforded an excellent view of lower Manhattan. Maria did not yet know that a commercial airliner had plowed into the north tower of the World Trade Center, but it was obvious that an ugly tragedy was in progress.

As she watched, she noticed three men in the parking lot below who were behaving strangely. They were sitting or kneeling on the roof of a white panel truck and, like her, were watching the stricken World Trade Center. Oddly, however, the three men were celebrating. They were smiling and laughing, giving high-fives, taking photos, and one looked to be filming the World Trade Center as it burned.

 
 
  Postato da cdcnet il 20/03/2016 (446 letture)
(Leggi Tutto... | 32100 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: PSYCHOPATHS, 9/11 AND EVERLASTING WAR

The lie of 9/11 has provided the pretext for the most terrible wars on the Muslim peoples in defiance of the Nuremberg Protocols and the UN Charter.

towers-explode-2by Dr. David Halpin
veteransnewsnow

A Talk by David Halpin FRCS in presence of Richard Gage – of Architects and Engineers for 911 Truth   Totnes Town Hall UK, Tuesday 21st April 2015

I am honoured to share a platform with Richard Gage. I intend in this 20 minute talk to give additional political context to 9/11, to set it in a fraction of the history of the last century and in the NOW.

The lie of 9/11 has provided the pretext for the most terrible wars on the Muslim peoples in defiance of the Nuremberg Protocols and the UN Charter. Unless that lie is laid bare by truth, 9/11 will be seen as the crucible from which World War Three erupted. There will be no way back from the smoking ruins for those unfortunate enough who survive. The images from Hiroshima and Nagasaki are there to warn us.
 
 
  Postato da cdcnet il 12/05/2015 (1157 letture)
(Leggi Tutto... | 20587 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre HOW SCIENCE DIED AT THE WORLD TRADE CENTER

pseudoscienceThe blog of Kevin Ryan

Science has been misused for political purposes many times in history. However, the most glaring example of politically motivated pseudoscience—that employed by U.S. government scientists to explain the destruction of the World Trade Center (WTC)—continues to be ignored by many scientists. As we pass the 10th anniversary of the introduction of that account, it is useful to review historic examples of fake science used for political purposes and the pattern that defines that abuse.

An early example of pseudoscience used to promote a political agenda was the concerted Soviet effort to contradict evolutionary theory and Mendelian inheritance. For nearly 45 years, the Soviet government used propaganda to foster unproven theories of agriculture promoted by its minister of agriculture, Trofim Lysenko. Scientists seeking favor with the Soviet hierarchy produced fake experimental data in support of Lysenko’s false claims. Scientific evidence from the fields of biology and genetics was banned in favor of educational programs that taught only Lysenkoism and many biologists and geneticists were executed or sent to labor camps. This propaganda-fueled program of anti-science continued for over forty years, until 1964, and spread to other countries including China.
 
 
  Postato da cdcnet il 21/02/2015 (627 letture)
(Leggi Tutto... | 14369 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre 11 SETTEMBRE 2001

What has been Achieved  of ‘War against Terrorism’?L'ATTACCO CONTRO IL WTC ERA STATO ANTICIPATO DALLA RAND CORPORATION

RUMSFELD CONOSCEVA IN ANTICIPO I PIANI DELL'11 SETTEMBRE

IL PERFETTO PIANO TERRORISTA PER ABBATTERE LE TWIN TOWERS CREATO NEL 1976

PIANO NORTHWOODS: EMBRIONE DELL'11 SETTEMBRE?

UN ARTICOLO LUNGO UNA FRASE

11 settembre: scientificamente impossibile

Che cosa è effettivamente accaduto l'11 Settembre

Eliminare i dubbi per l’11 settembre

La matematica dimostra che la relazione ufficiale sull'11/9 e' una fandonia
 
 
  Postato da cdcnet il 11/09/2014 (922 letture)
(Leggi Tutto... | 7397 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre 9/11 OFFICIAL SCENARIO: WHAT ABOUT THE POOLS OF MELTED METAL?

Jon Rappoport
Infowars.com

I began by reading reports of melting dripping metal at the World Trade Center after the attack on September 11th.
Some of these reports come from weeks after the attack.
This seemed quite strange.
Following links, I arrived Dr. Steven Jones and his famous paper, “Why Indeed Did the WTC Buildings Completely Collapse?”
Jones takes up this issue and much more. His paper is well worth reading.
Jones’ approach goes beyond the argument about whether the buildings collapsed because the steel construction melted or just weakened.
The molten pools of metal are the anomaly. They need to be explained. Jones is arguing that these long-lasting pools wouldn’t have resulted from burning jet fuel.
His conclusion, which he states needs further investigation, is that thermite charges were the cause of the pools. And why else would thermite be present in the buildings, except for the purpose of bringing them down?
VIDEO
 
 
  Postato da cdcnet il 08/02/2014 (1756 letture)
(Leggi Tutto... | 8057 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: 9/11 - DOMANDE SENZA RISPOSTA

DI KOUROSH ZIABARI
countercurrents.org

A colloquio con David Ray Griffin*

Recensione dall'Iran: 11 anni dopo lo scioccante attacco dell'11 settembre alle torri gemelle del World Trade Center e al Pentagono, che prese la vita a 3000 persone, ci sono ancora su quegli orribili eventi molte domande senza risposta, che diversi ricercatori indipendenti, tacciati dai mass media statunitensi come "teorici della cospirazione", hanno posto con serietà riguardo ai rapporti ufficiali presentati dal governo USA e dalla Commissione 11 settembre sugli attacchi.

Come sostenuto dal governo USA e dalla Commissione, presuntamente 15 dirottatori, tutti cittadini dell'Arabia Saudita e affiliati al gruppo terroristico Al Quaeda, si impossessarono dei voli 11 e 77 di American Airlines e del volo 175 di United Airlines e schiantarono gli aerei associati a questi voli sulle torri gemelle del WTC e sul Pentagono, uccidendo all'istante 2965 persone. Altri 4 dirottatori presero il controllo del volo 93 di United Airlines, dirigendolo verso la costa est degli stati Uniti in direzione di Washington DC con il bersaglio specifico della Casa Bianca, ma la missione fallì e l'aereo si schiantò in un campo nei pressi di Shanksville in Pennsylvania, e tutti i 33 passeggeri, 7 membri dell'equipaggio e i 4 dirottatori rimasero uccisi.
 
 
  Postato da cdcnet il 17/09/2012 (1184 letture)
(Leggi Tutto... | 10906 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: GROUND ZERO REDUX

Free Image Hosting at www.ImageShack.usdi Pepe Escobar

NEW YORK – E’ impressionante ripensare alla scena del film “Cosmopolis” di David Cronenberg (Francia / Canada, 2012), tratto dal romanzo omonimo di Don DeLillo, dove il giovane miliardario Eric Packer (Robert Pattison) attraversava lentamente New York nella sua limousine bianca,  comodamente sprofondato  in un trono in pelle circondato da schermi.

 
Non sentiva ... niente, essenzialmente  risucchiava il mondo nella sua inerzia. Fuori dalla sua silenziosa camera mobile, era il caos totale, con gli attivisti che spruzzavano derattizzanti nei ristoranti alla moda e una tensione minacciosa faceva  immaginare scene da apocalisse imminente.

 
 
  Postato da cdcnet il 12/09/2012 (1099 letture)
(Leggi Tutto... | 10773 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre 11 SETTEMBRE: CHI DAVVERO NE HA BENEFICIATO ? (REALTA', NON STORIE)

DI CAPTAIN AMERICA
uruknet.info

Dimentica le cosiddette teorie complottistiche e guardate la realtà. Provate a domandarvi chi effettivamente sembra aver tratto dei vantaggi dal disastro del 11 settembre. Alla luce dei dibattiti sul tetto del debito e della costante corruzione della politica, come è di norma a Washington D.C., è tempo per gli americani e per ogni stato di questa federazione di guardare ad una serie di fatti preoccupanti. Sembra che ci siano stati "diversi" beneficiari del 11 settembre che non trovano posto nella storia che la propaganda ed i media ci hanno propinato.

Di seguito una lista di persone che ne hanno tratto beneficio. Molte di questa lista sono provate, alcune sono opinioni, ma con un forte supporto di argomenti reali:

1) La New York Port Authority aveva difficoltà ad affittare spazi nelle Twin Tower e, ancora più importante, aveva un' enorme responsabilità per via dell' amianto. Sorprendentemente queste torri furono vendute ad un nuovo proprietario, Larry Silverstein, appena tre mesi prima dell' attentato - Silverstein riuscì ad assicurarle per una grossa cifra nel caso in cui le torri venissero colpite da un aereoplano. Questo è un dato di fatto.
 
 
  Postato da cdcnet il 06/08/2011 (11368 letture)
(Leggi Tutto... | 14295 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: LE PROVE SCIENTIFICO-LEGALI CHE SMENTISCONO LE INDAGINI UFFICIALI SULL'11/9

DI RICHARD GAGE E GREGG ROBERTS
Architects & Engineers for 9/11 Truth

AE911Truth (gruppo “Architetti e Ingegneri per la Verità sull'11/9”) trasmette le prove ai media: Conferenza Stampa - National Press Club – Washington DC.

Ed. – Di seguito la dichiarazione testuale della durata di 10 minuti letta da Richard Gage, AIA (American Institute of Architects), ai media durante la conferenza stampa dell’AE911Truth presso il National Press Club di Washington DC il 9 settembre 2010.


Buon pomeriggio, mi chiamo Richard Gage, AIA. Sono un membro dell’American Institute of Architects (Istituto americano degli architetti). Sono un architetto accreditato da 22 anni e ho fondato l’organizzazione no profit Architects & Engineers for 9/11 Truth (AE911Truth).

Il nostro gruppo conta attualmente oltre 1270 firmatari della petizione tra ingegneri e architetti. In tutto, abbiamo più di 25.000 anni di esperienza tecnica e di costruzione. La conferenza stampa di oggi è rilasciata dai nostri firmatari e sostenitori in 65 [in seguito risultate 67] località del mondo, compresi 30 stati e 4 nazioni.
 
 
  Postato da cdcnet il 28/10/2010 (1791 letture)
(Leggi Tutto... | 15732 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 4)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: A NOVE ANNI DALL'11 SETTEMBRE

DI THIERRY MEYSSAN
voltairenet.org

Il tempo passa. Nove anni dopo gli attentati che hanno messo a lutto il popolo statunitense, la lucidità e la tenacia di Thierry Meyssan stanno dando i loro frutti. Un’ampia maggioranza di persone di tutto il mondo non crede più nella versione ufficiale del governo americano. Questo fenomeno ha preso forza proprio negli Stati Uniti, dove il più recente dei sondaggi rivela che il 74% degli americani attualmente dubitano della versione ufficiale. Gli stessi ufficiali della commissione investigativa presidenziale ammettono adesso che non sono convinti del rapporto che loro stessi hanno firmato. Il tenace iniziatore di questo dibattito stima che, invece di continuare la polemica sopra la tanto dibattuta credibilità della versione ufficiale, sia arrivato il momento di fare ricorso all’ONU e imprendere azioni concrete contro i veri colpevoli.

Stiamo già commemorando il 9º anniversario degli attentati dell’11 settembre, che servirono da pretesto per scatenare una guerra i cui promotori aspiravano a un conflitto armato a carattere perenne. Dopo aver ammazzato circa 3000 persone negli Stati Uniti, gli organizzatori degli attentati causarono la morte di più di un milione di persone in più in Afghanistan e in Iraq. Il piano che avevano tracciato includeva la continuazione della strage mediante la distruzione della Siria e dell’Iran. Però non sono riusciti – per il momento – a concretizzare questa fase del loro progetto.
 
 
  Postato da cdcnet il 11/09/2010 (1712 letture)
(Leggi Tutto... | 5285 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre L'IRAN COINVOLGE L'ONU SULL' UNDICI SETTEMBRE

FONTE: VOLTAIRE.ORG

Alcune agenzie di stampa ci informano dell’esistenza di una lettera che il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad ha inviato questo 13 aprile al segretario dell’ONU Ban Ki Moon.

I primi dispacci segnalano che l’Iran richiede un’indagine dell’ONU sugli attacchi dell’undici settembre, oltre alla condanna degli attentati interni all’Iran organizzati da Jundallah, organizzazione terrorista finanziata dalla NATO.

Tutto è stato comunque cambiato quando la rivista Foreign Policy –appartenente alla Brookings Institution- ha pubblicato sul suo sito, presentandola come integrale, una copia della lettera iraniana senza alcun riferimento alla richiesta riguardante l’undici settembre. A quel punto molti media hanno fatto marcia indietro ed hanno velocemente cambiato a loro volta la versione dei fatti.

Una tale manipolazione è un sicuro segnale della preoccupazione dei custodi della versione del governo USA sugli eventi dell’ undici settembre.

La lettera autentica, della quale abbiamo pubblicato la versione integrale che ci ha rilasciato la presidenza iraniana, dice così:

Eccellenze, ci aspettiamo da voi perlomeno una commissione d’inchiesta indipendente che sia credibile per i Paesi della regione, che svolga un’indagine completa sui colpevoli degli attacchi dell’undici settembre come scusa per attaccare il Medio Oriente, sulle intenzioni della NATO di una presenza militare in Afghanistan ed Iraq, sui metodi usati, e sul risultato della loro presenza e del loro impegno, i cui risultati siano presentati all’Assemblea Generale.

Dopo alcune consultazioni con altri Stati membri dell’ONU, l’Iran ha deciso di riferire la faccenda al Segretario Generale ed è determinato a sottometterla direttamente al giudizio dell’Assemblea Generale, se il primo tentativo dovesse rivelarsi senza successo, come c’è da aspettarsi.

Nel 2002 Thierry Meyssan aveva persuaso la Lega Araba e il Consiglio di Cooperazione degli Stati Arabi del Golfo ad intraprendere misure all’interno dell’ONU per fare piena luce sugli eventi dell’undici settembre, ma alla fine si erano tirati indietro sotto la pressione degli USA.

Fonte: www.voltairenet.org
Link: http://www.voltairenet.org/article164980.html
15.04.2010

Traduzione a cura di TEMUJIN per Comedonchisciotte.org
 
 
  Postato da cdcnet il 19/04/2010 (1656 letture)
(Leggi Tutto... | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: IL MISTERIOSO CROLLO DEL WTC7

DEL PROF. DAVID RAY GRIFFIN
Global Research

Perche' il Rapporto Finale del NIST sull’11 Settembre è Falso e Anti-scientifico

Alle 5.21del pomeriggio dell’11 settembre, quasi 7 ore dopo che le Torri Gemelle sono state abbattute, è caduta anche la Torre 7 del World Trade Center. Il cedimento di questo edificio è stato fin dall’inizio considerato un mistero.[1]

La stessa cosa si sarebbe dovuta dire, per sicurezza, anche del crollo delle Torri Gemelle. Ma esse furono colpite dagli aerei, che diedero vita ad un grosso incendio al loro interno, e molte persone hanno creduto che questa combinazione di cause fosse sufficiente a spiegare il perche' le Torri fossero cadute.

Ma il WTC 7 non è stato colpito da un aeroplano: all’apparenza esso è quindi il primo edificio di tutto l’universo con una certa altezza e con struttura in acciaio ad essere crollato a causa del solo fuoco. Il giornalista del New York Times James Glanz ha citato le parole di un ingegnere strutturale, il quale ha detto: “Nell’ambiente dell’ingegneria strutturale è assai più importante capire quello che è successo [al WTC 7] [piuttosto che alle Torri Gemelle]”, perche' gli ingegneri non sanno cosa rispondere alla domanda “perche' la Torre 7 è crollata?” [2]
 
 
  Postato da cdcnet il 09/11/2009 (2927 letture)
(Leggi Tutto... | 65460 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 5)
 

 
  11 settembre Interviste: LA GUERRA AL TERRORISMO E' UN MITO

Intervista a WEBSTER TARPLEY
ReOpen911 e GeoPolIntel

Webster TARPLEY, storico e giornalista statunitense, lavora sulle forme di ingerenza, e in particolare sullo sfruttamento della minaccia terroristica. Si è specializzato nello studio delle operazioni false flag, ossia operazioni commando o terroristiche che usano false rivendicazioni per provocare una situazione conflittuale.

“Non si può capire la politica attuale degli Stati Uniti se si sottovaluta la portata reale dell'11 settembre. Gli attentati dell'11 settembre sono stati un colpo di Stato. La guerra contro il terrorismo si basa su un mito e a partire da questi eventi è diventata una religione di stato obbligatoria. Il solo modo di combattere i neoconservatori è di distruggere questo mito. L'apertura di una commissione di verità come quella di Russell-Sartre al momento della guerra del Vietnam, potrebbe contribuire a distruggerlo".
 
 
  Postato da cdcnet il 14/08/2009 (3534 letture)
(Leggi Tutto... | 28932 bytes aggiuntivi | Interviste | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: THERMITE - LA PROVA SCIENTIFICA DELLA DEMOLIZIONE DELLE TORRI

DI JOHN S. HATCH
informationclearinghouse.info

Un recente articolo pubblicato da nove noti scienziati sulla rispettabile rivista scientifica soggetta a peer-review “Open Chemical Physics Journal”, offre prove inconfutabili riguardo al fatto che la polvere derivata dal crollo delle Twin Towers e dell’edificio 7 del World Trade Center contenga piccoli campioni intatti di Thermite. [1]

La Thermite è un agente altamente esplosivo consistente soprattutto in alluminio e ossido di ferro, e viene normalmente utilizzato per tagliare l’acciaio nelle demolizioni controllate, nonchè nelle saldature e nell’ambito militare.

Utilizzando il microscopio elettronico, la “scanning electron microscopy”, la spettroscopia dispersiva differenziale a raggi-X (“X-ray energy dispersive spectroscopy”) e la calorimetria differenziale, gli scienziati sono stati in grado di dimostrare che la Thermite individuata era di un tipo speciale chiamato Nano-Thermite o Superthermite. Essa brucia ad una temperatura elevata e ha una più bassa temperatura di accensione rispetto alla Thermite normale, inoltre viene prodotta in laboratori come il “Lawrence Livermore” che, guarda caso, è lo stesso laboratorio in cui venne prodotto l’antrace spedito poco dopo l’ 11 Settembre.

Nella foto: acciaio fuso cade dalle torri prima del crollo.
 
 
  Postato da cdcnet il 30/04/2009 (3124 letture)
(Leggi Tutto... | 5975 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 5)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: UN NUOVO SGUARDO SULL'11 SETTEMBRE

DI DAVID RAY GRIFFIN
R駸eau Voltaire

Il professor David Ray Griffin, negli Stati Uniti figura centrale del movimento per la verità sull'11 settembre, sta conducendo un ciclo di conferenze in Europa di cui riproduciamo il testo. Egli fa il punto sullo stato della contestazione: ormai numerose associazioni professionali si sono costituite per apportare le perizie necessarie a dimostrare le menzogne della versione Bush degli attentati. Soprattutto, l'FBI ha indicato di non avere elementi che permettano di attribuire ad Osama bin Laden la responsabilità di questi attentati e ha dimostrato che le pretese telefonate da parte dei passeggeri degli aerei dirottati non sono mai esistite. La versione governativa non ha più alcun fondamento.

Ho intitolato la mia conferenza "Un nuovo sguardo sull'11 settembre" [1]. Suggerendo che è venuto il momento di portare un nuovo sguardo su questi avvenimenti, penso prima di tutto a quelli che hanno deciso, da molto tempo, che gli attentati dell'11 settembre hanno avuto luogo proprio nel modo affermato dall'amministrazione Bush-Cheney, così come dai rapporti ufficiali; a quelli che pensano che il Movimento per la Verità sull'11 settembre, che contesta questa versione, sia fatto da adepti della teoria del complotto, sprovvisti di ogni capacità di giudizio obiettivo.
 
 
  Postato da cdcnet il 30/04/2009 (1627 letture)
(Leggi Tutto... | 39038 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre UN CONSULENTE LEGALE DELLA COMMISSIONE SULL'11-9:

"IL GOVERNO DECISE DI MENTIRE SULL'11 SETTEMBRE"

DI PAUL JOSEPH WATSON
Prison Planet

Il consulente legale senior della Commissione sull’11/9, John Farmer, sostiene che il governo deliberò di non raccontare la verità sull’11/9, confermando con ciò le affermazioni dei colleghi membri della Commissione d’inchiesta, i quali erano giunti a concludere che il Pentagono si era impegnato in un inganno deliberato in merito alla sua risposta all’attacco.

Farmer ha ricoperto l’incarico di consulente senior della Commissione sull’11/9 (ufficialmente nota come la Commissione nazionale sugli attentati terroristici contro gli Stati Uniti), ed è anche un ex Attorney General del New Jersey.

Il libro di Farmer sulla sua esperienza di lavoro per la Commissione è intitolato The Ground Truth: The Story Behind America’s Defense on 9/11 (La verità sul terreno: il retroscena della Difesa americana dell’11/9, Ndt), ed è in uscita [a partire dal 15 aprile 2009].
Il libro rivela come «il pubblico sia stato seriamente fuorviato su quanto è avvenuto durante la mattina degli attentati,» e lo stesso Farmer dichiara che «a un qualche livello di governo, a un certo punto... c'è stato un accordo inteso a non dire la verità su ciò che è accaduto».
 
 
  Postato da cdcnet il 28/04/2009 (1545 letture)
(Leggi Tutto... | 5583 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Opinioni: 11 SETTEMBRE: UNA PROVOCAZIONE MONDIALE

- UN'ANALISI DEL GENERALE LEONID IVASHOV

DI L. IVASHOV
Redvoltaire/ inSurGente

”Il terrorismo favorisce la realizzazione degli obiettivi di dominio mondiale e la sottomissione degli Stati agli interessi di un’oligarchia mondiale”

Il Generale russo in congedo Leonid Ivashov, ex capo delle Forze Armate della Russia, è una delle persone meglio informate nel mondo, non soltanto a causa del ruolo che ha occupato e che gli ha permesso di godere di tutta una serie di sofisticati strumenti: satelliti artificiali, una squadra di analisti e altre reti d’informazione segrete o confidenziali, ma anche perch attualmente è il vice presidente dell’Accademia di Geopolitica a Mosca. Ma ciò che maggiormente lo contraddistingue è la trasparenza e la sincerità quando parla sui problemi politici del potere mondiale che stanno colpendo l’Umanità cosa di cui altre persone, nella sua condizione, per motivi di Stato, taccerebbero. Redvoltaire/inSurGente

L’esperienza dell’umanità dimostra che il terrorismo appare dove si voglia che si produca un’aggravante delle contraddizioni di un momento determinato, dove le relazioni cominciano a degradarsi in seno alla società e dove l’ordine sociale soffre dei cambiamenti, lì dove nasce l’instabilità politica, economica e sociale, dove si liberano potenziali di aggressività, dove cadono i valori morali, dove trionfano il cinismo e il nichilismo, dove si legalizzano i vizi e dove la criminalità si sviluppa velocemente.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/03/2009 (1611 letture)
(Leggi Tutto... | 16406 bytes aggiuntivi | Opinioni | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: I NEGAZIONISTI DELL'11 SETTEMBRE 2001

DI ELIAS DAVIDSSON
Aldeilis

Oggigiorno va di moda diffamare i Negazionisti, cioè coloro che cercano di negare l’uso delle camere a gas per lo sterminio degli ebrei o di minimizzare la colpevolezza del regime nazista nei confronti degli ebrei. Checch se ne pensi, occorre comunque ammettere che le teorie negazioniste non hanno praticamente alcuna influenza sulle decisioni politiche contemporanee, sulla vita quotidiana della gente, o sulle guerre che l’Occidente conduce contro popoli del Terzo Mondo. Quindi è più su un terreno simbolico che su quello dei fatti che occorre cercare le origini di questa moda.

Comunque, dall’anno 2001, è apparsa una nuova categoria di negazionisti, pericolosi nei fatti. Si tratta dei negazionisti dell’11 Settembre, i quali non sono delle persone marginali. Questa corrente molto influente comprende dirigenti politici, giornalisti in vista e universitari che appaiono regolarmente in televisione. Ciò che lega tra loro questi negazionisti è il loro accanimento nel dissimulare la verità sul massacro dell’11 settembre e a promuovere delle insinuazioni e delle accuse mostruose contro i “nuovi ebrei”, intendo parlare stavolta dei musulmani. Questi negazionisti si sforzano – nascondendo la verità – di proteggere gli autori di tale massacro.

Quali verità nascondono i Negazionisti dell’11 Settembre? Ne ho rilevate cinque di primaria importanza.
 
 
  Postato da cdcnet il 04/01/2009 (1649 letture)
(Leggi Tutto... | 8862 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre IL FINANCIAL TIMES E LA MENTE DELL'11 SETTEMBRE

DEL PROF. JAMES PETRAS
Global Research

Al giorno d’oggi c’è una crescente manifestazione dell’avanzamento dei totalitarismi in politica e nei media convenzionali. L’intero mondo occidentale, capeggiato dagli Stati Uniti d’America, ha abbracciato la causa del regime georgiano, il quale, invasa l’Ossezia del Sud, ha demolito interamente la sua capitale abitata da 50.000 persone , assassinando 1500 persone tra uomini, donne e bambini, oltre a dozzine tra i peacekeepers russi.

Gli Stati Uniti hanno mobilitato un’armata area e navale al largo delle coste iraniane, preparandosi a distruggere un Paese di 70 milioni di abitanti. Il New York Times pubblica un saggio di un eminente storico israeliano, sostenitore dell’incenerimento nucleare dell’Iran. Tutti i più importanti mezzi di comunicazione montano una campagna propagandistica sistematica contro la Cina, supportando ogni sorta di gruppo terrorista e separatista, aizzando l’opinione pubblica a favore del lancio di una nuova Guerra Fredda. Sorge un piccolo dubbio sul fatto che questa nuova ondata di aggressività imperialistica e di retorica bellicosa sia stata creata per distogliere l’attenzione dal malcontento domestico e sviare l’opinione pubblica dalla profonda crisi economica.

 
 
  Postato da cdcnet il 09/09/2008 (4490 letture)
(Leggi Tutto... | 8459 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: PUNTI IN COMUNE TRA L'OMICIDIO DI JFK E L'11 SETTEMBRE

DI GEORGE BAILEY
Oswald's Mother

La prima persona che morì in quella fatidica mattina di Settembre del 2001 fu Daniel Lewin. Stava seduto in prima classe con Mohammad Atta e i suoi ragazzi nel volo 11. Quando cominciò il dirottamento, Satam Al Suqami si also e presumibilmente gli sparò, bench non sia chiaro se gli hanno sparato o sia stato accoltellato con un taglierino. Era l’alba di un nuovo secolo e nonostante tutte le intenzioni e I propositi cominciava lì con la morte di un uomo.

Danny Lewin era un imprenditore, famoso per essere il cofondatore della società di servizi Internet Akamai Technologies. Tuttavia, Lewin fece parte di un commando israeliano di stanza a Saveret Matkal, un’unità segreta antiterrorismo specializzata nel neutralizzare dirottamenti in volo. Interessante. Quali sono le probabilità che un’agente esperto in antiterrorismo, un uomo che nella sua carriera avrà ucciso la sua buona parte di terroristi durante il servizio per il suo Paese, si ritrovi seduto davanti ai suoi avversari? Il nostro Governo ci ha detto che non erano a conoscenza degli attacchi. Giusto. Forse era lì in veste di osservatore giusto che le cose fossero andate fuori controllo? O fu un’operazione segreta che Lewin avrebbe dovuto dirigere, ma fu ingannato e ucciso dai suoi stessi comandi. Trovo difficile credere che sia stata semplicemente il caso a metterlo lì, sul quel volo, con quelle persone.
 
 
  Postato da cdcnet il 18/08/2008 (2080 letture)
(Leggi Tutto... | 7528 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: LA PISTA SPAGNOLA:

DI PINO CABRAS

Un Boeing 767 non era alla sua portata.
Lo ha detto l’istruttore di volo di Mohamed Atta, uno spagnolo che lo conobbe e seguì per mesi e mesi.

C’è tutta una pista spagnola per le inchieste dell’11 settembre, quasi sconosciuta fuori dal suolo iberico, ma ricca di dettagli meritevoli di riflessioni.

Sappiamo che la biografia di Mohamed Atta, il presunto dirottatore e pilota suicida di al-Qā’ida, ha avuto ramificazioni e ubiquità incongruenti, prodigiose “bilocazioni” in stile Padre Pio, che però era un santo, mentre Atta è il demonio per eccellenza. Dopo Osāma bin Lāden, sia chiaro. Una di queste vite parallele ha portato Atta in Spagna.

La giornalista Pilar Urbano, editorialista di «El Mundo», vicina politicamente a Jose' Maria Aznar, nonche' biografa ufficiale dei reali spagnoli e membro dell’Opus Dei, racconta il vissuto spagnolo di Atta in un libro, Jefe Atta, el secreto de la Casa Blanca (Janet & Plaza, 2003).
 
 
  Postato da cdcnet il 18/07/2008 (1139 letture)
(Leggi Tutto... | 12137 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: TESTIMONE OCULARE: L'11 SETTEMBRE HO VISTO ESPLOSIONI E CADAVERI NEL WTC7

DI PAUL JOSEPH WATSON
Prison Planet

In un video esclusivo, Barry Jennings parla delle esplosioni nell’edificio numero 7 prima del crollo delle torri gemelle

E' stato diffuso per la prima volta un video esclusivo dell’addetto di pronto intervento Barry Jennings, che parla di esplosioni nel WTC 7 prima del collasso delle due torri e di come dovesse scavalcare i corpi di cadaveri mentre cercava di lasciare l’edificio.

Il videoclip, che doveva comparire in Loose Change ma che fu tagliato d’accordo con i desideri di Jennings dopo che fu minacciato, è stato ora reso pubblico nell’anticipazione di un documentario della BBC sull’edificio numero 7 che è atteso come un tentativo di screditare la versione di Jennings in un tentativo di rafforzare la versione ufficiale.

In realtà, quello che Jennings testimonia contraddice completamente la versione ufficiale su quanto avvenuto nell’edificio numero 7.

La mattina dell’11 settembre in veste di vicedirettore del dipartimento di servizi d’emergenza, ente civile di New York, Jennings e Michael Hess, che è uno dei soci fondatori e amministratore delegato della Giuliani Partners LLC, visitarono l’ufficio della gestione dell’emergenza nell’edifico numero 7 solo per scoprire che era stato abbandonato.
 
 
  Postato da cdcnet il 07/07/2008 (4562 letture)
(Leggi Tutto... | 5720 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: 11 SETTEMBRE: DIROTTATORE AVEVA PRENOTATO VOLI PER I GIORNI SUCCESSIVI

DI PAUL JOSEPH WATSON
Prison Planet

Sbalorditivi documenti dell’FBI contraddicono il rapporto della commissione sull’11-9 mentre il veterano della CIA Robert Bear chiede che l’indagine sia riaperta

Sbalorditivi documenti dell’FBI recentemente rilasciati ed ottenuti grazie al “freedom of information act” mostrano che il presunto dirottatore Hamza Al-Ghamdi aveva prenotato altri voli per San Francisco e Riyadh, cosa che fa pensare che fosse all'oscuro del suo destino a bordo del volo United Airlines 175, l’aereo che colpì la torre sud del World Trade Center.

Gli incartamenti sono costituiti da una cronologia di 300 pagine dell'FBI che fu usata dalla Commissione sull’11/9 ma resa pubblica solo ora.

La Commissione sull’11/9 non ha menzionato nel rapporto finale che Al-Ghamdi aveva prenotato diversi altri voli previsti dopo l'11/9, incluso un altro volo nel giorno degli attacchi.

Il fatto che Al-Ghamdi avesse prenotazioni su voli successivi all'11/9 ovviamente solleva dubbi sul fatto che il presunto dirottatore sapesse che l’attentato dell'11/9 fosse una missione suicida e fa anche dubitare sul fatto che fosse realmente su quell’aereo.
 
 
  Postato da cdcnet il 23/03/2008 (1799 letture)
(Leggi Tutto... | 6526 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 5)
 

 
  11 settembre CONFESSIONI SU AL QAEDA: PERCHE' I VIDEO SONO STATI DISTRUTTI?

DI PAUL CRAIG ROBERTS
Counterpunch

Molti americani si accontentano del rapporto redatto dalla Commissione istituita per indagare sull’11 settembre, ma due presidenti della stessa commissione, Thomas Kean e Lee Hamilton non si accontentano. Non è soddisfatto neanche Max Cleland, membro della commissione, nonché senatore americano che si è dimesso dalla Commissione sull’11 settembre dichiarando al Boston Globe (13 nov. 2003): “queste indagini sono compromesse”. Anche l’ex direttore dell’FBI Louis Freeh ha dichiarato al Wall Streeet Journal (17 nov. 2005) che c’erano delle inesattezze nel rapporto della Commissione e che “rimangono domande che necessitano risposte”.

Entrambi, sia Kean che Hamilton, hanno dichiarato in due occasioni, una nel loro libro del 2006 “Senza precedenti: la vera storia della Commissione dell’11 settembre”, e di nuovo il 2 gennaio 2008 al N.Y. Times che ci sono delle inesattezze nel rapporto della Commissione con domande che restano senza una risposta o che hanno avuto una risposta errata.
 
 
  Postato da cdcnet il 19/02/2008 (1578 letture)
(Leggi Tutto... | 6580 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: 11 SETTEMBRE: UN'ALTRA INCREDIBILE 'COINCIDENZA'

DI KEVIN RYAN
911blogger

Sembra esserci una notevole correlazione tra i piani delle torri del WTC in cui, negli anni precedenti all’11-9-2001, era stata migliorata la protezione antincendio e i piani in cui è avvenuto l’impatto, l’incendio e il cedimento della struttura. L’aggiornamento della protezione antincendio avrebbe dovuto permettere la chiusura dei piani colpiti e impedire per un lasso di tempo significativo l’esposizione delle colonne e delle strutture dei piani. Quale tipo di lavoro è stato esattamente fatto durante quel periodo di tempo?

In alcune sezioni del rapporto del NIST sul WTC vengono elencati gli esatti piani in cui era stato fatto il miglioramento della protezione antincendio. Altre sezioni del rapporto suggeriscono che persino più piani erano stati aggiornati per un totale di 18 piani nel WTC 1 e 13 piani nel WTC 2, ma non vengono specificati i piani coinvolti.[1]
 
 
  Postato da cdcnet il 31/01/2008 (1849 letture)
(Leggi Tutto... | 7114 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: ATTENTATI DELL'11 SETTEMBRE: IL PARLAMENTO GIAPPONESE PONE DELLE DOMANDE

DI THIERRY MEYSSAN
Reseau Voltaire

I telespettatori giapponesi hanno avuto il privilegio, l’11 gennaio 2008, di assistere in diretta ad una sorprendente audizione al Senato: il presidente di una commissione parlamentare ha riunito il Primo Ministro, i Ministri degli Affari Esteri, delle Finanze e della Difesa per fare loro constatare che, sei anni dopo gli attentati dell’11 settembre, non erano ancora in grado di spiegare i fatti e di confermare che gli attentati erano stati commissionati a partire da una grotta afgana. Riproduciamo l’integrale di questo crimine di lesa maestà degli Stati Uniti.

A partire dal mese di settembre 2001, il Reseau Voltaire s’interroga sulla responsabilità attribuita all’emirato non riconosciuto dei Talebani negli attentati dell’11 settembre 2001. Nel marzo 2002, Thierry Meyssan ha posto la questione politica della legittimità dell’intervento anglosassone in Afghanistan ed ha annunciato la successiva guerra in Iraq in un libro ormai celebre, "L' Incredibilie Menzogna". All’epoca, la stampa dominante ha condotto una campagna per screditare l’opera riducendola ad una semplice inchiesta sugli attentati in se' stessi e passando sotto silenzio l’analisi politica che ne conseguiva. Sei anni più tardi, centinaia di personalità politiche e militari di primo piano, nel mondo intero compresi gli Stati Uniti, si sono schierati con queste tesi.
 
 
  Postato da cdcnet il 31/01/2008 (1661 letture)
(Leggi Tutto... | 25806 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: 11 SETTEMBRE: CHI CI HA GUADAGNATO?

DI ARABESQUE

Cui prodest scelus, is fecit. ["Colui al quale il crimine porta vantaggi, egli l'ha compiuto"]
L.A. Seneca

Le promozioni dell’11 Settembre

La storia ufficiale dell'11-9 è un racconto di incredibile incompetenza. Ci portano a credere che al Qaeda abbia con successo ingannato un apparato difensivo da molti miliardi di dollari, le difese aeree del NORAD, le procedure di intercettazione standard della FAA, basi dell'aviazione Usa, [1] l’ FBI, la CIA, la NSA, le agenzie internazionali di intelligence eccetera senza incontrare resistenza. Mentre qualunque indagine seria degli attacchi dell'11-9 è stata bloccata dal presidente Bush e da Dick Cheney per più di un anno [2], è emersa una teoria di sistematica e incredibile incompetenza: al Qaeda è stata “fortunata”. Mindy Kleinberg del 9/11 Family Steering Committee, in un discorso pubblico alla Commissione sull'11-9 ha criticato questa idea:

E’ stato detto che le agenzie di intelligence devono avere ragione il 100% delle volte. I terroristi devono essere fortunati solo una volta. Questa spiegazione per i devastanti attacchi dell'11 settembre, è palesemente sbagliata, perch i terroristi dell'11-9 non sono stati fortunati solo una volta. Sono stati fortunati più e più volte. Quando si vede questo ripetuto schema di protocolli infranti, leggi infrante, comunicazioni saltate, non la si può continuare a chiamare fortuna. Se ad un certo punto non cerchiamo di far assumere alle persone la responsabilità per non aver fatto accuratamente il loro lavoro, allora come ci potremo mai aspettare che i terroristi non siano nuovamente fortunati?” [3]
 
 
  Postato da cdcnet il 07/01/2008 (2144 letture)
(Leggi Tutto... | 51255 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: 11 SETTEMBRE: L'FBI SI RIFIUTA DI CONFERMARE L'IDENTITA' DEGLI AEREI

DI AIDAN MONAGHAN
911blogger

In uno sforzo di porre fine alle speculazioni che circondano gli eventi dell'11 settembre 2001 presso l'edificio del Pentagono, e' stata presentata una richiesta al Federal Bureau of Investigation (FBI) in base al Freedom of Information Act (FOIA) [legge sulla liberta' d'informazione n.d.t.], per ottenere conferma del processo con il quale sono stati identificati i resti recuperati appartenenti al quarto degli aerei usati negli attacchi terroristici dell'11-9. La richiesta ha ricevuto risposta negativa. E' stato negato anche un appello contro tale decisione. E' in corso un'azione legale.

Secondo l'FBI " il materiale richiesto e' collocato in un file investigativo che non puo' essere reso noto in base al titolo 5 dello United States Code, Sezione 552, sottosezione (b) (7) (A)."

In tale sottosezione si legge: "potrebbe ragionevolmente interferire con i procedimenti investigativi [enforcement] in corso".
 
 
  Postato da cdcnet il 07/12/2007 (1724 letture)
(Leggi Tutto... | 5051 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: L'ORO DELLE TORRI GEMELLE

DI JUANA CARRASCO MARTIN
Juventud Rebelde

C’è stato o meno dell'oro perso e ritrovato quando sono crollati gli edifici del World Trade Center di New York? La domanda emerge sei anni dopo, quando un articolo del Chicago Tribune ha fatto riferimento ad una delle verità esposte dal Presidente cubano Fidel Castro nella riflessione intitolata "L'impero e la menzogna".

Fidel dice: "Oggi si compiono sei lunghi anni da quel doloroso episodio. Attualmente si sa che ci fu disinformazione deliberata. Non ricordo d’avere sentito parlare quel giorno che nei sotterranei di quelle torri, nei cui piani superiori erano insediate banche di multinazionali insieme ad altri uffici, erano depositate circa 200 tonnellate di lingotti d’oro. L'ordine era di sparare per uccidere contro chiunque cercasse di penetrare fino all'oro...."
 
 
  Postato da cdcnet il 18/11/2007 (3757 letture)
(Leggi Tutto... | 13785 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: USA E URSS AVREBBERO NASCOSTO UN ATTACCO NUCLEARE CON ESERCITAZIONI MILITARI

A CURA DI 911BLOGGER

Questa breve notizia pubblicata da U.S. News and World Report potrebbe sembrare a prima vista una semplice curiosità storica. Tutto acquista una luce diversa se si tiene a mente che il successo degli attacchi dell’11 Settembre, fu dovuto alla sospetta concomitanza di esercitazioni militari che nascosero l’aggressione agli occhi dei possibili difensori (in questo caso la stessa aviazione Usa).N.d.r.

L'edizione del 15 ottobre 2007 di U.S. News and World Report contiene un'intervista di Alex Kingsbury con Richard Rhodes, autore di “The Making of the Atomic Bomb” [La nascita della bomba atomica], “Dark Sun” [Sole nero] e “Arsenals of Folly; The Making of the Nuclear Arms Race” [Arsenali della follia: la nascita della corsa alle armi nucleari]. L'articolo è pubblicato a pagina 26 e in esso Rhodes afferma: “Sappiamo ora che gli Stati Uniti e i sovietici pianificavano di utilizzare ‘esercitazioni’ per nascondere un primo attacco nucleare”.
 
 
  Postato da Truman il 06/11/2007 (2779 letture)
(Leggi Tutto... | 2248 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: TEORIE COSPIRATIVE, MITI, SCETTICISMO E 11 SETTEMBRE (PARTE II)

L’IMPATTO SULLA DEMOCRAZIA

DI FRANK LEGGE

[NdT: Nella prima parte, l’autore ha presentato un cospicuo numero di evidenze che contraddicono la versione ufficiale sull’11 settembre 2001. Le relazioni, redatte da organismi governativi, su cui questa si basa, sfidano infatti il "senso comune", sono sconfessate dall’applicazione del metodo del "rasoio di Occam", e contengono spiegazioni inconsistenti e gravi deficienze. Per non parlare di chi ne avrebbe potuto trarre un beneficio. In questa seconda parte l’autore critica la versione ufficiale sottoponendola al vaglio del metodo scientifico]

Keywords: cospirazione, mito, scetticismo, metodo scientifico, WTC, 11 settembre, crollo, demolizione, NIST, FEMA, Commissione, termite, esplosivi, temperatura, incendio, acciaio, zolfo, false flag.
 
 
  Postato da cdcnet il 09/10/2007 (2921 letture)
(Leggi Tutto... | 45174 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 5)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: EX PILOTA DI DUE AEREI DELL'11-9 NON CREDE ALLA VERSIONE UFFICIALE

DA PRISON PLANET/GOOGLE VIDEO

L’ ex pilota di caccia dell'aviazione Russ Wittenberg, che ha compiuto più di 100 missioni di combattimento in Vietnam, che è stato ai comandi degli aerei della Pan Am e della United per più di trent'anni e che in passato ha volato proprio su due degli aerei che sarebbero stati dirottati l’11-9 (United Airlines Flight 175 & 93), non crede nella teoria del complotto ufficiale del governo sull'11-9.

RUSS WITTENBERG: "Ho guidato proprio due degli aerei che furono coinvolti nell'11-9... Il volo 175 e il volo 93, il 757 che sarebbe precipitato a Shanksville, mentre il volo 175 avrebbe colpito la torre sud. Io non credo che sia possibile per... un cosiddetto terrorista addestrarsi su di un 172 [un piccolo Cessna, vedi foto sotto, n.d.t.], poi salire ai comandi del tipo di quelli di un 757-767 e condurre verticalmente l'aereo, condurre lateralmente l'aereo, farlo volare a velocità superiori per più di 100 nodi a quelle per cui è stato progettato, fare virate strette e ad alta velocità,... spingendo probabilmente 5,6,7 volte l'accelerazione di gravità... Non le avrei potute fare io e sono assolutamente sicuro che non le potessero fare loro."
 
 
  Postato da cdcnet il 03/10/2007 (1829 letture)
(Leggi Tutto... | 2149 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 1)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: 11/9: SOCCORRITORE SENTI' IL CONTO ALLA ROVESCIA PER LA DEMOLIZIONE DI WTC7

DI PAUL JOSEPH WATSON
Prison Planet

Un ex esperto di Operazioni di Ricerca e Salvataggio per l'Air Force fu testimone del tentativo degli ufficiali di nascondere la premeditata natura della demolizione.

Un soccorritore d'emergenza dell'11/9 ha dichiarato pubblicamente di aver udito un conto alla rovescia in stile demolizione controllata precedere il crollo del WTC7, una testimonianza oculare che si somma a quelle di altri membri del personale di soccorso d'emergenza ed EMT [medici d'emergenza, n.d.t.] a cui fu parimenti detto che l'Edificio 7 stesse per venire “tirato giù.”

Ad inizio anno, riportammo la testimonianza di un anonimo EMT chiamato Mike che disse al produttore di Loose Change, Dylan Avery, che centinaia di membri del personale di soccorso d'emergenza furono avvertiti coi megafoni che l'Edificio 7, un grattacielo di 47 piani adiacente alle Torri Gemelle che non fu colpito da nessun aereo ma implose simmetricamente più tardi nel pomeriggio dell'11/9, stesse per venire “demolito” e che un countdown radio di 20 secondi precedette il suo crollo.
 
 
  Postato da cdcnet il 21/09/2007 (3046 letture)
(Leggi Tutto... | 9454 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 4)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: TEORIE COSPIRATIVE, MITI, SCETTICISMO E 11 SETTEMBRE (PARTE I)

L’IMPATTO SULLA DEMOCRAZIA

di Frank Legge

Riassunto: Vengono discusse le teorie cospirative, i miti e lo scetticismo.

Verrà sottolineata l’importanza dello scetticismo in una società nella quale le autorità creano deliberatamene miti per manipolare l’opinione pubblica.

Viene dimostrata la validità di una serie di metodi per evitare l’accettazione dei miti, compresa l’applicazione del metodo scientifico, utilizzando gli eventi dell’11 settembre.

Una chiara conoscenza degli eventi, non offuscata dai miti, è essenziale per il funzionamento di una democrazia.

Key words: cospirazione, mito, scetticismo, 11 settembre, democrazia, propaganda, termite, PNAC, NIST, FEMA, EPA, Orwell.
 
 
  Postato da cdcnet il 11/09/2007 (1783 letture)
(Leggi Tutto... | 35790 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Opinioni: ANCHE IO DUBITO DELLA VERITA' SULL'11 SETTEMBRE

DI ROBERT FISK
The Independent

Con mille timidezze e mille scuse anche l’esperto in medioriente del The Independent si sveglia e si dichiara "sempre più sconvolto dalle incoerenze nel resoconto ufficiale dell'11-9"

Ogni volta che tengo un seminario all'estero sul Medioriente c'è sempre qualcuno nel pubblico-solo uno-che io chiamo l’"agitato". Mi scuso qui con tutti gli uomini e le donne che vengono ai miei seminari con domande brillanti e pertinenti-spesso abbastanza umilianti per me come giornalista-e che mostrano di comprendere la tragedia del Medioriente molto meglio dei giornalisti che la raccontano. Ma l’"agitato" è reale. Egli si è presentato in forma corporea a Stoccolma e a Oxford, a Sao Paulo e a Yerevan, al Cairo, a Los Angeles e, in versione femminile, a Barcellona. Non importa quale sia il paese, vi sarà sempre un "agitato".

Lui-o lei-fa domande di questo tipo. Perche', se pensi di essere un libero giornalista, non scrivi di quello che veramente sai sul 11-9? Perche' non dici la verità-che l'amministrazione Bush (o la C.I.A. o il Mossad, fate voi) ha fatto esplodere le twin towers? Perche' non riveli i segreti dietro l'11-9?
 
 
  Postato da cdcnet il 26/08/2007 (1736 letture)
(Leggi Tutto... | 7893 bytes aggiuntivi | Opinioni | Voto: 3.66)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: 11 SETTEMBRE: CE LO SIAMO SOGNATO

DI GIANLUCA FREDA
Blogghete

Ogni tanto, gironzolando sul web, si scoprono cose che lasciano allibiti. La pagina di Wikipedia dedicata all’American Airlines è stata modificata nella parte che riguarda i dirottamenti dell’11 settembre 2001.

Sentite un po’.

La versione originale (ultima revisione: 23 aprile 2006, ore 13.29) era la seguente (traduco):

“Due aerei della American Airlines vennero dirottati e si schiantarono nel corso degli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001: il volo American Airlines 77 (un Boeing 757) e il volo American Airlines 11 (un Boeing 767)”.

Per chi non lo ricordasse: il volo 77 era quello che, secondo la leggenda, si sarebbe schiantato sul Pentagono, mentre il volo 11 era l’aereo schiantatosi contro la Torre Nord del WTC.
 
 
  Postato da cdcnet il 26/08/2007 (1891 letture)
(Leggi Tutto... | 3464 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre I MALESSERI DI GROUND ZERO TORNANO A PERSEGUITARE GIULIANI

DI JERRY MAZZA
Online Journal

Ahimè, l'uomo considerato l'eroe dell'11 settembre, lo sceriffo degli Stati Uniti, colui che vorrebbe diventare presidente, deve oggi fronteggiare migliaia di persone che hanno lavorato disinteressatamente a Ground Zero, hanno contratto gravi malattie, e stanno citando in giudizio l'amministrazione cittadina per i danni alla salute. Nell'articolo No money to treat 9/11 workers, $3 billion to fight Iraq? (Online Journal, 20 dicembre 2006) avevo descritto le loro disgrazie.

Avevo citato il New York Times, secondo il quale "medici e funzionari federali hanno dichiarato ieri che nei prossimi mesi si esauriranno i circa 40 milioni di dollari stanziati dal governo federale a favore dei lavoratori, volontari e vigili del fuoco ammalatisi dopo aver lavorato allo sgombero e al recupero delle rovine del 9 settembre".
 
 
  Postato da cdcnet il 04/07/2007 (1526 letture)
(Leggi Tutto... | 24351 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: MICHAEL MOORE: l'11-9 POTREBBE ESSERE UN COMPLOTTO INTERNO

DI AARON DYKES
Jones Report

Ha discusso delle esplosioni negli edifici, ha chiesto ‘cento angolazioni’ diverse dei video del Pentagono e nuove indagini – “Non ci hanno detto nemmeno metà della verità”

Il vincitore dell’Oscar Michael Moore ha risposto ad alcune domande riguardanti la verità sull'11-9 durante un'anteprima a New York del suo nuovo documentario SICKO.

I nostri giornalisti sono stati inizialmente evitati da Moore ma successivamente ha deciso di avvicinare i reporters di We Are Change.org/ Infowars.com per una discussione.

Moore ha espresso i suoi dubbi sull'11-9, che si distanziano chiaramente dal quadro di ‘negligenza governativa’ da lui descritto nel suo film Fahrenheit 9/11 uscito circa tre anni fa.

Moore ha detto ai reporters: “ un certo numero di vigili del fuoco, nel corso degli anni passati dall'uscita di Fahrenheit 9/11, mi ha detto di avere sentito queste esplosioni-- e che essi ritengono che c'è una GRANDE parte della storia che non c'è stata raccontata. Non credo che le indagini ufficiali ci abbiano detto la completa verità--non ci hanno detto nemmeno metà della verità”.
 
 
  Postato da cdcnet il 23/06/2007 (2117 letture)
(Leggi Tutto... | 5333 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 5)
 

 
  11 settembre Libri: 9/11 SYNTHETIC TERROR. MADE IN USA

DI ALCENERO
ComeDonChisciotte

"9/11 Synthetic Terror. Made in USA", ("La Fabbrica del Terrore", Arianna Editrice) è uno dei più apprezzati libri d'oltreoceano sull' 11 Settembre. Ed è un libro che qui in Italia dovrebbe essere letto con molta attenzione dal momento che l'autore, Webster Griffin Tarpley, si è fatto le ossa studiando il terrorismo di stato proprio a casa nostra.

Era il 1978 quando il membro della DC (e vice minstro degli interni) Giuseppe Zamberletti chiese a Tarpley, giovane giornalista della Executive Intelligence Review, di approfondire quella che già appariva a tutti come una vicenda molto poco chiara: il rapimento e l'uccisione da parte delle BR del leader democristiano Aldo Moro. Inutile riepilogare qui tutti i "conti che non tornano" nella vicenda della morte dello statista che, primo nell'Europa colonizzata dagli USA, voleva portare al governo il Partito Comunista per far avanzare il paese sotto la spinta comune delle due sue maggiori forze politiche: la Democrazia Cristiana e, appunto, il PCI.

Sono serviti decine di libri e le centinaia di pagine degli atti di varie commissioni parlamentari per elencare tutti i punti oscuri: dalle minacce di morte che Moro ricevette da quel farabutto di Kissinger in persona alle incredibili capacità militari dei brigatisti e alle altrettanto incredibili "sfortune" delle forze dell'ordine e dei servizi, al tempo interamente comandati da membri della P2. Basti ricordare che il covo del capo brigatista Moretti era in uno stabile in cui molti appartamenti erano di proprietà dei nostri servizi segreti e che sulla scena dell'agguato furono trovati bossoli provenienti da un deposito NATO di GLADIO. Tarpley capì, e già nel 1978 scrisse "Chi ha ucciso Aldo Moro?".
 
 
  Postato da cdcnet il 20/06/2007 (2393 letture)
(Leggi Tutto... | 12300 bytes aggiuntivi | Libri | Voto: 5)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: I PRIMI 15 MINUTI DELL' 11 SETTEMBRE

DI JEREMY BAKER
Community Currency


Robin Hordon, ex controllore del traffico aereo, parla dell'11-9, del NORAD e di cosa sarebbe dovuto accadere


Dopo tre ore dagli attacchi al World Trade Center ed al Pentagono, Robin Hordon sapeva che era stata un'operazione interna. Era stato un Controllore del Traffico Aereo (d'ora in poi ATC) per undici anni prima che Reagan licenziasse lui e centinaia di suoi colleghi dopo che scioperarono negli anni '80.
Avendo gestito emergenze aeree e due veri dirottamenti nel corso della sua carriera, è ben qualificato per commentare come il NORAD avrebbe dovuto rispondere ai dirottamenti praticamente simultanei di quattro aerei passeggeri la mattina dell'11 Settembre 2001.

Doveva essere un grosso problema spiegare perch quegli aerei non furono abbattuti. Abbiamo caccia in allerta per gestire queste situazioni 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Abbiamo gli schermi del NORAD (il Comando di Difesa Aerospaziale Nord-Americano) che monitorizzano i cieli giorno e notte. Abbiamo tanti uomini, civili e militari, che sanno come fare il proprio lavoro.
 
 
  Postato da cdcnet il 12/06/2007 (1393 letture)
(Leggi Tutto... | 31131 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 5)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: LA PISTOLA FUMANTE DELL'11/9 E' SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI

DI JOSEPH SMITH
opednews.com

Guardiamo in faccia la realtà, se gli attacchi dell'11-9 fossero stati “legittimi”, sarebbero stati accompagnati da “legittime” affermazioni e dichiarazioni di responsabilità.

Non si mette in piedi il più spettacolare attacco “terroristico” della storia, specialmente contro obiettivi estremamente simbolici, e poi ci si nasconde.

Non si affrontano le spese, guai, rischi ecc. del compiere il più audace attacco “terroristico” della storia mondiale, solo per lasciare che un drappello di frivoli sostenitori del governo dicano al mondo quali fossero i tuoi presunti motivi; ad esempio, “ci odiano a causa della nostra ‘libertà’”, o altri simili puerili nonsense.

Inoltre, qualcuno completamente dedicato all'idea di fermare l'imperialismo o l'aggressione Usa contro il suo popolo, paese, ecc., e deciso a morire per questa causa, ovviamente non dovrebbe venire torturato per ammettere ciò. Quello che voglio dire è che, al contrario di ciò che il governo Usa vorrebbe farci credere, un idealista che compie un 11-9 sarebbe differente da, ad esempio, una persona avida che uccide il suo ricco zio per ottenere il denaro dell'eredità.
 
 
  Postato da cdcnet il 29/04/2007 (1209 letture)
(Leggi Tutto... | 2654 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Coercizione mentale: KHALED SHEIKH MOHAMMED. SMONTATO

DI KURT NIMMO
Another Day in the Empire

La giornalista di Raw Story Larisa Alexandrovna ha fatto notare un problema piuttosto lampante della "confessione" di KSM : egli afferma di aver preso di mira la Plaza Bank nello stato di Washington --eppure la banca non fu fondata se non molto dopo la presunta cattura di KSM e il suo internamento a Guantanamo. "Penso che possiamo dire in modo abbastanza certo che, o chiunque sia prigioniero col nome di KSM è stato catturato recentemente, oppure che la sua confessione è una intera frode", conclude la Alexandrovna.

O, più probabilmente, non esiste alcun KSM --certamente non come è stato presentato--così come non esiste più un Osama o un al-Zarqawi, e più probabilmente la storia da superuomo dell'attività terroristica di KSM è di fatto un costrutto senza senso, ed è stata fabbricata solo perch venga consumata dal pubblico. KSM è la versione islamica di Freddy Krueger, il figlio bastardo dell'intelligence del Pentagono, dell'Ufficio per la Propaganda Speciale e gli Incubi Macchiavellici.
 
 
  Postato da cdcnet il 15/04/2007 (1229 letture)
(Leggi Tutto... | 5067 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: 11 SETTEMBRE 2001: GLI ESECUTORI

Traduzione di comedonchisciotte.net (2003)

La persona che, subito dopo gli attacchi sul WTC, fu indicata come "il primo sospetto" (senza alcuna prova), e rapidamente promossa a "la mente dietro gli attacchi", fu Usama bin Laden, che non aveva mai nascosto la sua animosità verso gli USA per il suo appoggio alla brutalità israeliana verso i palestinesi, per ciò che riteneva la corruzione americane dell’Arabia Saudita (sede di due dei luoghi più sacri dell’Islam), per il continuo bombardamento dell’Iraq e per l’appoggio dato dagli americani ai regimi apostati di Egitto e Arabia Saudita. Il contesto in cui molte organizzazioni arabe considerano gli USA e il coinvolgimento di arabi nell’attentato al WTC del 1993, hanno portato a ritenere gli arabi automaticamente responsabili di qualsiasi atto terroristico contro gli Stati Uniti (come è stato nel caso di Oklahoma City finchè il governo non annunciò la colpevolezza di Timothy McVeigh).

Poche ore dopo gli attentati alle Twin Towers e al Pentagono, Dan Rather ed altri personaggi dei media cominciarono a divulgare la notizia, che avrebbero ricevuto da fonti governative, che Usama bin Laden era il colpevole. Come gli autori degli attacchi dell’11 settembre speravano, l’opinione pubblica immediatamente credette a tali affermazioni e continuò a considerare bin Laden come l’autore di queste atrocità e l’intero mondo arabo come un nemico (una reazione benvenuta per molti israeliani).
 
 
  Postato da cdcnet il 15/04/2007 (2679 letture)
(Leggi Tutto... | 10167 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 5)
 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.