Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Top
· Web_Links
 

  Categorie

· Tutte le Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Chris Hedge

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· James Petras

· Libri

· Michel Chossudovsky

· Mike Whitney

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Paul Craig Roberts

· Pepe Escobar

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Stephen Lendman

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· William Engdahl

 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

 
 
comeDonChisciotte.net: Asia

Search on This Topic:   
[ Go to Home | Select a New Topic ]
 
 


 
  Asia CAMBODIA: US ASKS TO BE PAID BACK HUNDREDS OF MILLIONS IN WAR DEBTS

By Lindsay Murdoch
ICH - SMH

Half a century after United States B-52 bombers dropped more than 500,000 tonnes of explosives on Cambodia's countryside Washington wants the country to repay a $US500 million ($662 million) war debt.

The demand has prompted expressions of indignation and outrage from Cambodia's capital, Phnom Penh.

Over 200 nights in 1973 alone, 257,456 tons of explosives fell in secret carpet-bombing sweeps – half as many as were dropped on Japan during the Second World War.

 
 
  Postato da cdcnet il 15/03/2017 (88 letture)
(Leggi Tutto... | 5871 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia IL POSTO PIU' PERICOLOSO DELLA TERRA. E' COSI' CHE FINISCE IL MONDO?

DI DAVID MACARAY
counterpunch.org

Molti osservatori – comprese alcune disparate voci come Zbigniew Brzezinski, Noam Chomsky, Hillary Clinton, Thomas Friedman, Papa Francesco e il proprietario del CounterPunch Conn Hallinan – hanno descritto la provincia nord indiana del Kashmir (e l’area circostante) come “il posto più pericoloso sulla terra”.

Per quanto tale affermazione possa a prima vista apparire stravagante o melodrammatica, è vera. Avendo vissuto una volta a Punjab, India, e viaggiato in varie parti del Kashmir, posso affermare che le relazioni tra India e Pakistan sono incredibilmente velenose e che la regione del nord-ovest è considerata così pericolosamente instabile che è un miracolo che non sia esplosa.

 
 
  Postato da cdcnet il 15/02/2017 (241 letture)
(Leggi Tutto... | 6313 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia FINE DELL'IMPERO STATUNITENSE: NAVI DA GUERRA RUSSE APPENA ARRIVATE NELLE FILIPPINE

Philippine President Rodrigo Duterte (4th L) gestures with Russian Ambassador to the Philippines Igor Khovaev (3rd L), Russia's Rear Admiral Eduard Mikhailov (5th L), and other Philippine and Russian officials in front of the Ka-26 anti-submarine helicopter at the anti-submarine navy ship Admiral Tributs at the south pier in Metro Manila, Philippines January 6, 2017. REUTERS/Noel Celis/PoolDARIUS SHAHTAHMASEBI

Il noto critico americano di politica estera e linguista, il prof. Noam Chomsky, ha dichiarato svariate volte che il potere degli Stati Uniti è costantemente diminuito dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Come nota Chomsky, nel 1945, gli Stati Uniti possedevano “metà della ricchezza mondiale, una difesa incredibile, controllavano l’intero emisfero occidentale, i due oceani, e le sponde opposte di entrambi gli oceani.”

(Foto: Philippine President Rodrigo Duterte (4th L) gestures with Russian Ambassador to the Philippines Igor Khovaev (3rd L), Russia's Rear Admiral Eduard Mikhailov (5th L), and other Philippine and Russian officials in front of the Ka-26 anti-submarine helicopter at the anti-submarine navy ship Admiral Tributs at the south pier in Metro Manila, Philippines January 6, 2017. REUTERS/Noel Celis/Pool)

 
 
  Postato da cdcnet il 10/01/2017 (431 letture)
(Leggi Tutto... | 7393 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia PRESIDENT DUTERTE OF THE PHILIPPINES FOR DUMMIES

Andre Vltchek
Information Clearing House

When Venezuelan President Hugo Chavez ascended to power in 1999, almost no one in the West, in Asia and even in most of the Latin American countries knew much about his new militant revolutionary anti-imperialism. From the mass media outlets like CNN and the BBC, to local televisions and newspapers (influenced or directly sponsored by Western sources), the ‘information’ that was flowing was clearly biased, extremely critical, and even derogatory.

A few months into his rule, I came to Caracas and was told repeatedly by several local journalists: “Almost all of us are supporting President Chavez, but we’d be fired if we’d dare to write one single article in his support.”

 
 
  Postato da cdcnet il 24/12/2016 (130 letture)
(Leggi Tutto... | 60017 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia Philippines' Duterte Seeks Peace

Duterte is not a saint, but he stands for an independent foreign policy.

By Marjorie Cohn
Information Clearing House

In April 2016, Rodrigo Duterte won the Philippine presidential election by a landslide, with more than 6 million votes. He openly declared that he was the nation’s first Left president, calling himself a socialist but not a communist. So far, his regime has been controversial, to put it mildly.

 
 
  Postato da cdcnet il 26/11/2016 (134 letture)
(Leggi Tutto... | 12699 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia WILL 'THEY' REALLY TRY TO KILL PRESIDENT DUTERTE?

Andre Vltchek
NEO

Rodrigo Duterte, the outspoken President of the Philippines has by now, most likely, joined the concealed, prestigious and permanent hit list of the Empire.

The hit list is very long; it has already been long for several decades. One could easily lose count and get confused: how many personalities have been marked and secretly condemned to death? How many of them actually died?
 
 
  Postato da cdcnet il 17/10/2016 (125 letture)
(Leggi Tutto... | 23328 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia PHILIPPINES PRESIDENT HAS U.S. TARGET ON HIS BACK

By Glen Ford
BAR

Americans – including, and maybe especially, Black Americans – were upset that Philippines President Rodrigo Duterte called President Obama a “son of a whore” at a summit meeting, last week.

But, what would Americans call the head of a country that killed a million of their compatriots, colonized their country for half a century, dominated its affairs for another half century, and then gave lectures on human rights. Son of a what?

“Duterte does not accept being lectured to by the United States, a country with so much Filipino blood on its hands.”

 
 
  Postato da cdcnet il 14/09/2016 (371 letture)
(Leggi Tutto... | 5344 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia THAILAND GETS THE LIBYA-SYRIA TREATMENT

45645645654Tony Cartalucci
journal-neo.org

Just as the Western media attempted to hide the true nature of violence unfolding in Libya and Syria during the opening phases of the so-called “Arab Spring,” it is now attempting to do likewise regarding the Southeast Asian country of Thailand.

Between August 11-12 and within a 24 hour period, several bombs detonated in four separate regions of Thailand including Trang, the resort city of Hua Hin, Phuket, and Surat Thani. Several deaths were reported and dozens were maimed as shrapnel tore through their bodies.

 
 
  Postato da cdcnet il 14/08/2016 (311 letture)
(Leggi Tutto... | 10146 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia THAILAND: BIG HOPES FOR NEW ECONOMIC TIES WITH RUSSIA

34534544Tony Cartalucci
journal-neo.org

During the upcoming Russia-ASEAN Summit (May 19-20) to be held in Sochi, Russia, additional talks will be held with Southeast Asian nations seeking to bolster ties with Russia, who has until recently played a disproportionately minor role in Asia relative to the United States.

Diversifying Economic Ties 

It should be understood that Western special interests seeking global hegemony are driven first and foremost by economic ambitions. Political and military operations augment and run parallel to attempts to expand and dominate nations and regions of the planet economically. Such ambitions are meticulously planned out by policy think-tanks underwritten by corporate-financier interests, and sold to the public by corporate-dominated media campaigns.

 
 
  Postato da cdcnet il 19/05/2016 (286 letture)
(Leggi Tutto... | 7837 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia LAOS: THE NEW COLD WAR BATTLEGROUND YOU DON'T KNOW ABOUT

543534543Tony Cartalucci
journal-neo.org

The “New Cold War” could be a potential description for the unfolding geopolitical lay of the planet as Russia reemerges as a world power, and China rises as a new one in the face of a prevailing Wall Street-Washington-London international order.

The most obvious battlegrounds taking shape in this “New Cold War” are Ukraine, Syria, and the South China Sea. Perhaps not as high-profile but no less important are the ongoing conflicts in and around Libya, the proxy war being waged across Yemen, and America’s enduring occupation of Afghanistan in Central Asia.

However, there are other struggles taking place that go virtually unseen by the general public, or are briefly mentioned – out of context in the news – before being quickly forgotten.

 
 
  Postato da cdcnet il 01/02/2016 (359 letture)
(Leggi Tutto... | 13315 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia RUSSIAN-VIETNAMESE COOPERATION GAINS MOMENTUM

1037677473Dmitry Bokarev
journal-neo.org

In mid-December 2015, the First Deputy Chairperson of the Russian Government Igor Shuvalov visited Vietnam. The Russian Vice Prime Minister met the President of the Socialist Republic of Vietnam Truong Tan Sang, Vice Prime Minister Hoang Chung Hay and other influential figures. The main theme of the negotiations was the ratification of the Agreement on the Free Trade Zone in January 2016, concluded between the EAEU and Vietnam. The Agreement was signed in May 2015, and has already been ratified by the Asian nation. The main task of the Russian delegation was the conclusion of additional agreements and the final discussion of the Agreement details.

According to Shuvalov, the creation of the Free Trade Zone between the EAEU and Vietnam opens vast opportunities for investment cooperation and the rapid increase of turnover between the countries.
 
 
  Postato da cdcnet il 26/12/2015 (422 letture)
(Leggi Tutto... | 7161 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia MYANMAR'S NEW DICTATOR: AUNG SAN SUU KYI

Tony Cartalucci
NEO

The Western media is portraying Myanmar's recent elections as historic. One commentator described Myanmar as an "exuberant nation prepared for a new era of democracy and political freedom." But one wonders what sort of democracy and political freedom can be borne of elections in which nearly a million voters were banned from casting their ballots and with the apparent victor already declaring herself above the law.

Sidestepping these inconvenient facts, the West is nonetheless excited about the prospect of Aung San Suu Kyi and her National League for Democracy (NLD) taking power in Myanmar.

This is in part due to the fact that Suu Kyi herself, along with the NLD she leads and a vast network of supporting "civil society" nongovernmental organizations (NGOs) have all been created and sustained annually by billions of dollars worth of backing from the United States and United Kingdom for years.
 
 
  Postato da cdcnet il 21/11/2015 (403 letture)
(Leggi Tutto... | 11231 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia DOPO LIBIA, SIRIA E UCRAINA, LA BARBARIE DEGLI U.S.A. VISITA ANCHE LA THAILANDIA

LA NOMINA DI GLYN DAVIES AD AMBASCIATORE DEGLI STATI UNITI ERA IL PRESAGIO DI UN ATTACCO MORTALE

53845fDI TONY CARTALUCCI
landdestroyer.blogspot.co.uk

Redazione: L’attentato a Bangkok è stato organizzato dai seguaci del dittatore deposto Thaksin Shinawatra. Gli esponenti del vecchio regime non vogliono essere processati. Impossibile mettere in discussione l’integrità territoriale del paese. Gli attentati continueranno ma non porteranno ad alcun risultato. L’esempio di coloro che hanno fronteggiato questa nuova guerra mondiale e che sono rimasti in piedi.

Un'esplosione mortale ha lacerato il centro di Bangkok Lunedì sera, l’ora in cui la gente torna a casa dal lavoro. Quindici i morti, ottanta i feriti, alcuni in condizioni molto serie.

Questo attentato è solo l'ultimo fra quelli effettuati dal dittatore deposto Thaksin Shinawatra e dal suo violento UDD [“Fronte Unito per la Democrazia Contro la Dittatura” o, semplicemente, "camicie rosse"], fermamente supportati dagli Stati Uniti d’America.
 
 
  Postato da cdcnet il 21/08/2015 (608 letture)
(Leggi Tutto... | 12958 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia CHI TRAE PROFITTO DALLA BOMBA DI BANGKOK ?

Images-ofDI PEPE ESCOBAR
atimes.com

L'Uomo con la T-shirt gialla, pantaloncini lunghi, capelli neri mossi, spessi occhiali scuri, è arrivato al tempio di Erawan in un tuk-tuk. Forse nessuno l'ha notato, solo un altro normale turista in uno dei più trafficati incroci dell'Asia. Può darsi che fosse andato ad ammirare la statua dorata di Brahma al centro del tempio, dando al contempo un'occhiata ai danzatori e musicisti tailandesi sullo sfondo.

E' seduto su una panca. Poi lentamente si libera di uno zaino nero. Si alza, controlla il telefono cellulare. Poi si allontana. Si ferma. Sembra davvero che stia chiamando qualcuno. Poi finalmente lascia Erawan, dirigendosi verso l'incrocio affollato, in mano una borsa di plastica bianca, sempre controllando il telefono.
 
 
  Postato da cdcnet il 20/08/2015 (624 letture)
(Leggi Tutto... | 13379 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia USA PIANIFICANO INCIDENTE TIPO GOLFO DEL TONKINO NEL MARE CINESE MERIDIONALE?

DI PETER SYMONDS
informationclearinghouse.info

Dopo settimane di allarmismo da parte di funzionari americani riguardo alle attività della Cina nel Mar Cinese Meridionale, il Segretario di Stato John Kerry ha usato la sua visita a Pechino lo scorso fine settimana per stabilire un ultimatum ai leader cinesi di fermare la bonifica (e la rivendicazione territoriale) di isolotti e banchi di sabbia. Il suo omologo cinese Wang Yi ha seccamente rifiutato l’ultimatum, insistendo sul fatto che la Cina avrebbe salvaguardato la sua sovranità e integrità territoriale in ogni modo ("ferma come una roccia").

Washington non ha intenzione di accettare una risposta negativa. In quella che è già una situazione esplosiva, la domanda che deve essere posta è: stanno gli Stati Uniti preparando un nuovo incidente del "Golfo del Tonchino" come pretesto per un'azione militare diretta contro gli impianti cinesi e le loro forze armate nel Mar Cinese Meridionale? Tale spericolata politica del rischio calcolato rischia di innescare una guerra tra due potenze nucleari.

I paralleli storici sono agghiaccianti. Nel 1964, il presidente Lyndon B. Johnson aveva bisogno di un pretesto per le decisioni che erano già state prese, ovvero coinvolgere militarmente gli Stati Uniti in una guerra civile in Vietnam e iniziare i bombardamenti degli obbiettivi nel Vietnam del Nord. Gli strateghi del Pentagono avevano concluso che il vituperato regime fantoccio di Washington a Saigon era incapace di sconfiggere da solo il Fronte di Liberazione Nazionale appoggiato dal Vietnam del Nord.
 
 
  Postato da cdcnet il 22/05/2015 (674 letture)
(Leggi Tutto... | 9476 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia PAKISTAN AND INDIA: THE TENSION GROWS

P56464633333Natalya Zamarayeva
journal-neo.org

Islamabad and New Delhi marked the new year of 2015 with regular Pakistani-Indian cross-border skirmishes, both on the Line of Control, and in certain sectors of the Working Border. The clashes have intensified in late December 2014, and the confrontation only increases with time. There are casualties on both sides, both among border troops and civilians.

The Chief of Staff of the Pakistani Army in January 2015 has repeatedly stated that there was unprovoked firing by the Indian Border Security Force (BSF) using heavy weapons in various sectors of the LOC. It was stressed that the Pakistani Rangers opened fire strictly for defensive purposes.
 
 
  Postato da cdcnet il 29/01/2015 (584 letture)
(Leggi Tutto... | 6715 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia Misteri: L’AEREO MALAYSIAN MH370: UNA FALSE FLAG SVENTATA DAI RUSSI ?

falseflagDI PERCY ALVARADO GODOY
percy-francisco.blogspot.it

In Russia avevano saputo di un possibile complotto, ordito dalla CIA contro la Cina e contro la stessa Russia, proprio sul volo MH370.

La minaccia è stata portata al tavolo di Putin, che ha ordinato alla Direzione dell'Intelligence delle Forze Armate (GRU), al FSB e alle Forze di Difesa Aerospaziale (DME) di monitorare attentamente questo volo e di fare ricerche sulle ultime destinazioni toccate da quell'apparecchio.

Da queste indagini, l'intelligence russa ha visto che gli Stati Uniti erano coinvolti nel sequestro del Boeing 777-200 e nel dirottamento verso la base segreta sull'atollo di Diego Garcia.
 
 
  Postato da cdcnet il 02/04/2014 (1147 letture)
(Leggi Tutto... | 11066 bytes aggiuntivi | Misteri | Voto: 0)
 

 
  Asia Misteri: ASSASSINATI (MURDER BY PLANE CRASH)

DI JOHN KAMINSKI
therebel.org

Possiamo veramente escludere che la FEMA possa scoprire che il disastro del MH 370 sia stato un'altra "false flag" ? Cui bono? The Rothschilds and the Carlyle Group?

Uno specchietto per le allodole ? Questa è una teoria stramba ma suggerisce qualche domanda: - Chi ci ha guadagnato qualcosa?  - Perché Israele da novembre 2013 ha tenuto in hangar un aereo identico a quello della Malaysia Airlines ? Dov'è oggi quest'aereo ?

Sono molti i cervelli che si sono spesi per cercare di ricostruire il puzzle del jet di linea malese scomparso, quello che alla fine è stato dichiarato distrutto e scomparso negli abissi inesplorati dell'Oceano Indiano, vicino all'Antartide. Ma c'è qualcosa che non quadra in tutto quel fango che nasconde i tragici e confusi dettagli di questa storia. Una domanda.

«Cui Prodest? - A Chi Giova ?»  Èsempre questa la domanda che bisogna farsi. E questa volta, la risposta sembra abbastanza chiara.

Nella foto: Boeing 777 2H6(ER)- 28416/155, gemello dell'aereo scomparso.
 
 
  Postato da cdcnet il 30/03/2014 (951 letture)
(Leggi Tutto... | 8951 bytes aggiuntivi | Misteri | Voto: 0)
 

 
  Asia Misteri: DISAPPEARANCE OF MALAYSIAN AIRLINES FLIGHT MH 370

Malaysia_AirlinesThe Trillion Dollar Question to the U.S. and Its Intelligence Services.
Malaysian media should pose critical questions to the US and its Intelligence Services and not to the Malaysian Government.


By Matthias Chang
Global Research, March 29, 2014
Future Fast Forward

Let me state from the outset that I totally agree with the press statements by Malaysia’s Defence Minister and Acting Transport Minister, Datuk Seri Hishammuddin Hussein that “we have conducted ourselves fairly, responsibly and history will judge us for that.”

And to a mischievous and presumptuous question from a correspondent of the Financial Times, Datuk Seri with confidence and integrity rightly said without any fear of contradiction that, “I don’t think we could have done anything different from what we have already done.”  Well done!
 
 
  Postato da cdcnet il 29/03/2014 (1504 letture)
(Leggi Tutto... | 15054 bytes aggiuntivi | Misteri | Voto: 0)
 

 
  Asia Misteri: FLIGHT MH370 FOUND? NOT QUITE

NOW THE REAL WHITEWASH BEGINS.

Malaysia_Airlines21st Century Wire says…

After nearly one month of turning up absolutely nothing, suddenly the public are being told that the case of missing Malaysian airliner MH370 has been solved, well, sort of…

It was a search and rescue operation on an unprecedented scale, combing through over 30,000 nautical miles, involving 60 ships and 50 aircraft – all in an effort to find one missing Boeing 777 which is said to have set off from Kula Lumpur to Beijing on March 8, 2014, only to disappear into thin air, without a trace.

This week Malaysian authorities made the dramatic announcement that they had finally “found” the aircraft, without any “debris sighting” . On cue, global mainstream media outlets ran continuous coverage on Monday March 24th of this week, showing footage of men looking out the window of Royal Australian Air Force P-3, looking rather intensely at a trail of smoke hanging over the water, but failed to tell viewers in many instances – that this was merely a “smoke marker placed there”, no doubt for the cameras.

IMAGE: Photo-illustration of a Malaysian Airlines Flight.
 
 
  Postato da cdcnet il 26/03/2014 (2043 letture)
(Leggi Tutto... | 13613 bytes aggiuntivi | Misteri | Voto: 0)
 

 
  Asia Opinioni: FINALMENTE UNO SCENARIO PLAUSIBILE SUL VOLO MH 370

Free Image Hosting at www.ImageShack.usDI CHARLES HUGH SMITH
oftwominds.com

Doveva essere una "drastica protesta politica" del comandante, che però è andata storta: è questo lo scenario più plausibile.

 Alla fine comincia ad emergere uno scenario plausibile di quanto è accaduto al volo 370 e con plausibile voglio dire che questo è uno scenario che si adatta a tutti i fatti noti.  Finalmente le autorità malesi hanno rivelato la prova fondamentale: Il Pilota parlò con i controllori di volo dopo la disattivazione del Data System (NYT.com).

Questo dimostra che uno dei piloti ha spento l' ACARS, il sistema di trasmissione dati e poi si è messo in comunicazione con il controllo del traffico aereo (ATC), come se tutto fosse ancora normale. Dodici minuti più tardi, uno dei piloti ha spento il transponder del velivolo, che trasmette l'altitudine e la posizione dell'aereo.
 
 
  Postato da cdcnet il 18/03/2014 (998 letture)
(Leggi Tutto... | 21490 bytes aggiuntivi | Opinioni | Voto: 0)
 

 
  Asia Misteri: MALAYSIAN AIRLINES MH370, UN INSIDE JOB?

Free Image Hosting at www.ImageShack.usFONTE: AARGIFAN (BLOG)

  Il Wall Street Journal ha scritto che investigatori U.S.A sospettano che il volo Malaysia Airlines abbia continuato a volare altre quattro ore, dopo che si sono perse le sue tracce nei radar dei controllori del traffico aereo, come risulta dalle informazioni che l'aereo ha scaricato e trasmesso automaticamente a terra, come parte della normale routine dei programmi di maintenance.   

  Dopo molte ipotesi e collegamenti documentati da una vasta selezione di articoli della stampa internazionale, le idee si confondono sempre di più, come se si stesse ancora cercando di inventare la vera trama della vicenda, come .... se fosse tutta una "MACCHINAZIONE "

   Dove si sono perse le tracce del volo? e i passaporti rubati?  e gli scienziati di fama mondiale?  e la Brigata dei Martiri Cinesi?  e la telefonata di allarme terrorismo?  e le rivalità etniche? e gli accordi di difesa sino-malesi? e perché no, i "droni"?
 
 
  Postato da cdcnet il 13/03/2014 (993 letture)
(Leggi Tutto... | 15234 bytes aggiuntivi | Misteri | Voto: 0)
 

 
  Asia THAILAND: ANTI-REGIME PROTESTERS TELL THEIR SIDE OF THE STORY

By Tony Cartalucci
Global Research, February 09, 2014
AltThaiNews

Statesman Kasit Piromya weighs in on the ongoing Thai political crisis – peels off Western label of “anti-democratic protesters.” 

In Part 1, protest spokesman Akanat Promphan enumerated the grievances of his movement and attempted to correct disinformation being intentionally propagated by the Western media.

Now, former Foreign Minister and veteran statesman Kasit Piromya has gone into the issues deeper – pointing out the illusion of democracy created by the regime of Thaksin Shinawatra and the paradigm shift that needs to be made to move the people and the nation of Thailand beyond it for good. He also examines and exposes the West’s support for the current regime in Thailand and its use of superficial “democracy” with which it couches its true big-money agenda.
 
 
  Postato da cdcnet il 10/02/2014 (958 letture)
(Leggi Tutto... | 15591 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia US CEDES ITS POSITION IN THE ASIA PACIFIC REGION TO CHINA

By Nikita Sorokin
voiceofrussia.com

The US's uncontested control over the Pacific has come to an end. China is now openly competing for the leadership. However, the situation in the Asia-Pacific region is not that simple as it may seem. A few days ago, the four-star commander of the US Navy’s Pacific Command, Adm. Sam Locklear, confirmed at the Surface Navy Association's annual meeting that the US's "historic dominance that most of us in this room have enjoyed is diminishing, no question," adding that the rise of China is a key factor that is putting at risk US Navy superiority.

Image: © Flickr.com/jovike/cc-by-nc
 
 
  Postato da cdcnet il 17/01/2014 (1266 letture)
(Leggi Tutto... | 6496 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia MA CHE VERAMENTE...A GENNAIO SCOPPIERA' UNA GUERRA CINA-GIAPPONE ?

DI TYLER DURDEN
zerohedge.com

Dopo che la Cina ha fatto sapere cosa intende per sua zona di identificazione di difesa aerea (ADIZ) nel Mare Cinese Orientale, che per una gran parte si sovrappone alla distesa di territorio che anche il Giappone rivendica, i media giapponesi, come scrive The Japan Times , hanno reagito drammaticamente ipotizzando subito i vari scenari di ripresa delle ostilità. Da domenica scorsa i quotidiani giapponesi scrivono sulla "guerra cino-giapponese che comincerà a gennaio (Mainichi) o "simulazioni di guerra alle isole Senkaku" (Flash) e il nazionalismo si riaccende.

Da quale parte, si chiede Shukan Gendai minacciosamente , arriverà una provocazione che farà sparare il primo colpo ? Il gioco del pollo schiacciato tra due grandi superpotenze è cominciato.
 
 
  Postato da cdcnet il 09/12/2013 (920 letture)
(Leggi Tutto... | 7460 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia NON SORPRENDETEVI SE IL PROSSIMO ANNO SCOPPIERA' UNA GUERRA TRA GIAPPONE-CINA

DI HUGH WHITE
smh.com.au

Cercasi urgentemente diplomazia creativa per trovare una soluzione salva- faccia.

Così in genere iniziano le guerre: con una lenta e inarrestabile escalation di eventi originariamente senza importanza. Perciò non stupitevi troppo se gli Stati Uniti e il Giappone entreranno in guerra con la Cina l’anno prossimo per le “rocce inabitate” che il Giappone chiama le Senkakus e che la Cina chiama le isole Diaoyu. E non pensate che la guerra possa essere breve e contenuta.

Certo, dovremmo tutti sperare che prevalga il buon senso.
 
 
  Postato da cdcnet il 29/12/2012 (864 letture)
(Leggi Tutto... | 7269 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia GIAPPONE VS CINA: UN CONFLITTO REALE ?

DI CONN HALLINAN
counterpunch.org

Giappone e Cina – rispettivamente la seconda e la terza economia del mondo – farebbero davvero a pugni per cinque minuscole isole che coprono meno di quattro miglia quadrate? Secondo l’International Crisis Group (1), è probabile: “Tutte le tendenze vanno nella direzione sbagliata, e le prospettive di risoluzione stanno diminuendo.”

Che le due superpotenze asiatiche possano affettivamente scontrarsi sembra impensabile, ma una mistura infernale di sospetto, rabbia, diplomazia maldestra, e la crescente presenza militare americana, sta facendo sì che una disputa secondaria diventi una problematica ben più grave se qualcuno fa un passo falso.

E finora, la coreografia nella regione è passata da goffa a provocatoria.
 
 
  Postato da cdcnet il 01/10/2012 (1816 letture)
(Leggi Tutto... | 12965 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Asia Storia: POL POT RIVISITATO

DI ISRAEL SHAMIR
counterpunch.org

Adesso, nella stagione dei monsoni, la Cambogia è verdeggiante, fresca e rilassata. Le risaie allagano i fianchi delle colline basse, foreste quasi impenetrabili nascondono antichi templi, il mare in tempesta scoraggia i nuotatori. E'un momento piacevole per rivisitare questo modesto paese: la Cambogia non è affollata, i Cambogiani non sono avidi, ma per lo più pacifici e amichevoli. Pescano gamberi, calamari e orate. Coltivano riso non contaminato da erbicidi, piantato, coltivato e raccolto manualmente. Ne producono abbastanza per se stessi e per l'esportazione anche - non proprio un paradiso, con la presenza dei soldati stranieri.

Il socialismo si sta smantellando rapidamente: le fabbriche di proprietà cinese continuano a produrre t-shirts per il mercato Americano ed Europeo, impiegando decine di migliaia di ragazze Cambogiane che guadagnano 80 dollari al mese. Vengono licenziate in tronco al primo accenno di sindacalismo. I nuovi ricchi vivono in palazzi; si trova una quantità di macchine Lexus e qualche occasionale Rolls-Royce. Enormi, bellissimi tronchi d'albero rossi e neri vengono costantemente trasportati sul fiume verso il porto per l'esportazione, distruggendo le foreste ma arricchendo gli affaristi. Nella capitale sono spuntati molti ristoranti francesi; i rappresentanti delle ONG guadagnano in un minuto il salario mensile di un operaio.
 
 
  Postato da cdcnet il 24/09/2012 (1273 letture)
(Leggi Tutto... | 14033 bytes aggiuntivi | Storia | Voto: 5)
 

 
  Asia Geopolitica: IL PROBLEMA DELL'ACQUA TRA INDIA E PAKISTAN: UNA GUERRA IMMINENTE ?

DI JOHN DALY
dissidentvoice.org

Un Pakistan stabile e tranquillo partecipa agli sforzi dell'Occidente per pacificare l'Afghanistan, ma l'ossessione di Islamabad nei confronti del suo vicino orientale potrebbe rendere tale problematica irrilevante. Dalla divisione del 1947, Pakistan e India hanno combattuto quattro conflitti armati, rispettivamente nel 1947, il 1965, il 1971 (il quale ha portato alla creazione del Bangladesh, ex Pakistan dell'Est) e lo scontro di Kargil nel 1999.

Eccezion fatta per il conflitto del 1971, che riguardava le crescenti tensioni nell'est del Pakistan, tutti gli altri implicavano il problema del controllo sul Kashmir.
 
 
  Postato da cdcnet il 16/04/2012 (1999 letture)
(Leggi Tutto... | 6066 bytes aggiuntivi | Geopolitica | Voto: 5)
 

 
  Asia Economia: LA SECONDA E LA TERZA ECONOMIA DEL PIANETA VOGLIONO USARE LE PROPRIE MONETE

NEI LORO SCAMBI, BYPASSANDO IL DOLLARO

FONTE:Zero Hedge
Per tutti quelli che ancora pensano alla guerra di attriti tra il dollaro e l’euro (perch al contrario di quello che alcuni hanno "scoperto" solo di recente, le guerre sulle monete ci sono da molto, molto tempo e continueranno a esserci, prima di mutarsi in guerra commerciali e reali) dove tutte e due le monete hanno il destino segnato e in chi vince si prende tutto, direi di dover prendere in considerazione per un istante i più recenti aggiornamenti che vengono dai paesi che si affacciano sul Pacifico (dove incidentalmente lo Shanghai Composite ha ripreso la sua incessante corsa al ribasso con l’ovvia intenzione di chiudere il 2011 al minimo da 52 settimane) in cui troviamo a) che il controllo egemonico del dollaro sul pianeta sta terminando, e b) che la relazione mercantilista a lungo sostenuta tra Cina e Stati Uniti potrebbe invertirsi, e nella sua prossima metamorfosi vedremo il Giappone comprare le obbligazioni… cinesi (anche se probabilmente non troppo a lungo, vedi il post successivo). 

Come riportato da Bloomberg , "Giappone e Cina promuoveranno scambi diretti di yen e yuan senza usare il dollaro e incoraggeranno lo sviluppo di un mercato dei cambi, per tagliare i costi per le aziende, sono le parole del governo giapponese. Il Giappone effettuerà acquisti di obbligazioni cinesi il prossimo anno, così si è pronunciato il governo giapponese in una dichiarazione successiva a un meeting tra il Primo Ministro Yoshihiko Noda e il Premier cinese Wen Jiabao tenuta ieri a Pechino. E prima che qualcuno asserisca che si tratta solo di ostentazioni di politica estera […] vista l’enorme dimensione del volume degli scambi tra le due più grandi economie asiatiche, questo accordo è molto più significativo di qualsiasi altro patto che la Cina ha firmato con altre nazioni”, ha detto Ren Xianfang, un economista di IHS Global Insight Ltd.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/12/2011 (1129 letture)
(Leggi Tutto... | 6025 bytes aggiuntivi | Economia | Voto: 0)
 

 
  Asia Terrore e Guerre: STERMINIO INFINITO: MASSACRO IN SRI LANKA PARAGONABILE SOLO AL GENOCIDIO DI GAZA

A CURA DI IAR NOTICIAS

Centinaia di morti, cadaveri insepolti, e feriti senza cure mediche

Secondo osservatori internazionali, quello che sta succedendo in Sri Lanka solo è paragonabile col massacro militare compiuto da Israele nella Striscia di Gaza nel gennaio passato. Circa 50.000 persone sono rimaste intrappolate - come successe a Gaza - in una piccola striscia di territorio per 24 ore sotto il fuoco incrociato di batterie terrestri, carri armati ed aeroplani del Governo, alleato degli stati Uniti e "dell’asse occidentale”.

Come ha scritto un corrispondente della BBC: "L'esercito stà praticando una specie di 'tiro al piccione' coi rifugiati", tra i quali combattono i ribelli dell’Esercito delle Tigri Tamil (Ltte). Alcuni corrispondenti risaltano la ferocia senza limiti del massacro e l'impotenza (e/o complicità) degli organismi internazionali nel fermarla. Si tratta di un genocidio su grande scala il cui sviluppo ed interessi in gioco vengono sistematicamente occultati o deformati dalla stampa "occidentale", che lo presenta come un conflitto tra un gruppo "terroristico" ed il governo che "cerca" di ristabilire l'ordine. Al contrario, lo sterminio in massa di civili in Sri Lanka non è determinato da una guerra contro il "terrorismo Tamil", come si vuole fare credere, bensì da interessi geoeconomici e geopolitici militari strategici, che hanno a che vedere col controllo dell'Oceano Indiano e delle rotte del petrolio.

Nella foto: civili morti e feriti in un attacco di artiglieria delle forze governative contro i ribelli Tamil.
 
 
  Postato da cdcnet il 20/05/2009 (2851 letture)
(Leggi Tutto... | 10610 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Asia Economia: CINA E INDIA: DUE MODELLI?

DI ERIC TOUSSAINT
Camdt

La Cina, un Paese Capitalista Moderno

La Cina si presenta oggi per il suo successo economico confermato dall’aumento del proprio prodotto interno lordo e dalla crescita delle sue esportazioni. L’incremento del PIL è stato veramente impressionante, anche se la realtà mostra che il modello di sviluppo capitalista elaborato dalla Cina prevede un elevato sfruttamento dei lavoratori, il ricorso ai licenziamenti di massa, la privatizzazione di moltissime aziende di stato, un taglio drastico della spesa pubblica nel campo dell’istruzione, della sanità e della sicurezza sociale e una industrializzazione sfrenata totalmente irriguardosa dell’ambiente naturale e della salute pubblica. La quota del PIL formata dai salari è calata fortemente negli ultimi 10 anni passando dal 53% del 1998 al 41% del 2005 (1) e, pur essendo vero che la Cina è un creditore netto degli Stati Uniti, il debito interno è aumentato considerevolmente. Soprattutto, è terribile il ritmo di crescita delle disparità.

Diversi studi mostrano che il 10% più povero della popolazione ha subito un forte peggioramento delle condizioni di vita, mentre il 10% più ricco ha visto crescere vertiginosamente i propri introiti e patrimoni. Il numero dei multimilionari con fortune che superano il miliardo di dollari è passato da tre del 2004 a 107 nel 2007 (2)
 
 
  Postato da cdcnet il 06/02/2008 (1543 letture)
(Leggi Tutto... | 7080 bytes aggiuntivi | Economia | Voto: 0)
 

 
  Asia Geopolitica: LA GEOPOLITICA DIETRO LA RIVOLUZIONE ZAFFERANO IN BIRMANIA

DI F.WILLIAM ENGDAHL
Global Research

Ci sono fatti e fatti. In primo luogo è un fatto, che pochi metteranno in dubbio, che la dittatura militare dell'ermetico generale Than Shwe occupa un posto di prim’ordine tra le tirannie del mondo. È anche un fatto che la Birmania ha uno degli standard di vita più bassi al mondo. Come risultato dell'assurdo aumento tra il 100% ed il 500% del prezzo della benzina e di altri combustibili decretato in agosto, il potere d'acquisto è collassato in maniera drammatica.

La "medicina economica" del FMI

Ufficiosamente si calcola che l'inflazione, che è stata il motivo scatenante delle massicce proteste guidate dai monaci dalle tuniche zafferano, è aumentata del 35%. Ironicamente, il piano per aumentare i prezzi dell'energia è stato attuato con la benedizione del FMI e della Banca Mondiale.

L'ONU calcola che la popolazione di circa 50 milioni di abitanti spende fino al 70% delle sue entrate mensili in cibo. Il recente aumento del prezzo del combustibile, risultato diretto delle riforme sovvenzionate dal FMI, fa sì che la situazione sia insopportabile per decine di milioni di persone.

Anche la Birmania è invischiata fino al collo nel commercio mondiale di droga; tanto che sta dietro solo all'Afghanistan di Hamid Karzai come fonte di eroina e si dice che sia il maggiore produttore di anfetamine del sudest asiatico. È chiaro che questa situazione può essere la miccia affinch scoppi una protesta sociale contro il regime.

 
 
  Postato da cdcnet il 03/12/2007 (1845 letture)
(Leggi Tutto... | 18435 bytes aggiuntivi | Geopolitica | Voto: 0)
 

 
  Asia Globalizzazione: MYANMAR: I RETROSCENA

DI ROWAN WOLF
Thomas Paine’s Corner

Le attuali proteste in Birmania [nel testo si usa indifferentemente il nome Birmania, in inglese Burma, e quello, ufficiale dal 1989 di Myanmar n.d.t.] sono attribuite ad un aumento del 500% dei prezzi del carburante che avrebbe colpito una popolazione che sta già lottando per sopravvivere (BBC). Il popolo birmano è sceso, nel corso del passato decennio, in una povertà sempre più profonda. Secondo Jonathan Head, autore di un articolo per la BBC, il popolo birmano spende una media del 70% del proprio stipendio per acquistare da mangiare. Il drammatico incremento dei prezzi del carburante avvenuto il 15 agosto scorso è stato troppo pesante da sopportare.

Sembra che il governo del Myanmar stesse reagendo ad un suggerimento da parte del Fondo Monetario Internazionale (FMI) riguardante la necessità di regolare il sussidio statale sui prezzi della benzina. Il Myanmar è membro del FMI. Ciò fa riflettere sull'apparente ingenuità di questa frase scritta da Head:
 
 
  Postato da Truman il 30/10/2007 (1917 letture)
(Leggi Tutto... | 16929 bytes aggiuntivi | Globalizzazione | Voto: 3)
 

 
  Asia Imperialismo: L'AGENDA INTERNAZIONALE DEI NARCOTICI DIETRO L'INSTABILITA DEL MYANMAR

 DI LARRY CHIN
Onlinejournal

Nel mese passato il governo militare del Myanmar è stato al centro di manifestazioni sempre più energiche, risultanti negli ultimi giorni in violente repressioni militari. Ciò che deve essere sottolineato è l'aperto sostegno dell'amministrazione Bush per i dissidenti (1), insieme al crescente appoggio internazionale (occidentale) dietro ad un tentativo di colpo di stato ed ai probabili obiettivi parapolitici dietro questa agenda.

La fine del Triangolo d'Oro: dannosa per gli affari

Secondo un rapporto di Thomas Fuller del International Herald Tribune (2), negli ultimi anni il Triangolo d'Oro ha perso la sua importanza come narcoregione. Infatti, secondo alcune stime, il leggendario Triangolo ora conta soltanto per il 5% dell'approvvigionamento mondiale di oppio. [Notorious Golden Triangle loses sway in opium trade, Thomas Fuller, International Herald Tribune, September 11, 2007]
 
 
  Postato da cdcnet il 01/10/2007 (1920 letture)
(Leggi Tutto... | 4381 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 4)
 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.