Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Top
· Web_Links
 

  Categorie

· Tutte le Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Chris Hedge

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· James Petras

· Libri

· Michel Chossudovsky

· Mike Whitney

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Paul Craig Roberts

· Pepe Escobar

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Stephen Lendman

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· William Engdahl

 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

 
 
comeDonChisciotte.net: Gran Bretagna

Search on This Topic:   
[ Go to Home | Select a New Topic ]
 
 


 
  Gran Bretagna SARA' DAVVERO UN DISASTRO LA BREXIT PER GLI INGLESI?

DI DANIEL SHELTER
think-beyondtheobvious.com

Oggi la signora May potrebbe annunciare ufficialmente la Brexit e dare il via al processo di divorzio dalla UE. Un disastro per la Gran Bretagna, secondo i funzionari di Bruxelles, Berlino e Parigi. È veramente così?

 
 
  Postato da cdcnet il 30/03/2017 (108 letture)
(Leggi Tutto... | 8135 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Libri: L'ASCESA DELLA DESTRA

Come la liberalizzazione della Sinistra ha portato all’ascesa dell’Estrema Destra.

Come la liberalizzazione della Sinistra ha portato all’ascesa dell’Estrema Destra Il crollo finanziario del 2008, determinato in gran parte dalla cupidigia e dalla sregolatezza di ricchissimi banchieri, avrebbe dovuto essere una grande opportunità per la Sinistra. Ma invece, contemporaneamente alla crescita dell’opposizione popolare alla globalizzazione amica delle élite, a guadagnare terreno nei paesi di tutto l’emisfero occidentale è stata la Destra, l’Estrema Destra in particolare.

Nel loro nuovo brillante libro, L’Ascesa della Destra [link ad un negozio virtuale in Inglese], tre importanti criminologi, Simon Winlow, Steve Hall e James Treadwell, hanno deciso di spiegare l’ascesa del Nazionalismo di Destra in Inghilterra.

Anche se il libro si occupa principalmente della società e della politica inglese, ci sono lezioni da imparare per i lettori statunitensi e del resto d’Europa. In realtà, vorrei spingermi a dire che se la Sinistra occidentale non presterà attenzione a ciò che Winlow e altri hanno da dire, allora su di essa potrebbe calare il sipario per sempre.

La situazione è davvero grave.

 
 
  Postato da cdcnet il 05/02/2017 (151 letture)
(Leggi Tutto... | 11429 bytes aggiuntivi | Libri | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna I SORRISI DELLA SIGNORA MAY

di Thierry Meyssan
voltairenet.org

Mentre l’investitura di Donald Trump apre una nuova era nelle relazioni internazionali, ogni Stato tenta di riposizionarsi. Tuttavia, il governo britannico, che si è visto imporre il Brexit dal referendum, cerca di conciliare gli interessi della sua classe dirigente con quelli del suo popolo. Per far questo, il primo ministro Theresa May esplora opzioni contrastanti.

 
 
  Postato da cdcnet il 05/02/2017 (103 letture)
(Leggi Tutto... | 5534 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna BREXIT: LA GRANDE FARSA BRITANNICA

DI MATTHEW JAMINSON
A seguito della scioccante decisione dell’alta corte di mercoledì 3 Novembre, il governo Britannico di Theresa May si ritrova nell’impossibilità di attivare l’articolo 50, senza previo consenso, e dunque maggioranza dei voti, in entrambe la Camera dei Comuni (eletta) e la Camera dei Lords (non eletta); la grande farsa Britannica nota come brexit sta prendendo una piega ancora più surreale di quanto avessi potuto immaginare. Di questo passo i cittadini Britannici, il resto d’Europa e del Mondo, non la smetteranno più di udire questa terribile non-parola, brexit.
 
 
  Postato da cdcnet il 11/11/2016 (350 letture)
(Leggi Tutto... | 12758 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna IN UN AUDIO SEGRETO, ECCO COSA PENSA VERAMENTE THERESA MAY SULLA BREXIT

DI NICK HOPKINS e ROWENA MASON 
guardian.com

Una registrazione segreta dell’incontro tra Theresa May e Goldman Sachs dello scorso Maggio rivela i suoi timori riguardo a una fuga di imprese dal Regno Unito e il suo vecchio desiderio di vedere il suo Paese leader dell’Europa.

Durante un incontro riservato con i banchieri d’investimento Goldman Sachs un mese prima del referendum inglese, Theresa May esprimeva i suoi timori circa una probabile fuga di imprese dal paese se questo avesse votato per la BRexit.
 
 
  Postato da cdcnet il 28/10/2016 (288 letture)
(Leggi Tutto... | 12984 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna ATTENZIONE AGLI 'EXIT' BRITANNICI

16385-thumb.jpg DI MATTHEW JAMINSON
strategic-culture.org

Il nuovo governo inglese di Theresa May prende tempo e cerca di bloccare l’innesco dell’articolo 50 (del Trattato di Lisbona, NdT). È chiaro a tutti adesso che l’apparato politico era totalmente impreparato al risultato del referendum. È anche un segno che il ritiro dall’Unione Europea sarà un compito così massiccio che prenderà gran parte delle risorse di Whitehall per molti anni avvenire. In molti casi è una “missione impossibile” che in qualche modo rinforza l’irresponsabilità di David Cameron per aver permesso il Referendum in prima analisi. Nessun Primo Ministro che si dica responsabile avrebbe mai aperto questo vaso di Pandora.

 
 
  Postato da cdcnet il 15/09/2016 (669 letture)
(Leggi Tutto... | 9073 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna UCCIDERE CORBYN

DI DAVID EDWARDS E DAVID CROMWELL
medialens.org

Il voto referendario del Brexit, con un risultato di 52%/48% a favore della separazione dall'Unione Europea, e' stato sfruttato dai media mainstream per lanciare un altro assalto al leader del partito laburista Jeremy Corbyn. “L'imparziale” BBC News, diretta dall'ex editor di Ruper Murdoch, James Harding, e' stata una dei maggiori colpevoli di questa operazione.

Consideriamo l'ondata di dimissioni dei Ministri del Governo Ombra targato Labour che era stata pesantemente promossa in anticipo sulla homepage del sito della BBC: “Meta' del top team Laburista pronto a rassegnare le dimissioni ... notizia scoop della nostra giornalista Laura Kuenssberg”. Quando le prime dimissioni sono cominciate a circolare, si poteva sentire nell'aria la Kuenssberg virtualmente gongolare per la difficile situazione in cui si trovava Corbyn: "Un brutto giorno nella sede per partito. Proprio un brutto giorno (BBC Weekend News, BBC1, 26 Giugno 2016)"

 
 
  Postato da cdcnet il 22/07/2016 (364 letture)
(Leggi Tutto... | 19560 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna BRITAIN: AN ISRAELI PUPPET WITHIN THE EU

Original Title: Haaretz Confirms: Britain Has Been Operating As An Israeli Puppet Within The EU

By Gilad Atzmon
ICH

;With Brexit, Israel Loses a Major Asset in the European-Union,” Haaretz reports. 

 “Britain helped moderate and balance EU decisions about the peace process, blunt criticism and even harness the member states against anti-Israel moves at the UN; voices sympathetic to the Palestinian cause could now become more dominant.”

 The Israelis have started to recognize that the Jewish State: “has lost a significant asset in the European-Union…, Britain leaving would not serve Israeli interests, especially on the Palestinian issue.”

(Traduzione in italiano): HAARETZ CONFERMA: LA GRAN BRETAGNA ERA UNA MARIONETTA DI ISRAELE ALL’INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA

 
 
  Postato da cdcnet il 05/07/2016 (400 letture)
(Leggi Tutto... | 8369 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna I GLOBALISTI VOGLIONO ANNULLARE IL BREXIT ... A RISCHIO LA DEMOCRAZIA!

DI MIKE ADAMS
naturalnews.com

Era il mio titolo principale del 22 giugno, il giorno precedente al voto per il BREXIT: PREVISIONI PER IL BREXIT : i globalisti scipperanno il referendum con un colossale broglio...     

Ed è esattamente quello che si sta verificando sotto i nostri occhi. Come riportato da Breitbart.com , una petizione per il "remain" che ha raggiunto oltre 3 milioni di firme è gestita da script robotici per gonfiare artificialmente i numeri.  

Si spinge per far impennare il numero della petizione oltre i 16 milioni, per poi citarla al fine di annullare il voto democratico del primo referendum e indirne un altro (che i globalisti questa volta potranno controllare meglio).  
 
 
  Postato da cdcnet il 04/07/2016 (603 letture)
(Leggi Tutto... | 11206 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna PERCHE' I BRITANNICI HANNO DETTO NO ALL'EUROPA

vvvDI JOHN PILGER
johnpilger.com

Il voto di maggioranza dei cittadini britannici per lasciare l'Unione Europea è stato un atto di pura democrazia. Milioni di persone si sono rifiutate di sottostare al bullismo, di essere intimidite e ricusate con aperto disprezzo dai loro presunti superiori nei partiti principali, dai leader dell'oligarchia d'affari, delle banche e dei media.

In gran parte, questo è stato un voto di persone arrabbiate e demoralizzate dall'assoluta arroganza dei propugnatori della campagna "Remain" e dallo smembramento di una giusta e civile vita sociale in Gran Bretagna. L'ultimo baluardo delle riforme storiche del 1945, il Servizio Sanitario Nazionale, è stato così sovvertito dai Conservatori e da filibustieri spalleggiati dai Laburisti che sta combattendo per rimanere in vita.

Se ne ebbe un preavviso quando il Tesoriere, George Osborne, l'incarnazione sia dell'antico regime della Gran Bretagna che della mafia bancaria in Europa, minacciò il taglio di 30 miliardi di sterline ai servizi pubblici se le persone avessero votato nel modo sbagliato; un ricatto di enorme portata.

 
 
  Postato da cdcnet il 27/06/2016 (562 letture)
(Leggi Tutto... | 9073 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna BREXIT AND JEWISH OLIGARCHY

Gilad Atzmon
gilad.co.uk

Yesterday Britain voted to leave the EU. The causes of this result have been known for a while. More than half of the Brits are dismayed by the level of immigration, multiculturalism, lack of job opportunities, global capitalism, evaporation of manufacturing and a housing bubble that leaves most young Brits without the prospect of a decent future. 

The Brexit was an outlet for these legitimate frustrations. Yet the problematic symptoms listed above have little to do with the EU or Brussels. Their root cause lies elsewhere.

TRADUZIONE: «BREXIT E OLIGARCHIA EBREA»

 
 
  Postato da cdcnet il 27/06/2016 (655 letture)
(Leggi Tutto... | 11182 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna LA BUFALA DI "TRE MILIONI DI FIRME PER RIFARE IL REFERENDUM BREXIT"...

DI FRANCO TAUCERI
remitur.blogspot.it

A poche ore dal referendum che in Gran Bretagna avrebbe sancito l'uscita della stessa dalla U.E., sulla piattaforma di petizioni del governo britannico è comparsa una petizione per annullare il referendum e rifarne un secondo.

Ovviamente la ridicola iniziativa ha suscitato feroci ironie sul web ("E se al secondo turno vince il "Remain", fanno la "bella" oppure vanno ai rigori?"), e qualcuno si è divertito a proporre sulla stessa piattaforma, provocatoriamente, altre petizioni (esempio geniale: "Ridisputare la battaglia di Hastings del 1066 perché non sono soddisfatto del risultato")

I moderatori della piattaforma hanno comprensibilmente bloccato queste iniziative provocatorie, però è incomprensibile che abbiano lasciato quella originale che vorrebbe un secondo referendum... e dico "incomprensibile" perché non esiste nulla di più sovversivo ed antidemocratico di un'iniziativa che voglia "democraticamente" sovvertire i risultati di una voto popolare, giusto o sbagliato che sia.

 
 
  Postato da cdcnet il 26/06/2016 (386 letture)
(Leggi Tutto... | 8330 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna ECCO PERCHE' IL REGNO UNITO HA DETTO CIAO CIAO ALL'UE

brexitDI PEPE ESCOBAR
sputniknews.com

Quello che era cominciato come una scommessa di David Cameron come sbocco per il malcontento popolare, da usare come leva per contrattare con Bruxelles per maggiori favori, si è incancrenito fino ad un terremoto politico riguardo la dis-integrazione dell’UE.

Il mediocrissimo Donald Tusk, presidente del Consiglio Europeo, ponendosi come uno “storico”, aveva avvertito che il Brexit, “potrebbe essere l’inizio della distruzione non solo dell’UE, ma dell’interezza della civilizzazione politica occidentale”.

È follia. Il Brexit ha provato che si tratta di immigrazione, babbeo. E ancora una volta, che si tratta di economia, babbeo (nonostante l’establishment neoliberale non ci avesse mai dedicato attenzione). Si potrebbe scommettere pesante sul fatto che il sistema UE a Bruxelles non imparerà nulla da questa terapia dello shock – e non si riformerà. Ci saranno elucubrazioni sul fatto che dopotutto il Regno Unito è sempre stato lamentoso, importuno e sempre pronto a chiedere trattamenti privilegiati nei rapporti con l’UE. Per quanto riguarda la “civilizzazione politica occidentale”, ciò che finirà – ed è tanta roba – è la speciale relazione transatlantica tra USA ed UE con il Regno Unito a fare la parte del cavallo di Troia statunitense.

 
 
  Postato da cdcnet il 24/06/2016 (945 letture)
(Leggi Tutto... | 11884 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna INCREDIBILI BRITANNICI ! RINASCE L'EUROPA DEI POPOLI E ORA PUO' CAMBIARE DAVVERO TUTTO

brexDI MARCELLO FOA
Il Cuore Del Mondo

E ora cambia, davvero, tutto. La decisione degli elettori britannici di lasciare l’Unione europea è storica innanzitutto per il contesto elettorale in cui è maturata. Tutto, ma proprio tutto, lasciava presagire una vittoria del fronte europeista, soprattutto dopo l’uccisione della deputata Joe Cox, che aveva cambiato la dinamica e il clima della campagna elettorale a sette giorni dal voto. L’ondata del cordoglio è stata enorme. E infatti i sondaggi, i mercati, gli scommettitori davano il sì praticamente scontato.

Ci voleva un miracolo per ricambiare il corso della campagna elettorale. E miracolo c’è stato. Forse quel miracolo ha un nome e un volto. Quello della Regina Elisabetta. O meglio del quotidiano popolare più influente del mondo, il Sun, che mercoledì ha fatto lo scoop, lasciando intendere che Sua Maestà era favorevole all’uscita dalla Ue, rivitalizzando così le corde di un patriottismo che si pensava fosse diventato marginale e che invece vibra ancora nel cuore del popolo

 
 
  Postato da cdcnet il 24/06/2016 (576 letture)
(Leggi Tutto... | 4597 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna WHO KILLED LITVINENKO?

Original title: I Assumed Putin’s Russia Had Litvinenko Killed … Then I Looked for Myself

January 25, 2016 "Information Clearing House" - January 22, 2016 - "Washington's Blog"

- I’ve always assumed that Putin’s KGB (now called the FSB) killed Alexander Litvinenko.

But today’s announcement by the British that Putin “probably” approved Litvinenko’s murder made me curious enough to take a look for myself.

Initially, Litvinenko was poisoned with radioactive polonium as he sipped tea in an upscale London hotel. The report makes it sound like only Russia had access to polonium, but it’s actually available online to anyone.
 
 
  Postato da cdcnet il 26/01/2016 (447 letture)
(Leggi Tutto... | 10465 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna CHI LAVA PIU' BIANCO ?

La Gran Bretagna è un centro di riciclaggio del denaro sporco

DI VLADIMIR PLATOV
journal-neo.org

Come risulta nel recente rapporto pubblicato dalla Banca d’Inghilterra, metà delle banconote inglesi vengono usate per il riciclaggio di denaro da organizzazioni criminali o circolano all’estero. L’economia ombra inglese riguarda soprattutto attività criminali che includono, in aggiunta ai traffici di droga e prostituzione, considerevoli pagamenti per beni e servizi come, per esempio, lavori edili che permettono di evitare le tasse. Secondo il rapporto, l’economia ombra ammonta al 10% circa del prodotto interno lordo della Gran Bretagna.

Il fatto che Londra sia la capitale mondiale di riciclaggio del denaro sporco è già stato menzionato dai mass media inglesi. In particolare, l’Indipendent ha svelato ai suoi lettori che miliardi di sterline vengono riciclate da criminali e funzionari esteri che comprano costosi beni immobili a Londra tramite società di comodo. Delle 36.342 proprietà private comprate recentemente da società di comodo offshore, un numero grandissimo di immobili è stato comprato anonimamente al fine di nascondere l’origine dei soldi rubati.

 
 
  Postato da cdcnet il 06/12/2015 (489 letture)
(Leggi Tutto... | 5898 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna LA VITTORIA DI JEREMY CORBYN

v2-CorbynDI GILAD ATZMON
gilad.co.uk

La Vittoria di ieri di Jeremy Corbyn è un chiaro messaggio al mondo politico britannico. Voi politici è meglio che iniziate ad ascoltare la gente, altrimenti ve ne dovrete andare.

La sua vittoria  ha implicazioni che vanno al di là della politica inglese attuale. Nelle ultime settimane un'alleanza fatta da leadership inglesi ebraiche (BOD, Jewish Chronicle etc.) e fortemente sostenute da loro custodi all'interno dell'establishment britannico, hanno intrapreso come al solito una campagna molto pesante contro Corbyn. Una campagna violenta e calunniosa contro l'ultimo signore nella politica britannica e probabilmente l’uomo più bello in Parlamento.

Prima delle elezioni, appena è apparso chiaro che Corbyn era davanti ai suoi rivali e destinato a diventare il prossimo leader laburista, i media ebraici e sionisti hanno usato tutti i loro trucchi per distruggerlo.
 
 
  Postato da cdcnet il 14/09/2015 (442 letture)
(Leggi Tutto... | 4023 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna PROPOSTA RADICALE DI JEREMY CORBIN: UN QUANTITATIVE EASING PER LE PERSONE

labourDI ELLEN BROWN
counterpunch.org

Jeremy Corbyn, il candidato sul ‘cavallo scuro’ [1] attualmente in testa nei sondaggi per la leadership del Partito Laburista Britannico, ha incluso nella sua piattaforma un ‘Quantitave Easing per le persone’. Nella presentazione del 22 Luglio egli ha detto:

”Il 'riequilibrio' di cui sto parlando si riferisce a quello della finanza nei riguardi dei settori sostenibili e ad alta crescita del futuro. Com’è che possiamo fare? Una possibilità sarebbe quella di conferire alla Banca d'Inghilterra un nuovo mandato, quello di migliorare la nostra economia investendo massicciamente in nuove abitazioni, nell'energia, nei trasporti e nei progetti digitali. Un Quantitative Easing per le persone, quindi, invece che per le banche”.
 
 
  Postato da cdcnet il 07/09/2015 (742 letture)
(Leggi Tutto... | 14423 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna JEREMY CORBYN E GLI EBREI – GLI INGLESI VOGLIONO UN CAMBIAMENTO RADICALE

CLa5DI GILAD ATZMON
veteranstoday.com

Il rapporto tra Jeremy Corbyn e gli ebrei britannici può essere riassunto da questa breve considerazione: il successo di Corbyn rappresenta un cambiamento forte e popolare all'interno del pensiero politico britannico, mentre la campagna orchestrata contro di lui dimostra che gli ebrei, ancora una volta, si contrappongono alle persone che vogliono il cambiamento.

L’irresistibile e crescente popolarità di Jeremy Corbyn può essere spiegata con facilità. All’interno della sinistra inglese, dopo decenni di marxismo culturale, di divisive politiche identitarie e di dominazione sionista-neocon, Corbyn ha finalmente portato una valida alternativa ideologica.

Corbyn sembra poter riunire tutti gli inglesi. Si preoccupa dei deboli, degli studenti e dei giovani. Si oppone all’interventismo militare ed al legame del New Labour con il ‘grande capitale’, con i ‘privilegiati’ e con qualsiasi ‘eccezionalismo’. Egli pensa al futuro e promette di riparare ai danni creati da Blair e da Cameron. In altre parole, rappresenta il ritorno della buona, cara e vecchia sinistra.
 
 
  Postato da cdcnet il 02/09/2015 (480 letture)
(Leggi Tutto... | 6893 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Storia: WINSTON CHURCHILL: THE IMPERIAL MONSTER

churchill Fear-Monger, War Criminal, Racist

by MICHAEL DICKINSON
counterpunch.org

This week Britain is commemorating the fiftieth anniversary of the death of Winston Churchill. Millions of people worldwide watched his state funeral on television in 1965, and thousands of people lined the streets of London to pay their last respects as his cortege slowly passed. But I somehow doubt that President Obama will be adding his own warm words of remembrance for the iconic British wartime leader.
After all, his own paternal grandfather, Hussein Onyango Obama, was one of 150.000 rebellious Kikuyu “blackamoors” forced into detention camps during Churchill’s postwar premiership, when the British governnment began its brutal campaign to suppress the alleged “Mau Mau” uprising in Kenya, in order to protect the privileges of the white settler population at the expense of the indigenous people. About 11,000 Kenyans were killed and 81,000 detained during the British government’s campaign to protect its imperialist heritage.

[Churchill statue in London. Photo: Getty Images.]
 
 
  Postato da cdcnet il 28/01/2015 (841 letture)
(Leggi Tutto... | 15546 bytes aggiuntivi | Storia | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Musica: BOB GELDOF: IL TUO TEMPO E' FINITO. VATTENE PER FAVORE

DI LEO HENGHES E KWEZI TABARO
counterpunch.org

Lasciamo respirare (e cantare) l’Africa!

Questa settimana verrà ripubblicata su CD l’ultima versione di Band Aid della famosa canzone di beneficenza ‘Do they know it’s Christmas’ (Lo sanno che è natale? ndt)

Registrata per la prima volta nel 1984 per innalzare la consapevolezza sulla fame in Etiopia, la canzone è diventata uno dei single più venduti di tutti i tempi nel Regno Unito. Una seconda versione è uscita nel 2004, ed ora abbiamo la terza nel 2014.

Guidato dal musicista irlandese Bob Geldof, Band Aid ha rivoluzionato il modo in cui le opere di beneficenza raccolgono fondi, ha ispirato altre iniziative come “We are the World” e “Live 8”, ed ha avuto un sensibile  impatto sulla percezione dell’Africa da perte del pubblico inglese.
 
 
  Postato da cdcnet il 23/12/2014 (814 letture)
(Leggi Tutto... | 12366 bytes aggiuntivi | Musica | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna SCAPPA SCOZIA, SCAPPA

DI JULIAN MCLEOD
mymanifesto.co

Per nascita ed educazione sono inglese, ma mi piace che per la mia ascendenza Scozzese e Gallese sono anche "British". Così come mi piace il fatto che con gli scozzesi siamo rivali negli sport, come il rugby e il calcio, e che le nostre storie e le nostre culture siano ricche, intrecciate e tuttavia diverse, ma queste profonde differenze sono parte di noi e della complessità che si crea nel condividere la stessa nazione.

Ma se io fossi scozzese e avessi l'opportunità di scappare dalla politica di Westminster, io voterei per l'indipendenza immediatamente. Il fatto è che certi scozzesi hanno visto che esiste una via di fuga dall'oppressione, ma sono riluttanti a prendere questa decisione, è come quando una moglie maltrattata non si decide, non ha il coraggio, di lasciare il marito.

 
 
  Postato da cdcnet il 17/09/2014 (631 letture)
(Leggi Tutto... | 8286 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna SULL'INDIPENDENZA DELLA SCOZIA

scottishreferendumDI TARIQ ALI
counterpunch.org

Rompere con il decrepito stato britannico

La Scozia è stata a lungo una nazione. Scopriremo presto se i suoi cittadini vogliono che questa nazione diventi uno stato. Io spero che lo vogliano. Questo non soltanto offrirà nuove opportunità per il loro stesso paese, ma spezzerà il decrepito ed atrofizzato stato britannico e ridurrà la sua attitudine ad essere vassallo degli Stati Uniti.

Di qui gli appelli di Obama ed Hillary Clinton a votare “no”, una posizione che Blair condivide in pieno, ma non osa ammettere, temendo che il suo intervento possa far inclinare la bilancia nella direzione opposta. Non si tratta qui di questioni di principio, ma solo di interessi imperialisti.
 
 
  Postato da cdcnet il 16/09/2014 (575 letture)
(Leggi Tutto... | 4296 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Terrore e Guerre: KILLER ROBOT FLIGHT

Video of UK’s autonomous drone released

rt.com

The UK’s BAE Systems have unveiled footage of the unmanned combat drone, Taranis, on its maiden flight. While it hails the drone - capable of self-selecting targets - as “inspiration for nation,” activists are urging to ban the use of its auto-kill mode.

Defense companies are keen for their new arms and hardware to look appealing to the public, as attested by a series of clips uploaded to BAE Systems’ YouTube channel on Wednesday.

Named “Taranis” after the Celtic god of thunder, a new British unmanned aerial combat vehicle was displayed in its full glory in a short test-flight filmed last year.
 
 
  Postato da cdcnet il 05/02/2014 (723 letture)
(Leggi Tutto... | 5462 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Repressione: DISOBBEDIENZA CIVILE ? IL SINDACO DI LONDRA VUOLE GLI IDRANTI

FONTE: ZEROHEDG.COM

Anche se gli Stati Uniti sono sotto uno strato di ghiaccio, in Inghilterra si pensa già alla prossima estate che sarà calda e secca. A meno che la preoccupazione sia un’altra, perchè altrimenti la richiesta del sindaco di Londra, Boris Johnson, di mettere gli idranti lungo le strade della capitale può solo sembrare un segnale che almeno in certi quartieri ci si aspettino azioni di disobbedienza civile e che ci si stia attrezzando per cercare mezzi idonei ma "non letali”, per contenerla.

SkyNews  ha commentato che "Il sindaco di Londra dice che le armi saranno utilizzate solo in" circostanze estreme", però, si teme gli idranti possano essere usati anche per disperdere piccoli gruppi che protestano legittimamente.

Il Sindaco Johnson dice che gli idranti serviranno nel caso che si ripetano i tumulti estivi del 2011.


 
 
  Postato da cdcnet il 09/01/2014 (1435 letture)
(Leggi Tutto... | 6498 bytes aggiuntivi | Repressione | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Terrore e Guerre: L'ANNO D’ORO DEL CRIMINALE DI GUERRA TONY BLAIR

HA MESSO IN BANCA 13 MILIONI DI STERLINE.

DI ASA BENNETT
informationclearinghouse.info

Tony Blair ha incassato più di £ 13 milioni, il suo maggior successo economico da quando ha dato le dimissioni da Primo Ministro.

La ricchezza di Blair, che comprende una casa a Londra, una tenuta di campagna e numerose altre proprietà, è stimata in 70 milioni di sterline. L'ex PM ha costruito la sua fortuna negli anni come consulente ufficiale per la banca d'investimenti JP Morgan e per il colosso assicurativo globale con sede in Svizzera Zurich International.

Blair è consulente anche di alcuni governi, come ad esempio il regime del Kazakistan e richiede £ 250.000 a volta per conferenze e partecipazioni private.
 
 
  Postato da cdcnet il 08/01/2014 (995 letture)
(Leggi Tutto... | 3367 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Politica: ECONOMIC TERRORISM

THE ONGOING NEOLIBERAL ASSAULT ON ORDINARY WORKING CLASS PEOPLE IN BRITAIN

By Colin Todhunter
Global Research

British Chancellor George Osborne this week announced massive cuts of £25 billion after 2015. This included further welfare cuts of £12bn. Osbourne said that 2014 would be a year of hard truths. He claimed that his economic policies were working, but admitted that the bad news is there’s still a long way to go.


He warned of more years of cuts to public services and the public sector by saying £25bn would be cut over two years after 2015. That is in addition to £17bn cuts this year and £20bn next year. Osbourne argued that government is going to have to be permanently smaller and so too is the welfare system.
 
 
  Postato da cdcnet il 08/01/2014 (855 letture)
(Leggi Tutto... | 8596 bytes aggiuntivi | Politica | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna LA GRAN BRETAGNA AVEVA CONSIDERATO IL DISPIEGAMENTO DI TRUPPE NELLE STRADE

DI LIZZIE BENNETT
Activist Post

Durante la crisi economica del 2008 la Gran Bretagna aveva valutato l'idea di schierare i militari nelle strade: beh, ora è peggio

In base ad alcuni brani estratti dal suo libro, Gordon Brown, che allora era Primo ministro, temeva l’anarchia durante la crisi del 2008. Secondo il libro, egli disse:
Abbiamo pensato: imporre il coprifuoco? dispiegare l’esercito nelle strade? come ripristiniamo l’ordine?
Se le banche chiudono e i bancomat non funzionano, se la gente va alla Tesco e le loro carte non vengono accettate, presto esploderà tutto.
Se non possono comprare cibo, benzina, medicine per i propri figli, la gente inizierà a rompere le vetrine e fare da soli.
E non appena la gente lo vede in TV, quella è la fine, perché tutti penserebbero “Va bene, è esattamente quello che dobbiamo fare”. Sarebbe l’anarchia. Questo è ciò che potrebbe accadere domani.
 
 
  Postato da cdcnet il 24/09/2013 (1031 letture)
(Leggi Tutto... | 5216 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Servizi segreti: L'ENIGMA DEL TROODOS

DI CRAIG MURRAY
Thetruthseeker

La postazione del GCHQ sui monti Troodos a Cipro è probabilmente la più efficace con la quale l’Inghilterra contribuisce alla cooperazione tra le intelligence GB/USA. Le agenzie che intercettano le comunicazioni, la GCHQ in Inghilterra e la NSA negli Stati Uniti, condividono tutti i loro rapporti (come fanno la CIA e l’MI6). Il Troodos è molto apprezzato dalla NSA. Controlla tutto il traffico radio, satellitare e microonde del Medio Oriente, dall’Egitto e la Libia orientale fino al Caucaso. Inoltre, la quasi totalità delle linee telefoniche terrestri di questa regione vengono tracciate da collegamenti a microonde, raccolti a Troodos.

Troodos è molto efficiente, il fiore all’occhiello dell’intelligence britannica. La sua capacità ed efficienza, così come la sua portata, sono sbalorditive. Gli Stati Uniti non hanno una struttura simile in Medio Oriente. Devo ammettere che di fatto sono stato all’interno di questa struttura e sono stato istruito a pieno sulle sue operazioni e sulle sue capacità, mentre ero a capo della sezione FCO di Cipro all’inizio degli anni ’90. Questi sono fatti, non speculazioni.
 
 
  Postato da cdcnet il 08/09/2013 (702 letture)
(Leggi Tutto... | 3931 bytes aggiuntivi | Servizi segreti | Voto: 5)
 

 
  Gran Bretagna WOOLWICH L'OMICIDIO DI LONDRA: TERRORISMO O FALSE FLAG ?

Free Image Hosting at www.ImageShack.us DI STEPHEN KENDMAN
Global Research

I rapporti ufficiali dicono che due uomini hanno assalito un soldato inglese uccidendolo. E' stato identificato come Lee Rigby ed è stato ammazzato in pieno giorno a poche centinaia di metri dalla caserma di sud-est della Woolwich Royal Artillery di Londra.

Tra le armi probabilmente c’era un coltello tipo machete. I presunti assaltatori sono rimasti sul luogo fino a quando la polizia è arrivata 20 minuti dopo.

Il perché non è stato spiegato. Gli assassini in genere non aspettano che qualcuno venga a prenderli. Entrambi gli assalitori sono stati feriti e arrestati. Li hanno ricoverati in ospedale per il trattamento.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/05/2013 (862 letture)
(Leggi Tutto... | 14574 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna BALLATE PURE SULLA TOMBA DELLA THATCHER

MA RICORDATEVI CHE IN GRAN BRETAGNA C'E' STATO UN GOLPE.

DI JOHN PILGER
johnpilger.com

Sulla scia della dipartita della Thatcher, mi ricordo le sue vittime. Marie, figlia di Patrick Warby, era una di loro. Marie, di cinque anni, soffriva di una malformazione dell'intestino e aveva bisogno di una dieta speciale. Senza quella, i dolori erano lancinanti. Suo padre, minatore di Durham, aveva usato tutti i suoi risparmi. Era l’inverno del 1985, il grande sciopero era in atto da quasi un anno e la famiglia era indigente. Nonostante l’ammissibilità di Marie agli aiuti statali fosse indiscussa, il Dipartimento di Sicurezza Sociale glieli negò. Qualche tempo dopo ottenni i documenti del caso e scoprii che Marie era stata respinta perché il padre era "coinvolto in una disputa sindacale".
 
 
  Postato da cdcnet il 30/04/2013 (804 letture)
(Leggi Tutto... | 8702 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Economia: E' MORTA MARGARET THATCHER

LA REGINA MADRE DELL’ AUSTERITA' GLOBALE E DELLA FINANZIARIZZAZIONE.

DI MICHAEL HUDSON e JEFFREY SOMMERS
counterpunch.org

Noi di solito rispettiamo la convenzione di astenerci dal parlare male di chi è scomparso recentemente. Ma Margaret Thatcher probabilmente non si opporrebbe a un epitaffio concentrandosi su come la sua eredità politica sia riuscita a raggiungere il suo obiettivo dichiarato di uno "smantellamento irreversibile" del settore pubblico in Gran Bretagna. Con un attacco alla pianificazione dello stato fatta dal governo, la Thatcher ha spostato le istituzioni nelle mani molto più accentratrici della finanza - la City di Londra - senza nessun controllo sui danni all’economia prodotti da una regolamentazione finanziaria "libera" da qualsiasi norma anti-monopolistica di controllo sui prezzi.
 
 
  Postato da cdcnet il 10/04/2013 (757 letture)
(Leggi Tutto... | 14227 bytes aggiuntivi | Economia | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna IL 'GAP NUTRIZIONALE' TRA INGLESI RICCHI E POVERI E' VASTO E DRAMMATICO

DI IAN JACK
The Guardian

L’abisso tra i regimi alimentari è oggi più marcato rispetto all’epoca in cui George Orwell scriveva “La strada di Wigan Pier”, nel 1936. Per quanto siano complesse le ragioni, il fatto è comunque scioccante.

La Gran Bretagna sta affrontando una crisi alimentare (1). Un articolo (2) pubblicato questa settimana su The Guardian suggerisce che l’aumento dei prezzi degli alimenti e la caduta dei redditi sta riducendo il nostro consumo di frutta fresca e verdura, mentre sta facendo crescere quello di prodotti trattati: fuori arance e lattuga, dentro noodles, pollo ricoperto, torta e pizza confezionate, con prevedibili conseguenze di malattie e obesità. I più a rischio sono i poveri, sebbene la “food poverty” affligga famiglie che sono ben lontane dalla soglia della povertà in Gran Bretagna.

Nella foto: George Orwell
 
 
  Postato da cdcnet il 11/12/2012 (825 letture)
(Leggi Tutto... | 10566 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Politica: LA DEVOLUTION PER LA SCOZIA E LA CORONA BRITANNICA

DI NIKOLAI MALISHEVSKI
strategic-culture.org

Questo ottobre, Londra ha delegato al parlamento scozzese l'autorità di indire un referendum per l'indipendenza. Verrà chiesto all'opinione pubblica di rispondere a questa domanda: “La Scozia dovrebbe continuare a far parte del Regno Unito o diventare uno stato indipendente?”. La data del referendum coincide con il 700° anniversario della battaglia di Bannockburn, nella quale gli scozzesi, inflitta una grossa sconfitta sugli inglesi, riconquistarono la loro indipendenza. Secondo il ministro di Stato britannico per la Scozia David Mundell, “la volontà di una nazione che si concretizzerà nell'autunno del 2014”.
 
 
  Postato da cdcnet il 22/11/2012 (1021 letture)
(Leggi Tutto... | 11215 bytes aggiuntivi | Politica | Voto: 5)
 

 
  Gran Bretagna Economia: UN "PARADISO DI PARASSITI" NEL TEMPIO DEL DENARO.

LA CRIMINALITA' FINANZIARIA A LONDRA.

DI JAMES PETRAS
Global research

Ogni volta che qualsiasi truffatore finanziario prospera a spese degli investitori, o una banca s’ingozza con i tassi di interesse per sodomizzare i suoi concorrenti, o gli evasori fiscali scappano dalle crisi fiscali, o fanno riciclare i loro profitti ai principi dei petro-dollari o a quegli oligarchi che saccheggiano le economie e buttano i loro milioni per alimentare droga e miseria …. Sicuramente il suo Tempio si trova a Londra.

Sarà corteggiato e inseguito dai più importanti agenti immobiliari inglesi, tutti desiderosi di vendere proprietà multi-milionarie, edifici storici e residenze-prestigiose.

Pomposi e pretenziosi accademici inglesi cercano di convincerli a mandare i loro figli a scuole private che costano milioni, promettendo loro che dopo la laurea sapranno parlare inglese con tutte le nasali, arroteranno le loro “erre” e padroneggeranno l'arte di una dizione eloquente ma vuota. Il Governo inglese, i laburisti, i liberali e i conservatori, secondo le migliori tradizioni giuridiche più ipocrite, modellano scappatoie legali per attirare i più grandi e ricchi parassiti del mondo.

 
 
  Postato da cdcnet il 17/10/2012 (861 letture)
(Leggi Tutto... | 12912 bytes aggiuntivi | Economia | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Economia: BLACK DOSSIER: L'HSBC E IL FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO

FONTE: ANTIFASCIST-CALLING (BLOG)


E’ dura essere la seconda maggiore banca del mondo.
La HSBC, il gigante multinazionale dei servizi bancari e finanziari di base a Londra opera in 85 paesi, con 7.200 uffici sparsi nel mondo e con un valore di più di 2,6 trilioni di dollari statunitensi. E’ anche coinvolta in una serie di scandali: il pasticcio del fixing del tasso Libor, gravi accuse di riciclaggio di denaro collegato alla droga e sospetti che funzionari della banca abbiano avuto contatti con finanziatori del terrorismo.

Fondata nel 1865 quando la Corona Britannica prese Hong Kong e ne fece sua colonia al termine della Prima Guerra dell’Oppio; I commercianti inglesi (quelli che oggi chiameremmo i signori della droga) avevano bisogno di una banca che gestisse il losco traffico di sostanze illegali e fondarono quindi la Hong Kong and Shanghai Banking Company Limited. Rinominata poi nel 1991 "HSBC", la banca si espanse alla velocità della luce dopo la caduta del Muro. Se per qualcuno questa può definirsi una storia di successo, esempio di alta magia finanziaria in tempi di economie in crisi, dovremmo invece più adeguatamente prendere in prestito un termine mafioso per descrivere la posizione dominante delle istituzioni corrotte nel pantheon capitalista: juiced.
 
 
  Postato da cdcnet il 11/08/2012 (1373 letture)
(Leggi Tutto... | 42741 bytes aggiuntivi | Economia | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna COSPIRAZIONE CONTRO LE OLIMPIADI DI LONDRA ?

DI ADRIAN SALBUCHI
asalbuchi.com.ar

“I due elementi fondamentali per una strategia efficace sono: il segreto e la sorpresa”
Juan Domingo Peron. (statista e presidente argentino)

Forse conviene prestare maggior attenzione a degli indizi preoccupanti sul fatto che le olimpiadi di Londra potrebbero essere l’obiettivo di una spaventosa cospirazione , scaturita dalle necessità dei Signori del Potere che si trovano attualmente in un momento di impasse strategica, politica ed economica a livello globale.

Si indicano con il termine di cospirazioni, quegli eventi terroristici e militari che si portano a termine in maniera controllata e con un altissimo profilo mediatico, da parte di nazioni politicamente e militarmente potenti, e di cui si accusa, invece, al principio, una qualche potenza straniera alla quale si vuole dichiarare guerra.
 
 
  Postato da cdcnet il 23/07/2012 (941 letture)
(Leggi Tutto... | 12002 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna LE RIVOLTE DI LONDRA E IL LORO CONTESTO

DI GILAD ATZMON
www.gilad.co.uk

È sorprendente scoprire che la stampa britannica, così pronta del parlarci della natura e delle motivazioni “vere” dietro ogni protesta di massa nel mondo arabo, è in qualche modo intellettualmente carente nei suoi tentativi di comprendere le enormi rivolte che si sono dipanate sotto casa. Fino ad ora, non sono riuscito a scorgere un solo tentativo di valore per capire il pieno significato o l’importanza delle odierni sommosse che hanno luogo nelle strade delle città in tutto il Regno Unito. I giornali britannici hanno sottolineato gli eventi come se fossero guidati o associati con qualcosa correlato al teppismo. Hanno parlato con le vittime, e qualche volta sono addirittura riusciti a intervistare alcuni tra i protagonisti e i responsabili.

Ma, immersi in una serie di resoconti superficiali e sensazionalistici, ci mancano ancora le informazioni più importanti. Qual è la demografia delle rivolte? Chi le guida? C’è un qualche dirigente? C’è un’ideologia dietro tutto questo? Perch saccheggiano, cosa saccheggiano, e dove vanno a saccheggiare? E, più di tutto, che significato ha tutto questo?

 
 
  Postato da cdcnet il 15/08/2011 (954 letture)
(Leggi Tutto... | 9575 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Gran Bretagna Repressione: LE RIVOLTE IN GRAN BRETAGNA: IL GOVERNO PREPARA LE TRUPPE PER LA LEGGE MARZIALE

Testimoni oculari: la polizia è rimasta ferma, consentendo il saccheggio da parte dei rivoltosi

DI PAUL ROBERT WATSON
Prison Planet

In seguito alle notizie dei numerosi fallimenti attribuiti alla polizia per arrestare i saccheggiatori o per rispondere adeguatamente alle rivolte di Londra che ora si sono scatenate nell’intero Regno Unito, sono stati approntati il coprifuoco e le truppe sul terreno, mentre le autorità si preparano a istituire la legge marziale per domare le forti sommosse.

BBC News ha riportato per due volte questa mattina che le truppe sono già in stato di allerta. L’affermazione è stata fatta una prima volta da un giornalista alle 8:30 a.m. e poi ripetuta da un rappresentante della Polizia Metropolitana che ha fatto presente che “tutte le opzioni sono sul tavolo”.

 
 
  Postato da cdcnet il 10/08/2011 (1044 letture)
(Leggi Tutto... | 5971 bytes aggiuntivi | Repressione | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna ANCORA VIOLENZA NELLE STRADE DI LONDRA

 DI RIXON STEWART
Truth Seeker

Scene orribili di violenza e di saccheggio sono esplose per la terza notte consecutive nelle strade di Londra, minacciando di rovinare l’immagine della città nella sua corsa verso le Olimpiadi del prossimo anno.

Qualunque sia la causa, alcune cose sono già evidenti.

A differenza della Primavera Araba, le odierne rivolte di Londra sembrano avere ben poche motivazioni politiche. Anche se alcuni hanno parlato di tensioni tra i giovani insoddisfatti dalle larghe comunità degli immigrati e la polizia, mentre lo sconto può avere avuto inizio con delle sfumature politiche, è subito virato verso gli incendi e i saccheggi.

I guai sono seguiti a una protesta pacifica dello scorso giovedì per l’uccisione da parte della polizia di Mark Duggan. Al termine il corteo è arrivato a scontrarsi con la polizia e alcuni manifestanti sono arrivati direttamente a una sommossa in piena regola, che ha poi portato agli incendi e ai furti generalizzati.

 
 
  Postato da cdcnet il 09/08/2011 (884 letture)
(Leggi Tutto... | 6355 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna LA RIVOLUZIONE PARTIRA' DA LONDRA ?

DI LAURIE PENNY
Adbusters

”La rivoluzione è nelle nostre menti”.

Queste parole, il 26 marzo erano state scarabocchiate in modo esitante con una bomboletta spray sulla Colonna di Nelson, alla fine della giornata che ha visto sfilare in corteo nel centro di Londra mezzo milione di membri dei sindacati e di cittadini infuriati contro i tagli alla spesa del governo.

Il piano, messo a punto da studenti e da gruppi di attivisti e pubblicizzato su Facebook, era quello di fare un picnic party e poi di “‘Trasformare Trafalgar Square in Tahrir Square”, come una qualche simpatetica magia potesse portare l’energia usata dai manifestanti egiziani per scalzare un regime in queste lande zuppe di umidità. Quello che è poi diventato un macello.

 
 
  Postato da cdcnet il 05/07/2011 (1267 letture)
(Leggi Tutto... | 17637 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Terrore e Guerre: GRAN BRETAGNA: LA STRATEGIA DEL GOVERNO CONTRO IL TERRORISMO

DI VOKRAM DODD
guardian.co.uk

I dati sulla politica, sull’attività sessuale e sulla religione raccolti dal governo britannico

Il Guardian ha appreso che il programma del governo finalizzato a prevenire che i musulmani vengano adescati da gruppi di estremisti violenti viene utilizzato per raccogliere intelligence su persone innocenti, che non sono sospettate di essere coinvolte nel terrorismo.

Le informazioni che le autorità cercano di raccogliere comprendono le opinioni politiche e religiose, le informazioni sulla salute mentale, sull’attività sessuale e sulle amicizie, ed altre informazioni sensibili, questo secondo documenti di cui ha preso visione il Guardian. Altri documenti rivelano che l’intelligence e le informazioni possono essere conservate finche' le persone in questione raggiungono l’età di 100 anni.
 
 
  Postato da cdcnet il 09/11/2009 (1392 letture)
(Leggi Tutto... | 8022 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Servizi segreti: DAVID KELLY E' STATO UCCISO DALL'MI5 ?

DI SUE REID
dailymail.co.uk

Un’altra pazzesca teoria di cospirazione tra le ipotesi che abbia scritto un libro che rivelava tutto svanito dopo la sua morte

Il giorno che il dott. David Kelly ha fatto la breve passeggiata verso la sua morte nella campagna dell’Oxfordshire, c’era una lettera non aperta sulla scrivania del suo studio contornato da libri.

Era stata spedita dal cuore del governo britannico, le pagine erano contrassegnate come ‘personali’ e minacciava il licenziamento per il microbiologo di fama mondiale se avesse di nuovo aperto bocca in pubblico.
 
 
  Postato da cdcnet il 11/08/2009 (3823 letture)
(Leggi Tutto... | 20167 bytes aggiuntivi | Servizi segreti | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Repressione: LA POLIZIA INGLESE AL G20 HA 'UTILIZZATO UOMINI SOTTO COPERTURA

PER INCITARE LE FOLLE

DI J. DOWARD E M. TOWNSEND
The Observer

Parlamentare richiede un'inchiesta sulle tattiche utilizzate dalla Met durante le manifestazioni.

Un membro del Parlamento coinvolto nelle proteste del G20 tenutosi il mese scorso a Londra intende fare aprire un'inchiesta sul possibile utilizzo di agenti provocatori da parte delle forze di polizia allo scopo di incitare le folle.

Il liberal-democratico Tom Brake afferma di avere visto due poliziotti in borghese attraversare un cordone costituito da agenti di polizia dopo avere mostrato loro il proprio tesserino identificativo.

Brake, che, insieme a centinaia di altri, era bloccato dietro le file della polizia nei pressi della stazione metropolitana Bank nella City, il giorno delle manifestazioni, afferma di essere stato informato dai presenti tra la folla che gli uomini erano stati visti lanciare bottiglie contro la polizia e incoraggiare gli altri a fare lo stesso poco dopo avere attraversato il cordone.

Nella foto: scontro tra polizia e manifestanti a Londra, 1 aprile 2009. Fotografia: Chris Ison/PA
 
 
  Postato da cdcnet il 10/06/2009 (1392 letture)
(Leggi Tutto... | 4999 bytes aggiuntivi | Repressione | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Interviste: LA MORTE DELLA PRINCIPESSA DEL GALLES, 10 ANNI DOPO

Francis Gillery: "ho studiato il meccanismo della menzogna di Stato nel caso Diana"

A CURA DI RESEAU VOLTAIRE

Scrittore e regista, Francis Gillery conduce da svariati anni un'inchiesta sul caso Diana, o piuttosto sul modo in cui la ragione di Stato ha imposto una versione ufficiale e soffocato ogni contestazione a proposito della morte del suo amante, l'armatore Dodi Al-Fayed. In occasione della coraggiosa diffusione del suo film "Diana e i fantasmi dell'Alma" attraverso France 3, egli risponde alle domande di Thierry Meyssan.

Voltaire: Nella notte tra il 30 ed il 31 agosto 1997, una Mercedes si scontrava contro un pilastro del tunnel del ponte dell'Alma, uccidendo l'autista della limousine (Henry Paul), i due passeggeri (l'armatore Dodi Al-Fayed e la sua amante la principessa Diana), e ferendo gravemente la guardia del corpo della principessa Trevor Rees-Jones). Le autorità hanno riassunto l'avvenimento come un banale fatto di cronaca: un incidente d'auto provocato da un autista brillo. Pertanto, dieci anni più tardi, i fans della principessa hanno sempre l'impressione che si nasconda qualcosa e la ripresa dell' inchiesta da parte britannica non ha chiarito le numerose questioni in sospeso. Il solo testimone del dramma, Trevor Rees-Jones, che avrebbe potuto fare un po' di luce, resta muto assicurando di essere diventato amnesico. Secondo voi, c'è un segreto in questa storia?
 
 
  Postato da cdcnet il 28/08/2007 (6233 letture)
(Leggi Tutto... | 14749 bytes aggiuntivi | Interviste | Voto: 5)
 

 
  Gran Bretagna Storia: SPOSATA A UNA PIOVRA

DI JEFF WELLS
Rigorous Intuition (v. 2.0)

Può uccidere da qualsiasi distanza ma non lo vedrete mai colpire
-- T Bone Burnett

Per molto tempo ho ignorato la vicenda di Diana, secondo lo stesso principio solipsistico in base al quale Noam Chomsky ignora quella di John Kennedy: non era importante per me. (A proposito dei giudizi di Chomsky sulla morte di Kennedy e King, John Judge afferma "se sia stata un semplice caso o meno dipende solamente da quanto vi era simpatico il tipo"). La penso ancora allo stesso modo, ma inconsistenza e gravità sono ingannevoli, perche' la sua vita, e forse la sua morte, non avevano più importanza per lei di quanto il mio giudizio su entrambe lo abbia per me.

Se c'è qualcosa di vero al di là del semplice noto fatto che Dodi Fayed era il nipote di Adnan Khashoggi, allora la tardiva ammissione che il servizio segreto statunitense "stava registrando le telefonate della principessa nelle ore che ne hanno preceduto la morte" indica senza ombra di dubbio che la sua esistenza interessava persone che a loro volta ci interessano. È il tipo d'informazione che viene di solito trattata da una stampa apatica come una notizia "che servirà solo a dare nuovi argomenti alle teorie della cospirazione", senza affrontare nemmeno frettolosamente le domande che i nuovi fatti fanno nascere, ad esempio sul perche' gli americani stessero spiando Diana o su quanto a lungo lo avessero fatto prima del fatale incidente, e se è plausibile che procedessero senza l'aiuto o il tacito consenso dell'MI6.
 
 
  Postato da cdcnet il 12/01/2007 (2136 letture)
(Leggi Tutto... | 7363 bytes aggiuntivi | Storia | Voto: 4)
 

 
  Gran Bretagna Servizi segreti: MADAME MI5: L'INTELLIGENCE BRITANNICA OCCUPATA A CREARE EVENTI TERRORISTICI

DI KURT NIMMO
Another Day in the Empire

Madame Eliza Manningham-Buller, direttore generale del MI5, vuole che i britannici abbiano paura.

"Vi sono fino a 30 presunti complotti terroristici con 'vittime su vasta scala' in funzione in Gran Bretagna, come pure centinaia di giovani musulmani britannici su un cammino di radicalizzazione", riferisce l'Independent. "Descrivendo le dimensioni del problema terroristico nazionale, ha detto che il MI5 e la polizia sono venuti alle prese con 200 gruppi o reti ammontanti a più di 1.600 individui identificati nel Regno Unito che erano 'impegnati attivamente nell'ordire o nell'agevolare atti di terrorismo'", non importa che tali atti di terrorismo raramente si realizzino, solitamente invece di essere sputacchiati fuori con asserzioni assurde su bombe liquide ed altri complotti fantastici stroncati sul nascere, o come ci si aspetta che crediamo, vale a dire dopo che sospendiamo i criteri di credibilità, ancora per l'infinitesima volta.
 
 
  Postato da cdcnet il 07/12/2006 (1413 letture)
(Leggi Tutto... | 6063 bytes aggiuntivi | Servizi segreti | Voto: 5)
 

 
  Gran Bretagna Terrore e Guerre: L'ULTIMO FOOTAGE SUGLI ATTENTATORI DI LONDRA: ALTRE PROVE DI UNA MONTATURA

DI STEVE WATSON
Uno degli attentatori suicidi che hanno attaccato Londra il 7 luglio fu filmato mentre discuteva con un cassiere di che gli avrebbe dato del resto sbagliato alcune ore prima di farsi saltare in aria, ha riportato ieri il London Independent.
Un esperto di anti-terrorismo della Polizia Metropolitana ha anche detto ad un seminario che i quattro terroristi – Mohammad Sidique Khan di 30 anni, Shehzad Tanweer di 22, Germaine Lindsay di 19 e Hasib Hussain di 18 – non coincidevano con il profilo preconcetto del terrorista. Il funzionario ha detto al seminario tenutosi a Preston (nel Lancashire) due settimane fa: “Questo non è l’atteggiamento di un terrorista - Voi pensereste che è normale. “Tanweer ha pure giocato a cricket la sera prima di andare a Londra – Ora, sono queste le azioni di qualcuno che sta per farsi saltare per aria il giorno successivo? “Ho visto il footage della CCTV su queste persone. Non sembra che stiano andando a commettere assolutamente alcun crimine. L’attentatore di Russel Square [Hasib Hussain] si vede in effetti mentre va per negozi e in mezzo alla calca [prima del suo attacco]”. Ha detto l’esperto.

 
 
  Postato da cdcnet il 20/10/2006 (1177 letture)
(Leggi Tutto... | 13602 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Servizi segreti: LA "MENTE" DIETRO LE BOMBE DI LONDRA

DI CHRISTOPHER BERRY-DEE
The New Criminologist Online

Haroon Aswat – l’uomo che la polizia britannica ritiene fosse dietro le bombe di Londra – lavorava per l’MI6, è stato confermato da agenti a capo dei servizi segreti francesi e statunitensi.
Ora un agente dell’FBI a Seattle – il nome è stato rimosso per motivi di sicurezza, ma che può essere pubblicato subito – ha richiesto che l’ex agente federale Janette Parker smetta di parlare ai media britannici di come l’FBI abbia fatto ostruzionismo al loro miglior investigatore sul terrorismo, John O’Neill, nelle sue indagini.
Parker, che ha lavorato al fianco di O’Neill anche se non a livello ufficiale, teme per la sua vita.

 
 
  Postato da cdcnet il 12/10/2006 (1153 letture)
(Leggi Tutto... | 7155 bytes aggiuntivi | Servizi segreti | Voto: 0)
 

 
  Gran Bretagna Terrore e Guerre: Londra: una ditta israeliana gestiva la sicurezza alla metropolitana

Alcuni punti salienti riguardo gli attentati del 7 luglio a Londra sembrerebbero essere:
1) l'ambasciata israeliana conosceva quanto sarebbe accaduto;
2) gli "attentati terroristici" sono avvenuti negli stessi luoghi e nello stesso tempo di svolgimento di una esercitazione "anti-attentati terroristici" (il che rappresenta una eventualità decisamente rara, a meno che…)
3) A ciò ora si aggiunge un nuovo tassello per gli amanti della cospirazione.
Chi si occupava della sicurezza alla metropolitana di Londra?
La risposta che ci viene spontanea è: le forze dell’ordine britanniche oppure l’apparato di sicurezza inglese o risposte simili. Ed invece no.
Si deve andare in Medio Oriente ed esattamente in Israele.
 
 
  Postato da cdcnet il 01/10/2006 (1126 letture)
(Leggi Tutto... | 5659 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.