Home  ·  Downloads  ·  Login  ·  Top  ·  Archivio  ·  Argomenti  ·  Categorie  ·  RSS
comeDonChisciotte.net: Libia

Search on This Topic:   
[ Go to Home | Select a New Topic ]

Libia, sette anni di sventura

Sette anni fa, il 19 marzo 2011, iniziava la guerra contro la Libia, diretta dagli Stati uniti prima tramite il Comando Africa, quindi tramite la Nato sotto comando Usa. In sette mesi, venivano effettuate circa 10.000 missioni di attacco aereo con decine di migliaia di bombe e missili.
A questa guerra partecipava l’Italia con cacciabombardieri e basi aeree, stracciando il Trattato di amicizia e cooperazione tra i due paesi.

15/11/2018 (124 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



Libia sette anni dopo: Una vergogna per l'occidente


28/10/2018 (151 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



Saif al-Islam Gheddafi, il convitato di pietra dello scenario libico


25/10/2018 (127 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



Caos in Libia: Piovono missili su Tripoli, battaglia nelle strade, fuga dal carcere


Traduzione automatica (in parte rivista)

03/09/2018 (373 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



Nuova fase di combattimenti in Libia

03/07/2018 (386 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



La Libia secondo l'ONU e secondo la dura realta'

Nonostante la buona volontà di alcuni partecipanti, la conferenza di Parigi per la Libia non ha prodotto, in concreto, gli effetti immaginati. Secondo Thierry Meyssan, la spiegazione è da ricercare nella doppiezza del linguaggio della NATO e dell’ONU che a parole dicono di voler stabilizzare il Paese, mentre nei fatti continuano a perseguire il piano Cebrowski, ossia la distruzione delle strutture degli Stati. Dalla messinscena di Parigi traspariva anche una profonda ignoranza delle peculiarità della società libica.

06/06/2018 (187 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



La guerra silenziosa: Gran Bretagna, Europa, Schiavitu' e Abusi sessuali in Libia

Se c’è qualcosa che ho imparato, lavorando al largo delle coste della Libia, è che predicare l’umanità e metterla in pratica sono due cose molto diverse.

Proprio adesso, i politici di tutta Europa dicono che stanno difendendo i diritti umani e insistono sul fatto che stanno cercando una soluzione pacifica alla crisi migratoria – proteggendo, allo stesso tempo, la vita dei più vulnerabili. Questo, però non è vero, semplicemente.

27/03/2018 (391 letture)
(Leggi Tutto... | Voto: 0)



Il fantasma di Gheddafi perseguita Sarko

Il “Liberatore della Libia” si mise contro il colonnello nel 2011, ma sembra che l’ascendente del presidente francese dovesse molto alla beneficenza del defunto dittatore

La guerra della NATO del 2011 contro la Libia è stata venduta all’unanimità in Occidente come un’operazione umanitaria necessaria contro il dittatore malvagio (Hillary Clinton: “Siamo venuti, abbiamo visto, è morto”). Russia e Cina erano fermamente contrarie.

25/03/2018 (310 letture)
(Leggi Tutto... | Voto: 0)



LIBIA. ECCO GLI 'ATROCI CRIMINI CONTRO IL POPOLO LIBICO' COMMESSI DA GHEDDAFI

Muammar al-Gheddafi, che la NATO e gli Stati Uniti hanno etichettato come " dittatore brutale" (il che serviva come giustificazione per i loro attacchi aerei assassini), dovrebbe essere venerato dalle Nazioni Unite per i suoi meriti rispetto ai diritti umani in Libia. I seguenti fatti sono solo un estratto di una lunga lista.

25/01/2018 (698 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



MEMORANDUM SULLA LIBIA: DISINFORMAZIONE CONTRO STATO, GUIDA ED ESERCITO

Mentre la NATO ha deliberatamente falsificato il dossier libico per arrogarsi il diritto di distruggere la Libia e assassinarne la Guida per gettarla nel caos, Sayf al-Islam Gheddafi rimane l’unica personalità capace di unire rapidamente le diverse tribù. Liberato di recente, ha scritto questo memorandum per esaminare la situazione giuridica del suo Paese.

30/10/2017 (497 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



REMEMBERING MUAMMAR QADDAFI AND THE GREAT LIBYAN JAMAHIRIYA

 Circa 1970: Muammar Qaddafi with members of the Free Unionist Officers who later formed the Revolutionary Command Council. Far right is Abu-Bakr Yunis Jabr who,at 71 years of age,was captured alongside Qaddafi at the Battle of Sirte.
Circa 1970: Muammar Qaddafi with members of the Free-Unionist-Officers who later formed the Revolutionary Command Council. Far right is Abu-Bakr Yunis Jabr who,at 71 years of age,was captured alongside Qaddafi at the Battle of Sirte.

21/10/2017 (511 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



LIBYA UPDATE: ISIS MOVING IN?

ISIS and its head Abu Bakr Al Baghdadi have publicly declared that Libya will be its next home now that ISIS is being driven out Syria and Iraq.

17/10/2017 (394 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



LE MAIL DELLA CLINTON RIVELANO IL VERO MOTIVO DELL'INTERVENTO IN LIBIA

DI BRAD HOFF
foreignpolicyjournal.com

Le mail appena rivelate mostrano che la NATO intervenne perché Gheddafi voleva creare una propria moneta, agganciata all’oro, per competere con l’euro e il dollaro.

A capodanno sono state pubblicate oltre 3.000 nuove e-mail della Clinton quando era al Dipartimento di Stato. La CNN ovviamente si è concentrata sulle più futili.

26/06/2017 (607 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 5)



LA CORTE PENALE INTERNAZIONALE DOVREBBE ESSERE PROCESSATA, NON SAIF GHEDDAFI

La Corte Penale Internazionale (ICC) ha chiesto alla Libia di consegnare il figlio dell’ex leader Mu’ammar Gheddafi, Saif, dopo la sua liberazione da parte di una milizia armata la scorsa settimana, ma è la Corte, non Saif, che dovrebbe essere processata.

20/06/2017 (538 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



MASSACRE AT BRAK AL-SHATTI MAY TRIGGER LARGE CIVIL WAR

Egypt, the UN and Arab governments try to mediated between the two governments in Libya. A massacre at an air base interrupted the process and threatens to intensify the civil war.

by Richard Galustian
Moon of Alabama

(Cairo) Nobody has their eye on Libya with all "western" media preoccupied with DC machinations, Russiaphobia and the first overseas trip of President Trump.

What about the implosion we are on the brink of seeing in Libya following the murder of all LNA Air Force personnel at the Brak al-Shati AFB?

23/05/2017 (461 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



LIBIA: SAIF AL ISLAM GHEDDAFI LIBERO E PRONTO PER LA VENDETTA?

Par Ibrahima Bayo Jr.
lavoixdelalibye.com

Après cinq années passées dans les geôles libyennes, Seif Al Islam peut revoir la lumière du soleil. Le second fils de Mouammar Kadhafi a été libéré par la milice de Zintane qui l’avait capturé à la chute du régime. L’avenir de cet ancien homme fort du régime se pose avec acuité sous fond de rivalité entre Khalifa Haftar et Sayyed El Sarraj.

L’information est presque passée inaperçue dans les médias. Plus de cinq ans après sa capture Seif Al Islam, le second fils de Mouammar Kadhafi, est à nouveau libre. C’est le colonel Ajmi Al-Atiri, chef de la brigade d’Aboubakr Al Seddik -responsable des prisons de la ville libyenne de Zintane- qui a confirmé l’information lors d’une interview à France 24 reprise par Echorouk. « Seïf Al-Islam est mis en liberté et se trouve sur le sol libyen. C’est tout ce que je peux vous dire », a confié le haut responsable à la chaîne satellitaire française.

(Photo: Crédits : Reuters)

10/03/2017 (475 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



LIBIA, SEPOLTA NEL CRIMINE E NEL SILENZIO

Higinio Polo
Tradotto da  Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Non sappiamo quanti siano stati i morti in Libia in seguito al brutale intervento NATO nel 2011. Alcune fonti parlano di circa trentamila morti, altre danno cifre maggiori. Intanto, la stima della Croce Rossa è di circa 120.000 morti, ma non vi è dubbio che la guerra iniziata dalla NATO ha distrutto il paese e gettato i suoi sei milioni di abitanti in un incubo terribile.

16/01/2017 (554 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



THE DREADFUL CHRONOLOGY OF GADDAFI'S MURDER

By Chris Welzenbach
ICH - Counterpunch

Jean-Paul Pougala’s April 14, 2011 piece in Pambazuka News titled “The Lies Behind the West’s War on Libya” describes how Africa first developed its own transcontinental communications system by purchasing a telecommunications satellite on December 26, 2007: the African Development Bank ponied up $50 million toward the nearly $400 million cost of the orbiter and the West African Development Bank added $27 million more. Libya contributed $300 million, which made the purchase possible. Pougala writes that when it was up and running, the new system was “connecting the entire continent by telephone, television, radio broadcasting, and several other technological applications such as telemedicine and distance teaching.”

TRADUZIONE IN ITALIANO: LA TERRIBILE CRONISTORIA DELL’OMICIDIO DI GHEDDAFI
07/10/2016 (577 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



ANCHE IL PARLAMENTO BRITANNICO CONFERMA CHE LA GUERRA CONTRO LA LIBIA SI FONDAVA SU FALSITA'

http://4.bp.blogspot.com/-6-x-cT42b8U/TlFEqwDTchI/AAAAAAAAKng/YIUYeB98Ypc/s1600/anthony+freda+HumanitarianBombs.jpgTITOLO ORIGINALE: BRITISH PARLIAMENT CONFIRMS LIBYA WAR WAS BASED ON LIES ... TURNED NATION INTO A 'SHIT SHOW'...SPREAD TERRORISM

washingtonsblog.com

IMMAGINE: Anthony Freda: www.AnthonyFreda.com.

Sintesi: Il Parlamento del Regno Unito conferma tutto ciò che da anni dicono i mezzi di informazione alternativi.
All'inizio la relazione si sofferma sul fatto che la minaccia verso i civili da parte del governo libico è stata esageratamente sovrastimata. L'asserzione che Muammar Gaddafi avrebbe ordinato il massacro dei civili a Bengasi non è supportata da alcuna prova.
Il regime di Gaddafi stava riconquistando le città nel febbraio 2011 senza attaccare i civili ma solo combattenti armati, e in particolare i "terroristi islamici" a Bengasi. Proprio in questa città avevano sede i quartieri generali di Al Qaeda, tanto che la si poteva considerare una loro roccaforte. Ed è proprio quando Gaddafi era sul punto di invadere Bengasi che intervennero gli aerei della NATO per fermarlo e proteggere la città.
Come dichiarato da Clare Lopez, membro della commissione ed ex funzionario CIA, gli USA facilitarono l'arrivo delle armi alle milizie di Al Qaeda. Inoltre le capacità di combattimento delle forze di Al Qaeda e simili erano incrementate da personale messo a disposizione da stati come la Gran Bretagna, Francia, Turchia, Qatar e Emirati Arabi.

22/09/2016 (851 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



US TERROR-BOMBS LIBYA ON THE PHONY PRETEXT OF COMBATING ISIS IT SUPPORTS

by Stephen Lendman
sjlendman.blogspot.it

Has Libya 2.0 begun? Will weeks or months of terror-bombing continue to solidify control over a nation Washington wants as an unchallenged client state?

Law Professor Francis Boyle emailed the following: “Congress goes on vacation in August. So predictably (Obama) uses its absence as an occasion to start a new war in violation of the United Nations Charter, the War Powers Clause of the Constitution and the US War Powers Resolution of 1973.”

Bombing Libya or any other country without Security Council authorization is naked aggression plain and simple. There’s no getting around it.

03/08/2016 (691 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 5)



Argomento casuale

Mondo
[ Mondo ]

·Psicoanalizzare la NATO: Schizofrenia


·Gli Usa si preparano allo scontro con Russia e Cina


·Perche' Orwell e' superiore ad Huxley


·Un mondo di multipli detonatori per guerre mondiali


·Finalmente la sicurezza della tecnologia 5G viene messa in discussione


·Il governo USA progetta la conquista della Russia con una invasione a sorpresa


·Segni di collasso in arrivo: Rivolta mondiale dei cittadini contro tasse e stranieri illegali


·Benvenuti nel Nostro Glorioso NeoMedioevo Scientista


·Ecco perche' Sherlock Holmes non e' mai stato considerato un teorico della cospirazione


·Scienziati corrotti per nascondere la verita' sugli effetti allarmanti dello zucchero


·La Cina chiede chiarezza da USA e Canada per l'arresto della CFO della Huawei


·Come l'Occidente divora i propri figli


·Tutto il potere alle ONG. Tutti i soldi dal triliardario Soros


·Migrant Compact ONU: La morte delle nazioni


·L'impero continua a dimostrare che Assange ha perfettamente ragione


·Scie Chimiche: continua la strategia della normalizzazione


·Il volo del pollo decapitato


·La via oscura del neoliberismo al fascismo


·Quando si vogliono sanzionare Stati, li si definisce terroristi


·L'inganno della societa' aperta



Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001


Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· Libri

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· Vaccini

AUTORI

· Tony Cartalucci

· Michel Chossudovsky

· William Engdahl

· Pepe Escobar

· Chris Hedges

· Finian Cunningham

· Michael Hudson

· Peter Koenig

· Stephen Lendman

· Thierry Meyssan

· Dmitry Orlov

· James Petras

· John Pilger

· Paul Craig Roberts

·
 Brandon Turbeville

· John W. Whitehead

· Mike Whitney


Motto del Sito
Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero (Anonimo)


 
Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.