Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

 
 
comeDonChisciotte.net: Iraq

Search on This Topic:   
[ Go to Home | Select a New Topic ]
 
 


 
  Iraq Terrore e Guerre: BAGNO DI SANGUE A MOSUL: 'UCCIDETELI TUTTI..ISIS, UOMINI, DONNE, BAMBINI'

I soldati iracheni ricevono negli ultimi giorni di battaglia con l'ISIS l'ordine brutale: Uccidere tutto ciò che si muove. I risultati si trovano fra le macerie.

(Articolo non tradotto)

 
 
  Postato da cdcnet il 28/07/2017 (369 letture)
(Leggi Tutto... | 13065 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Iraq 'LIBERATED' MOSUL: DANCING DEATH-SQUADS. TORTURES, MURDERS, RAPISTS, THIEVES ... ANIMALS.

Image result for mosul

"The purpose of dirty war is not to identify and then detain or kill actual resistance fighters. The target of dirty war is the civilian population. It is a strategy of state terrorism and collective punishment against an entire population with the objective to terrorizing it into submission" Dirk Adriaensens, Brussels Tribunal

 
 
  Postato da cdcnet il 13/07/2017 (117 letture)
(Leggi Tutto... | 25719 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq THE MEDIA SAYS THE US JUST LIBERATED MOSUL: HERE'S WHAT REALLY HAPPENED

http://theantimedia.org/wp-content/uploads/2017/07/liberation-mosul-iraq.jpg

The mainstream media appears to be celebrating ISIS’ recent defeat in Mosul, albeit with some reservations. The media is largely using the word “liberation,” which indicates the people of Mosul have been freed from a monstrous force by a friendly, benevolent one.

 
 
  Postato da cdcnet il 12/07/2017 (104 letture)
(Leggi Tutto... | 12224 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq ISIS ATTACCA IL CONFINE IRACHENO NEI PRESSI DELLA BASE MILITARE U.S.A.

Dopo la notizia che gli invasori statunitensi erano stati tagliati fuori dall'Eufrate da una linea di territorio siriano, occupato dalle truppe governative, che raggiungeva il confine iracheno. Si diceva anche che "Elementi iracheni delle Unità Militari Popolari sotto il comando del governo iracheno si muovono per incontrare le forze siriane al confine" e che il territorio occupato dalle forze statunitensi finiva con l'essere circoscritto alla sola zona di al-Tanf.
Ecco che le immancabili forze ISIS accorrono per impedire che si completi questa manovra.

 
 
  Postato da cdcnet il 22/06/2017 (366 letture)
(Leggi Tutto... | 4389 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq Imperialismo: MOSSUL: INTRAPPOLATI E CONDANNATI A MORTE PER FAME

Le persone intrappolate nella città vecchia di Mossul stanno morendo di fame perché non hanno ricevuto cibo per quasi tre settimane, secondo un residente.

In un’intervista esclusiva con l’Independent, Karim, un tassista 28enne che vive nel centro storico di Mossul, dice che molte persone, inclusi alcuni suoi conoscenti, uno dei quali suo amico, sono già morte di malnutrizione.

“Alcune aree della città vecchia non hanno ricevuto cibo per 20 giorni, e la maggior parte delle persone ha speso tutti i risparmi”, dice Karim. Egli aggiunge che durante questo periodo sono mancate acqua ed elettricità e nessuno può lasciare la zona perché l’ISIS gli spara se cercano di farlo. “Non possiamo uscire dalle nostre case”, dice, “non è sicuro per nessuno”.

 
 
  Postato da cdcnet il 06/04/2017 (180 letture)
(Leggi Tutto... | 10121 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 0)
 

 
  Iraq Stephen Lendman: OPERAZIONE MOSUL: UN MASSACRO MEDIEVALE

By Stephen Lendman
Information Clearing House

Russian Foreign Ministry spokeswoman Maria Zakharova described it this way weeks after US-led terror-bombing and Iraqi ground operations began last October – long before the worst horrors ongoing now.

US-orchestrated operations are being conducted under “conditions of absolute information blockade,” Zakharova explained.

Nothing was done to protect, evacuate or otherwise help civilians. They’ve been on their own in harm’s way without humanitarian or any other type aid or consideration for their welfare and safety since last October.

V I D E O

 
 
  Postato da cdcnet il 27/03/2017 (156 letture)
(Leggi Tutto... | 6439 bytes aggiuntivi | Stephen Lendman | Voto: 0)
 

 
  Iraq Terrore e Guerre: MOSUL: CIVILIANS ARE THE REAL TARGETS... NOT 'ISIS'

As Iraqi death Squads and Coalition Forces Advance on Mosul, Uppity Civilians are the Real Targets… not “ISIS™”

11Scott Creighton
willyloman.wordpress.com

In Iraq, there is a popular revolt taking place against the neoliberal puppet regime we installed after we illegally invaded the country and occupied it for over a decade. Led by the General Military Council for Iraqi Revolutionaries, the popular insurgency started in earnest once the US had to pull out the majority of their forces per an agreement signed back in the Bush administration days. The large Sunni population of the country had no representation in the government in Baghdad and they were sick of being imprisoned and abused by our previous puppet dictator, al-Maliki so they took advantage of the power vacuum created by our exodus and rose up against him.

Photo: Iraqi death squad member. Our partners against “ISIS”.

 
 
  Postato da cdcnet il 23/02/2017 (220 letture)
(Leggi Tutto... | 11886 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Iraq Video Exposes Crisis Actors Faking an ISIS Car Bombing

MEDIA REPORTS IT AS REAL

by Jay Syrmopoulos
thedailysheeple.com

Propaganda is a tool used by governments to control the thought process and understanding of events through intentional manipulation. The goal of which is to frame the world in a view that will be beneficial to the ruling powers and their public policy goals.

Americans typically don’t perceive that they are being propagandized, tending to often buy into the narrative that is sold to them by the corporate mainstream media, as they have been conditioned since a young age to believe that the U.S. has a “free press” that simply reports the truth as it happens – a dangerous stance that couldn’t be further from the actual truth.

 
 
  Postato da cdcnet il 28/11/2016 (211 letture)
(Leggi Tutto... | 5055 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq CHE C'E' DIETRO LA 'LIBERAZIONE' DI MOSUL?

DI ROBERT FISK
independent.co.uk

Quando cadrà Mosul, l’ ISIS  fuggirà e la Siria sarà più sicura …. E poi? L’intero esercito del califfato dell’Isis potrebbe cominciare a combattere direttamente contro il governo di Assad e dei suoi alleati – uno scenario che potrebbe anche dare qualche soddisfazione a Washington

L’esercito siriano,  Hezbollah e gli alleati iraniani si stanno preparando ad una  a massiccia invasione di migliaia di  Isis fighters  che saranno cacciati dall’Iraq  dopo la  Caduta di Mosul.  Il sospetto dell’esercito siriano  è che il vero scopo dietro la tanto strombettata “liberazione” della città irachena programmata dagli USA, sia quello di sommergere la Siria con orde di combattenti Isis che devono abbandonare le loro capitale irachena per raggiungere la loro “mini-capitale” Raqqa all’interno della Siria stessa.
 
 
  Postato da cdcnet il 19/10/2016 (502 letture)
(Leggi Tutto... | 8567 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq HO VISTO CON I MIEI OCCHI COSA HANNO CAUSATO LE AZIONI DI BLAIR

TITOLO ORIGINALE: HO LETTO IL REPORT CHICLOT MENTRE VIAGGIAVO ATTRAVERSO LA SIRIA QUESTA SETTIMANA ED HO VISTO CON I MIEI OCCHI COSA HANNO CAUSATO LE AZIONI DI BLAIR.

blaDI ROBERT  FISK
independent.co.uk

Qual è la differenza tra le inesistenti armi di distruzione di massa irachene, 45 minuti di avvertimenti falsi, 70.000 inesistenti Siriani “moderati” e un finto guadagno di milioni per il sistema sanitario se la Gran Bretagna lasciasse l’UE?

Penso che un processo di Norimberga sarebbe un posto migliore per fare le pulci ai crimini che abbiamo commesso grazie alla coppia Blair-Bush, andando in guerra in Medio Oriente. Abbiamo portato alla morte circa mezzo milione di persone, la maggior parte dei quali Musulmani, tanto innocenti quanto Blair era colpevole. Una corte sullo stile di quella di Norimberga dunque dovrebbe concentrarsi di più sulle masse di Arabi vittime delle nostre spedizioni criminali, piuttosto che sullo scellerato “profondo rammarico” – parole sue, ovviamente – di Lord Blair di Kut al-Amara

 
 
  Postato da cdcnet il 12/07/2016 (608 letture)
(Leggi Tutto... | 9052 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq WE ARE ATTACKING THE GMCIR AND THE PEOPLE OF FALLUJAH, NOT 'ISIS'

FALLUJAHby Scott Creighton
willyloman.wordpress.com

The Iraqi puppet regime and it’s sugar daddy, the US military, has just started a new slaughter in Fallujah. They dropped leaflets over the city a couple days ago telling people to get out, pretty much the same thing they did back in 2004, twice, when they decimated the city and killed thousands of civilians because they failed to bow down to the new rulers of Iraq.

They say they are after “ISIS™”. That’s a lie. They are fighting against the Iraqi insurgency (post-U.S. withdrawal) not some fabricated justification cobbled together to give President Peace Prize some legitimacy as he rushes back into Iraq to preserve our grasp on what Dick Cheney and George Bush stole back in 2003.

 
 
  Postato da cdcnet il 24/05/2016 (386 letture)
(Leggi Tutto... | 11541 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq L'ESERCITO IRACHENO SI PREPARA PER LA COMPLETA DISTRUZIONE DELL'ISIS

ooFONTE: EN.ALARM.IR

L'Iraq si sta preparando per la completa distruzione dei gruppi terroristici nel paese tra cui Daesh (ISIS), ha dichiarato domenica il consigliere per la sicurezza nazionale iracheno Faleh al-Fayad, e riferito dall'agenzia IRNA. Lo ha fatto in un incontro con il segretario del Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale dell'Iran (SNSC) Ali Shamkhani. 
Al-Fayad si è congratulato con l'Iran per l'attuazione del comune piano d'azione globale (JCPOA) e ha elogiato il ruolo strategico dell'Iran nella sicurezza e la stabilità regionale. Ha aggiunto che le forze irachene dell'Esercito e del volontariato (Hashd al-Shaabi) si stanno preparando a lanciare la fase finale delle operazioni per la completa distruzione dei gruppi terroristici.


Al-Fayad ha ribadito la necessità di rafforzare i legami tra Iran e Iraq, aggiungendo che le relazioni costruttive tra i due Paesi sono auspicabili  per la regione. Domenica scorsa da parte sua, il segretario del Supremo Consiglio di Sicurezza Nazionale Ali Shamkhani ha elogiato l'unità nazionale irachena per la sua campagna contro il terrorismo.
 
 
  Postato da cdcnet il 21/01/2016 (548 letture)
(Leggi Tutto... | 3133 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Iraq UN COLONNELLO ISRAELIANO 'COLTO IN FLAGRANTE' CON L'ISIS

UntitledDI F. WILLIAM ENGDHAL
Journal-neo.org

Questo non era assolutamente previsto che accadesse. Un militare israeliano, col grado di colonnello, è stato catturato a “ brache calate assieme all’Isis”. Con questo voglio dire che è stato catturato da soldati dell’esercito iracheno, assieme ad una banda di terroristi dello Stato Islamico o Isis o Daesh, come preferite. Sotto interrogatorio da parte dell’intelligence irachena, pare abbia riferito parecchie cose sul ruolo dell’IDF ( esercito israeliano ndr) nell’appoggiare l’Isis.

Un’agenzia di stampa iraniana alla fine di ottobre ha riferito — citando un esperto funzionario dell’intelligence irachena — della cattura di un colonnello dell’esercito israeliano, di nome Yusi Oulen Shahak, legato a quanto si dice al battaglione Golani dell’Isis, operante nel governatorato di Salahuddin. In una dichiarazione presso l’agenzia di stampa semi-ufficiale iraniana Fars, un comandante dell’esercito iracheno disse: “Le forze popolari di sicurezza hanno fatto prigioniero un colonnello dell’esercito di Israele”. Aggiunse anche che il colonnello dell’IDF “aveva partecipato alle operazioni terroristiche della fazione takfirita dell’Isis”. Precisò che il colonnello è stato arrestato assieme ad un gruppo di terroristi dell’Isis o Is, fornendo dei dettagli: “Il nome del colonnello israeliano è Yusi Oulen Shahak, ed ha il grado di colonnello presso la brigata Golani…col codice segreto militare di Re34356578765az231434.”
 
 
  Postato da cdcnet il 30/11/2015 (847 letture)
(Leggi Tutto... | 15248 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq NO SHAME FOR U.S. 2003 INVASION OF IRAQ?

War Crimes Bush, Cheney, Rumsfeld, Ashcroft, RiceBy Eric Zuesse
October 25, 2015 "Information Clearing House" - "SCF"

Germany was ashamed of having invaded Poland under a false pretext, etc.; but the U.S. is not ashamed of having secretly overthrown Iran’s democracy in 1953 and of having installed dictatorship there; nor of having invaded Iraq and created Iraq’s civil war in 2003, etc. (there are many such examples).

America’s failure to prosecute George W. Bush and Dick Cheney for the invasion of Iraq is the most stunning evasion of basic democratic accountability, and raises the question of whether all that’s necessary in order to be a ‘democratic’ dictator in the United States is to lie enough to fool enough people long enough, so as to be able to make it to one’s grave with no criminal record, even if one has, in fact, raped the country that one had led, not to mention destroyed the lives of victims of that country, such victims as the citizens of Iraq.
 
 
  Postato da cdcnet il 25/10/2015 (513 letture)
(Leggi Tutto... | 19512 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq TARIQ AZIZ OBITUARY

Tariq Aziz By Hans-C. von Sponeck and Denis J. Halliday
June 12, 2015 "Information Clearing House"

Tariq Aziz, former Prime Minister of Iraq has passed away. Twelve years of suffering in Iraqi jails have ended and he can finally rest in peace. Unwell, deprived of adequate medical help and abandoned by the outside world, he was held hostage by Iraqi governments following the illegal invasion of Iraq by the US and the UK governments in 2003. Tariq Aziz was needed by a struggling authority as a symbol of victory after having inherited a destroyed nation following years of sanctions and a failed occupation.

It does not matter to us that our words of sadness and respect for Tariq Aziz – a leader during many dark days of his country – will be used by some to discredit us for alleged support of a dictatorial regime.
 
 
  Postato da cdcnet il 13/06/2015 (473 letture)
(Leggi Tutto... | 3298 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq AMERICAN SNIPER VS BAGHDAD SNIPER. (LA STORIA DI JUBA)

DI PEPE ESCOBAR
informationclearinghouse.info

La storia di Chris Kyle ora è incisa nella celluloide, con più di 300 milioni di dollari incassati al botteghino, ma anche l’Esercito Islamico in Iraq ha una propria leggenda, “Juba” – il cecchino di Baghdad. Una giuria texana ha stabilito che l’ex marine Eddie Ray Routh è colpevole di omicidio, nel 2013 ha ucciso l’ex Navy SEAL Chris Kyle, l’uomo che sta dietro ad American Sniper – il libro poi trasposto in un blockbuster diretto dall’icona hollywoodiana Clint Eastwood. Il governatore del Texas Greg Abbott ha messo la sua firma, dopo il verdetto, twittando “GIUSTIZIA!”.

Non importa che l’avvocato di Routh – e la sua famiglia – sostenessero che questi soffriva di psicosi, causate da un disordine da stress post traumatico (PTSD). Il PM texano ha spazzato via la teoria – “provando” che gli episodi PTSD erano causati dall’abuso di alcool e marijuana.
 
 
  Postato da cdcnet il 03/03/2015 (1143 letture)
(Leggi Tutto... | 9980 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq IRAQ: LA DISTRUZIONE DELLA MEMORIA

iraqDI MARCELLA GUIDONI
Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Bombardamenti sulla storia, centinaia di scienziati deliberatamente assassinati, città devastate da attacchi con armi chimiche, esplosione improvvisa di mostruose malformazioni infantili, torture orrende e umilianti. Questa la realtà nascosta dell’Iraq di oggi, precipitato nel più nero abisso dell’umana miseria dall’ennesima “guerra di liberazione” statunitense. Intanto l’Occidente tace. E si prepara a celebrare la “Giornata della Memoria”.

L’Iraq è un Paese unico al mondo. Una miniera ricca di tesori della cultura universale. Le prime scuole, il primo codice di leggi, la prima cosmologia, i primi archivi, tutto ebbe inizio a Sumer.
 
 
  Postato da cdcnet il 24/01/2015 (875 letture)
(Leggi Tutto... | 14267 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Iraq LA DISTRUZIONE DELLA TOMBA DI SADDAM HUSSEIN

saddamDI GILLES MUNIER
france-irak-actualite.com

La tomba di Saddam Hussein, situata a Al-Awja, suo villaggio natale presso Tikrit, è stata distrutta dai miliziani sciiti inviati nella regione per lottare contro i jihadisti dello Stato islamico (video sotto).

Circa un anno fa, il corpo dell’ex presidente iracheno era stato spostato dai membri della sua tribù in una località segreta. Nessuno spostamento era avvenuto, invece, per i suoi due figli, Udai e Qusai, per suo nipote Mustafa, per il suo fratellastro Barzan al-Tikriti e per il  vice-presidente Taha Yassine Ramadan, sepolti vicino a lui.

Promemoria: La tomba di Michel Aflak, fondatore del partito Baath, era stata anch’essa profanata da miliziani sciiti dopo l’invasione americana del 2003. Eppure era situata nella Zona verde, zona ultra-sicura.
 
 
  Postato da cdcnet il 03/01/2015 (1130 letture)
(Leggi Tutto... | 8858 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq RUSSIA, IRAN AND SYRIA IS COMING TO THE AID OF IRAQ

6456453Alexander Orlov
journal-neo.org

When, a little while ago, the author of this article repeatedly claimed in his previous publications that, U.S. supremacy in the Middle East is over, and that as a whole the era of American dominance in the world is coming to an end, one only needs to look at the real facts as confirmation of this. And it has now come to pass; and in the very country Washington in 2003 began “reshaping” the Arab world through war and Arab “revolutions”, most notably in Iraq. The helplessness of the U.S. in the face of the ISIS offensive against the al-Maliki government has inspired the nonsense coming from the White House with regards to Ukraine, and the powerful financial injections of Saudi Arabia and Qatar are being offset by the growing presence in the region of Russia, Iran and as well, a renewed role for Syria. Moscow and Tehran are supplying military aid to Baghdad, delivering weaponry, including powerful Russian multipurpose aircraft. In addition, there are elite units of the Iranian Revolutionary Guards in the country in order to protect Shiite shrines, while the Syrian Air Force is striking at positions held by the militants in north-western Iraq, doing that which the Iraqi government requested of Washington, but were refused.
 
 
  Postato da cdcnet il 04/07/2014 (884 letture)
(Leggi Tutto... | 10059 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq Opinioni: IRAQ RENACE DESDE LA CENIZAS

El regimen de Sadam Hussein vuelve en clamor de multitudes.....
La resistencia iraquí avanza incontenible: Mosul, Kirkut, Ninive, Faluya, Baiji se liberan de traidores y mercenarios de los EE. UU y la OTAN


http://libia-sos.blogspot.ch/

La importancia de reconocer las perversas manipulaciones y mentiras de los imperialistas y sus medios de comunicación, que con la propaganda falsa tratan de generar dudas en la comunidad internacional y sobre todo en el mismo Iraq. Nos obliga a reflexionar que los iraquíes nunca han olvidado que con pretextos falsos los EE. UU y la OTAN invadieron Iraq, cometieron el genocidio con mas de 1 millón de muertos, dejaron orfandad, desolación y destrucción de la infraestructura vital Iraqui, y cometieron el magnicidio contra el mártir Sadam Hussein, esta barbarie de la “avanzada civilización occidental” ha permanecido oculta por los grandes medios de comunicación que prefirieron la complicidad criminal antes que la defensa de la verdad.

Es preciso aclarar que el EIIL (Emirato Islamico de Iraq y el Levante) solo cuenta en Iraq con poco más de 10 mil militantes, son de confesión Suni, al igual que el mártir Sadam Hussein. Aun cuando Arabia Saudita es el epicentro del Sunismo, Sadam Hussein de carácter progresista y abierto a la convivencia entre religiones se declaró combativo contra la anacrónica monarquia Saudita, intento invadir esta país por cuanto consideraba que esta corrupta monarquía eran enemigos del Islam, Sadam educo a su pueblo en la tolerancia y convivencia ajena al fundamentalismo, mantuvo a Al Qaeda fuera de su territorio. En consecuencia podemos afirmar que nada tiene que ver el pensamiento de Sadam que recoge la resistencia Iraki con la práctica del EIIL.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/06/2014 (698 letture)
(Leggi Tutto... | 11173 bytes aggiuntivi | Opinioni | Voto: 0)
 

 
  Iraq OFENSIVA YIHADISTA. IRAK EN ESTADO DE SHOCK

EIIL. Combatientes izan la bandera de la organización terrorista.Tino Brugos
vientosur.info

En los últimos meses la guerra en Siria entró en una fase agotamiento. Tras meses de impasse la situación parecía inclinarse a favor del presidente Assad. Varios factores permitían obtener esa conclusión: escaso interés de la comunidad internacional por abrir un escenario nuevo en el que las fuerzas islamistas podrían jugar un papel hegemónico peligroso para los intereses occidentales, convocatoria electoral para legitimar el gobierno de Bachar e incluso la retirada de combatientes opositores de algunos núcleos urbanos. Todo ello permitía albergar alguna esperanza de que el conflicto entrara en una fase de hibernación o de baja intensidad.

Sin embargo, la ofensiva desencadenada por el Ejército Islámico de Irak y Levante (EIIL) sobre Irak ha desmentido, aunque sea de forma parcial, estas previsiones.
 
 
  Postato da cdcnet il 23/06/2014 (551 letture)
(Leggi Tutto... | 22978 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq COME GLI USA STANNO ARMANDO ENTRAMBI I CONTENDENTI DEL CONFLITTO IRACHENO

DI TYLER DURDEN
Zero Hedge

Se vi ricordate, nell'articolo US Begins Delivering F-16s To Iraq This Week, A Decade After It Wiped Out Iraq’s Air Force” [“Gli USA iniziano questa settimana a spedire F16 all'Iraq, dieci anni dopo aver cancellato l'aviazione irachena”], scrivemmo:

...gli USA consegneranno il primo di 36 caccia F16 all'Iraq, per quello che un inviato di Baghdad negli USA ha definito “un nuovo capitolo” per le capacità del suo paese di difendere i vasti confini con l'Iran e altri stati limitrofi...

Già a Marzo gli USA hanno fornito all'Iraq 100 missili Hellfire, fucili d'assalto e altre munizioni. In Aprile gli USA hanno spedito altre armi, fornendo all'Iraq munizioni per 11 milioni di colpi e altre forniture militari.

Non si sa quante di queste siano cadute nelle mani di Al Qaeda/ISIS, sappiamo che almeno un elicottero Black Hawk è stato catturato durante la presa di Mosul. Si sa però ciò che è stato riportato da PBS Frontline due settimane fa, mentre l'amministrazione negava di fornire armi ai “ribelli” Siriani, cioè gli stessi militanti dell'ISIS che hanno attraversato il confine e stanno ora combattendo in Iraq.
 
 
  Postato da cdcnet il 22/06/2014 (609 letture)
(Leggi Tutto... | 4653 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq IRAQ'S NIGHT IS LONG

ISIS manISIS SEEKS ITS THRONE

by VIJAY PRASHAD
counterpunch.org

Iraq’s night is long
Dawn breaks only to the murdered,
Praying half a prayer and never finishing a greeting to anyone.”
Mahmoud Darwish, Athar al-Farasha
 (tr. Sinan Antoon).

Northern Iraq, between the Kurdish zone and Baghdad, convulsed before the blitzkrieg of three formations — the Islamic State of Iraq and Greater Syria (ISIS), the Iraqi Islamic Army (manned by former Ba’athists) and elements of the former Mujahedin Shura Council. Like the Mongols, ISIS – the main force – runs across the landscape unchecked. It did not take long for Iraqi army soldiers to throw off their uniforms and join the caravans of Iraqis fleeing north and south from along the Tigris River cities of Mosul and Tikrit as well as from the western city of Tal Afar – along the road that links Iraq to Syria. Those Iraqi soldiers captured by the ISIS and their confederates had a perilous time. ISIS soldiers divided them up by their sectarian denominations. Before their own video cameras, ISIS troops slaughtered the Shia soldiers – 1700 by their own admission – and then posted the video on-line. Sunni soldiers were forced, on pain of death, to recite their fealty to the eternal Islamic State. The UN Human Rights chief, Navi Pillay, has already said that these killings constitute a war crime.
 
 
  Postato da cdcnet il 17/06/2014 (778 letture)
(Leggi Tutto... | 11475 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq TRIUMPH OF IRAQI RESISTANCE?

facebook.com/IraqiResistance

Triumph of the Iraqi resistance after 11 years of occupation.
Great defeat of puppet government. High officials flee outside Iraq. The proud people of Iraq will soon overcome the US-Zionist-Iranian conspiracy against Iraq and its people.
The Iraqi resistance liberated Mosul and almost all areas in Nineveh province, Tikrit, Tuz Khormato, Hawija and many other areas. Heavy battle in the provinces of Nineveh, Salah ad Din, Tamim, Anbar, Diyala, Babil and Baghdad. The Military Council of Iraqi Revolutionaries and the Political Council of Iraqi Revolutionaries called on the Iraqi army and police to provide weapons to the insurgents to save their lives. Thousands of soldiers in Mosul, Kirkuk, Hawija and many other cities escaped and lay down their weapons to the resistance. The Iraqi resistance destroyed and seized hundreds of military vehicles. Released several thousands of innocent prisoners in Mosul, Baiji and other cities. The Military Council of Iraqi Revolutionaries in Salah ad Din announced the quick acquisition of the entire province and gives the government forces last chance to lay down their arms.
 
 
  Postato da cdcnet il 15/06/2014 (555 letture)
(Leggi Tutto... | 3991 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq NATO'S TERROR HORDES IN IRAQ A PRETEXT FOR SYRIA INVASION

Tony Cartalucci
NEO

All roads lead to Baghdad and the Islamic State in Iraq and Syria (ISIS) is following them all, north from Syria and Turkey to south. Reading Western headlines, two fact-deficient narratives have begun gaining traction. The first is that this constitutes a "failure" of US policy in the Middle East, an alibi as to how the US and its NATO partners should in no way be seen as complicit in the current coordinated, massive, immensely funded and heavily armed terror blitzkrieg toward Baghdad. The second is how ISIS appears to have "sprung" from the sand dunes and date trees as a nearly professional military traveling in convoys of matching Toyota trucks without explanation.
 
 
  Postato da cdcnet il 13/06/2014 (781 letture)
(Leggi Tutto... | 19596 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq Mike Whitney: UN MILIONE DI PERSONE UCCISE IN IRAQ

IL PIU' GRANDE FURTO DI PETROLIO DELLA STORIA ?

DI MIKE WHITNEY
Information Clearing House

Prima dell'invasione ed occupazione dell'Iraq, gli USA e le aziende petrolifere occidentali erano completamente tagliati fuori dal mercato petrolifero iracheno. Ma grazie all'invasione ed occupazione, queste compagnie sono ora ritornate in Iraq e ci producono petrolio per la prima volta dopo essere state estromesse dal Paese nel 1973”.
Antonia Juhasz, analista del mercato del petrolio per Al-Jazeera.

Questo è il momento migliore per i giganti del petrolio presenti in Iraq. La produzione sale, i profitti aumentano e le compagnie fanno quattrini. Qui la storia tratta dal Wall Street Journal:

Il mese scorso la produzione petrolifera in Iraq è salita ai suoi massimi livelli in più di trent'anni, sorprendendo gli scettici sugli sforzi del paese per rimettere in sesto la sua industria petrolifera dopo decenni di guerre e negligenza”. ( WSJ).

 
 
  Postato da cdcnet il 08/06/2014 (659 letture)
(Leggi Tutto... | 14077 bytes aggiuntivi | Mike Whitney | Voto: 0)
 

 
  Iraq Galleria immagini: I BAMBINI DI FALLUJA - L'OSPEDALE DEGLI ORRORI

DI ROBERT FISK
independent.co.uk

Bambini nati morti, handicap, deformazioni troppo raccapriccianti da descrivere  - quali sono le bugie che si nascondono dietro l’angoscia del Fallujah General Hospital?

Le foto scorrono sullo schermo, in un piano alto del Fallujah General Hospital (Policlinico di Fallujah). E, di colpo, l’ufficio amministrativo di Nadhem Shokr al-Hadidi si trasforma in una piccola camera degli orrori. Un neonato con una bocca terribilmente deformata . Un altro con una malformazione del midollo spinale, con materia midollare che fuoriesce dal corpicino. Un neonato con uno spaventoso, enorme occhio da ciclope. Un altro neonato, con solo mezza testa, nato morto come i precedenti, data di nascita 17 giugno 2009. Un’altra foto passa sullo schermo: data di nascita 6 luglio 2009, mostra un minuscolo neonato con solamente un mozzicone del braccio destro, del tutto privo della gamba sinistra e senza genitali.

 
 
  Postato da cdcnet il 03/05/2014 (3750 letture)
(Leggi Tutto... | 15750 bytes aggiuntivi | Galleria immagini | Voto: 5)
 

 
  Iraq IRAQ: REVUELTA PERMANENTE, NO TERRORISMO

PESE A LA PROPAGANDA OFICIAL

Pedro Rojo*
IraqSolidaridad, 20 de enero de 2014

“Struan Stevenson, eurodiputado y presidente de la Delegación de Relaciones con Iraq del Parlamento Europeo, defiende que ‘[…] La gente que se ha levantado en armas contra las fuerzas de Maliki son ciudadanos iraquíes ordinarios empujados a defenderse a sí mismos contra un dictador despiadado’.”

El comunicado de prensa del viernes del 10 de enero del Consejo de Seguridad de Naciones Unidas [CS de NNUU] sobre la revuelta iraquí, que sustenta la versión oficial iraquí-estadounidense de que lo que está sucediendo en Iraq es una batalla contra Al Qaeda, no debe sorprender a nadie pues el apoyo a la política de seguridad de Maliki ha sido una constante en el CS de NNUU. Rusia, que ahora vende armas a Bagdad y es un incondicional defensor de Bashar al Asad, está pletórico con el respaldo a la lucha de Maliki para retomar el control de Al Anbar, bastión importante para garantizar el tránsito de armas y apoyo logístico de Irán e Iraq al régimen de Al Asad.
 
 
  Postato da cdcnet il 21/01/2014 (560 letture)
(Leggi Tutto... | 13233 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq Terrore e Guerre: FALLUJA: L'ULTIMO GRATTACAPO DI OBAMA

DI MELKULANGARA BHADRAKUMAR
Strategic Culture

Guernica nella guerra civile spagnola, My Lai nella guerra del Vietnam, Guantanamo Bay nella guerra al terrorismo – questi sono tutti simboli molto potenti.

Nella guerra in Iraq emerge l’assedio di Fallujah, di maggio 2004, come la più sanguinosa battaglia che gli Stati Uniti abbiano combattuto dalla guerra in Vietnam. I Marines soffrirono 40 morti, mentre i centinaia furono i decessi tra i civili iracheni. Le forze statunitensi fecero irruzione sulle aree residenziali di Fallujah con gli F-16 usando bombe a grappolo. La maggior parte dei prigionieri fu giustiziata…

Non appena il Corpo dei Marines annunciò la ritirata a maggio 2004, le moschee proclamarono la vittoria dei ribelli e la trasformazione di Fallujah iniziò come una sorta di mini Stato islamico sotto la legge della Sharia.
 
 
  Postato da cdcnet il 17/01/2014 (1049 letture)
(Leggi Tutto... | 11048 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Iraq Imperialismo: CRIMINI CONTRO L'UMANITA' IN IRAQ

LA DISTRUZIONE DELLE INFRASTRUTTURE DI DISTRIBUZIONE DELL’ENERGIA HA AVUTO UN DISASTROSO IMPATTO ECONOMICO ED AMBIENTALE

DI SOUAD N. AL-AZZAWI
GlobalResearch

Nel 2009, dopo sei anni di occupazione, con una popolazione che si aggira intorno ai 30 milioni di individui e una domanda di 6800-7500 MW [2], la disponibilità di energia elettrica è di soli 3300 MW. Per intenderci, l’Iraq non può raggiungere i 9925 MW di produzione che aveva negli anni ’80; la popolazione riceve solo il 30% dell’energia che gli veniva fornita dal governo prima dell’occupazione. La rete elettrica irachena era stata creata nel 1917 [1].
 
 
  Postato da cdcnet il 08/11/2013 (842 letture)
(Leggi Tutto... | 13593 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 0)
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Surveys
· Top
· Web_Links
 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· Libri

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· Vaccini

AUTORI

· Tony Cartalucci

· Michel Chossudovsky

· William Engdahl

· Pepe Escobar

· Chris Hedges

· Michael Hudson

· Peter Koenig

· Stephen Lendman

· Thierry Meyssan

· James Petras

· John Pilger

· Paul Craig Roberts

·
 Brandon Turbeville

· John W. Whitehead

· Mike Whitney
 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  Cerca nel sito

 

  Stat

 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.