Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Top
· Web_Links
 

  Categorie

· Tutte le Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Chris Hedge

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· James Petras

· Libri

· Michel Chossudovsky

· Mike Whitney

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Paul Craig Roberts

· Pepe Escobar

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Stephen Lendman

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· William Engdahl

 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

 
 
comeDonChisciotte.net: Turchia

Search on This Topic:   
[ Go to Home | Select a New Topic ]
 
 


 
  Turchia COULD TURKEY SWING OVER TO THE RUSSIAN CAMP?

JPEG - 33.9 kbThierry Meyssan
voltairenet.org

Even though, historically, Russia has a weighty past with Turkey, and even though it has not forgotten the personal rôle played by current President Erdoğan, to its detriment, during the the first Chechen war, it can not fail to be interested by the possibility of Ankara leaving NATO. On the other hand, the deep US state, which continues to pursue its imperial ambitions despite the election of Donald Trump, is ready to do whatever it takes to keep Turkey in the Atlantic Alliance.

Photo: What John Kerry does in daylight, Victoria Nuland undoes at night.

 
 
  Postato da cdcnet il 10/01/2017 (107 letture)
(Leggi Tutto... | 7072 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia IL VOLTAFACCIA DELLA TURCHIA

JPEG - 31.9 KbThierry Meyssan
voltairenet.org

Il presidente Vladimir Putin ha annunciato di aver concluso un accordo di cessate il fuoco per la Siria con la Turchia, finora il principale supporto operativo per i jihadisti. Come si può spiegare questo colpo di scena? Riuscirà il presidente Erdoğan a far ribaltare la posizione del suo paese dall’influenza degli Stati Uniti verso quella della Russia? Quali sono le cause e le conseguenze di questa drammatica inversione di rotta?

La Turchia è un membro della NATO, un alleato dell’Arabia Saudita, un patrono del jihadismo internazionale a seguito del ricovero del principe Bandar Ben Sultan nel 2012, nonché lo sponsor della Fratellanza Musulmana dopo il rovesciamento di Mohamed Morsi e la lite tra Doha e Riyad nel 2013 -14. Oltre a questo, ha attaccato la Russia nel novembre 2015, distruggendo un Sukhoi-24 e causando l’interruzione dei rapporti diplomatici con Mosca.

Eppure, questa è la stessa Turchia che ha appena sponsorizzato il cessate il fuoco in Siria, concepito dalla Russia [1]. Perché?

 
 
  Postato da cdcnet il 07/01/2017 (238 letture)
(Leggi Tutto... | 12621 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia AMBASCIATORE RUSSO ASSASSINATO: RAPPRESAGLIA, MA DI CHI?

Pochi giorni dopo la liberazione della città della Siria settentrionale di Aleppo, l’ambasciatore russo in Turchia, Andrej Karlov, è stato ucciso mentre teneva un discorso in una galleria d’arte nella capitale della Turchia, Ankara.

L’assassino, identificato come un ex agente della polizia turca, ha eseguito il familiare gesto del dito puntato verso il cielo utilizzato dalle organizzazioni terroristiche che operano nella vicina Siria, incluso il Fronte al-Nusra e l’autoproclamato “Stato Islamico” – gridando, secondo il Guardian:

Non dimenticate Aleppo. Non dimenticate la Siria. Fino a quando le nostre città non saranno sicure, voi non sarete al sicuro. Mi porterete via da qui solo da morto. Tutti coloro che sono coinvolti in questa sofferenza la pagheranno.

 
 
  Postato da cdcnet il 24/12/2016 (306 letture)
(Leggi Tutto... | 8769 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia THE DANGEROUS IMPLICATIONS OF THE ASSASSINATION IN TURKEY

Martin Berger
journal-neo.org

On December 19 an armed man murdered Russia’s Ambassador to Ankara Andrey Karlov in cold blood during the speech that the victim was delivering to honor the opening of the photo exhibition “Russia through the eyes of the Turks” in the Turkish capital. It’s been reported that were three other victims.

The footage that appeared on the Internet shows how an armed man approaches the ambassador from the back and starts shooting at him, while shouting “Allah Akbar! Do not forget about Aleppo! Do not forget about Syria!”

The attacker was soon killed by local policemen and security guards. It is now reported that the terrorist known as Mevlut Mert Altintas was a former Turkish policeman that served in a quick response special unit, while the HaberTurk news agency claims that he was fired after the failed coup d’etat in July.

 
 
  Postato da cdcnet il 20/12/2016 (181 letture)
(Leggi Tutto... | 5923 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia QUALCHE BREVE E PRELIMINARE CONSIDERAZIONE SULL'OMICIDIO DELL'AMBASCIATORE RUSSO AD ANKARA

FONTE: SAKER.IS

Okay, quindi stasera abbiamo il nome dell’assassino, è Mevlut Mert Aydintas, un poliziotto di 22 anni che era stato da poco licenziato a seguito della repressione anti-Gulen di Erdogan contro le forze che avevano recentemente tentato di rovesciarlo. Abbiamo anche un video molto utile dell’omicidio.

Il video dell’omicidio mostra anche qualcosa di molto importante: gli unici colpi sparati sono quelli dall’assassino. Guardate voi stessi.

 
 
  Postato da cdcnet il 20/12/2016 (409 letture)
(Leggi Tutto... | 13991 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia UN INFORMATORE ESPONE IL MODO IN CUI IL PRINCIPALE ALLEATO DELLA NATO ARMA E FINANZIA L'ISIS

1ha1rkplep81yys47ywdzeg DI NAFEEZ AHMED
medium.com

+ Il capo dei servizi segreti della Turchia, Hakan Fidan, è stato nominato membro di un gruppo terroristico legato ad al-Qaeda e all’ISIS
+ L’intelligence turca ha fornito direttamente all’ISIS aiuti militari per anni
 + Il governo turco ha dirottato forniture militari all’ISIS tramite un’agenzia di aiuti umanitari
 + I combattenti dell’ISIS, tra cui il vice di al-Baghdadi, hanno ricevuto cure mediche gratuite in Turchia e “protezione” dalla polizia turca
+ Il capo dell’ISIS in Turchia ha ricevuto “protezione H24/7” all’ordine personale del presidente Erdogan

+ Le indagini di polizia turche riguardanti l’ISIS vengono sistematicamente annullate

+ Il petrolio dell’ISIS viene venduto con la complicità delle autorità in Turchia e nella regione curda del nord dell’Iraq

+ La NATO afferma il ruolo della Turchia come alleato nella guerra all’ISIS
 
 
  Postato da cdcnet il 29/09/2016 (353 letture)
(Leggi Tutto... | 17649 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia TURKEY - THE NEW STRATEGIC DOCTRINE

JPEG - 63.5 kbby Thierry Meyssan
voltairenet.org

Denouncing the interpretation of the military coup d’état in Turkey as a manoeuvre by the United States against Recep Tayyip Erdoğan, Thierry Meyssan proposes a larger view which integrates the prior resignation of Ahmet Davutoğlu and the re-establishing of commercial relations with Israël, Iran and Russia. Thereafter, he anticipates what the new Turkish strategy will probably be.

Photo: During the coup d’état, several soldiers were decapitated by Islamistes from the AKP (the Justice and Development Party) and their heads were thrown into the Bosphorus. Here, an Islamist whips soldiers who had been arrested. The secular army was «purged», with absolutely no connection between the soldiers who were punished and those implied in the attempted putsch.

 
 
  Postato da cdcnet il 02/09/2016 (384 letture)
(Leggi Tutto... | 15304 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia ERDOGAN CALLS PUTIN AS RUSSIA SEETHES AT TURKEY'S SYRIAN INCURSION

By Alexander Mercouris
Information Clearing House - The Duran

Russia furious at Turkish move to set up rebel “safe zone” inside Syria to assist Jihadi rebels there, putting the recently announced “normalisation of relations” between Russia and Turkey in jeopardy.

In the immediate aftermath of the Turkish capture of Jarablus in Syria Turkish President Erdogan telephoned his “friend Putin” on Friday 27th August 2016.

The Kremlin’s account of the conversation is remarkable even by its standards for its terseness

 
 
  Postato da cdcnet il 31/08/2016 (365 letture)
(Leggi Tutto... | 21178 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia INCONTRO ERDOGAN-PUTIN: 'UNA NUOVA PIETRA MILIARE NELLE RELAZIONI BILATERALI?'

inn mDI STEPHEN LENDMAN
sjlendman.blogspot.it

Intervistato dalla Tass [1] in vista della riunione con Putin, è stato chiesto ad Erdogan di spiegare i suoi piani. Al centro dei suoi pensieri c'era sicuramente il ripristino delle lacerate relazioni economiche.

Ha definito la sua visita: "un nuovo punto di riferimento nelle relazioni bilaterali, una tabula rasa da cui rincominciare da capo". Ha ringraziato Putin per essere stato il primo leader straniero a chiamarlo ed esprimere sostegno alla sua leadership, dopo gli eventi abortiti del 15 Luglio.

 
 
  Postato da cdcnet il 11/08/2016 (357 letture)
(Leggi Tutto... | 8541 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia WASHINGTON SLAPDOWN: TURKEY TURNS TO MOSCOW FOR HELP

TRADUZIONE: WASHINGTON SOGGIOGATO: LA TURCHIA SI RIVOLGE ALLA RUSSIA

By Mike Whitney
ICH - Counterpunch

Turkey is slowly leaving the Atlantic system. That is the reason behind this coup. That is the reason why NATO is panicking. This is much broader and much bigger than Erdogan. This is a tectonic movement. This will affect Turkish-Syrian relations, Turkish-Chinese relations, Turkish-Russian relations and Turkish-Iranian relations. This will change the world.
Yunus Soner, Deputy Chairman Turkish Patriotic Party

It is becoming clear that the attempted putsch was not just the work of a small clique of dissatisfied officers inside the armed forces; it was rather the product of a vast conspiracy to take over the Turkish state that was decades in the making and might well have succeeded.”
Patrick Cockburn, CounterPunch

 
 
  Postato da cdcnet il 10/08/2016 (301 letture)
(Leggi Tutto... | 36062 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia THE SULTAN OF (EMERGENCY) SWING

By Pepe Escobar
ICH - SCF

Amidst an astonishing, relentless, wide-ranging purge that shows no signs of abating, with 60,000 – and counting – civil servants, academics, judges, prosecutors, policemen, soldiers jailed, fired, suspended or stripped of professional accreditation, it’s relatively established by now the Turkish government was very much informed a military coup was imminent on July 15. The information may have come from Russian intelligence, although neither Moscow nor Ankara will reveal any details. So, once and for all, this was no false flag.

A top, secular Middle Eastern intel analyst with an Istanbul front seat view to the coup clarified the internal political context even before the – widely expected – proclamation of a state of emergency (if France can do it, why not Turkey?):

 
 
  Postato da cdcnet il 26/07/2016 (260 letture)
(Leggi Tutto... | 13674 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia WHAT IS FETHULLAH GULEN?

345345345345F. William Engdahl
journal-neo.org

Since the failed coup attempt in Turkey of July 15 there has been much speculation in western media that it in fact was all engineered by President Recep Tayyip Erdoğan to provide him with the pretext to impose emergency rule and to jail any and all opposition to his rule. At this point evidence still suggests that that was not at all the case. Rather, as I wrote at the time when it was clear the coup attempt was collapsing, it was a coup initiated by the CIA acting through their primary asset inside Turkey, the networks of their fugitive Turkish asset Fethullah Gülen. When we examine more closely “what” is Fethullah Gülen he is anything but the grandfatherly image of a 75-year-old soft-spoken Islamic moderate, scholar and Imam. His networks have been called the most dangerous in Germany by Islamic experts and have been banned in several Central Asian countries. Now, too, in Turkey. What’s becoming clear is that the failed coup was in fact a dry-run, a dress rehearsal by Gülen’s controllers in Langley to see how Erdogan would react, in order to recalibrate and prepare for a more serious attempt in the future. Washington was not at all happy with the foreign policy turn of Erdoğan turning to reconcile with Russia and possibly also with Syria’s Assad.

 
 
  Postato da cdcnet il 25/07/2016 (242 letture)
(Leggi Tutto... | 21698 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia TURCHIA FUORI DALLA NATO ?

ssjjDI ROSANNA SPADINI
comedonchisciotte.org

Del golpe turco è stato detto tutto e il suo contrario … golpe da operetta, golpe fai da te, false flag, ma che golpe abbiamo noi, così è se vi golpe, golpe sì o golpe no … quindi non c'è molto da aggiungere, se non ribaltarlo dai fondelli e osservarlo da un'altra angolazione … non tanto un'indagine alla Sherlock, per cercare il responsabile del delitto, quanto una riflessione sul magma geopolitico internazionale, che vede tramontare l'efficienza organizzativa e il progetto realistico delle oligarchie atlantiche, in un processo di ricomposizione delle alleanze e delle strategie globali, dagli scenari sempre più oscuri e confusi.

 
 
  Postato da cdcnet il 22/07/2016 (583 letture)
(Leggi Tutto... | 14580 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia ERDOGAN ALLERTATO DAI SERVIZI SEGRETI RUSSI SUL COLPO DI STATO

Erdogan Warned of Incoming Coup by Russian AlertAmpia sintesi della versione iraniana del tentato colpo di stato in Turchia: protagonisti principali il religioso islamico Fethullah Gulen, gli USA e gli Emirati arabi (con il consenso dell'Arabia Saudita). Obiettivo: impedire la svolta di Erdogan nelle alleanze politiche internazionali e nel conflitto in Siria-Iraq.

en.farsnews.com

Giornali arabi hanno riportato, citando diplomatici di Ankara, che il Presidente turco Erdogan è stato allertato dalla Russia dell'imminente colpo di stato dell'esercito ore prima che accadesse. Le stesse fonti affermebbero che l'Organizzazione nazionale dei servizi segreti della Turchia, nota con la sigla MIT, era stata allertata dalla controparte russa di un colpo di stato imminente nello stato musulmano.

 
 
  Postato da cdcnet il 21/07/2016 (703 letture)
(Leggi Tutto... | 12214 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia DIETRO IL DISPERATO TENTATIVO DI COLPO DI STATO IN TURCHIA 'FIRMATO' C.I.A.

Soldati turchi e i supporter del presidente Erdogan nella piazza di Taksim a IstanbulEngdahl sostiene l'ipotesi che dietro il tentato colpo di stato in Turchia ci sia Washington.

DI F. WILLIAM ENGDAHL
informationclearinghouse.info

La sera del 15 luglio, un gruppo di ufficiali militari Turchi ha annunciato di aver effettuato un colpo di stato e di aver assunto il controllo del paese. Dicevano che Erdogan era in fuga e che in poco tempo avrebbero ristabilito l’ordine pubblico.

L’unico problema di quegli ufficiali militari e dei loro sponsor d’oltreoceano laggiù a Langley in Virginia e a Saylorsburg in Pennsylvania – dove vive in esilio sotto la protezione della CIA il politico Turco Fetullah Gülen - è che l’azione è miseramente fallita. Dietro questo tentativo di colpo di stato ci sono ragioni ben più drammatiche, legate all’importante cambiamento geopolitico che stava compiendo l’imprevedibile leader Turco – l’ancora presidente Recep Erdogan – quando i fedelissimi di Gülen hanno tentato il loro disperato colpo di stato, poi fallito. Segue una serie di domande e risposte sui fatti verificatisi in questa zona critica dell’ordine geopolitico mondiale.

 
 
  Postato da cdcnet il 20/07/2016 (614 letture)
(Leggi Tutto... | 10830 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Turchia CONTRO ERDOGAN (IL PROFETICO ARTICOLO DI VETERANS TODAY SUL GOLPE IN TURCHIA)

A poster with a picture of Turkey's President Recep Tayyip Erdogan, displayed in Istanbul, TurkeyFONTE: VETERANSTODAY.COM

L’”esperto” americano di Medio Oriente Michael Rubin, membro dell’Istituto radical-sionista AEI [The American Enterprise Institute], analizza la possibilità e le prospettive di un colpo di stato militare in Turchia.

Lo stallo di Erdogan potrebbe innescare un colpo di stato militare in Turchia

Secondo l’autore, la situazione del paese sta peggiorando. I problemi non sono radicati solo nell’indebolito sistema di difesa nazionale, posto nel mezzo della crescente minaccia terroristica.

 
 
  Postato da cdcnet il 19/07/2016 (407 letture)
(Leggi Tutto... | 5181 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia L'INFERNO NON HA LA FURIA DI UN SULTANO DI TEFLON

L’Inferno non ha la furia di un Sultano di Teflon (Pepe Escobar sul colpo di stato in Turchia)DI PEPE ESCOBAR
Sputnik Int

Quando il Presidente/Aspirante Sultano turco Recepp Taypp Erdogan è atterrato all’aeroporto Ataturk di Istanbul nelle prime ore di domenica mattina, ha dichiarato che il tentativo di colpo di stato contro il suo governo era stato un fallimento e “un dono di Dio”.

Sembra che Dio usi Face Time. E’ stato attraverso quelle iconiche immagini da iPhone, riprese in una località sconosciuta, mostrate in diretta alla CNN turca da una perplessa conduttrice televisiva, che Erdogan è riuscito a richiamare nelle strade la legione dei suoi sostenitori, scatenare il Potere del Popolo e sconfiggere quella fazione militare che aveva preso il controllo della TV di stato e si era autoproclamata al potere.

 
 
  Postato da cdcnet il 19/07/2016 (389 letture)
(Leggi Tutto... | 14141 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia EMERGONO LEGAMI TRA LA CLINTON E UN MISTERIOSO RELIGIOSO TURCO

Risultati immagini per fethullah gulenDI CHUCK ROSS
Information Clearing House

Documenti con e-mail e testimonianze di lobbying, recentemente pubblicati dal Congresso rivelano  nuovi legami tra il Clintonworld e membri di una rete gestita da un misterioso religioso islamico Turco.

Le connessioni tra la Clinton e alcuni accoliti dell' imam, Fethullah Gülen, potrebbero complicare il già complesso rapporto tra Stati Uniti e Turchia - un alleato chiave della NATO - se l'ex Segretario di Stato arrivasse alla Casa Bianca.

 
 
  Postato da cdcnet il 19/07/2016 (357 letture)
(Leggi Tutto... | 13214 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia WHAT THE HELL IS HAPPENING IN TURKEY?

7636014-3x2-940x627By Brandon Turbeville
activistpost.com

With Turkey now undergoing the largest military/governmental purge in modern history, the question of Turkey’s future in terms of its domestic stability and structure is in flux and the possibilities facing the world, especially Syria, in regards to any changes of Turkish foreign policy are shaky as well. But even as the question of Syria’s future remains, what about who initiated the coup? Who was behind it? Why was it launched? In other words, what the hell is happening in Turkey?

Unfortunately, there is not a clear answer to this question. There is, however, context into which we may place the situation for a better understanding of the possibilities and the potential directions of Turkey’s and, as a result, the Middle East’s future. Indeed, what is happening in Turkey will have reverberations that span across the globe in every direction.

 
 
  Postato da cdcnet il 19/07/2016 (242 letture)
(Leggi Tutto... | 34824 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia TURCHIA : UN COLPO DI STATO FALLITO MA LA STORIA INSEGNA ...

turkey-soldiers.jpgROBERT FISK
independent.co.uk

Il colpo di stato in Turchia potrebbe non essere riuscito - ma la storia dimostra che non passerà molto tempo prima che ne arrivi un altro

Erdogan si è reso conto troppo tardi del costo da pagare per il ruolo in cui ha posto il suo paese - quando ormai non è più possibile fidarsi dell'esercito, i problemi da affrontare diventano molto seri.

Recep Tayyip Erdogan se lo doveva aspettare. L'esercito turco non sarebbe mai rimasto con le mani in mano, mentre l'uomo che invece di ricreare l'Impero ottomano aveva trasformato i paesi vicini in nemici e il suo stesso paese in una farsa di se stesso. Ma sarebbe un grave errore prendere per dato di fatto due cose: che la messa a tacere di questo colpo di stato militare sia un fatto che finisce qui e che l'esercito turco tornerà - di nuovo -  obbediente verso il suo sultano; inoltre non si possono considerare i "almeno 161 morti" e gli oltre 2.839  prigionieri  come una cosa indipendente dal collasso dello stato-nazione che è tutto il Medio Oriente.

 
 
  Postato da cdcnet il 17/07/2016 (708 letture)
(Leggi Tutto... | 5422 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia TURKEY'S BREAKING POINT OR WHO'S TO BLAME IN THE 'COUP ATTEMPT'

2342342342Martin Berger
journal-neo.org

The latest crisis in Turkey triggered by the so-called military coup attempt is not the first of its kind. Military coups have become a sort of tradition laid down first by the Young Turks, or even the Janissaries. One must note that the “Young Turk Revolution” in 1908 too began as a military coup. Turkish military elites were behind the military coups of May 1960, March 1971, and September 1980, appearing upon the political scene each time when there was a need to defend the gains of the Kemalist Republic. Back in 1997 it was the military elites that forced Turkish Prime Minister Necmettin Erbakan to shift Turkish laws toward secularism.

 
 
  Postato da cdcnet il 17/07/2016 (212 letture)
(Leggi Tutto... | 9712 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia SOSPETTI CHE ERDOGAN ABBIA INSCENATO IL PROPRIO COLPO DI STATO PER OTTENERE PIU' POTERE

erdo FONTE: SPUTNIKNEWS.COM

Quello che era iniziato come un scambio di opinioni è diventato una teoria del complotto in piena regola quando un giornalista di Politico.eu  ha versato benzina sul fuoco sostenendo che la sua fonte turca ritiene il colpo di Stato una messa in scena.

Dopo che il leader del paese ha definito il fallito rovesciamento: "Un dono di Allah", sui social media si stanno scatenando nuovi sospetti che Recep Tayyip Erdogan, Presidente della Turchia, abbia simulato il tentativo di colpo di Stato contro il Governo. Usando l'hashtag #TheaterNotCoup gli utenti sui social media si stanno chiedendo ad alta voce se l'intero evento non sia stato altro che un elaborato piano del potente uomo turco per accumulare ancora più controllo.

 
 
  Postato da cdcnet il 17/07/2016 (509 letture)
(Leggi Tutto... | 8211 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia ERDOGAN AL CENTRO DEL PUZZLE

di Massimo Mazzucco
luogocomune.net

Come è stato suggerito da molti, è improbabile che non ci sia una correlazione fra la recente politica estera turca e il clamoroso attentato all'aeroporto di Istanbul.

Il problema è che questa correlazione può essere letta in modi molto diversi fra di loro.

 
 
  Postato da cdcnet il 30/06/2016 (552 letture)
(Leggi Tutto... | 3750 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia CAMBIO REGIME AD ANKARA? PIU' PROBABILE DI QUANTO NON SEMBRI

recep-tayyipDI MIKE WHITNEY
counterpunch.org

Lo scorso venerdì gli Stati Uniti hanno rifiutato una bozza di proposta di risoluzione presentata dalla Russia intesa a prevenire una invasione Turca della Siria. Mosca ha indetto un incontro d’emergenza del Consiglio di sicurezza dell’ONU per discutere della crescente preoccupazione che la Turchia stia pianificando l’invio di truppe di terra a migliaia e veicoli corazzati, già ammassati al confine meridionale, allo scopo di proteggere i militanti che la Turchia appoggia e di fermare le milizie Curde YPG, intimorita che riescano a stabilire uno Stato contiguo nel Nord della Siria. La proposta Russa, di una pagina, era una proposta secca, chiara e diretta finalizzata alla prevenzione di una mostruosa escalation in un conflitto che ha già rivendicato la vita di 250.000 persone e lasciato un paese in rovina.

Secondo il rappresentante Russo presso il Consiglio dell’ONU, Vladimir Safronkov: “Gli elementi fondamentali della proposta Russa di risoluzione consistono nella volontà di fare in modo di impegnare tutte le parti in causa al rinunciare a imporre interferenze negli affari interni della Siria ed affinché ne rispettino pienamente la sovranità e l’indipendenza, che interrompano le incursioni e abbandonino ogni idea di invasione di terra”.
 
 
  Postato da cdcnet il 26/02/2016 (574 letture)
(Leggi Tutto... | 15702 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Turchia IERI AD ANKARA: ATTACCHI O FALSE FLAG ?

moo FONTE: MOON OF ALABAMA

Gli attacchi di ieri ad Ankara potrebbero essere stati un incidente "False Flag"

A marzo 2014 la registrazione di un nastro di un incontro tra l'allora Primo Ministro turco Davutoglu, il capo del MIT, dell'intelligence turca  Hakan Fidan e altri è stata  dischiusa  al pubblico. Si parlava di attacchi False Flag contro la Turchia da usare come giustificazione per un attacco turco contro la Siria. Questa notizia è statapressoché  ignorata dai media mainstream "occidentali". Dopo l'ascolto del nastro, ecco i punti più rilevanti, secondo il mio punto di vista:

- La Turchia ha consegnato 2000 camion di armi e munizioni agli insorti in Siria.
- Esistono piani per attacchi false flag contro la Turchia o contro proprietà turche per giustificare un attacco della Turchia contro la Siria.
- L'esercito turco è consapevole che sta per andare in guerra contro la Siria.
- L'atmosfera che si percepisce tra questi "deciders" è di una indecisione assoluta. Tutti sembrano non aver capito che cosa vuole Erdogan e aspettano chiari ordini dall'alto.
- Appena prima dell'inizio dell'incontro i militari U.S.A hanno presentato dei nuovi piani per una no-fly zone sulla Siria.

 
 
  Postato da cdcnet il 18/02/2016 (463 letture)
(Leggi Tutto... | 6592 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia IS TURKEY CLOSING THE BOSPHORUS STRAIT, ESCALATING WITH RUSSIA?

russia_turkeyBy Brandon Turbeville
activistpost

In another escalation among a flurry of gradual escalations that have taken place over Syria in the last few weeks, some reports are suggesting that Turkey has once again stuck its finger in the chest of the Russian bear. This time, only days after shooting down a Russian jet that was most likely over Syrian airspace in a planned provocation, the Turks are showing signs that they may be attempting to close the Bosphorus Strait to Russian ships.

According to reports from Sputnik News made only hours ago,

In a clear violation of international norms, Turkish authorities have created hurdles for Russian vessels passing through the Bosphorus Strait; as a result, dozens of Russian ships have been waiting for hours to obtain the green light from Turkey for passage, media reports said.

RIA Novosti quoted Viktor Kravchenko, former chief of staff of the Russian Navy, as saying that a possible unilateral closure by Turkey of the Bosphorus Strait for Russian ships would be out of line with international law.

“Turkey will not close the strait to Russian vessels en route to Syria because it would be a violation of international law and the Montreux Convention, in particular, — a document that was signed by most counties at the time”, he said.
 
 
  Postato da cdcnet il 02/12/2015 (334 letture)
(Leggi Tutto... | 6293 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia SULTAN ERDOGAN'S WAR ON ... RUSSIA

Pepe Escobar
sputniknews.com

Let's cut to the chase. The notion that Turkey's downing of a Russian Su-24 by a made in USA F-16 was carried out without either a green light or at least pre-arranged "support" from Washington invites suspension of disbelief.

Turkey is a mere vassal state, the eastern arm of NATO, which is the European arm of the Pentagon. The Pentagon already issued a denial — which, considering their spectacular record of strategic failures cannot be taken at face value. Plausibly, this might have been a power play by the neocon generals who run the Pentagon, allied with the neocon-infested Obama administration.

The privileged scenario though is of a vassal Turkey led by Sultan Erdogan risking a suicide mission out of its own, current, desperation.

TRADUZIONE: LA GUERRA DEL SULTANO ERDOGAN...ALLA RUSSIA
 
 
  Postato da cdcnet il 26/11/2015 (429 letture)
(Leggi Tutto... | 11769 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia LA TURCHIA SCENDE IN GUERRA

turchiimagesDI MIKE WHITNEY
counterpunch.org

"L’ISIS minaccia il nostro stile di vita e la nostra stessa sicurezza. Abbiamo piani per contrastarli militarmente a partire già dai prossimi giorni. Vedrete”. - Il Ministro degli Affari Esteri Turco, Feridun Sinirlioğlu

Una netta vittoria alle elezioni Turche dell’1 Novembre ha rimosso l’ultimo ostacolo alla voglia di guerra del Presidente Recep Tayyip Erdogan. L’esito a sorpresa degli spogli elettorali, largamente denunciato come “scorretto e segnato da timori e violenze, secondo gli osservatori internazionali” ha consegnato al partito “Giustizia e Sviluppo” (AKP) di Erdogan il 49% delle preferenze, riconsegnando Ankara al potere di un solo partito. Poco dopo l’annuncio dell’esito delle elezioni, il Primo Ministro Ahmet Davatoglu ha rivolto un appello a tutti i partiti politici per suggerire una modifica della costituzione che conferisca al Presidente Erdogan potere esecutivo pressochè illimitato.
 
 
  Postato da cdcnet il 06/11/2015 (599 letture)
(Leggi Tutto... | 17214 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia LA TURCHIA SCENDE IN GUERRA. MA DA CHE PARTE ?

DI GORDON DUFF
veteranstoday.com

Segnalare la verità sembra essere diventato un fatto involontario ... una questione di mera serendipità.

La Turchia ha annunciato che oggi, 4 Settembre, avrebbe dato inizio ad una campagna aerea contro il gruppo terroristico conosciuto come ISIS. Ecco l'annuncio, tratto dal Los Angeles Times:

”La Turchia è da tempo un partner riluttante nella campagna a guida statunitense contro i militanti dell’ISIS. Quando gli Stati Uniti lanciarono i primi attacchi aerei in Iraq, quasi un anno fa, i leaders di Ankara si rifiutarono di partecipare e, fino a questa settimana, hanno sempre impedito che aerei da guerra della coalizione utilizzassero delle basi aeree turche per portare attacchi di alto profilo nella vicina Siria. Poi, però, c’è stato l'annuncio di Venerdì [4 Settembre], tramite il quale la Turchia ha dato inizio agli attacchi aerei contro il gruppo estremista [ISIS], che sono solo l’inizio di quella che il Presidente Recep Tayyip Erdogan ha definito ‘una serie di operazioni’ che proseguirà con decisione”.
 
 
  Postato da cdcnet il 08/09/2015 (471 letture)
(Leggi Tutto... | 11889 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia ANKARA: LA NUOVA CAPITALE DELLA JIHAD

WO-AG5DI MIKE WHITNEY
counterpunch.org

"Gli USA e i suoi alleati vogliono mantenere sotto controllo questo mostro (ISIS), ma non vogliono distruggerlo. Tutte le loro campagne politiche e militari sono cortine fumogene. Ciò che l'Occidente ha fatto finora ha rafforzato il terrorismo. La prova di ciò è il fatto che il terrorismo si è diffuso in tutto il mondo, le sue risorse materiali sono aumentate e le sue file si sono riempite di reclute". - Il presidente siriano Bashar al Assad

La politica Usa in Siria è caduta preda delle ambizioni politiche di un solo uomo, il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan?

Certamente no. Washington ha un proprio ordine del giorno maligno in Siria, che è quello di rovesciare il presidente siriano Bashar al Assad, dividere il paese in pezzi, mettere in sicurezza gli oleodotti strategici, e stabilire un "principato salafita" che giustifichi la continuazione dell'intervento degli USA in tutto il Medio Oriente per il prossimo futuro. Questi sono gli obiettivi della politica degli USA e non sono cambiati per qualcosa che ha fatto Erdogan.

 
 
  Postato da cdcnet il 02/09/2015 (566 letture)
(Leggi Tutto... | 22884 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia TURKEY COALMINE DISASTER: ACCIDENT OR MURDER?

Post image for Turkey coalmine disaster: accident or murder?by Pieter Verstraete on May 14, 2014
roarmag.org

The explosion that killed hundreds of coalminers in Turkey was not a random accident; it was the direct consequence of a decade of neoliberalization.

Not even two months ago you could hear Turkey’s urban middle class and youth shouting “thieves!” (hirsiz var!) at a corrupt elite in the Turkish government that illegally enriches itself. Today, as Twitterers report, we hear protesters chant “murderers!” (katiler!) in front of the Istanbul offices of Soma Holdings, the private owner of the lignite mine in Turkey’s Soma district, which just became a death trap to hundreds of coalminers.

While fellow miners, family members and other townsfolk are still digging desperately for survivors after yesterday’s explosion and fire inside the mine, riot police had their hands full washing people away with their water canons in the street where the Soma Holdings offices are located.
 
 
  Postato da cdcnet il 15/05/2014 (1104 letture)
(Leggi Tutto... | 14829 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia ERDOGAN, LE SULTAN DE LA CIA

Erdogan Par Bahar Kimyongür
Mondialisation.ca, 02 avril 2014
Investig'action

Des millions de Turcs, Arabes et Musulmans ont vu en Erdogan un héros libérateur après son show devant Shimon Peres à Davos en 2009. En réalité, c’était du cinéma. Comme le montre sa nouvelle expédition militaire contre la Syrie et sa volonté de mettre en scène un faux attentat, tout cela au service de ses maîtres de Washington. Bahar Kimyongür décortique les médiamensonges de cette “Opération Butin”…

Un corps expéditionnaire djihadiste formé dans le Sud de la Turquie progresse vers la ville côtière de Lattaquié au Nord-ouest de la Syrie. Majoritairement composée de combattants européens, asiatiques, maghrébins, turcs, d’Arabes du Machrek et du Golfe et de quelques Syriens égarés dont des Turkmènes, cette légion étrangère représente l’ultime cheval de bataille du Premier ministre turc Recep Tayyip Erdogan dans sa guerre par procuration contre la Syrie.

Photo : Erdogan avec l’agent de la CIA Mahdi Harati
 
 
  Postato da cdcnet il 03/04/2014 (772 letture)
(Leggi Tutto... | 11398 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia Politica: RESISTANBUL - ERDOGAN RISCHIA IL SENTIERO DEL "DEVI ANDARTENE"

DI PEPE ESCOBAR
Asia Times

Siamo alla primavera turca? No, almeno non ancora.
Il Primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan è il nuovo Mubarak? No, almeno non ancora.


La storia continua ad avvertirci che basta una scintilla ad accendere un falò politico. La recente scintilla a Istanbul è stata fornita da un piccolo gruppo di ambientalisti molto giovani che hanno organizzato un sit-in pacifico, in stile Occupy, in Piazza Taksim per protestare contro la distruzione pianificata di uno dei pochi rimanenti spazi pubblici verdi del centro città, il parco Gezi.
 
 
  Postato da cdcnet il 04/06/2013 (877 letture)
(Leggi Tutto... | 10591 bytes aggiuntivi | Politica | Voto: 0)
 

 
  Turchia Galleria immagini: VIA ERDOGAN

LA STORIA.
La polizia esegue gli ordini di Erdogan e attacca in modo brutale, anche con l'uso di gas, proiettili di gomma e cannoni di acqua, i manifestanti che protestano contro la distruzione di un parco nel centro di Istanbul.
Centinaia i feriti e gli arrestati, si parla anche di 2 morti.
VIDEO; VIDEO 1; VIDEO 2; VIDEO 3
Sarebbe uno dei 2 morti, ucciso dai cannoni di acqua della polizia di Erdogan: VIDEO 4.
In questo video, un furgone della polizia investe i manifestanti (un morto): VIDEO 5 .
Un gruppo di poliziotti si accanisce su un giovane (in rete il filmato circola come esempio di tortura): VIDEO 6.
2 giugno 2013: Riprende la protesta in piazza (senza polizia, senza disordini).
11 giugno 2013: Erdogan invia la polizia in piazza Taksim ad Istanbul.
TV Live 1; TV Live 2; TV Live 3; TV Live 4; TV Live 5.

Il messaggio dei manifestanti:
Attenzione! La democrazia Turca ha bisogno di voi! Dopo una serie di manifestazioni pacifiche in difesa di un’area verde pubblica nel cuore della città di Istanbul che l’amministrazione ha pianificato di demolire per lasciare spazio alla costruzione di un centro commerciale, la polizia turca ha attaccato violentemente i manifestanti con lancio di lacrimogeni e getti d’acqua dagli idranti, ad altezza d'uomo, direttamente in faccia e sui corpi dei manifestanti. Decine di manifestanti sono stati feriti e l’accesso al parco è bloccato senza alcuna giustificazione legale. I media turchi, direttamente controllati dal Governo o che con questo hanno relazioni commerciali e politiche, rifiutano di trasmettere notizie relative agli incidenti Anche le Agenzie di stampa hanno bloccato la circolazione di notizie. Per favore, condividete questo messaggio affinché il mondo sia consapevole dello Stato di polizia creato dall’AKP del Primo Ministro Erdogan, spesso considerato un modello dagli altri Paesi del Medioriente. La democrazia Turca ha bisogno del vostro aiuto. Grazie!
 
 
  Postato da cdcnet il 01/06/2013 (1075 letture)
(Leggi Tutto... | 9056 bytes aggiuntivi | Galleria immagini | Voto: 0)
 

 
  Turchia TURCHI CESSATE IL FUOCO !

I GIANNIZERI DI ERDOGAN

DI ISRAEL SHAMIR
counterpunch.org

Nella corrida del Medio Oriente, il momento della verità si avvicina rapidamente. La Siria di Assad corre a cerchio nell’arena come un toro ferito, gonfio e sfiancato da un anno di lotta crudele. Le Banderillas dei mujaheeds sporgono dalla sua pelle trafitta. Il pubblico, gli europei, gli americani, i governanti del Golfo gridano: A morte! E il matador turco si fa avanti, tirando fuori la spada.

I suoi cannoni fanno cadere la morte sui pendii siriani; il fuoco e una tempesta di piombo consumano le colline. Erdogan si prepara ad assestare il colpo fatale al suo vicino ormai esausto.
 
 
  Postato da cdcnet il 14/10/2012 (912 letture)
(Leggi Tutto... | 13781 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia ERDOGAN: MAI STATO UNO YES MAN

DI SAMI MOUBAYED
Asia Times

Nella sua autobiografia "In cerca di un'identità" Anwar Sadat ricorda che, quando era un bambino povero di un villagio sperduto, era solito recarsi nella Cairo cosmopolita e si intrufolava nei giardini reali nelle ore notturne, con il solo risultato di essere percosso dalle guardie del Re. Non avrebbe mai immaginato che un giorno avrebbe varcato le porte di quel palazzo per incontrare il re Farouk I in veste di ufficiale dell'esercito egiziano. Non avrebbe mai immaginato, nemmeno nelle sue più sfrenate fantasie, che un giorno avrebbe oltrepassato quelle stesse porte per sedersi proprio sul trono regale, in seguito alla sua elezione presidenziale del 1970.

Il gioco del fato è invero strano, come lo statista britannico Winston Churchill ebbe una volta a descriverlo: "E' un errore guardare troppo innanzi. Si può solo considerare un anello della catena del destino alla volta".
 
 
  Postato da cdcnet il 25/06/2010 (1369 letture)
(Leggi Tutto... | 11683 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Turchia PIANI PER DISTRUGGERE LA TURCHIA

DI MOHAMMAD KHALIFA
iraq-amsi

La commissione esteri del Congresso americano ha deciso di approvare una legge che concorda con il cosiddetto massacro armeno affermando che e' stato condotto dai Turchi nel 1915. Il Congresso americano potrebbe confermare questa legge a meta' novembre. Il portavoce presidenziale turco ha annunciato che il Presidente Abdullah Gul, ha inviato una lettera al presidente G. Bush avvertendolo per eventuali danni che potrebbero verificarsi nelle relazioni tra i due paesi nel caso in cui il Congresso confermasse il progetto. Tuttavia, l'avvertimento non e' stato efficace perche' il Congresso sembra continuare a confermare la decisione come parte della sua campagna per infastidire Bush.

Sembra che gli Stati Uniti d'America, per la prima volta, prendano decisioni che danneggiano le sue linee politiche e le sue alleanze nel mondo, in particolare con il mondo islamico, di cui la Turchia ne e' considerata ancora parte. Ma la realta' e' che la politica americana e' pianificata da un governo segreto che non si preoccupa delle questioni degli alleati in qualsiasi altro luogo del mondo.
 
 
  Postato da cdcnet il 22/11/2007 (3048 letture)
(Leggi Tutto... | 5764 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.