Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Top
· Web_Links
 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· Libri

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

AUTORI

· Tony Cartalucci

· Michel Chossudovsky

· William Engdahl

· Pepe Escobar

· Chris Hedges

· Michael Hudson

· Peter Koenig

· Stephen Lendman

· Thierry Meyssan

· James Petras

· John Pilger

· Paul Craig Roberts

·
 Brandon Turbeville

· John W. Whitehead

· Mike Whitney
 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

  Stat

 

 
 
comeDonChisciotte.net: Cuba

Search on This Topic:   
[ Go to Home | Select a New Topic ]
 
 


 
  Cuba Fidel, Comrade, Red Salute

Farooque Chowdhury
countercurrents.org

Fidel, dear comrade, red salute.

You embodied humanity’s struggle for a free, dignified life, a life free from exploitation, a life full of love and with flowering of humane living.

You are alive in our struggle. You are alive in humanity’s struggle against all forms of exploitation, against all forms of bondage, all forms of indignity.

 
 
  Postato da cdcnet il 26/11/2016 (183 letture)
(Leggi Tutto... | 8038 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Cuba Peter Koenig: US EMBASSY IN HAVANA - THE CUBA CAPER

By Peter Koenig
ICH

-The lame duck, Obama, extending a conciliatory hand to Cuba by opening an embassy in Havana, by reopening, after 54 years of a criminal and crippling embargo, diplomatic relations? – At the same time Obama is making not a single concession in terms of lifting the blockade. This smells like a trap. Cuba beware!

Imagine – a US Embassy in Havana – it would open the floodgates for US NED (National Endowment for Democracy) funded ‘NGOs’, for Washington’s spies and anti-Castro propaganda machine; it would have free hand to destabilize the country. And what would Cuba gain? – Zilch, zero, nothing.

 
 
  Postato da cdcnet il 23/12/2014 (1689 letture)
(Leggi Tutto... | 7842 bytes aggiuntivi | Peter Koenig | Voto: 0)
 

 
  Cuba IL POTENZIALE PETROLIFERO CUBANO

castroMOTIVO PLAUSIBILE PER TOGLIERE L’EMBARGO ?

FONTE:VIABLEOPPOSITION (BLOG)

Lo scongelamento delle relazioni tra USA e Cuba dopo 50 anni di embargo senza senso è interessante, in particolare considerando che gli investimenti statunitensi che erano stati nazionalizzati nel 1959 potrebbero ad un certo punto essere di nuovo aperti ad aziende di base negli USA.

In qualità di geologo del petrolio e di cinico di prima categoria, la mia mente ovviamente se ne va al greggio, l’idrocarburo che lubrifica l’economia mondiale.

Sotto attuale embargo, Cuba non può accedere alla tecnologia statunitense per trivellare e preservare l’ambiente.
 
 
  Postato da cdcnet il 19/12/2014 (891 letture)
(Leggi Tutto... | 9262 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Cuba CUBA, L'ISOLA DELLA SALUTE

DI SALIM LAMRANI
Opera Mundi

Dal trionfo della Rivoluzione nel 1959, lo sviluppo della medicina è stata la grande priorità del governo cubano, che ha trasformato l’isola dei caraibi in un punto di riferimento mondiale per questo settore. In effetti, oggi, Cuba è il paese al mondo con il maggior numero di medici per abitante.

Nel 2012, Cuba ha formato più di 11.000 nuovi medici, che hanno svolto una carriera di sei anni nelle facoltà dell’isola riconosciute per l’eccellenza nell’insegnamento. Si tratta della più grande classe medica del paese, che ha fatto dello sviluppo della medicina e del benessere sociale delle priorità nazionali.
 
 
  Postato da cdcnet il 13/08/2012 (1601 letture)
(Leggi Tutto... | 16873 bytes aggiuntivi | Voto: 4.5)
 

 
  Cuba LE MIE RIFLESSIONI SU CUBA

DI DANIEL ESTULIN
danielestulin.com

Faccio molta fatica a scrivere di Cuba perchè tante cose di questo paese mi ricordano la mia gioventù in Unione Sovietica. Il modo di vivere, di relazionarsi con la gente, di comprendere il mondo capitalista, il concetto di proprietà privata. In una dedica il giorno del mio compleanno, un amico cubano mi ha scritto il seguente messaggio: "Senza voler competere con il tuo RED-BERRY, qui alcune foto e video del tuo passaggio all'Avana. Sono colpito. Ho un Blackberry di colore rosso. In occidente, tutti sappiamo che la marca si chiama BLACKBERRY, non importa se l’apparecchio è rosso, bianco o nero. Non lo scrivo qui come critica. Al contrario.

Che succederebbe qui, in Spagna, se pensassimo meno a cambiare i cellulari ogni sei mesi per un modello nuovo con più funzioni e spendessimo più in libri? Solamente il 3% degli spagnoli comprano più di 5 libri all’anno. Di questo 3% mi domando, quanto leggiamo?
 
 
  Postato da cdcnet il 17/09/2010 (2119 letture)
(Leggi Tutto... | 20472 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Cuba LE BUGIE DI REPORTER SENZA FRONTIERE SU CUBA

DI SALIM LAMRANI
Roseau Voltaire

Un reportage con telecamera nascosta, ampiamente diffuso dai maggiori canali televisivi occidentali, mostra la direzione del Melia Cohiba all'Avana vietare l'accesso a internet ai cubani e riservarlo ai clienti dell'hotel. Reportage questo, su cui si fonda la campagna di denuncia promossa da Reporter Senza Frontiere (RSF) contro la censura politica castrista. Problema: questa piccola messa in scena è contraddetta da altri documenti citati dalla stessa pseudo-ONG.

Il 20 maggio 2009 RSF ha pubblicato una dichiarazione su Cuba nella quale si afferma: “chiunque può navigare su internet...a meno che non si tratti di un cubano”. Per sostenere la sua tesi RSF presenta un video, filmato tramite telecamera nascosta, di una scena durante la quale un cubano si vede vietato l'accesso a internet in un hotel [1]. L'organizzazione aggiunge che “colui che naviga su internet rischia fino a vent'anni di prigione per la pubblicazione di un articolo contro-rivoluzionario (articolo 91) e 5 anni per connessione illegale”. Inoltre RSF ricorda che: “Cuba resta la seconda prigione per giornalisti al mondo, dopo la Cina” sottolineando che “24 professionisti dei media” sono “imprigionati col falso pretesto di essere mercenari al soldo degli Stati Uniti” [2].
 
 
  Postato da cdcnet il 29/06/2009 (1958 letture)
(Leggi Tutto... | 12694 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Cuba Associazioni: LE CONTRADDIZIONI DI AMNESTY INTERNATIONAL

DI SALIM LAMRANI
Mondialisation

Amnesty International è senza alcun dubbio la più celebre organizzazione di difesa dei diritti umani al mondo. Creata nel 1961 dall'avvocato britannico Peter Benenson, questa organizzazione non governativa dispone di sezioni in più di 50 paesi e conta più di 2 milioni di aderenti in tutto il pianeta. Il suo eminente lavoro a favore dell'abolizione della pena di morte e della tortura, o contro i crimini politici e per la liberazione dei prigionieri d'opinione, le ha permesso di beneficiare dello statuto di organismo a carattere consultivo presso il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite, l'UNESCO, il Consiglio d'Europa e dell'Organizzazione degli Stati Americani, fra gli altri [1].

I “prigionieri di opinione

Amnesty International pubblica ogni anno un rapporto sulla situazione dei diritti umani nel mondo. Quasi nessun paese è scappato al suo sguardo vigile. Per quel che riguarda Cuba, l'organizzazione internazionale denuncia “69 prigionieri d'opinione” nel suo rapporto del 2007 e spiega come questi ultimi siano stati incarcerati a causa delle “loro posizioni o attività politiche non violente”. Il governo cubano ricusa questa responsabilità e accusa Amnesty International di parzialità. Le relazioni tra l'organizzazione e le autorità del paese sono state interrotte dal 1988, data dell'ultima visita di Amnesty International a Cuba [2].
 
 
  Postato da cdcnet il 26/05/2008 (3170 letture)
(Leggi Tutto... | 26715 bytes aggiuntivi | Associazioni | Voto: 0)
 

 
  Cuba Servizi segreti: CHE GUEVARA ERA BRACCATO DAI DITTATORI SUDAMERICANI

A CURA DELL’AGENCE FRANCE PRESS

Documenti scoperti a 40 anni esatti dalla sua morte

VALLEGRANDE, Bolivia (AFP) – Secondo dei documenti, precedentemente coperti dal segreto, che un ricercatore ha mostrato alla AFP, i dittatori latino americani degli anni 60 coordinarono i loro sforzi nel tentativo di localizzare il guerrigliero marxista cubano-argentino Ernesto 'Che' Guevara, ucciso dalle forze boliviane nel 1967.

Questa collaborazione precede l'Operazione Condor, il piano segreto tratteggiato dai dittatori sudamericani negli anni 70 per eliminare gli oppositori politici nella regione.

Un giornalista della AFP ha visto la copia di un documento, datato 3 ottobre 1966, di un rapporto confidenziale proveniente dal direttore dei servizi segreti del Paraguay che informava il suo omologo brasiliano dell'arrivo di Guevara in Sudamerica.
 
 
  Postato da Truman il 06/11/2007 (4056 letture)
(Leggi Tutto... | 3418 bytes aggiuntivi | Servizi segreti | Voto: 5)
 

 
  Cuba Coercizione mentale: CORPORATION DELLE BUGIE

DI ROSA MIRIAM ELIZALDE
Cuba Debate

È estenuante. Noi giornalisti che scriviamo per i media cubani lo sappiamo bene, e ci siamo abituati. Che ci possiamo fare se molte persone continuano a fare di tutta l'erba un fascio, di vedere una bugia come la norma, un'assurdità come motto.

Ieri ho avuto una conversazione con lo storico Piero Gleijeses, che è un esperto in politica estera nordamericana, e professore alla Johns Hopkins University. Ha sottolineato che quando c'è da denigrare Cuba, non c'è bisogno di cercare le prove. Questa è una delle più velenose e corrotte pratiche che esistono, perchè equivale a coprire qualsiasi abuso, illegalità o crimine, qualsiasi stupidità, o danno.

Vi faccio un esempio. Qualche mese fa mi sono abbonata ad un sistema di invio notizie includendo due parole: Internet e Cuba. Giorno dopo giorno ho ricevuto sempre e solo lo stesso messaggio "Cuba limita accesso a Internet "- che ha sufficiente merito per venir inserito nel Dizionario dei Clichè Reali. Senza alcuna ragione, questo messaggio appare in qualsiasi storia, sia essa su comunicazioni di cellulari in Honolulu, o su un analisi dei virus informatici in Gambia.
 
 
  Postato da cdcnet il 03/08/2007 (2709 letture)
(Leggi Tutto... | 4633 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 5)
 

 
  Cuba Terrore e carcere: TERRORISTI IN LIBERTA', ANTITERRORISTI IN PRIGIONE?

E' possibile tutto ciò…? Con Bush, tutto è possibile !

DI MICHEL COLLON e VANESSA STOJIKOVIC
Mondialisation

1. E' possibile che gli Stati Uniti proteggano gli autori di un attentato contro un aereo? SI'.

Il 6 ottobre 1976, Orlando Bosch e Luis Posada Carriles hanno ammazzato 73 civili innocenti, tra i quali la squadra di scherma cubana, facendo esplodere un D-C 8 cubano in pieno volo.

Perfino il Dipartimento di Giustizia degli USA ha giudicato Bosch «implicato negli attentati terroristici all'estero».

Nemmeno Bush padre gli ha concesso un permesso di soggiorno negli USA.

Posada Carriles, impiegato della CIA, si è pubblicamente vantato di essere anche responsabile di molteplici attentati compiuti all'Avana tra luglio e settembre '97.
 
 
  Postato da cdcnet il 22/03/2007 (2706 letture)
(Leggi Tutto... | 6625 bytes aggiuntivi | Terrore e carcere | Voto: 0)
 

 
  Cuba Imperialismo: LA NECESSITA DI PORRE FINE ALL'EMBARGO CONTRO CUBA

DI FELIPE PEREZ ROQUE
Ministro degli Esteri della Repubblica di Cuba

Intervento di Felipe Perez Roque, Ministro degli Esteri della Repubblica di Cuba, sul tema numero 18 dell’agenda dell’Assemblea Generale intitolato “Necessità di porre fine al blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti d’America contro Cuba”. New York, 8 novembre 2006

Signora Presidentessa; Signori Delegati,
Per la quindicesima volta consecutiva, Cuba presenta all’Assemblea Generale il progetto di risoluzione intitolato “Necessità di porre fine al blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti d’America contro Cuba”.
Lo facciamo in difesa dei diritti del popolo cubano, ma anche in difesa dei diritti del popolo statunitense e dei diritti dei popoli che voi rappresentate in questa Assemblea.

 
 
  Postato da cdcnet il 24/12/2006 (2604 letture)
(Leggi Tutto... | 24624 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 0)
 

 
  Cuba Imperialismo: EMBARGO CUBA: OBIETTIVO OSSESSIONANTE DELL'AMMINISTRAZIONE BUSH

DI SALIM LAMRANI

L’accanimento degli Stati Uniti contro Cuba non conosce tregua.
Condoleezza Rice ha appena deciso il rafforzamento del blocco economico dell’isola, mentre l’incaricato degli affari statunitensi a La Havana inventa una pseudo-opposizione completamente riconducibile a Washington.
L’amministrazione Bush spera che l’embargo renda la vita impossibile ai cubani e li spinga a rovesciare il governo, permettendole così di piazzare i propri uomini al potere.
Il crudele stato di assedio che gli Stati Uniti impongono a Cuba dal 1959 si fa via via più severo. L’obiettivo di rovesciare il governo di La Havana ad ogni costo è ormai pubblicamente riconosciuto e le sofferenze causate alla popolazione rappresentano solo un aspetto secondario per la Casa Bianca [1]. Lo sconvolgimento del panorama politico latino-americano, con il consolidarsi del prestigio del presidente venezuelano Hugo Ch├ívez e la spettacolare vittoria di Evo Morales, nuovo presidente della Bolivia, non ha fatto che rafforzare la volontà statunitense di porre termine al « cattivo esempio» cubano, sinonimo di speranza per i popoli latino-americani devastati da decenni di politica ultraliberale [2].
 
 
  Postato da cdcnet il 19/11/2006 (3522 letture)
(Leggi Tutto... | 26104 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 5)
 

 
  Cuba Imperialismo: IL NUOVO PIANO DI BUSH PER CUBA

DI WAYNE S. SMITH
Counterpunch

Embargo, Liste di Proscrizione e Piani di Assassinio

Nel Maggio del 2004, la Commissione per l’Assistenza ad una Cuba Libera dell’Amministrazione Bush ha pubblicato un rapporto di quasi 500 pagine che sembrava concludere che il governo di Castro era virtualmente al punto di collasso. Solo poche altre spintarelle –un altro po’ di trasmissioni di Radio Martì, il rifiuto di qualche altra licenza di viaggio e l’appoggio ad un altro po’ di dissidenti—e sarebbe finito. Gli Stati Uniti, sembrava suggerire il rapporto, sarebbero poi arrivati a mostrare ai cubani come far funzionare bene le loro scuole, farà arrivare in orario i loro treni, e far crescere i loro raccolti in modo più efficiente. Fu così concepita nel luglio del 2005 un'operazione guidata dagli Usa e fu nominato un coordinatore Usa alla transizione. .
 
 
  Postato da cdcnet il 25/08/2006 (2977 letture)
(Leggi Tutto... | 17781 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 4.8)
 

 
  Cuba Terrore e Guerre: COSA SAPEVA GEORGE BUSH PADRE?

DI REINALDO TALADRID HERRERO

Sulla relazione tra il presidente nordamericano e l' esplosione dell’aereo cubano con 73 persone nelle Barbados

Il 6 di ottobre 1976 si produsse l’atto terrorista più grave dell’America latina, quando un aereo della compagnia Cubana Aviazioni esplose in pieno volo di fronte alle coste delle Barbados e morirono i suoi 73 membri dell’equipaggio e passeggeri.

Nell’ottobre del 1976, il direttore della CIA era George Herbert Walker Bush, padre dell’attuale presidente degli Stati Uniti.
 
 
  Postato da cdcnet il 23/07/2006 (1178 letture)
(Leggi Tutto... | 17240 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.