Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Top
· Web_Links
 

  Categorie

· Tutte le Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Chris Hedge

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· James Petras

· Libri

· Michel Chossudovsky

· Mike Whitney

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Paul Craig Roberts

· Pepe Escobar

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Stephen Lendman

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· William Engdahl

 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

 
 
comeDonChisciotte.net: Afghanistan

Search on This Topic:   
[ Go to Home | Select a New Topic ]
 
 


 
  Afghanistan THE WAR IN AFGHANISTAN HAS TURNED A GENERATION OF CHILDREN INTO HEROIN ADDICTS

opium-afghanistanBy Michaela Whitton
activistpost.com

One of the many catastrophic legacies left behind by the longest war in U.S. history is that Afghanistan produces 90% of the world’s opium. As with most parts of the world, the most vulnerable pay the heaviest price of war, and the country has faced a harrowing escalation in the number of child heroin addicts.

“What’s happened in Afghanistan over the last 13 years has been the flourishing of a narco-state that is really without any parallel in history,” Kabul-based journalist Matthieu Aikins told Democracy Now back in 2014.

 
 
  Postato da cdcnet il 11/05/2016 (459 letture)
(Leggi Tutto... | 9005 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan DOES CHINA HOLD KEY TO THE AFGHAN PUZZLE?

By Pepe Escobar
January 15, 2016 "Information Clearing House" - "RT".

Just like Lazarus, there were reasons to believe the Afghan peace process might have stood a chance of being resurrected this past Monday in Islamabad, as four major players – Afghanistan, Pakistan, the US and China – sat together at the same table.

The final communiqué though was not exactly ground breaking: “The participants emphasized the immediate need for direct talks between representatives of the Government of Afghanistan and representatives from Taliban groups in a peace process that aims to preserve Afghanistan’s unity, sovereignty and territorial integrity.”

(TRADUZIONE: LA CINA HA IL CONTROLLO DEL PUZZLE AFGHANO ?)
 
 
  Postato da cdcnet il 15/01/2016 (351 letture)
(Leggi Tutto... | 12398 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan ISIL IN AFGHANISTAN

Martin Berger
journal-neo.org

The increase in the level of terrorist activities of ISIL in Afghanistan has recently been the topic of various reports being published in the international media. Along with the massacre of the local population which seems to be a trademark of this Islamist group it has recently entered in a direct confrontation with the Taliban. It’s now safe to assume that there’s well over two thousand ISIL militants operating in Afghanistan.

A significant number of reports suggests that ISIL militants that infiltrated Afghanistan are engaged in recruiting locals, spreading radical propaganda, and establishing training camps. Additionally, some articles suggest that former members of the Taliban are pledging their allegiance to ISIL in the southern provinces of the country.

Thus, The Independent quotes the statement of the Afghan army General Qadam Shah Shahima that said that ISIL managed to overshadow ISIL in the Afghan province of Helmand.
 
 
  Postato da cdcnet il 13/12/2015 (378 letture)
(Leggi Tutto... | 7362 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan ISIS IN AFGHANISTAN: PROXY WAR AGAINST IRAN AND CHINA

ewqewqweEric Draitser
journal-neo.org

The nature of the war in Afghanistan has shifted dramatically in recent months. While the US and NATO continue to be actively involved in the country – their strategic objectives having changed very little since the Bush administration launched the war nearly a decade and a half ago – the complexion of the battlefield, and the parties actively engaged in the war, has changed significantly.

The emergence of ISIS in Afghanistan, along with the impending withdrawal of US-NATO troops from the country, has driven the Taliban into a marriage of convenience, if not an outright alliance, with Iran. What seemed like an unfathomable scenario just a few years ago, Shia Iran’s support for the hardline Sunni Taliban has become a reality due to the changing circumstances of the war. Though it may be hard to believe, such an alliance is now a critical element of the situation on the ground in Afghanistan. But its significance is far larger than just shifting the balance of power within the country.
 
 
  Postato da cdcnet il 04/08/2015 (666 letture)
(Leggi Tutto... | 17107 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan Associazioni: L'OPPIO AFGANO E GLI AFFARI DELLA BLACKWATER

blackwaterFONTE: RT.COM

Il grande fallimento: la produzione di oppio afgana è cresciuta di pari passo con i profitti della ex-Blackwater

La produzione di oppio ha visto una notevole crescita negli ultimi anni in Afghanistan nonostante gli sforzi della lotta al narcotraffico da parte degli Stati Uniti. Un infame marchio mercenario, precedentemente noto come Blackwater, ha trattenuto 569 milioni dal Pentagono in questa infruttuosa mossa.

Il denaro che la compagnia ha ricevuto dai contribuenti americani è stato usato per “addestramento, materiale e supporto logistico” per le forze afgane impegnate nelle operazioni contro il narcotraffico. Queste agenzie comprendono l’”Afghan National Interdiction Unit, il Ministero dell’Interno e la Polizia di Frontiera Afgana” afferma un report dell’Ispettore Generale Speciale per la Ricostruzione Afgana, cosiddetto SIGAR, citato dal Guardian.
 
 
  Postato da cdcnet il 13/04/2015 (690 letture)
(Leggi Tutto... | 5062 bytes aggiuntivi | Associazioni | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan THE TALIBAN IS ON THE MOVE

KABUL STANDS IN THE LINE OF FIRE

Kabul_talibanCatherine Shakdam
journal-neo.org

According to troubling reports coming from Afghanistan, the Taliban – an Islamic fundamentalist political movement which rose in reaction to the Soviet Union’s military occupation in the 1980s – conducted a series of brazen attacks in and around Kabul, the capital, putting Afghanistan’s central government in great jeopardy.

Experts have already warned that should Kabul fall within the grasp of Taliban insurgents, a decade of peace-building and democratic efforts would have been all for nothing.

Speaking to the Washington Post this Sunday, Sudarsan Raghavan explained, “Taliban insurgents have intensified their attacks on this besieged capital with a flurry of brazen bombings and afternoon raids targeting foreigners and Afghans, bringing the war into this city in a way not seen in any other year since the radical Islamists were ousted from power.”
 
 
  Postato da cdcnet il 10/12/2014 (618 letture)
(Leggi Tutto... | 9366 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan AFGHAN OPIUM PRODUCTION HITS ALL-TIME HIGH

by MIKE WHITNEY
counterpunch.org

2014 was a banner year for Afghanistan’s booming opium industry. According to a United Nations annual survey released on Wednesday, opium cultivation set a record in 2014, increasing by an impressive 7 percent year-over-year and up nearly 50 percent from 2012. Afghanistan presently produces 80 percent of the world’s heroin which provides billions of dollars in illicit profits for the powerful drug Mafia. Heroin trafficking and production have flourished under US military occupation and transformed Afghanistan into a dysfunctional narco-colony.

Readers who follow events in Afghanistan will recall that the Taliban had virtually eradicated poppy production before Bush and Cheney launched their war in 2001. The Pentagon reversed that achievement by installing the same bloodthirsty warlords who had been in power before the Taliban. Naturally, this collection of psychopaths–who the western media lauded as the “Northern Alliance”–picked up where they left off and resumed their drug operations boosting their own wealth and power by many orders of magnitude while meeting the near-insatiable demand for heroin in capitals across Europe and America.
 
 
  Postato da cdcnet il 17/11/2014 (695 letture)
(Leggi Tutto... | 15440 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan LA GUERRA DENTRO LA GUERRA IN AFGHANISTAN

biometricDI JOHN RAPPOPORT
jonrappoport.wordpress.com

Ci sono molte guerre che si combattono in Afghanistan. Una per il controllo del rifornimento mondiale di oppio. Un'altra perché gli USA continuino ad avere basi militari vicino alla Russia. Un'altra ancora per la protezione e lo sfruttamento vorace delle vaste risorse minerarie. E poi quella per assicurare la realizzazione di un importante gasdotto.

Ma c'è né ancora un'altra. Un programma di ricerca per cui l'Esercito USA sta tentando di ottenere i dati biometrici di tutta la popolazione afghana.

Non bisogna essere geni per tirare le somme, e capire che il programma è assolutamente replicabile in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti e il loro gigantesco apparato di sorveglianza.
 
 
  Postato da cdcnet il 23/07/2014 (695 letture)
(Leggi Tutto... | 5331 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan Terrore e Guerre: BUON ANNIVERSARIO AFGHANISTAN !

DI MIKE WHITNEY
counterpunch.org

Il 7 di ottobre scorso è stato l'anniversario della guerra in Afghanistan, ma se fosse stato per la stampa nessuno lo avrebbe saputo. “La più lunga guerra d'America”, infatti, è diventata talmente impopolare che sia i media che l'amministrazione Obama hanno fatto tutto ciò che era in loro potere per mettere a tacere l'intera faccenda, sperando che la gente, semplicemente, se ne scordasse. Ma è difficile dimenticarsi di una cosa del genere quando i soldati americani continuano a saltare in aria come è accaduto domenica 6 ottobre. Guardate cosa dice CBS News:

“Domenica una bomba ha ucciso quattro soldati americani nel sud dell'Afghanistan, hanno riferito gli ufficiali americani e afghani. Altro non sono che gli ultimi caduti di una guerra che dura oramai da 12 anni e che non da segno di voler essere interrotta nonostante l'evidente stanchezza delle truppe impegnate al fronte”
(“Four U.S. Troops killed in south Afghanistan”
, CBS News).
 
 
  Postato da cdcnet il 01/12/2013 (751 letture)
(Leggi Tutto... | 11378 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan AFGHANISTAN: ARIA DI SCONFITTA

DI MIKE WHITNEY
counterpunch.org

L’ora di tagliare la corda

Queste due visioni, una di tirannia e uccisioni, l’altra di vita e libertà, si sono scontrate in Afghanistan. E grazie alle coraggiose truppe americane e della coalizione, e grazie ai patrioti afgani, l’incubo dei talebani è finito e quella nazione sta tornando alla vita.”
George W. Bush, The War College Address, 2004


Aspetta un attimo, George.
Gli Stati Uniti non hanno liberato l’Afghanistan.
Non hanno ricostruito l’Afghanistan. Non hanno né rimosso i signori della guerra dal potere, né ridotto la produzione di oppio. Non hanno stabilito una forte istituzione democratica, né hanno migliorato la vita dei normali lavoratori. Gli Stati Uniti non hanno raggiunto nessuno degli obbiettivi strategici prestabiliti. I talebani sono più forti che mai, il governo centrale non è che una corrotta farsa, e, dopo 11 anni di guerra, il paese è in rovina.
 
 
  Postato da cdcnet il 09/11/2012 (1108 letture)
(Leggi Tutto... | 14613 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan Imperialismo: GLI STATI UNITI 'SCIOCCATI E SCONVOLTI' DAI TALEBANI

DI PEPE ESCOBAR
Asia Times

Parliamo un po’ di una doppia sfortuna. Non era già abbastanza che Standard & Poor's abbia abbassato il rating del credito degli Stati Uniti; con una tempistica impeccabile, e sembra con un colpo solo, i Talebani in Afghanistan hanno contemporaneamente fatto il downgrade della colossale macchina da guerra dell’impero.

Fino a quando l’elite al potere degli Stati Uniti si rifiuterà di comprendere che la crisi finanziaria negli USA è stata provocata dai tagli alle tasse per i ricchi e per le multinazionali negli anni di George W. Bush; dai poderosi salvataggi delle banche e delle compagnie di assicurazione; e da un’astronomica spesa militare per seguire la declinazione del Pentagono verso una Lunga Guerra, questa stessa elite si rifiuterà anche di riconoscere che la “nuova” strategia di guerra in Afghanistan è anch’essa un fallimento.

 
 
  Postato da cdcnet il 10/08/2011 (1249 letture)
(Leggi Tutto... | 9246 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan Galleria immagini: LA SQUADRA OMICIDI

Attenzione: Foto estremamente crude

DI MARK BOAL
uruknet.org.uk

Come i soldati americani in Afghanistan abbiano ucciso civili innocenti e mutilato i loro cadaveri - e come i loro ufficiali non siano riusciti a fermarli. In più: uno sguardo esclusivo alle foto criminali di guerra censurate dal Pentagono

All'inizio dello scorso anno, dopo sei duri mesi di servizio in Afghanistan, un gruppo di soldati di fanteria americana ha preso una decisione fondamentale: è finalmente arrivato il momento di uccidere un Haji.

Tra gli uomini della Compagnia Bravo, l'idea di uccidere un civile afghano era stata oggetto di numerose conversazioni, durante le chiacchiere dell'ora di pranzo e delle bull sessions a tarda notte. Per settimane, avevano soppesato l'etica del rapimento "selvaggio" e discusso sulla possibilità di essere catturati. Alcuni di loro erano dibattuti sull'idea, altri furono entusiasti fin dall'inizio. Ma non molto tempo dopo il nuovo anno, quando l'inverno scendeva sulle pianure aride della provincia di Kandahar, decisero di smettere di parlare e iniziarono a premere il grilletto.
 
 
  Postato da cdcnet il 16/04/2011 (3934 letture)
(Leggi Tutto... | 66303 bytes aggiuntivi | Galleria immagini | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan Terrore e Guerre: UCCIDERE UN SOLDATO TALEBANO COSTA 50 MILIONI DI DOLLARI

DI MATTHW NASUTI
kabulpress.org

Uccidere 20 talebani costa un miliardo di dollari/uccidere tutti i talebani costerebbe 1700 miliardi di dollari

Il Pentagono non dirà al pubblico quanto costa localizzare, prendere come bersaglio e uccidere un soldato talebano perch il prezzo è così scandalosamente alto da far sembrare i Talebani dei super-soldati. Come è esposto in questo articolo, il costo stimato per uccidere un Talebano raggiunge i 100 milioni di dollari, mentre una stima conservativa è pari a $50 milioni. Si dovrebbe tenere un dibattito pubblico negli Stati Uniti sulla questione se i Talebani siano diventati un nemico troppo costoso da sconfiggere.

Ogni mese il Pentagono genera pagine e pagine di dubbie statistiche volte a creare l’illusione del progresso in Afghanistan. Per tutta risposta l’autore ha deciso di compilare le sue statistiche da s. Dato che l’obiettivo di ogni guerra è di uccidere il nemico, l’idea era calcolare quanto costasse ucciderne anche solo uno. Gli ostacoli incontrati nell’atto di produrre tale statistica sono formidabili. Il problema è che il Pentagono continua a classificare illegalmente tutte le notizie negative sulla guerra e le notizie imbarazzanti. Ciononostante, sono state raccolte alcune informazioni da fonti indipendenti. Ecco quello che sappiamo in cifre sommarie e arrotondate:
 
 
  Postato da cdcnet il 11/10/2010 (1804 letture)
(Leggi Tutto... | 11481 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan GLI AMERICANI SONO PROFONDAMENTE COINVOLTI NEL COMMERCIO DI DROGA AFGHANO

DI GLEN FORD
Black Agenda Report

Gli Stati Uniti hanno preparato il terreno per la guerra afghana (e pakistana) otto anni fa, quando permisero il traffico di droga ai signori della guerra sul libro paga di Washington. Ora gli americani, agendo come il Capo dei Capi, hanno compilato liste nere dei rivali, i signori della guerra “talebani”. “È un’occupazione di bande, nella quale i trafficanti di droga alleati degli Stati Uniti sono incaricati di svolgere le attività di polizia e controllo dei confini”.

“I trafficanti di droga alleati degli Stati Uniti sono incaricati di svolgere attività di polizia e di controllo dei confini, mentre i loro rivali sono stati inseriti in liste nere americane”.


Se state cercando il capo del traffico di eroina in Afghanistan, esso è rappresentato dagli Stati Uniti. La missione americana si è evoluta in un’organizzazione di tipo mafioso che avvelena ogni alleanza militare e politica introdotta dagli USA e dal proprio governo fantoccio di Kabul.
 
 
  Postato da cdcnet il 23/02/2010 (1875 letture)
(Leggi Tutto... | 5803 bytes aggiuntivi | Voto: 4)
 

 
  Afghanistan Imperialismo: IL GRANDE GIOCO: LA GUERRA U.S.A. E NATO IN AFGHANISTAN

DI RICK ROZOFF
Stop NATO

Più di cinquanta nazioni in un unico teatro di guerra

Gli Stati Uniti (e la Gran Bretagna) cominciarono a bombardare la capitale afgana di Kabul, il 7 ottobre 2001 con missili da crociera Tomahawk lanciati da navi da guerra e sottomarini nonchè con bombe sganciate da aerei da guerra; poco dopo le forze speciali americane iniziarono le operazioni di terra, un compito che è stato poi condotto dalle unità regolari dell'esercito e della Marina. I bombardamenti e le operazioni di combattimento a terra continuano da più di otto anni ed entrambi saranno intensificati a livelli record in breve tempo.

La combinazione delle forze degli Stati Uniti e della NATO rappresenterebbe un numero impressionante, superiore a 150.000 soldati. Per fare un confronto, a partire dal settembre di quest'anno ci sono stati circa 120.000 soldati americani in Iraq e solo una piccola manciata di personale di altre nazioni, quelli assegnati alle missioni di addestramento della NATO - Iraq, che si trovano ancora con loro.
 
 
  Postato da cdcnet il 01/01/2010 (3900 letture)
(Leggi Tutto... | 23039 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 5)
 

 
  Afghanistan Imperialismo: AFGHANISTAN: CAPIRE IL "GRAN GIOCO" DEL PETROLIO

DI SEBASTIAN PELLEGRINO
Visiones Alternativas

La Casa Bianca concentra i suoi sforzi bellici in Afghanistan, scenario strategico della disputa globale per le maggiori riserve e risorse energetiche dell’Asia.

Le prime decisioni importanti prese dalla nuova amministrazione americana in materia di politica estera, sembrano accordarsi con le premesse pre-elettorali di Barack Obama a riguardo “dei solidi ideali di libertà Americana”. Guantanamo potrebbe essere…il ritiro delle truppe dall’Iraq potrebbe essere…

Apparenza, presunzione e vacuità sono i parametri con cui questa amministrazione gioca prima di esteriorizzare ed applicare una misura extraterritoriale. La componente religiosa, retrogusto della dottrina del “Destino Manifesto”, è la favorita di Obama.

La cuspide dei labirinti discorsivi a fine di febbraio annunciò il prossimo destino delle truppe dell'Iraq. “È mia intenzione ritirare tutte le truppe militari americane dall’Iraq per la fine del 2010” disse l’inquilino della Casa Bianca, anche se lascerà 50.000 soldatti effettivi per “cooperare” con il paese del Golfo Persico.

Nella foto: guerriglieri talebani.
 
 
  Postato da cdcnet il 28/04/2009 (2179 letture)
(Leggi Tutto... | 13824 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan LE ORIGINI DELLA GUERRA IN AFGHANISTAN

DI VICENC NAVARRO
Sistema/Rebelin

Come si sarebbe potuta evitare la creazione di Al Qaeda e l'11 Settembre

Il nuovo presidente degli Stati Uniti, il Sig. Barack Hussein Obama, ha reso noto che una delle sue intenzioni, è chiedere agli alleati della NATO che aumentino il loro contributo alla guerra d’Afghanistan. Da lì, la necessità che il popolo spagnolo sia informato a riguardo delle origini di questo conflitto. Invece, la maggior parte dei mezzi di comunicazione spagnoli hanno dato una versione distorta di ciò che avvenne in quel paese.

La prima volta che l'Afghanistan apparve nei mezzi di comunicazione spagnoli erano gli anni ottanta, riferendosi all’intervento degli Usa per bloccare l’invasione dell’Afganistan da parte dell’ Unione Sovietica (URSS). L'Afghanistan correva il rischio di trasformarsi in una “colonia” dell’impero sovietico, fatto che fu impedito dell’intervento americano in appoggio alle forze di liberazione che lottavano contro il governo fantoccio, sostenuto dall’Unione Sovietica. Ecco questa è la versione più conosciuta di quello che accadde in Afghanistan negli anni ottanta e seguenti.

Nall'immagine: Mujaheddin al tempo della guerriglia anti-sovietica
 
 
  Postato da cdcnet il 05/02/2009 (2374 letture)
(Leggi Tutto... | 16029 bytes aggiuntivi | Voto: 4)
 

 
  Afghanistan Servizi segreti: LA CIA SI STA SERVENDO DELLA PRODUZIONE DI EROINA AFGHANA?

DI NICK POSSUM
Whispers from the Mean Streets

Una volta nell’esercito si diceva: chi tiene la bocca chiusa non sarà mai punito, tuttavia un mio cliente volle che io indagassi su alcuni aspetti riguardanti il commercio mondiale di eroina.

Cercai un po’ d’informazioni su Internet, feci qualche telefonata e cominciai a nutrire sospetti inquietanti.

La produzione di eroina in Afghanistan, dalla caduta del regime talebano, che aveva condotto ad un severo accordo per la cessazione del suo commercio, si è invece impennata. Il mio contatto nell’ufficio Stupefacenti e Criminalità delle Nazioni Unite mi ha informato che nel 2006, a causa di un incremento del 50% nel raccolto di papavero, si è toccato un nuovo record della produzione mondiale. L’Afghanistan contribuisce ora con il 92% alla produzione mondiale illegale. Inoltre questo anno si prevede un ulteriore significativo incremento.
 
 
  Postato da cdcnet il 22/11/2007 (3469 letture)
(Leggi Tutto... | 7303 bytes aggiuntivi | Servizi segreti | Voto: 1)
 

 
  Afghanistan LE FORZE DI OCCUPAZIONE SOSTENGONO LE ORGANIZZAZIONI AFGHANE DELLA DROGA

DI MICHEL CHOSSUDOVSKY
Global Research

Miliardi di dollari di guadagno per il crimine organizzato e le istituzioni finanziarie occidentali.

Le forze di occupazione in Afghanistan stanno sostenendo le organizzazioni della droga, che devolvono fra i 120 ed i 194 miliardi di dollari dei guadagni al crimine organizzato, alle agenzie di intelligence ed alle istituzioni finanziarie occidentali.

Il ricavato di questo lucroso, miliardario contrabbando è depositato nelle banche Occidentali. La quasi totalità dei redditi servono interessi corporativi ed associazioni criminali esterne all’ Afghanistan.

Un messaggio radio trasmesso attraverso la provincia assicurava ai coltivatori locali che la International Security Assistance Force (ISAF), condotta dalla NATO, non avrebbe interferito con i campi di papavero che attualmente vengono mietuti. L’organizzazione della droga Golden Crescent, lanciata dalla CIA negli anni Ottanta, continua ad essere protetta dall’intelligence Usa, unitamente alle forze di occupazione della NATO ed all’esercito inglese. Nei recenti sviluppi, le forze di occupazione inglesi hanno promosso le coltivazioni di oppio attraverso messaggi radio a pagamento.
 
 
  Postato da cdcnet il 10/05/2007 (3359 letture)
(Leggi Tutto... | 13685 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Afghanistan Imperialismo: GLI AFGHANI: RIVOGLIAMO I TALEBAN

DI CHRIS SANDS
The Independent

Almeno ci sentivamo sicuri sotto gli estremisti, dicono i residenti di Kandahar, troppo spaventati per uscire quando è buio

Faiz Mohammed Karigar, padre di due figli, ha lasciato Kandahar mentre i Talebani erano al potere in Afghanistan, in quanto era contrario alle loro restrizioni sull'educazione. Ora vuole che i fondamentalisti tornino.

"Quando i Talebani erano qui, scappai verso il confine con l'Iran, ma non fui mai preoccupato per la mia famiglia", dice. "Ogni singolo minuto degli ultimi tre anni sono stato preoccupato. Forse questa notte gli Americani verranno nella mia casa, molesteranno mia moglie e i bambini ed arresteranno me".
 
 
  Postato da cdcnet il 21/04/2007 (2032 letture)
(Leggi Tutto... | 6765 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan Terrore e Guerre: IL GENOCIDIO DELLE DONNE E DEI BAMBINI AFGHANI

DI GIDEON POLYA
MWC News Network

Il Diritto Internazionale esiste per proteggere il benessere, la sicurezza e la vita di ogni essere umano del pianeta. Quelli che agiscono al di fuori della legge sono dei criminali.

Coloro che agiscono al di fuori del Diritto Internazionale, e così facendo uccidono un grande numero di persone innocenti, senza dubbio devono essere definiti stragisti e gli Americani che agiscono in tal modo sono soggetti alla pena di morte secondo le Leggi Federali degli Stati Uniti.

Il curatore di Mwc News, Shahram Vahdany, mi ha avvisato circa le ultime spaventose stime sulla mortalità infantile nell'Afghanistan occupato dagli USA (vedi MWC News) ed io ho risposto a questo terribile rapporto con la seguente approfondita analisi. Sulla scorta degli ultimi dati dell'UNICEF (diversamente dal "1984" di Orwell, nella gran parte del mondo 2 più 2 fa ancora 4) l'America di Bush è stata coinvolta per oltre 5 anni nell'assassinio di massa di oltre 145.000 donne nel periodo perinatale, 1.400.000 donne in totale e 2.000.000 bambini afghani sotto i 5 anni come documentato in seguito riferimento (a) ai dati demografici e di mortalità dell'UNICEF, (b) al Diritto Internazionale e alla colpevolezza morale.
 
 
  Postato da cdcnet il 14/03/2007 (2668 letture)
(Leggi Tutto... | 18206 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan I TALEBANI 'IN CONTROLLO' DELLA PROVINCIA DI HELMAND

DI JAMES BAYS
Al Jazeera

Al Jazeera ha raccolto prove per cui i combattenti talebani hanno ora il controllo effettivo su ampie parti di una provincia chiave nell'Afghanistan sud-occidentale, nonostante le recenti rivendicazioni della NATO che le basi talebane erano state distrutte.

James Bays ha passato due giorni con i Talebani ad Helmand ed ha scoperto che il gruppo sta gestendo scuole e strutture mediche, viaggia armato e non viene attaccato dalle forze NATO. Ecco il suo reportage:


Oltre le linee talebane, abbiamo viaggiato con un gruppo di combattenti tra i deserti della provincia di Hemland.

Questi uomini temprati sono ben armati e pronti per la battaglia - e mi dicono di essere pronti anche per il martirio.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/02/2007 (2234 letture)
(Leggi Tutto... | 4564 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Afghanistan Michel Chossudovsky: CHI TRAE VANTAGGIO DAL TRAFFICO DELL'OPPIO AFGHANO?

DI MICHEL CHOSSUDOVSKY
Global Research

Le Nazioni Unite hanno dichiarato che la coltivazione del papavero da oppio in Afghanistan è cresciuta vertiginosamente e che ci si aspetta un suo incremento del 59% nel 2006. Si stima che la produzione di oppio sia aumentata del 49% relativamente al 2005.

I media occidentali in coro danno la colpa ai talebani e ai signori della guerra. Si è detto che l'amministrazione Bush è impegnata a mettere un freno al traffico di droga dall'Afghanistan: " Gli Usa sono i principali sostenitori di un'enorme manovra per liberare l'Afghanistan dall'oppio..."

Tuttavia con un'amara ironia, la presenza delle truppe Usa piuttosto che sradicare il traffico di droga è servita a favorirlo.

 
 
  Postato da cdcnet il 16/10/2006 (3350 letture)
(Leggi Tutto... | 11139 bytes aggiuntivi | Michel Chossudovsky | Voto: 5)
 

 
  Afghanistan Terrore e Guerre: PERCHE' L'OCCIDENTE NON VINCERA' LA GUERRA AFGHANA

DI ERIC MARGOLIS
Toronto Sun

Mentre soldati canadesi, statunitensi e britannici continuano a morire in Afghanistan, è ora che venga raccontata la verità su questa piccola guerra orribile.

Molto di quel che ci è stato detto fino ad ora dai nostri media è falso, illusorio o grossolanamente sciovinista.

L'autorevole think tank europeo Senlis Council, che si concentra sull'Afghanistan, ha appena riportato che i Talebani si stanno "riprendendo l'Afghanistan" o ora controllano la metà meridionale di quella nazione. Secondo il Senlis, l'Afghanistan meridionale sta soffrendo "una crisi umanitaria di fame e povertà".
 
 
  Postato da cdcnet il 02/10/2006 (2177 letture)
(Leggi Tutto... | 5165 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 5)
 

 
  Afghanistan Terrore e Guerre: 11 SETTEMBRE, AFGHANISTAN E LA SOPRAVVIVENZA DELLA CIVILTA'

DI GABRIELE ZAMPARINI
The Cat's Blog

Il 20 settembre 2001, rivolgendosi al Congresso, il Presidente degli Stati Uniti Bush dichiarò: "Gli Stati Uniti rispettano il popolo dell'Afghanistan -- dopotutto, siamo attualmente la sua maggior fonte di aiuto umanitario..."

Il 7 ottobre 2001, rivolgendosi al paese, Bush disse: "Allo stesso tempo, il popolo oppresso dell'Afghanistan conoscerà la generosità degli Stati Uniti e dei nostri alleati. Mentre colpiamo bersagli militari, sganciamo anche cibo, medicinali e provviste per gli uomini, le donne e i bambini dell'Afghanistan che muoiono di fame. Gli Stati Uniti d'America sono amici del popolo afghano..."
 
 
  Postato da cdcnet il 22/09/2006 (2270 letture)
(Leggi Tutto... | 21167 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 2)
 

 
  Afghanistan Galleria immagini: MORTE MADE IN U.S.A.

DI MOHAMMED DAUD MIRAKI, PhD

Vediamo se la vostra coscienza e' ancora anestetizzata

(A sinistra) UN PICCOLO TERRORISTA: GIOISCI DEL PRODOTTO USA.

Attenzione: foto molto impressionanti

Ho fatto questa foto l'ultimo giorno del mio viaggio: uno di tre gemelli.
L'Afghanistan e' diventato un disastro che le parole non possono descrivere, cosi' ho deciso di illustrarlo attraverso queste foto di bambini nati deformi. In varie occasioni, ho fatto presente che abbiamo bisogno di fondi per costruire un istituto di ricerca e le relative stazioni di controllo. Sfortunatamente la maggior parte di voi, di questa richiesta, se ne e' lavato le mani. Mi chiedo se queste foto potrebbero elevare la vostra umanita', soffocata da una vita confortevole e da desideri materiali.
Ripeto, sta a voi fare cio'che ritenete umano; non dovrebbe essere troppo difficile. I fondi per l'istituto di ricerca sono una piccola cosa da pagare, dopo che i dollari delle vostre tasse hanno creato questo disastro. Che vi piaccia, che lo ammettiate o lo neghiate, non vi assolve dalla complicita' indiretta in questi crimini di guerra. Se ogni persona che visita questo sito versasse cio' che spende in bibite nel giro di un mese, avremmo i fondi necessari a costruire le strutture di ricerca.
 
 
  Postato da cdcnet il 02/07/2006 (92590 letture)
(Leggi Tutto... | 27379 bytes aggiuntivi | Galleria immagini | Voto: 4.41)
 

 
  Afghanistan Approfondimenti: L'URANIO IMPOVERITO FALCIDIA GLI ABITANTI

DI MASSIMO FINI
Tutti i media occidentali stanno celebrando la vittoria di Hamid Karzai (il 55,3% dei suffragi) "il primo presidente democraticamente eletto nella storia dell'Afghanistan". E da questo evento democratico politici, politologi, analisti, esperti, sempre occidentali, traggono i migliori auspici per il futuro del popolo afghano.
Non è di questo parere Jooma Khan. Chi è costui e come si permette? Jooma Khan è un vecchio che vive in un villaggio della provincia di Laghman, nell'Afghanistan nord orientale. Ha detto Jooma: "Dopo che gli americani hanno distrutto i nostri villaggi e ucciso molti di noi, siamo rimasti senza le nostre case e non abbiamo niente per sfamarci. In ogni caso noi avremmo anche superato queste sofferenze e perfino le avremmo accettate, se gli americani non ci avessero tutti condannati a morte. Quando ho visto nascere mio nipote deforme mi sono reso conto che le mie speranze per il futuro erano scomparse. Ciò è differente dalla disperazione provata per le barbarie russe, anche se a quel tempo persi il mio figlio più grande, Shafiqullah. Questa volta sento invece che noi siamo parte dell'invisibile genocidio che l'America ci ha buttato addosso, una morte silenziosa da cui non potremo fuggire". Quella di Jooma Khan è una delle tante testimonianze rese davanti al Tribunale Internazionale per l'Afghanistan.

 
 
  Postato da cdcnet il 19/04/2006 (2170 letture)
(Leggi Tutto... | 5593 bytes aggiuntivi | Approfondimenti | Voto: 5)
 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.