Home  ·  Downloads  ·  Login  ·  Top  ·  Archivio  ·  Argomenti  ·  Categorie  ·  RSS
comeDonChisciotte.net: Afghanistan

Search on This Topic:   
[ Go to Home | Select a New Topic ]

Piu' a lungo Washington rimane, piu' droga esce dall'Afghanistan

Secondo i dati resi noti dall’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine, all’incirca 30 milioni di persone in tutto il mondo possono essere considerate consumatori abituali di stupefacenti. Questo significa che tutta questa gente non solo è assuefatta alla droga, ma necessita anche di un trattamento professionale. A causa del commercio illegale di sostanze stupefacenti, costantemente in aumento, ogni anno muoiono circa 100.000 persone. Dal 2011, l’Europa ha assistito ad un incremento del 30% dei consumatori di cocaina, mentre, solo l’anno scorso, la produzione mondiale di oppio è aumentata del 33%.

Postato da cdcnet 15/06/2018 (246 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



L'Afghanistan ha un futuro?

L’Afghanistan ha un futuro?

Spesso si sente paragonare il conflitto siriano con la guerra in Afghanistan, mentre l’Afghanistan è spesso ricordato insieme all’aggressione di Washington contro il Vietnam. Nella seconda metà del XX secolo, Washington si è profondamente impantanata in Vietnam solo per affrontare una incalzante sconfitta. Lo stesso destino, sembrerebbe, attende le élite occidentali in Afghanistan. A quanto risulta, c’è una ragione molto particolare per cui l’Afganistan è spesso descritto come il “cimitero degli imperi”.

Postato da cdcnet 07/05/2018 (271 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



16 ANNI: LA PIU' LUNGA GUERRA NELLA STORIA DEGLI USA

MIGLIAIA DI MORTI, NESSUNA FINE ALL'ORIZZONTE E LE COSE PEGGIORANO

Il 7 ottobre di 16 anni fa, meno di un mese dopo l'11 settembre, il presidente George W. Bush, in un messaggio televisivo dalla Casa Bianca, annunciava l'inizio della guerra in Afghanistan.

"Dietro miei ordini, gli Stati Uniti hanno iniziato a bombardare i campi di addestramento dei terroristi di al-Qaeda e gli impianti militari del regime talebano in Afghanistan", disse.

Postato da cdcnet 09/10/2017 (475 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



THE AFGHANISTAN QUAGMIRE

It is impossible to win a war that you cannot define. That seems to be the main lesson to be drawn from Afghanistan, where a so-called victory seems ever more unreachable. It is also the conclusion of several experts on the region, who fear U.S. forces would be mired forever in that unjustly punished country.

Postato da cdcnet 28/09/2017 (396 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



LA GUERRA IN AFGHANISTAN E' UN RACKET

Gli Stati Uniti faranno di nuovo una escalation [in Inglese] militare in Afghanistan.

Sedici anni fa gli Stati Uniti hanno invaso il paese e hanno deciso di eliminare i Talebani che erano al potere per qualcosa che era stato pianificato altrove, da altre persone. A partire da questa invasione, gli USA hanno tentato di sconfiggere i Talebani. Hanno perso. E appena lasceranno l’Afghanistan, i Talebani torneranno al potere. Ma nessuno è intenzionato a staccare la spina a questo approccio militare senza senso.

Postato da cdcnet 21/06/2017 (564 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



CIA FIGHTING 'PARALLEL' WAR IN AFGHANISTAN

Darius Shahtahmasebi
theantimedia.org

Nicky Hager is a ground-breaking investigative journalist and best-selling author. Pulitzer Prize-winning journalist Seymour Hersh once said of him: “Nicky Hager has more knowledge and understanding of the American intelligence world in Afghanistan — both its good and its very bad points — than any reporter I know.”

Hager’s latest book, which he co-authored with Jon Stephenson, is called Hit and Run: The New Zealand SAS in Afghanistan and the meaning of honour. It documents potential war crimes committed by New Zealand personnel in Afghanistan in 2010 and includes a variety of sources, including members of the military who came forward to the authors with the truth about what happened at the time. Anti-Media caught up with Mr. Hager to get his take on the recent developments currently under way in the Middle East and Asia, as well as to learn about his latest book.

Postato da cdcnet 22/04/2017 (445 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



THE WAR IN AFGHANISTAN HAS TURNED A GENERATION OF CHILDREN INTO HEROIN ADDICTS

opium-afghanistanBy Michaela Whitton
activistpost.com

One of the many catastrophic legacies left behind by the longest war in U.S. history is that Afghanistan produces 90% of the world’s opium. As with most parts of the world, the most vulnerable pay the heaviest price of war, and the country has faced a harrowing escalation in the number of child heroin addicts.

“What’s happened in Afghanistan over the last 13 years has been the flourishing of a narco-state that is really without any parallel in history,” Kabul-based journalist Matthieu Aikins told Democracy Now back in 2014.

Postato da cdcnet 11/05/2016 (861 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



DOES CHINA HOLD KEY TO THE AFGHAN PUZZLE?

By Pepe Escobar
January 15, 2016 "Information Clearing House" - "RT".

Just like Lazarus, there were reasons to believe the Afghan peace process might have stood a chance of being resurrected this past Monday in Islamabad, as four major players – Afghanistan, Pakistan, the US and China – sat together at the same table.

The final communiqué though was not exactly ground breaking: “The participants emphasized the immediate need for direct talks between representatives of the Government of Afghanistan and representatives from Taliban groups in a peace process that aims to preserve Afghanistan’s unity, sovereignty and territorial integrity.”

(TRADUZIONE: LA CINA HA IL CONTROLLO DEL PUZZLE AFGHANO ?)
Postato da cdcnet 15/01/2016 (726 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



ISIL IN AFGHANISTAN

Martin Berger
journal-neo.org

The increase in the level of terrorist activities of ISIL in Afghanistan has recently been the topic of various reports being published in the international media. Along with the massacre of the local population which seems to be a trademark of this Islamist group it has recently entered in a direct confrontation with the Taliban. It’s now safe to assume that there’s well over two thousand ISIL militants operating in Afghanistan.

A significant number of reports suggests that ISIL militants that infiltrated Afghanistan are engaged in recruiting locals, spreading radical propaganda, and establishing training camps. Additionally, some articles suggest that former members of the Taliban are pledging their allegiance to ISIL in the southern provinces of the country.

Thus, The Independent quotes the statement of the Afghan army General Qadam Shah Shahima that said that ISIL managed to overshadow ISIL in the Afghan province of Helmand.
Postato da cdcnet 13/12/2015 (783 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



ISIS IN AFGHANISTAN: PROXY WAR AGAINST IRAN AND CHINA

ewqewqweEric Draitser
journal-neo.org

The nature of the war in Afghanistan has shifted dramatically in recent months. While the US and NATO continue to be actively involved in the country – their strategic objectives having changed very little since the Bush administration launched the war nearly a decade and a half ago – the complexion of the battlefield, and the parties actively engaged in the war, has changed significantly.

The emergence of ISIS in Afghanistan, along with the impending withdrawal of US-NATO troops from the country, has driven the Taliban into a marriage of convenience, if not an outright alliance, with Iran. What seemed like an unfathomable scenario just a few years ago, Shia Iran’s support for the hardline Sunni Taliban has become a reality due to the changing circumstances of the war. Though it may be hard to believe, such an alliance is now a critical element of the situation on the ground in Afghanistan. But its significance is far larger than just shifting the balance of power within the country.
Postato da cdcnet 04/08/2015 (1325 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



L'OPPIO AFGANO E GLI AFFARI DELLA BLACKWATER

blackwaterFONTE: RT.COM

Il grande fallimento: la produzione di oppio afgana è cresciuta di pari passo con i profitti della ex-Blackwater

La produzione di oppio ha visto una notevole crescita negli ultimi anni in Afghanistan nonostante gli sforzi della lotta al narcotraffico da parte degli Stati Uniti. Un infame marchio mercenario, precedentemente noto come Blackwater, ha trattenuto 569 milioni dal Pentagono in questa infruttuosa mossa.

Il denaro che la compagnia ha ricevuto dai contribuenti americani è stato usato per “addestramento, materiale e supporto logistico” per le forze afgane impegnate nelle operazioni contro il narcotraffico. Queste agenzie comprendono l’”Afghan National Interdiction Unit, il Ministero dell’Interno e la Polizia di Frontiera Afgana” afferma un report dell’Ispettore Generale Speciale per la Ricostruzione Afgana, cosiddetto SIGAR, citato dal Guardian.
Postato da cdcnet 13/04/2015 (1037 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



THE TALIBAN IS ON THE MOVE

KABUL STANDS IN THE LINE OF FIRE

Kabul_talibanCatherine Shakdam
journal-neo.org

According to troubling reports coming from Afghanistan, the Taliban – an Islamic fundamentalist political movement which rose in reaction to the Soviet Union’s military occupation in the 1980s – conducted a series of brazen attacks in and around Kabul, the capital, putting Afghanistan’s central government in great jeopardy.

Experts have already warned that should Kabul fall within the grasp of Taliban insurgents, a decade of peace-building and democratic efforts would have been all for nothing.

Speaking to the Washington Post this Sunday, Sudarsan Raghavan explained, “Taliban insurgents have intensified their attacks on this besieged capital with a flurry of brazen bombings and afternoon raids targeting foreigners and Afghans, bringing the war into this city in a way not seen in any other year since the radical Islamists were ousted from power.”
Postato da cdcnet 10/12/2014 (996 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



AFGHAN OPIUM PRODUCTION HITS ALL-TIME HIGH

by MIKE WHITNEY
counterpunch.org

2014 was a banner year for Afghanistan’s booming opium industry. According to a United Nations annual survey released on Wednesday, opium cultivation set a record in 2014, increasing by an impressive 7 percent year-over-year and up nearly 50 percent from 2012. Afghanistan presently produces 80 percent of the world’s heroin which provides billions of dollars in illicit profits for the powerful drug Mafia. Heroin trafficking and production have flourished under US military occupation and transformed Afghanistan into a dysfunctional narco-colony.

Readers who follow events in Afghanistan will recall that the Taliban had virtually eradicated poppy production before Bush and Cheney launched their war in 2001. The Pentagon reversed that achievement by installing the same bloodthirsty warlords who had been in power before the Taliban. Naturally, this collection of psychopaths–who the western media lauded as the “Northern Alliance”–picked up where they left off and resumed their drug operations boosting their own wealth and power by many orders of magnitude while meeting the near-insatiable demand for heroin in capitals across Europe and America.
Postato da cdcnet 17/11/2014 (1061 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



LA GUERRA DENTRO LA GUERRA IN AFGHANISTAN

biometricDI JOHN RAPPOPORT
jonrappoport.wordpress.com

Ci sono molte guerre che si combattono in Afghanistan. Una per il controllo del rifornimento mondiale di oppio. Un'altra perché gli USA continuino ad avere basi militari vicino alla Russia. Un'altra ancora per la protezione e lo sfruttamento vorace delle vaste risorse minerarie. E poi quella per assicurare la realizzazione di un importante gasdotto.

Ma c'è né ancora un'altra. Un programma di ricerca per cui l'Esercito USA sta tentando di ottenere i dati biometrici di tutta la popolazione afghana.

Non bisogna essere geni per tirare le somme, e capire che il programma è assolutamente replicabile in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti e il loro gigantesco apparato di sorveglianza.
Postato da cdcnet 23/07/2014 (983 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



BUON ANNIVERSARIO AFGHANISTAN !

DI MIKE WHITNEY
counterpunch.org

Il 7 di ottobre scorso è stato l'anniversario della guerra in Afghanistan, ma se fosse stato per la stampa nessuno lo avrebbe saputo. “La più lunga guerra d'America”, infatti, è diventata talmente impopolare che sia i media che l'amministrazione Obama hanno fatto tutto ciò che era in loro potere per mettere a tacere l'intera faccenda, sperando che la gente, semplicemente, se ne scordasse. Ma è difficile dimenticarsi di una cosa del genere quando i soldati americani continuano a saltare in aria come è accaduto domenica 6 ottobre. Guardate cosa dice CBS News:

“Domenica una bomba ha ucciso quattro soldati americani nel sud dell'Afghanistan, hanno riferito gli ufficiali americani e afghani. Altro non sono che gli ultimi caduti di una guerra che dura oramai da 12 anni e che non da segno di voler essere interrotta nonostante l'evidente stanchezza delle truppe impegnate al fronte”
(“Four U.S. Troops killed in south Afghanistan”
, CBS News).
Postato da cdcnet 01/12/2013 (1029 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



AFGHANISTAN: ARIA DI SCONFITTA

DI MIKE WHITNEY
counterpunch.org

L’ora di tagliare la corda

Queste due visioni, una di tirannia e uccisioni, l’altra di vita e libertà, si sono scontrate in Afghanistan. E grazie alle coraggiose truppe americane e della coalizione, e grazie ai patrioti afgani, l’incubo dei talebani è finito e quella nazione sta tornando alla vita.”
George W. Bush, The War College Address, 2004


Aspetta un attimo, George.
Gli Stati Uniti non hanno liberato l’Afghanistan.
Non hanno ricostruito l’Afghanistan. Non hanno né rimosso i signori della guerra dal potere, né ridotto la produzione di oppio. Non hanno stabilito una forte istituzione democratica, né hanno migliorato la vita dei normali lavoratori. Gli Stati Uniti non hanno raggiunto nessuno degli obbiettivi strategici prestabiliti. I talebani sono più forti che mai, il governo centrale non è che una corrotta farsa, e, dopo 11 anni di guerra, il paese è in rovina.
Postato da cdcnet 09/11/2012 (1456 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



GLI STATI UNITI 'SCIOCCATI E SCONVOLTI' DAI TALEBANI

DI PEPE ESCOBAR
Asia Times

Parliamo un po’ di una doppia sfortuna. Non era già abbastanza che Standard & Poor's abbia abbassato il rating del credito degli Stati Uniti; con una tempistica impeccabile, e sembra con un colpo solo, i Talebani in Afghanistan hanno contemporaneamente fatto il downgrade della colossale macchina da guerra dell’impero.

Fino a quando l’elite al potere degli Stati Uniti si rifiuterà di comprendere che la crisi finanziaria negli USA è stata provocata dai tagli alle tasse per i ricchi e per le multinazionali negli anni di George W. Bush; dai poderosi salvataggi delle banche e delle compagnie di assicurazione; e da un’astronomica spesa militare per seguire la declinazione del Pentagono verso una Lunga Guerra, questa stessa elite si rifiuterà anche di riconoscere che la “nuova” strategia di guerra in Afghanistan è anch’essa un fallimento.

Postato da cdcnet 10/08/2011 (1468 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



LA SQUADRA OMICIDI

Attenzione: Foto estremamente crude

DI MARK BOAL
uruknet.org.uk

Come i soldati americani in Afghanistan abbiano ucciso civili innocenti e mutilato i loro cadaveri - e come i loro ufficiali non siano riusciti a fermarli. In più: uno sguardo esclusivo alle foto criminali di guerra censurate dal Pentagono

All'inizio dello scorso anno, dopo sei duri mesi di servizio in Afghanistan, un gruppo di soldati di fanteria americana ha preso una decisione fondamentale: è finalmente arrivato il momento di uccidere un Haji.

Tra gli uomini della Compagnia Bravo, l'idea di uccidere un civile afghano era stata oggetto di numerose conversazioni, durante le chiacchiere dell'ora di pranzo e delle bull sessions a tarda notte. Per settimane, avevano soppesato l'etica del rapimento "selvaggio" e discusso sulla possibilità di essere catturati. Alcuni di loro erano dibattuti sull'idea, altri furono entusiasti fin dall'inizio. Ma non molto tempo dopo il nuovo anno, quando l'inverno scendeva sulle pianure aride della provincia di Kandahar, decisero di smettere di parlare e iniziarono a premere il grilletto.
Postato da cdcnet 16/04/2011 (4444 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



UCCIDERE UN SOLDATO TALEBANO COSTA 50 MILIONI DI DOLLARI

DI MATTHW NASUTI
kabulpress.org

Uccidere 20 talebani costa un miliardo di dollari/uccidere tutti i talebani costerebbe 1700 miliardi di dollari

Il Pentagono non dirà al pubblico quanto costa localizzare, prendere come bersaglio e uccidere un soldato talebano perch il prezzo è così scandalosamente alto da far sembrare i Talebani dei super-soldati. Come è esposto in questo articolo, il costo stimato per uccidere un Talebano raggiunge i 100 milioni di dollari, mentre una stima conservativa è pari a $50 milioni. Si dovrebbe tenere un dibattito pubblico negli Stati Uniti sulla questione se i Talebani siano diventati un nemico troppo costoso da sconfiggere.

Ogni mese il Pentagono genera pagine e pagine di dubbie statistiche volte a creare l’illusione del progresso in Afghanistan. Per tutta risposta l’autore ha deciso di compilare le sue statistiche da s. Dato che l’obiettivo di ogni guerra è di uccidere il nemico, l’idea era calcolare quanto costasse ucciderne anche solo uno. Gli ostacoli incontrati nell’atto di produrre tale statistica sono formidabili. Il problema è che il Pentagono continua a classificare illegalmente tutte le notizie negative sulla guerra e le notizie imbarazzanti. Ciononostante, sono state raccolte alcune informazioni da fonti indipendenti. Ecco quello che sappiamo in cifre sommarie e arrotondate:
Postato da cdcnet 11/10/2010 (2077 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 0)



GLI AMERICANI SONO PROFONDAMENTE COINVOLTI NEL COMMERCIO DI DROGA AFGHANO

DI GLEN FORD
Black Agenda Report

Gli Stati Uniti hanno preparato il terreno per la guerra afghana (e pakistana) otto anni fa, quando permisero il traffico di droga ai signori della guerra sul libro paga di Washington. Ora gli americani, agendo come il Capo dei Capi, hanno compilato liste nere dei rivali, i signori della guerra “talebani”. “È un’occupazione di bande, nella quale i trafficanti di droga alleati degli Stati Uniti sono incaricati di svolgere le attività di polizia e controllo dei confini”.

“I trafficanti di droga alleati degli Stati Uniti sono incaricati di svolgere attività di polizia e di controllo dei confini, mentre i loro rivali sono stati inseriti in liste nere americane”.


Se state cercando il capo del traffico di eroina in Afghanistan, esso è rappresentato dagli Stati Uniti. La missione americana si è evoluta in un’organizzazione di tipo mafioso che avvelena ogni alleanza militare e politica introdotta dagli USA e dal proprio governo fantoccio di Kabul.

Postato da cdcnet 23/02/2010 (2123 letture)
(Leggi Tutto... | commenti? | Voto: 4)




 
Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.