Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Top
· Web_Links
 

  Categorie

· Tutte le Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Chris Hedge

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· James Petras

· Libri

· Michel Chossudovsky

· Mike Whitney

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Paul Craig Roberts

· Pepe Escobar

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Stephen Lendman

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· William Engdahl

 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

 
 
comeDonChisciotte.net: Propaganda

Search on This Topic:   
[ Go to Home | Select a New Topic ]
 
 


 
  Propaganda CHI C'E' DIETRO LE 'NOTIZIE FASULLE'?

I GRANDI MEDIA TRADIZIONALI USANO IMMAGINI E VIDEO MANIPOLATI

MICHEL CHOSSUDOVSKY
globalresearch.ca

La corporazione dei grandi media tradizionali e’ disperata.

Essi vorrebbero sopprimere le fonti di informazione alternative e indipendenti che etichettano complessivamente come “diffusori di notizie fasulle”

I lettori sono avvisati dai social media di non frequentare certi siti.

L’intento di questa iniziativa e’ denigrare il giornalismo onesto e La Verità nella Comunicazione.

 
 
  Postato da cdcnet il 09/12/2016 (271 letture)
(Leggi Tutto... | 13067 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Here's Why 'Fake News' Sites Are Dangerous

By Jon Rappoport
activistpost.com

Here is your daily mantra: “narrow the range of thought, narrow the range of thought.”

Exposing elites who run the world?

Exposing pedophile networks?

Documenting the lies and fabrications of major media?

Laying bare the manipulations of Globalists?

Revealing the crimes of both major political parties in America?

Uncovering the spread of pharmaceutical devastation?

Tracking the ruthless ops of major corporations?

 
 
  Postato da cdcnet il 27/11/2016 (167 letture)
(Leggi Tutto... | 5208 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda THE TIDE IS TURNING: THE OFFICIAL STORY IS NOW THE COSPIRACY THEORY

By Paul Craig Roberts
Information Clearing House

In a few days it will be the 15th anniversary of 9/11, and this November 22 will be the 53rd anniversary of the assassination of President John F. Kennedy in Dallas, Texas. These two state crimes against democracy destroyed American democracy, accountable government, and the Constitution’s protections of civil liberty.

Years after the damage done by these events the American people no longer believe the official stories. Neither does the government, but the government will never validate the distrust that Americans now share of the oligarchs’ government by acknowledging the truth.

 
 
  Postato da cdcnet il 09/09/2016 (626 letture)
(Leggi Tutto... | 21570 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda VECCHI TRUCCHI

afrtDI GIANLUCA FREDA
comedonchisciotte.org

Vorrei che dedicaste una certa attenzione all’immagine e ai titoli qui sopra, tratti dal sito di “Repubblica” di qualche giorno fa. Si tratta della perfetta esemplificazione di ciò che intendo quando parlo di “magia delle parole”. La magia, che gli antichi ben conoscevano (e che i moderni, ahimé, disconoscono, prestando ancora fede a dogmi illuministi ormai obsoleti), ridotta al suo nucleo essenziale, non è altro che questo: la capacità di manipolare i simboli – parole e immagini – per ottenere trasformazioni nella coscienza. E poiché, come anche la fisica e la biologia si sono ormai accorte da diversi decenni, la realtà materiale è qualcosa che possiede legami assai stretti con la coscienza, ogni trasformazione della coscienza equivale ad una trasformazione parziale o radicale della realtà.

 
 
  Postato da cdcnet il 20/06/2016 (657 letture)
(Leggi Tutto... | 16151 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: HOW THEY BRAINWASH US

Paul Craig Roberts on Fix and friends
patriotrising.com

Anyone who pays attention to American “news” can see how “news” is used to control our perceptions in order to ensure public acceptance of the Oligarchy’s agendas.

For example, Bernie Sanders just won six of seven primaries, in some cases by as much as 70 and 82 percent of the vote, but Sanders’ victories went largely unreported. The reason is obvious. The Oligarchy doesn’t want any sign of Sanders gaining momentum that could threaten Hillary’s lead for the Democratic nomination. Here is FAIR’s take on the media’s ignoring of Sanders’ victories.
 
 
  Postato da cdcnet il 01/04/2016 (358 letture)
(Leggi Tutto... | 4492 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 0)
 

 
  Propaganda QUELLI CHE: E' TUTTO FALSO

di Massimo Mazzucco
luogocomune.net

"Dubitare di tutto o credere tutto sono due soluzioni ugualmente comode che ci dispensano, l’una come l’altra, dal riflettere." - J.H.Poincarè

Hanno iniziato con l'11 settembre. Dicevano che non era vero niente, che tutto quello che abbiamo visto in televisione era falso, che non c'era nessun aereo che ha colpito le Torri Gemelle, che era tutta una messinscena creata a tavolino con le tecnologie digitali.

Lo si capiva - dicevano - perché il "naso" dell'aereo spuntava da una delle due torri, oppure perché in certi fotogrammi televisivi l'ala dell'aereo sembrava momentaneamente scomparire.

Poi c'è stata Sandy Hook. Anche questa era tutta una messinscena governativa: i ragazzini morti non erano morti davvero, e i genitori che li piangevano erano soltanto degli attori professionisti, pagati per fingere. Lo si capiva dal fatto - dicevano - che uno di loro addirittura rideva, mentre raccontava della strage, e lo si capiva dal fatto - dicevano - che le ombre sul terreno non coincidevano con l'orario in cui sarebbe avvenuta la sparatoria.

 
 
  Postato da cdcnet il 29/03/2016 (699 letture)
(Leggi Tutto... | 5830 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda PRESSTITUTES AT WORK

By Paul Craig Roberts
February 23, 2016 "Information Clearing House"

This morning I was stuck in front of a Fox “News” broadcast for a short period and then with a NPR news program. It was enough to convince me that Nazi propaganda during Hitler’s Third Reich was very mild compared to the constant stream of dangerous lies that are pumped out constantly by the American media.

The New York Times, Washington Post, and a couple of think-tank types were represented on NPR. They delivered the most crude propaganda imaginable and questioned no US government statement.

Did you know that all the trouble in Syria is due to the Russians and Assad? The US has no blame whatsoever. The US is trying to fight ISIS (which the US created, aids and abets), but the evil Russians and Assad are fighting the innocent “democratic rebels” who are trying to bring democracy to Syria as a replacement for a “brutal dictator” (elected by a large majority vote).

 
 
  Postato da cdcnet il 24/02/2016 (335 letture)
(Leggi Tutto... | 6179 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda WHY THE DELTA FORCE RAID VIDEO IS PURE PROPAGANDA

delta force raidJoshua Krause
The Daily Sheeple
October 27th, 2015

By now you’ve probably heard about the video that surfaced last weekend, which showed a US military raid against an ISIS prison (VIDEO). The raid was a joint effort by Delta Force operators and Kurdish Peshmerga forces, and they managed to rescue 70 Iraqi hostages who were scheduled for execution the next day. At least one US soldier by the name of Master Sgt. Joshua L. Wheeler was killed in the raid, making him the first US serviceman to be killed in Iraq in nearly 4 years.

As noble as the whole affair sounds at first glance, I have admit that I had a funny feeling about the video when it first surfaced. Maybe it has something to do with the fact that it shows our military fighting militants that our government has covertly supported in the past (and the present as far as we know). Call me crazy, but something about that didn’t sit right with me.
 
 
  Postato da cdcnet il 28/10/2015 (396 letture)
(Leggi Tutto... | 6325 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: IL PADRE DEL BAMBINO ANNEGATO ERA UN TRAFFICANTE

DIETRO LA PROPAGANDA DEI MEDIA

aylanDI TYLER DURDEN
zerohedge.com

In una certa misura, il vecchio adagio "lontano dagli occhi, lontano dal cuore" è inevitabile per chiunque, ma non penso che sia un'esagerazione dire che la società occidentale, e soprattutto il pubblico americano, mostrano un'ignoranza generalizzata di eventi che si svolgono al di là dei loro confini: ciò è completamente fuori sincrono con il grado in cui la maggior parte degli occidentali ha facile accesso alle informazioni.

Cioè, se il pubblico americano si fosse curato di sapere cosa stava succedendo al di fuori dei sobborghi, delle autostrade a sei corsie puntellate da Starbucks e dei centri commerciali tutti uguali, ecco che sicuramente avrebbe potuto scoprire un frammento di verità; peccato che ciò avrebbe significato porsi delle domande scomode ed inquietanti, molto meglio ignorare: così, alla fine della giornata, l'ignoranza ostinata consente a tutti di perpetuare il mito che tutto vada bene. Da parte loro, i media sono più che felici di esporre la dura realtà soltanto nei casi comprensibili alla massa: sicchè, per esempio, "ragazzo nero disarmato colpito 18 volte da arrabbiato poliziotto bianco" funziona bene, mentre "la sanguinosa guerra civile siriana non accenna a diminuire" non funziona perché per il pubblico - in gran parte ignorante - la Siria potrebbe anche essere Marte e se, per qualche motivo inspiegabile, la vita o la morte potesse dipendere dal fatto di essere grado di identificare correttamente la Siria su una mappa senza indicazioni, beh, sarebbe tempo di cominciare a pregare.
 
 
  Postato da cdcnet il 14/09/2015 (611 letture)
(Leggi Tutto... | 12972 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 0)
 

 
  Propaganda THE WEST SPREADS INTELLECTUAL IDIOCY

Andre Vltchek
Information Clearing House

Could any dictator desire more? Almost the entire population of the Empire is now thinking the same way!
The populace is “educated” at schools and the universities staffed with submissive, and cowardly teachers and professors.
The populace is “informed” by hundreds of thousands of servile journalists and “analysts”. There is almost no deviation from the official narrative.
Congratulations, Western Empire! You have succeeded where others tried but failed. You have achieved almost absolute obedience and discipline, a total servility.
And more than that most of the people actually think that they are free, that they are in control. They believe that they can choose, that they can decide. They are confident that theirs is the greatest civilization ever built on Earth!
 
 
  Postato da cdcnet il 22/08/2015 (562 letture)
(Leggi Tutto... | 17178 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Libri: SULLA PROPAGANDA OCCIDENTALE

ImageExposingLiesBookCover DI ANDRE VITCHEK

Tre anni di confronto con la propaganda occidentale

In seguito alla mia discussione-maratona di due giorni con Noam Chomsky (al MIT nel 2012) un libro best-seller vide la luce. Più avanti quest'anno un film uscirà nelle sale cinematografiche.

Noam e io discutemmo dell'imperialismo occidentale e del terrore che esso sta diffondendo nel mondo. Dopo la II guerra mondiale si è avuto la perdita di almeno 50 milioni di vite. Le vite di coloro che Orwell soleva definire “non-persone” (unpeople); vite brutalmente interrotte in seguito a guerre, invasioni, colpi di stato e conflitti per procura condotti e orchestrati dall'Occidente.

Discutemmo a lungo anche della propaganda Occidentale, la quale per secoli ha lavorato estremamente sodo per giustificare di tutto, dalla follia coloniale alle teorie del suprematismo ed eccezionalismo.

Dopo il mio incontro con Chomsky, presi la decisione di dedicare almeno due anni della mia vita visitando molte delle parti del mondo dove l'Impero aveva colpito: quelle aree dove aveva cercato di spazzare via qualsiasi forma di opposizione al raggiungimento del fine ultimo costituito dal controllo assoluto sul pianeta.

 
 
  Postato da cdcnet il 02/06/2015 (716 letture)
(Leggi Tutto... | 13163 bytes aggiuntivi | Libri | Voto: 0)
 

 
  Propaganda SEYMOR HERSH SUCCUMBS TO DISINFORMATION

By Paul Craig Roberts
ich

Seymour Hersh has published a long account of the homicide of Osama bin Laden:
Hersh concludes that the Obama regime’s account of the killing of bin Laden is a total fabrication except for the fact that bin Laden was killed.

I do not believe Hersh’s story for three reasons.
One reason is that bin Laden was suffering from disease that no one can survive for a decade. His death was widely reported in 2001.
One reason is that even Hersh’s “true” account of “what really happened” is contradicted by eye witnesses and the initial Pakistani TV interviews of eye witnesses.
One reason is that Hersh’s story is too convoluted for an assassination raid, a routine event. He exposes lies within lies, indecision within decision, payoffs within payoffs, and reports such a huge number of people with advance knowledge of the raid that it cannot possibly have been kept a secret.
 
 
  Postato da cdcnet il 11/05/2015 (471 letture)
(Leggi Tutto... | 3326 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda I LIMITI DELLA PROPAGANDA

NYC-PoliceDI DMITRY ORLOV
cluborlov.blogspot.it

Come ha riportato recentemente Paul Craig Roberts, il governo U.S.A. è in procinto di lanciare una guerra totale alle verità. Coloro che esprimono opinioni contrarie alla linea stabilita dal partito di Washington saranno etichettati come una minaccia. Alla fine potranno trovarsi deportati in uno dei campi di concentramento che Halliburton (vecchia azienda di Dick Cheney), ha costruito per 385 milioni dollari. Ma questo può richiedere del tempo. Nel frattempo, ci si può aspettare molti altri sviluppi meno drammatici. Infatti, alcuni di questi stanno già accadendo.

Eccoli, elencati in ordine di gravità.
 
 
  Postato da cdcnet il 10/05/2015 (887 letture)
(Leggi Tutto... | 6448 bytes aggiuntivi | Voto: 1)
 

 
  Propaganda COS'E' LA TEORIA DEL COMPLOTTO ? QUAL'E' LA VERITA'?

524542DI MICHEL CHIUSSODOVSKY
mondialisation.ca

Obama è sul piede di guerra. La civiltà occidentale sarebbe ipoteticamente "minacciata dallo Stato Islamico".

La "guerra mondiale al terrorismo" è presentata come una missione umanitaria.

Noi abbiamo la "resposabilità di proteggere" e la guerra filantropica è la soluzione.

La caccia ai malvagi, "bisogna eliminarli", ha dichiarato George W. Bush.

I media occidentali invocano la guerra: il programma militare di Obama è sostenuto da una vasto apparato di propaganda.
 
 
  Postato da cdcnet il 01/05/2015 (1139 letture)
(Leggi Tutto... | 8993 bytes aggiuntivi | Voto: 4)
 

 
  Propaganda Storia: LA PROPAGANDA OCCIDENTALE E IL DR. GOEBBELS

goebbelsDI YURI RUBTSOV
strategic-culture.org

Lo storico ceco Eve Hahnovà ha scritto un articolo riguardo agli stereotipi anti-Russia della propaganda di Goebbels. In esso si dice che i media occidentali contemporanei assomigliano molto alla propaganda nazista nella Germania fascista. Offrendo il suo commento ai diari di Goebbels, Eve Hahnovà ci riferisce che l’Occidente usa un’immagine creata artificialmente dalla propaganda nazista fino alla fine della II Guerra mondiale: la “minaccia che arriva da Est” e “la minaccia russa” rivivono gli stereotipi della propaganda di Hitler.

La conclusione è ovvia. All’inizio della guerra la propaganda nazista affermava che Hitler doveva necessariamente condurre un’offensiva verso Est per prevenire un attacco sovietico. La macchina della propaganda nazista finì per diffondere un’ enorme bugia. Goebbels fu il primo a far circolare voci riguardo al fatto che migliaia di donne tedesche fossero state stuprate dai soldati sovietici. Nel marzo del 1945 scrisse nel suo diario che “soldati sovietici si comportarono come feccia… Terribili storie arrivarono dalla Slesia del nord. Hanno violentato donne tra i 10 e i 70 anni”. Disse che la Germania avrebbe lanciato un’ampia campagna sia a casa che all’estero affinchè divenisse di pubblico dominio. E lo fece.
 
 
  Postato da cdcnet il 28/04/2015 (882 letture)
(Leggi Tutto... | 8730 bytes aggiuntivi | Storia | Voto: 0)
 

 
  Propaganda CNN IS BEATING THE DRUMS OF WAR

Russian_army_mobilizing_for_warby Paul Craig Roberts
dissidentvoice.org

President George W. Bush’s national security advisor, Condi Rice, warned Americans that Saddam Hussein’s (nonexistent) weapons of mass destruction could result in a mushroom cloud going up over an American city. No such threat existed. But today a very real threat exists over all American cities, and the national security advisor does not notice.

The threat issues from Washington and arises from the demonization of Russia and its leadership.

Wolf Blitzer (CNN, March 13) used the cover of a news program to broadcast a propaganda performance straight out of the Third Reich or perhaps from George Orwell’s 1984. The orchestration presented Russia as a massive, aggressive military threat. The screen was filled with missiles firing and an assortment of American General Strangeloves urging provocative measures to be deployed against the Russian Threat. Blitzer’s program is part of the orchestrated propaganda campaign whose purpose is to prepare Americans for conflict with Russia.
 
 
  Postato da cdcnet il 15/03/2015 (643 letture)
(Leggi Tutto... | 5747 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Propaganda STATUE DISTRUTTE DALL'ISIS: A SBRICIOLARSI E' SOLO LA CREDIBILITA' DEI MEDIA

DI JAMES MASSY MASON (con nota di Pino Cabras in coda all'articolo)
masonmassyjames.it

Avete presente i reperti d'arte antica che i facinorosi dell'ISIS avrebbero recentemente distrutto nel museo di Musul? Scommetto di sì, visto che il video che li immortala mentre fanno a pezzi le preziosissime sculture è rimbalzato sui social come fosse un proiettile impazzito. Ovviamente accompagnato da commenti che incitavano alla loro morte e al fatto che questi "vanno fermati".

La parte di Occidente che non sia stata abbastanza colpita da decapitazioni e roghi umani, sarà sicuramente colpita dalla distruzione della cultura, della storia, dall'iconoclastia delirante e pericolosa di questi folli che "vanno fermati".

 
 
  Postato da cdcnet il 28/02/2015 (1053 letture)
(Leggi Tutto... | 8437 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Propaganda Terrore e Guerre: NOI SIAMO TUTTI... RIEMPI LO SPAZIO VUOTO

chomsyDI NOAM CHOMSKY
informationclearinghouse.info
Noam Chomsky su Charlie Hebdo

Il terrorismo non è terrorismo quando un attacco ben più grave viene portato a compimento da chi si ritiene Giusto in virtù del proprio potere.
Il mondo ha reagito con orrore al sanguinario attacco al giornale satirico francese “Charlie Hebdo”. Sul New York Times, l’esperto corrispondente dall’Europa Steven Erlanger, all’indomani dell’accaduto, ha graficamente descritto quello che molti chiamano l’undici settembre francese “un giorno di sirene, elicotteri in volo, frenetici bollettini dei telegiornali; di cordoni di polizia e folle preoccupate; di bambini allontanati dalle scuole per sicurezza. È stato un giorno, come i due precedenti, di sangue e orrore all’interno e fuori la città di Parigi”.
Il grido di protesta globale è stato accompagnato dalla riflessione sulle profonde radici dell’atrocità. “Molti l’hanno percepita come uno scontro di civiltà”, si legge su un titolo del New York Times.
 
 
  Postato da cdcnet il 15/01/2015 (675 letture)
(Leggi Tutto... | 7742 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Propaganda L'IMPERO DEL (L'INFINITAMENTE STUPIDO) CAOS

escobarDI PEPE ESCOBAR
facebook.com

I sistemi informatici della Sony Pictures sono stati attaccati da un impiegato malcontento. Un attacco dall'interno.
Questo non ha NULLA a che fare con la Corea del Nord.
Moon of Alabama ha pubblicato probabilmente il miglior articolo di smascheramento di tutti
http://www.moonofalabama.org/2014/12/obama-gambled-lost-us-credibility-on-cyber-claims.html [vedi oltre]
e poi..
 
 
  Postato da cdcnet il 04/01/2015 (867 letture)
(Leggi Tutto... | 8568 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda GUERRE MEDIATICHE E TRIONFO DELLA PROPAGANDA

DI JOHN PILGER
johnpilger.com

Perché così tanto giornalismo si è arreso alla propaganda? Perché censura e distorsione sono diventate consuetudine? Perché la BBC si fa così spesso portavoce di poteri rapaci? Perché il New York Times e il Washington Post ingannano i loro lettori? Perché ai giovani giornalisti non si insegna a capire le finalità dei media e a sfidare le affermazioni eclatanti e le basse intenzioni della falsa imparzialità? E perché non si insegna loro che la sostanza di gran parte di ciò che definiamo media mainstream non è informazione, ma potere?

Questi sono problemi urgenti. Il mondo si trova di fronte all'eventualità di una grande guerra, forse addirittura nucleare - con gli Stati Uniti chiaramente determinati ad isolare e provocare prima la Russia e poi la Cina. Questa semplice verità viene capovolta e messa sottosopra dai giornalisti, inclusi quelli che caldeggiarono le bugie che portarono al bagno di sangue in Iraq nel 2003.

I tempi in cui viviamo sono così pericolosi e distorti nella pubblica percezione che la propaganda non è più, come Edward Bernays la definì, un "governo invisibile", ma il governo stesso, che controlla direttamente senza tema di smentita, e il suo scopo principale è di conquistare noi, il nostro senso del mondo, la nostra capacità di separare la verità dalla menzogna.
 
 
  Postato da cdcnet il 11/12/2014 (1124 letture)
(Leggi Tutto... | 19973 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda THE BEHEADING THAT NEVER WAS?

The Kassig Killing And Western War Propaganda

Brandon Turbeville
Activist Post

Currently trending alongside Kim Kardashian’s photo shoot, a Missouri declaration of a State of Emergency, and Charles Manson’s marriage, is the news of the recent alleged beheading of an American citizen by Western-backed ISIS terrorists in Syria.

The latest beheading video to allegedly emerge from ISIS reportedly shows the beheading of Peter Kassig, an “American aid worker” who was captured by the Western-backed fundamentalists in October of last year. Kassig was an Iraq veteran and former U.S. Army Ranger who later became an “aid worker” in Lebanon and Syria, according to USA Today.
 
 
  Postato da cdcnet il 18/11/2014 (772 letture)
(Leggi Tutto... | 12442 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda SIRIA! ECCO IL VIDEO SHOCK DEL BAMBINO EROE SIRIANO!

videoDI GIULIETTO CHIESA
facebook.com

ATTENZIONE! NON ADATTO A PERSONE SENSIBILI!

STRAORDINARIO video di un bambino siriano che salva una bambina, sotto il fuoco di cecchini che urlano Allahu akbar! Viene colpito, si rialza tra la polvere e la porta via, verso la salvezza. Postato lunedì sul canale youtube del network mediorientale Shaam ha totalizzato più di quattro milioni di visualizzazioni in pochi giorni.

Ma è un falso. Anzi un vero e proprio film, realizzato a Malta dal regista norvegese Lars Klevberg, sul set di Troy e del Gladiatore. Ci sono cascati in molti. Anche la BBC. Nonostante il bambino colpito dai cecchini si rialzi e corra senza ferite e tracce di sangue.
 
 
  Postato da cdcnet il 17/11/2014 (602 letture)
(Leggi Tutto... | 1529 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Propaganda HOLLYWOOD STYLE PROPAGANDA MASS BEHEADING VIDEO SURFACES ... AGAIN!

Posted By: Jordon
The Rumor Mill News Reading Room

Look at the production value in this 'film.' Multiple camera angles, added sound effects, voice-over, slow-mo to add dramatic effect, music sound track, even a bit of echo added..

I wonder how much it cost to produce this?

(If this video gets removed by youtube, click the link below)

V I D E O

http://youtu.be/LUaxyhRfqyk
 
 
  Postato da cdcnet il 17/11/2014 (557 letture)
(Leggi Tutto... | 2115 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Paul Craig Roberts: UN'ALTRA STORIA FALSA SU BIN LADEN

DI PAUL CRAIG ROBERTS
lewrockwell.com

RT, una delle mie fonti preferite di notizie, è caduta in una storia falsa messa in giro dal Pentagono a sostegno della fantasiosa ipotesi secondo cui un team dei NAVY SEAL avrebbe ucciso Osama bin Laden, morto una seconda volta ad Abbottabad in Pakistan, una decina d'anni dopo la sua prima morte per malattia. (http://rt.com/usa/202895-navy-seal-shot-binladen/).

Questa storia falsa, con il film falso ed il libro falso di un presunto membro del team di SEAL è il modo in cui la storia fantasiosa dell'omicidio di bin Laden viene perpretata. Il presunto omicidio di bin Laden per mano dei SEAL era un'operazione di propaganda, finalizzata a consacrare Obama come un eroe e a rafforzare la sua candidatura per un secondo mandato.

 
 
  Postato da cdcnet il 15/11/2014 (932 letture)
(Leggi Tutto... | 7293 bytes aggiuntivi | Paul Craig Roberts | Voto: 0)
 

 
  Propaganda IL GIORNALISMO MADE IN CIA, IERI E OGGI

FONTE: DEDEFENSA.ORG

Agli inizi di ottobre, il libro Journalistes achetés (Giornalisti comprati, ndt) di Udo Ulfkotte, anziano giornalista della Frankfurter Allgemeine Zeitung (la prestigiosa FAZ di Francoforte), si è subito presentato come un best-seller. Inoltre, la stampa tedesca ha mantenuto riserbo sull’aspetto fondamentale, anzi un mutismo significativo nei confronti di questo libro. Il successo di Ulfkotte come autore è tanto più evidente, se non molto significativo del divorzio confermato ogni giorno tra la popolazione e l‘opinione pubblica da una parte, le élite-Sistemi e la stampa-Sistema dall’altra.

Il 3 ottobre 2014, il sito Russia Insider (RI) dedicava un primo articolo a Ulfkotte ed al suo libro. Si evidenziava in particolare non tanto la tesi dell’autore, ma la sua constatazione derivata da un’esperienza sia professionale che personale. “I membri dei media tedeschi sono pagati dalla CIA in cambio di rigirare le notizie in modo da sostenere gli interessi americani, e alcuni organi di stampa tedeschi sono semplicemente delle appendici di Public Relations della NATO, secondo un nuovo libro di Udo Ulfkotte, ex redattore del Frankfurter Allgemeine Zeitung, uno dei giornali tedeschi più grandi. Ulfkotte è un importante giornalista mainstream. Eccolo in un talk show politico di punta in Germania un paio di anni fa. In Germania il libro è un caso, è [settimo] nella lista dei bestseller. La sua esplosione politica, segue a ruota l’indignazione tedesca nei confronti delle intercettazioni telefoniche dell’NSA. [ ...]
 
 
  Postato da cdcnet il 11/11/2014 (526 letture)
(Leggi Tutto... | 24363 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: 3 WAYS TO BLOCK THE EFFECTS OF MAINSTREAM MEDIA

Bernie Suarez
Activist Post

Life is one huge psychological journey. This is what I believe. You are what you think you are. You control your journey and how much you actually enjoy it. You control how happy (or for that matter how sad and miserable) you will be because you control your own thoughts. Yes, you make decisions everyday on what thoughts you will allow into you mind. You also make decisions about how you will approach things in your life including new information. The choice of personal attitude toward things, preconceived notions, and good or bad assumptions about the world around us is all within our reach and control. For this reason I want to discuss a bit about how your mind should operate when you come across mainstream media news.

Believe it or not there are several thought processes you could and should practice to essentially keep your mind free of mainstream media's poisonous lies and deceit. Anyone who believes some mainstream media news will likely find this article ridiculous, untrue, nonsense perhaps, exaggerations, or whatever. Those who think this way only do so because they are attached subconsciously to mainstream media news and the paradigm it offers them in their daily perception of the world. It feels real and your mind simply cannot fathom that mainstream media news is fabricated.
 
 
  Postato da cdcnet il 29/10/2014 (620 letture)
(Leggi Tutto... | 14127 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 0)
 

 
  Propaganda ECCO PERCHE' L'ISIS E 'UNA PSY-OP ORCHESTRATA SECONDO UN COPIONE

isisBERNIE SUAREZ
Activist Post

Si sono leggermente placate le acque attorno alla psyop (operazione psicologica n.d.t) che riguarda l'ISIS? Prima che la questione si estingua del tutto esaminiamo alcune ironie e stranezze incredibili che che riguardano l'ISIS, creatura della CIA. Dopo tutto, la psyop ISIS merita un'analisi approfondita da ogni angolazione, perciò ho ritenuto opportuno fare un quadro della situazione per il bene dell'umanità. Speriamo che l'umanità possa utilizzare la psyop ISIS come strumento per una definitiva o ulteriore consapevolezza. Potrebbe essere una pia illusione, ma vale la pena di esporre ogni crepa e angolo più nascosto di questa psyop e lasciare che il governo sappia che non sposeremo le sue decisioni questa volta.
 
 
  Postato da cdcnet il 07/10/2014 (1170 letture)
(Leggi Tutto... | 30508 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda SEMPRE E SOLO MENZOGNE PERCHE' TU GLIELO PERMETTI

http://stateofthenation2012.com/wp-content/uploads/2013/09/obama-liar-in-chief.jpgDI DAVID SWANSON
informationclearinghouse.info

"Se dici una bugia abbastanza grande e continui a ripeterla, la gente alla fine ci crede." - Joseph Goebbels

"Tutto ciò e' ispirato dal principio -- che e' vero in se stesso -- che nella grande bugia esiste sempre una certa forza di credibilità; perché le vaste masse di una nazione sono sempre facilmente corruttibili nel profondo della loro natura emotiva piuttosto che coscientemente o volontariamente; e così nella primitiva semplicità delle loro menti cadono più facilmente vittime di una grande bugia anziché di una piccola, in quanto essi stessi dicono spesso delle piccole bugie su piccole cose ma si vergognerebbero di ricorrere a delle falsità su larga scala." - Adolf Hitler

Come pensavano di farla franca sostenendo che in Iraq c'erano grandi quantità di armi chimiche, biologiche e perfino nucleari?
 
 
  Postato da cdcnet il 04/09/2014 (783 letture)
(Leggi Tutto... | 6489 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Libri: LA CIA USO' IL DOTTOR ZIVAGO COME STRUMENTO DI PROPAGANDA

FONTE: COUNTERCURRENTS.ORG

Il Dottor Zivago, il romanzo di Boris Pasternak, fu utilizzato in chiave anti-Sovietica dalla CIA durante la Guerra fredda. Un esclusivo report a Washington svela infatti l’entusiasmo di molti ufficiali della Cia per il libro di Pasternak, ma certamente non per i suoi meriti letterari o di stile, bensì per l’uso propagandistico negli anni della Guerra fredda.

Gli autori Peter Finn e Petra Couvee nelle loro ricerche per il libro "The Zhivago Affair: The Kremlin, the CIA and the Battle Over a Forbidden Book" ("L'Affare Zivago: il Cremlino, la CIA e la battaglia per un libro proibito), hanno usato dei documenti declassificati dell’Agenzia in cui si svela per la prima volta il ruolo di questa nella diffusione e nell’edizione di questa opera. Il libro uscirà a giugno negli Usa.

La CIA, l’agenzia di intelligence nordamericana, aveva visto nel libro un guanto di sfida al comunismo e un modo di sollevare dubbi nei cittadini sovietici sul loro governo e sul modo in cui impediva la pubblicazione e la diffusione di uno dei loro maggiori scrittori.

Già nel 1958 i servizi inglesi avevano intuito il potenziale di quell’opera, già messa al bando dal governo sovietico, inviando ai loro corrispettivi americani l’opera e suggendone la diffusione nella Russia Sovietica e nell’Europa orientale.

Inoltre Mosca era sia infastidita che imbarazzata dal successo della pellicola tratta dal libro nel 1965 , film che vinse addirittura 5 Academy Awards e venne nominato per la miglior fotografia.

 
 
  Postato da cdcnet il 19/04/2014 (546 letture)
(Leggi Tutto... | 5191 bytes aggiuntivi | Libri | Voto: 0)
 

 
  Propaganda SIAMO SICURI DI ESSERE SUPERIORI ALL'IRAN ?

DI MASSIMO FINI
ilfattoquotidiano.it

Nella conferenza stampa di fine anno, un giornalista d’area radicale ha chiesto al presidente del Consiglio se l’Italia non fosse troppo morbida con l’Iran.

Letta ha risposto in diplomatichese, ma una cosa interessante l’ha detta: “L’Italia può essere un buon mediatore con l’Iran perché entrambi veniamo da grandi culture millenarie e possiamo quindi intenderci”.  L’Iran è infatti l’antica Persia. E le vestigia di questa cultura si possono trovare nella plurimillenaria città di Isfahan o a Qom (non a Teheran che, come Tel Aviv, è di costruzione recente)
 
 
  Postato da Truman il 28/12/2013 (3512 letture)
(Leggi Tutto... | 3878 bytes aggiuntivi | Voto: 4.69)
 

 
  Propaganda URUGUAY: LO STATO LAICO E' POSSIBILE

DI VICTOR FARINELLI
vermelho.org.br

In meno di un decennio, il paese è riuscito a depenalizzare l'aborto, creare progressi imporanti in ambito di unione civile omossesuale e anche a lanciare un progetto di legalizzazione della marijuana.

Nelle piazze dove si trovano il Palazzo del Governo e il Parlamento uruguayano a Montevideo non si vede neanche un simbolo cristiano. In tutto l'Uruguay non ci sono crocifissi a scuola, negli ospedali pubblici e neanche in qualunque organo del governo. Dalla fine della dittatura, i presidenti eletti hanno abolito il "giuro su Dio" dal giuramento ufficiale di proprietà e l'attuale presidente, José Mujica, ha eliminato quasi tutte le orazioni protocollari poichè le considera "troppo liturgiche" e ha detto di impegnarsi soltanto a "seguire e difendere i parametri della  costituzione uruguayana e a proteggere gli interessi della nazione".
 
 
  Postato da Truman il 28/12/2013 (2300 letture)
(Leggi Tutto... | 12095 bytes aggiuntivi | Voto: 3.2)
 

 
  Propaganda LA SCIENZA COME STRUMENTO DI PROPAGANDA

L'USO INDUSTRIALE DELLA SCIENZA

DI NOLWENN WEILER
Bastamag

Studi di parte, pseudo-perizie, finanziamenti occulti: a partire dagli anni ’50 gli industriali hanno iniziato a manipolare la scienza a loro beneficio. Le tecniche di depistaggio della scienza, inaugurate dai giganti della sigaretta, sono oggi utilizzate dai produttori di pesticidi e dagli scettici del riscaldamento globale. La decimazione delle api è diventata un “mistero” e il cambiamento climatico “relativo”. Strategie decifrate da Stéphane Foucart, giornalista scientifico, nella sua opera "La fabbrica della menzogna, in che maniera gli industriali ci mentono mettendoci in pericolo".
 
 
  Postato da cdcnet il 27/07/2013 (745 letture)
(Leggi Tutto... | 17549 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Propaganda ANGELINA JOLIE: IL BIMBO E LA BESTIA

DI FINIAN CUNNINGHAM
Strategic Culture

Angelina Jolie, idolo dello schermo americano è una delle attrici più pagate di sempre, è famosa per il suo look sensuale e per una presenza da femme fatale. E' una donna pericolosa, l'incarnazione di un vulcano, una minaccia capricciosa.

Il che, se ci pensate, assomiglia molto al suo ruolo nella vita reale come inviata speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani. Nel suo ultimo «ruolo da protagonista», si è battuta al fianco del ministro degli Esteri britannico William Hague.

La «location» è la Repubblica Democratica del Congo. Entrambi hanno viaggiato per il paese dell'Africa centrale devastato dalla guerra di questa settimana per far luce sui crimini strazianti di stupro contro le donne come conseguenza dei conflitti.
 
 
  Postato da cdcnet il 11/04/2013 (797 letture)
(Leggi Tutto... | 10597 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Propaganda LA SCATOLA DELL'IDIOZIA: COME LA TELEVISIONE CI STA TRASFORMANDO IN ZOMBIE

DI STEVE WATSON
Propagandamatrix

TV turns you into a zombie

Mentre da un lato queste parole suonano come la solita metafora utilizzata per evidenziare quanta immondizia ci viene oggi propinata attraverso la televisione, sono anche una terribile affermazione che descrive in modo letterale la nostra realtà.
Solo in quest’ultimo mese due studi separati hanno rivelato che un eccessivo uso della televisione, anche se lasciata in sottofondo, può avere effetti deleteri sullo sviluppo cerebrale nei bambini, al punto che, quando crescono, mostrano difficoltà nelle relazioni sociali.
Se a questo aggiungiamo l’impatto ampiamente documentato che la TV ha su ognuno di noi, il potere che ha di alterare letteralmente la nostra coscienza e deprimere il pensiero critico, si può comprendere perché già da tempo è stata definita la “scatola dell’idiozia”.
 
 
  Postato da cdcnet il 24/10/2012 (1124 letture)
(Leggi Tutto... | 12070 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Propaganda Paul Craig Roberts: COME LE BUGIE DEL GOVERNO DIVENTANO VERITA'

DI PAUL CRAIG ROBERTS
PaulCraigRoberts.org

Nel mio ultimo articolo, “A Culture of Delusion”, ho scritto che “gli americani vivono in un contesto di menzogne. Le menzogne dominano ogni discussione ed ogni decisione politica.” Questo articolo tratterà le due storie di punta, il nucleare iraniano e Julian Assange, per mostrare come le bugie diventano “la verità”.

I media occidentali Presstitute [da press e prostitute ndt] usano ogni bugia per demonizzare il governo iraniano. Il 28 settembre, in una crisi di totale ignoranza, il giornalaccio britannico Mail Online, ha chiamato il presidente iraniano “dittatore”. La presidenza iraniana è un ufficio affidato a elezioni popolari, e l'autorità di quella carica è subordinata agli ayatollah. Assange viene demonizzato alternativamente come stupratore o spia.

I media occidentali e il Congresso statunitense comprendono le due più grandi case chiuse della storia umana. Una delle loro bugie preferite è che il presidente dell' Iran, Ahmedinejad, voglia uccidere tutti gli ebrei. Guardate questo video di 6 minuti e 32 secondi in cui Ahmedinejad incontra i leader religiosi ebraici. Non fatevi sviare dal titolo, Washington Blog stava scherzando. http://www.globalresearch.ca/horrifying-graphic-video-of-iranian-leader-savagely-abusing-jews/

 
 
  Postato da cdcnet il 05/10/2012 (965 letture)
(Leggi Tutto... | 13716 bytes aggiuntivi | Paul Craig Roberts | Voto: 0)
 

 
  Propaganda QUANDO LE PSY-OPS DIVENTANO NOTIZIE ''BRILLANTI''..

E' LA STORIA A DIVENTARE IL NEMICO.

DI JOHN PILGER
johnpilger.com

Al mio arrivo in un villaggio del sud Vietnam, vidi due bambini che testimoniavano la guerra più lunga del 20° secolo. Le loro terribili deformità mi erano familiari. Lungo il Mekong, dove le foreste sono pietrificate e silenziose, piccole mutazioni umane vivono come meglio possono.

Oggi, all’ospedale pediatrico Tu Du di Saigon, una ex sala operatoria è conosciuta come la "sala raduno" e, ufficiosamente, come la "stanza degli orrori". Vi sono scaffali pieni di bottiglie di grandi dimensioni contenenti feti grotteschi.

Durante l'invasione del Vietnam, gli Stati Uniti spruzzarono un erbicida defoliante sulla vegetazione e sui villaggi per far sì che il nemico non avesse alcuna copertura. Lo chiamarono Agent Orange, un misto di diossina e veleni tanto potenti da causare morti fetali, aborti spontanei, danni cromosomici e tumori.
 
 
  Postato da cdcnet il 23/06/2012 (1407 letture)
(Leggi Tutto... | 8080 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: FALSE EVIDENZE SULLA POPOLAZIONE MONDIALE

DI GERARD-FRANÇOIS DUMONT
Le Monde Diplomatique

Demografia, quanti luoghi comuni si pronunciano nel tuo nome...

"L'umanità ha un tasso di natalità senza freni." No, perchè da parecchi decenni dovunque i tassi di natalità diminuiscono decisamente, sotto l'effetto di ciò che quello che viene chiamata "transizione demografica" (vedere il glossario), un periodo durante il quale una popolazione vede abbassare una natalità e una mortalità dapprima molto elevate.

"Bisogna temere una vera esplosione demografica." La cosa ci rassicura: la bomba non scoppierà. Il fenomeno più importante del XXI secolo non sarà la crescita veloce della popolazione, ma il suo invecchiamento.

 
 
  Postato da cdcnet il 26/12/2011 (1166 letture)
(Leggi Tutto... | 15739 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: WADAH KHANFAR, AL-JAZEERA E IL TRIONFO DELLA PROPAGANDA TELEVISIVA

DI THERRY MEYSSAN
Reseau Voltaire

Nella foto: Wadah Khanfar

Al-Jazeera, la catena informativa qatariota che si è imposta da quindici anni nel mondo arabo come fonte originale di informazione, si è fatta carico improvvisamente di una vasta operazione di intossicazione, con l’obbiettivo di rovesciare i regimi libici e siriani a ogni costo. Questa inversione di tendenza, come indicato da Thierry Meyssan, non è il frutto del caso, ma è stata preparata da tempo dalle personalità che hanno saputo nascondere i loro interessi personali al grande pubblico. Rivelazioni…

Il 20 settembre 2011 la catena qatariota Al-Jazeera ha annunciato il licenziamento del suo direttore generale, Wadah Khanfar, e la sua sostituzione con un membro della famiglia reale, lo sceicco Hamad Ben Jassem Al-Thani.

 
 
  Postato da cdcnet il 24/09/2011 (1016 letture)
(Leggi Tutto... | 17494 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: 15 MAGGIO 2021 EDIZIONE STRAORDINARIA: BARACK OBAMA E' MORTO

DI FAHAD ANSARI
CagePrisoners

Il criminale di guerra Barack Obama è stato ucciso nel Regno Unito dalle forze di sicurezza del Pakistan, secondo le parole del Primo Ministro pakistano, Hasan Abdullah.

Obama è stato colpito a morte in un compound presso Camberley, in un’operazione di terra eseguita dall’intelligence pakistana, la prima portata a termine dopo quello che è emerso lo scorso agosto.

Il signor Abdullah ha riferito che le forze del Pakistan hanno preso possesso del corpo dopo "una sparatoria".

Si ritiene che Obama abbia ordinato quasi 200 attacchi nel nord e nel sud del Waziristan tra il 2009 e il 2011, nel corso dei quali circa 2000 persone sono rimaste uccise mentre era in servizio come Comandante in Capo delle Forze Armate USA. Si crede inoltre che Obama abbia ordinato i continui bombardamenti in Afghanistan durante lo stesso periodo a causa dei quali altre migliaia di persone sono rimaste uccise.
 
 
  Postato da cdcnet il 12/05/2011 (1595 letture)
(Leggi Tutto... | 10310 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 0)
 

 
  Propaganda MORTE VIRTUALE DI UNO SCEICCO DEL TERRORE

DI HS
comedonchisciotte.org

Lo sospettavamo da tempo che l’intelligence reale non è quella raffigurata nei romanzi di Graham Greene e di John Le Carrè nei quali lo sviluppo narrativo e il disegno dei personaggi rispondono a schemi logici e ordinati nei quali la concatenazione di eventi si incarica, al fine, e pur seguendo percorsi tortuosi, di rimettere ogni tassello dolorosamente al suo posto… Si respira un’aria soffocante di tragedia in queste storie. La realtà dei giochi di potere – semplici e complessi al tempo stesso – che si giocano sulle teste degli individui, è, invece, grottesca, mostruosa e sempre in bilico fra follia e ridicolo… Pare che però stavolta, almeno a udire qualche commento od opinione nei posti frequentati dal popolino, la rete non abbia raccolto molti pesci se non nel cuore dell’impero americano. Con il trascorrere dei minuti e delle ore aumentano i dubbiosi e – con loro – quei dubbi che una persona con un poco di buon senso non può non maturare.

Nella foto: Osama Bin Laden fotografato da Robert Fisk
 
 
  Postato da cdcnet il 08/05/2011 (1026 letture)
(Leggi Tutto... | 40057 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: SVENTOLARE LA BANDIERA, FALSARE LE NOTIZIE

DI JOHN PILGER
johnpilger.com

Le forti polemiche provenienti da Washington sul ritiro delle truppe dall’Iraq rappresentano una povera sceneggiata per nascondere la determinazione americana nel voler proseguire la guerra. E lo stesso tipo di raggiro è in atto qui in Gran Bretagna. Si dice che Edward Bernays, il nipote americano di Sigmund Freud, abbia inventato la moderna propaganda. Durante la Prima Guerra Mondiale era membro di un gruppo di influenti liberali che montarono una segreta campagna governativa per persuadere gli Americani riluttanti all’idea di inviare l’esercito al massacro in Europa. Nel suo libro “Propaganda”, pubblicato nel 1928, Bernays scrive che una “manipolazione consapevole e intelligente delle opinioni e delle abitudini delle masse, svolge un ruolo importante in una società democratica” e che i manipolatori “costituiscono un governo invisibile che è il vero potere esecutivo nel nostro paese”. Invece del termine propaganda egli coniò l’eufemismo “pubbliche relazioni”.
 
 
  Postato da cdcnet il 12/09/2010 (1812 letture)
(Leggi Tutto... | 7954 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 5)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: OSAMA BIN LADEN: VIVO O MORTO ?

DI DAVID RAY GRIFFIN
globalresearch.ca

Osama bin Laden è ancora vivo? Ho trattato la questione in un recente breve libro intitolato Osama bin Laden: Dead or Alive? (‘Osama bin Laden: vivo o morto?’), i cui punti principali riassumo qui di seguito.

Il trasferimento del potere dall’amministrazione Bush a quella di Barack Obama ha reso questa domanda più rilevante.

Anche se, com’è noto, George W. Bush ha affermato di volere Osama bin Laden “vivo o morto”, egli ha anche messo in chiaro di non avere intenzioni serie in proposito. Oltre a dichiarare di non essere preoccupato per via di bin Laden, Bush l’ha anche dimostrato nei fatti dirottando la maggior parte delle risorse militari americane verso l’Iraq. Naturalmente, Bush poteva non preoccuparsi di bin Laden perch sapeva non solo che questi non era implicato nell’11 settembre, ma anche che, comunque, era probabilmente morto.

Non conosco l’opinione del presidente Obama e dei suoi in merito, ma la loro retorica presuppone sia la responsabilità di bin Laden per l’11 settembre sia che egli sia ancora vivo.

Ad esempio, nel novembre 2008 in un articolo sul <i>Washington</i> Post si leggeva: <br><br>
“Il presidente-eletto Barack Obama (…) intende rinnovare l’impegno degli U.S.A. nella caccia ad Osama bin Laden (…) ‘è questo il nostro nemico’, ha detto di bin Laden un consulente, ‘e quindi deve essere il nostro bersaglio principale’”.

 
 
  Postato da cdcnet il 25/10/2009 (1356 letture)
(Leggi Tutto... | 15401 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: COME MILITARI E SERVIZI SEGRETI SI SONO IMPADRONITI DELLE NOTIZIE

DI NICK DAVIES
The Independent

Dopo la serie di articoli sulla roadmap del Pentagono per il controllo dell'informazione, vi presentiamo un interessante articolo con esempi del potente apparato clandestino di propaganda creato dopo l'11 Settembre. Il seguente è un estratto pubblicato dal The Independent inglese del libro di Nick Davies "Flat Earth News: an award-winning reporter exposes falsehood, distortion and propaganda in the global media" ["Notizie dalla Terra Piatta: un premiato reporter smaschera le falsità, le distorsioni e la propaganda nei media globali" N.d.r.] (Ed. Chatto & Windus)

Nel suo nuovo e molto discusso libro, Nick Davies sostiene che i servizi segreti stanno segretamente facendo propaganda per manipolare l’opinione pubblica – e che i media semplicemente si bevono tutto.

La mattina del 9 febbraio 2004, il New York Times tratta un esclusiva ed allarmante storia. Il loro corrispondente da Baghdad, Dexter Filkins, riferiva che i funzionari americani erano venuti in possesso di una lettera di 17 pagine presumibilmente scritta dal noto terrorista Abu Musab al Zarqawi indirizzata ai capi di al Queda esortandoli ad accettare il fatto che il modo migliore per sconfiggere l’esercito americano in Iraq era dare inizio ad una guerra civile.
 
 
  Postato da cdcnet il 04/03/2008 (2123 letture)
(Leggi Tutto... | 12930 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 5)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: La fiaba infinita

di Truman Burbank

Una grande opera di antropologia è la Morfologia della fiaba di Vladimir Propp, in cui vengono analizzate le fiabe di magia e vengono individuati gli elementi di base presenti in tali fiabe, i quali risultano essere in numero sorprendentemente limitato.

Al tempo di oggi può essere interessante analizzare la narrazione dei mass media e vedere se essa può essere studiata come una serie di varianti sulla stessa fiaba, la fiaba mass-mediatica.
Qui c’è un tentativo di individuare punti di partenza.

L’aspetto strutturale
Propp mostra inizialmente delle fiabe superficialmente diverse, ma chiarisce subito che esse sono facilmente raggruppabili come varianti di una singola fiaba, semplicemente guardando alla trama, all’intreccio del racconto, evitando di fissarsi sui nomi dei protagonisti o sul loro ruolo.
Egli fa riferimento a Goethe, che invitava a guardare la forma (io direi la struttura) prima dei dettagli.
Da alcuni punti di vista la fiaba mediatica rientra nei canoni della fiaba standard.
Nel seguito un’analisi ispirata a tali idee, per quanto a volte sia differente dalle schematizzazioni di Propp.
 
 
  Postato da Truman il 06/11/2007 (2395 letture)
(Leggi Tutto... | 9708 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 5)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: MANIPOLATI DIGITALMENTE I VIDEO DI AL-QAEDA

DI PAUL JOSEPH WATSON
Prison Planet

Un esperto analista informatico ha fornito la prova che i cosiddetti filmati di Al-Qaeda sono digitalmente falsificati ed ha inoltre denunciato senza volerlo un sorprendente dettaglio che indica chiaramente che un’organizzazione affiliata al Pentagono è la responsabile diretta del rilascio dei video.

"Neal Krawetz, un ricercatore nonche' consulente per la sicurezza informatica, ha fornito oggi un’interessante presentazione alla conferenza BlackHat sulla sicurezza di Las Vegas, riguardo l’analisi delle fotografie digitali e delle immagini video alla ricerca di alterazioni o miglioramenti" (da Wired News).

"Impiegando un programma da lui scritto ( e fornito alla conferenza in CD-ROM), Krawetz è riuscito ad ottenere i tabulati delle tabelle di quantizzazione di un file JPEG (il che indica la compressione dell’immagine) e a determinare il mezzo finale con cui è stata creata l’immagine – cioe' il tipo e il modello della camera in caso di immagine originale o la versione del Photoshop impiegata per alterare e ri-salvare l’immagine".

Ma la scoperta più significativa di Krawetz è giunta grazie all’analisi di un dettaglio contenuto in un video di Ayman al-Zawahiri del 2006.
 
 
  Postato da cdcnet il 10/08/2007 (2888 letture)
(Leggi Tutto... | 15365 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: FREEDOM NEXT TIME

DI JOHN PILGER
Information Clearing House

Il titolo di questo intervento è Freedom Next Time, titolo anche del mio libro, nato con l'intento di essere un antidoto alla propaganda che troppe volte si camuffa da giornalismo. Quindi ho pensato di parlare oggi di giornalismo, della guerra raccontata dal giornalismo, della propaganda, del silenzio e di come il silenzio si possa spezzare. Edward Bernays, il cosiddetto padre delle pubbliche relazioni, scrisse di un governo invisibile che è il vero potere dominante del nostro paese, riferendosi al giornalismo, ai media. Questo accadeva quasi 80 anni fa, non molto tempo dopo l'invenzione del giornalismo aziendale: è una storia di cui pochi giornalisti parlano o sanno qualcosa, e che cominciò con l'arrivo della pubblicità privata.

Nel momento in cui le nuove imprese iniziarono a prendere il controllo della stampa, venne inventato ciò che fu definito "giornalismo professionale". Per attrarre le grandi agenzie pubblicitarie, la nuova stampa aziendale doveva avere una facciata rispettabile e rifarsi ai principi di obiettività, imparzialità ed equilibrio. Furono fondate allora le prime scuole di giornalismo e il giornalismo professionale venne avvolto dal mito di neutralità liberale. Il diritto alla libertà di espressione fu associato ai nuovi media e alle grandi imprese ma l'intera faccenda era "completamente fasulla", come dice giustamente Robert McChesney.
 
 
  Postato da cdcnet il 08/08/2007 (2091 letture)
(Leggi Tutto... | 34158 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: 'AL QAEDA': FANTASIA DEI PROPAGANDISTI DELLA PAURA E DELLA GUERRA

DI DAMIAN LATAAN
Lataan.blogspot.com

Ieri (24 aprile 2007) il primo ministro australiano John Howard e la sua banda di lunatici sfruttatori della paura hanno sollecitato gli australiani, riuniti a Gallipoli per la Giornata del Soldato Australiano, a non ignorare la possibilità di una "minaccia terroristica". Nel Regno Unito il Guardian del 25/04/07 scriveva che il “capo del controterrorismo di Scotland Yard ha affermato ieri che Al-Qaida è sopravvissuta ai 6 anni di “guerra al terrorismo”, lanciata dal presidente George Bush e Tony Blair, e il suo nucleo fondamentale di comando ha mantenuto la capacità di ordinare attacchi devastanti sulla Gran Bretagna”. Come a Gallipoli. Ed in Iraq, dove a quanto sembra la concessionaria irachena di ‘al Qaeda’ si è assunta la responsabilità della morte ieri di 9 soldati statunitensi.

La bontà della affiliazione con ‘al Qaeda’ è tale che persino gli israeliani hanno tentato di mettere su un’attività di ‘al Qeada’ in Palestina. Sfortunatamente le persone del luogo hanno scoperto presto che l’affare non era genuino (a quanto pare il Mossad non aveva pagato la commissione a bin Laden) cosicch l’esercizio venne rapidamente chiuso.
 
 
  Postato da cdcnet il 05/05/2007 (2774 letture)
(Leggi Tutto... | 5665 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 5)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: MILOSEVIC: 15 DOMANDE (E RISPOSTE) PER I MEDIA

DI MICHEL COLLON

(Traduzione di Curzio Bettio - Soccorso Popolare di Padova)

ノ diventato un po’ meno difficile determinare se siamo stati informati in modo corretto sulla Jugoslavia. Avevano il diritto di presentarci la guerra della NATO come una guerra “umanitaria”? Le Grandi Potenze avevano strategie segrete? I media ci hanno raccontato menzogne e hanno diffuso propaganda di guerra? Noi vi invitiamo a prendere in considerazione questo breve test sui mezzi di informazione in modo da avere una chiara visione e saggiare come i vostri media stanno per informarvi nelle prossime ore.
 
 
  Postato da cdcnet il 16/12/2006 (6721 letture)
(Leggi Tutto... | 31674 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 4.6)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: COME I NOSTRI GOVERNI USANO IL TERRORISMO PER CONTROLLARCI

DI TIM HOWELLS

La sponsorizzazione del terrorismo da parte dei governi occidentali, terrorismo che ha come bersaglio la popolazione di questi stessi governi, è sempre stato un argomento scottante. Sebbene alcuni grossi scandali abbiano avuto una seppur superficiale attenzione da parte dei media, l’argomento è stato poi rapidamente fatto sparire senza ulteriori discussioni o investigazioni. Quindi quest’anno l’apparire di due grossi studi su questo tema è un bel passo avanti e costituisce una lettura obbligata per chiunque cerchi di capire gli eventi dell’11 settembre 2001 e il mondo dopo l’11 settembre.

 
 
  Postato da cdcnet il 02/11/2006 (2262 letture)
(Leggi Tutto... | 23058 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 0)
 

 
  Propaganda Coercizione mentale: SCONTRO DI CIVILTA': LA VECCHIA STORIA DEL "NUOVO TOTALITARISMO"

DI CEDRIC HOUSEZ
Reseau Voltaire

Inventare il nemico

In occasione del quinto anniversario degli attentati dell'11 Settembre 2001, il presidente degli Stati Uniti ha confermato ai suoi concittadini che la guerra contro il "totalitarismo islamico" era in corso. Ma ad uno sguardo più attento, questo concetto non ha alcuna definizione precisa così da permettere di inquadrare gruppi tra loro eterogenei per demonizzarli e giustificare eventuali attacchi. Cedric Housez rintraccia in questo articolo l'uso che la propaganda statunitense ha fatto del termine "totalitarismo" dalla Guerra fredda fino ad oggi.

"Fascislamismo", "fascismo islamico", "nuovo fascismo", "nuovo totalitarismo"... Sembra che l'ultima moda nella "guerra al terrorismo" stia nel rinnovare la denominazione "fascista" e nel ritorno della retorica anti-totalitaria. Sebbene non molto recente [1], questo fenomeno trova oggi un’eco considerevole, particolarmente incisiva nell'attualità mediatica francese del 2006.
 
 
  Postato da cdcnet il 10/10/2006 (2779 letture)
(Leggi Tutto... | 38015 bytes aggiuntivi | Coercizione mentale | Voto: 3)
 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.