Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

 
 
comeDonChisciotte.net: Iran

Search on This Topic:   
[ Go to Home | Select a New Topic ]
 
 


 
  Iran Terrore e Guerre: TEHERAN: DESTINAZIONE FINALE DI U.S.A. E STATO ISLAMICO

Molte persone sono rimaste uccise e molte altre ferite negli attacchi terroristici coordinati nella capitale iraniana, Teheran. Sparatorie e attacchi dinamitardi hanno preso di mira il Parlamento iraniano e la tomba dell’Ayatollah Khomeini.

 
 
  Postato da cdcnet il 14/06/2017 (287 letture)
(Leggi Tutto... | 13151 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  Iran IRAN'S RESPONSE TO ISIL ATTACK: HAHA, THAT WAS NOTHING

by Ramin Mazaheri
thesaker.is

So ISIL claims to have made their first attack in Iran. The response in Iran appears to be: So what?

Despite an attack occurring near Tehran’s international airport there was no disruption in air travel. Citizens were asked to stay off the metro, but nothing went on lockdown. There was no martial law. Not even a state of emergency has been declared. No civil liberties have been restricted. No Patriot Act being prepared. There has been no executive branch power grab.

 
 
  Postato da cdcnet il 08/06/2017 (159 letture)
(Leggi Tutto... | 17208 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran LETTERA DA TEHRAN: TRUMP 'IL BAZAARI'

Il Parlamento iraniano ha appena ospitato la conferenza annuale sulla Palestina e, tra i dignitari – tra cui il leader supremo iraniano Ayatollah Khamenei e il Presidente Hassan Rouhani – c’erano anche 700 ospiti stranieri provenienti da più di 50 paesi, per Asia Times  c’era Pepe Escobar.

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

L’arte del negoziato, quando si pratica da 2500 anni, conduce al palazzo della saggezza. Avevo appena messo piede a Teheran, quando un diplomatico ha dato la notizia: “Trump? Non siamo preoccupati. E’ un bazaari”. Bazaari è una parola che, in lingua persiana, significa Mercante di Classe o, più letteralmente, uno che lavora nel bazar e usare un termine del genere significa che – prima o poi – un qualche accordo politico, con lui, si deve raggiungere.

 
 
  Postato da cdcnet il 02/03/2017 (214 letture)
(Leggi Tutto... | 8981 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran STATI UNITI CONTRO IRAN: UNA GUERRA DI MELE CONTRO ARANCE

Uno dei compiti più frustranti è quello di provare a sfatare i miti hollywoodiani impressi nella mente degli Americani riguardanti la guerra in generale e le forze speciali e la tecnologia in particolare. Quando la settimana scorsa scrissi l’articolo sui primi casini della presidenza Trump, ero assolutamente convinto che alcune delle mie argomentazioni non avrebbero avuto molto seguito e, indubbiamente, così è stato. Quello che vorrei fare oggi è tentare, ancora una volta, di chiarire l’enorme differenza fra quello che io chiamerei “il modo americano di fare la guerra”, come si vede nei film di propaganda, e la realtà dell’attività bellica.

 
 
  Postato da cdcnet il 11/02/2017 (240 letture)
(Leggi Tutto... | 31061 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran L'IRAN DIVENTA UN PROBLEMA IMPORTANTE

Dopo la strana storia dell’uso dell’aeroporto militare iraniano di Hamadan [in Inglese], è diventato chiaro che la Russia non dovrebbe fidarsi dell’Iran, e gli eventi degli ultimi anni non possono che rafforzare questa impressione. Russia e Iran hanno approcci diversi, non solo per quanto riguarda la Siria – l’Iran dimostra di avere influenza sulle relazioni della Russia con gli Stati Uniti.

I colloqui tra Russia, Turchia e Iran sono iniziati nella capitale kazaka Astana il 23 gennaio, e sono di fondamentale importanza per la Russia, perché potrebbero diventare la prima piattaforma per stabilire un dialogo con la nuova amministrazione degli Stati Uniti.

 
 
  Postato da cdcnet il 24/01/2017 (221 letture)
(Leggi Tutto... | 6187 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran L'IRAN VUOLE CHE LE SUE NUOVE FORNITURE DI PETROLIO VENGANO PAGATE IN EURO

DI NIDHI VERMA
reuters.com

L’Iran vuole che gli arretrati delle decine di miliardi di dollari che gli sono dovuti dall’India e dagli altri acquirenti di petrolio siano pagati in euro e sta anche fatturando in euro le nuove vendite, puntando a ridurre la propria dipendenza dal dollaro USA, in seguito all’alleggerimento delle sanzioni del mese scorso.

Una fonte interna alla National Iranian Oil Co (NIOC), di proprietà statale, ha detto alla Reuters che l’Iran fatturerà in euro i contratti petroliferi di recente siglati con aziende come French Oil, e per quanto riguarda il gas con Total, con la raffineria spagnola Cepsa e con Litasco, il braccio comemrciale della Lukoil russa.

“Nelle nostre fatture compare una clausola in cui specifichiamo che i nostri clienti dovranno pagare in euro, in considerazione del cambio contro il dollaro alla data di consegna” ha affermato la fonte della NIOC.

Lukoil e Total non hanno commentato, mentre Cepsa non ha nemmeno risposto alla richiesta di un commento in merito.

 
 
  Postato da cdcnet il 08/02/2016 (600 letture)
(Leggi Tutto... | 5780 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran IRAN: LA NUOVA CINA?

qooDI PEPE ESCOBAR
juancole.com

Se l’Iran riuscisse ad avere un programma di sviluppo economico simile a quello cinese migliorerebbe significativamente la propria rilevanza geopolitica.

Si parla di 50-50 se si cerca di stabilire chi sia più stakanovista a livello geopolitico al giorno d’oggi tra il presidente cinese Xi Jinping e quello iraniano Hassan Rouhani.

I loro cammini si sono incrociati la scorsa settimana a Teheran quando hanno siglato una fondamentale partnership. Le due nazioni hanno stabilito di aumentare i commerci bilaterali di un importo di 600 miliardi di dollari nei prossimi dieci anni. Geostrategicamente, come ho già sottolineato, è stato un colpo da maestri.
 
 
  Postato da cdcnet il 01/02/2016 (459 letture)
(Leggi Tutto... | 8444 bytes aggiuntivi | Voto: 4)
 

 
  Iran L'ACCORDO SUL GAS TRA ITALIA ED IRAN GETTA NELLA POLVERE LE SANZIONI

rohani DI PEPE ESCOBAR
sputniknews.com

L’accordo raggiunto tra la compagnia di sviluppo per gas e petrolio Saipem e la Compagnia Nazionale del Gas iraniana durante la visita in Italia del Presidente Rouhani è notevole per i propri benefici sia politici sia economici. Così ha sostenuto l’esperto di energia Omid Shokri

Lunedì la Saipem italiana e la NIGC iraniana hanno firmato un memorandum d’intesa per cooperare in grandi progetti riguardo il gas naturale ed il petrolio in Iran.

Le due aziende hanno raggiunto l’accordo durante la visita del Presidente iraniano Hassan Rouhani in Italia, il memorandum è stato firmato alla presenza di Rouhani e del Presidente del Consiglio Matteo Renzi.
 
 
  Postato da cdcnet il 26/01/2016 (586 letture)
(Leggi Tutto... | 3801 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran KHAMENEI: GLI OCCIDENTALI IN LUTTO PER LA TRAGEDIA DELLA FRANCIA DOVREBBERO FARE UNA PAUSA

DI ERIC WALBERG
sayyidali.com

Il leader della Rivoluzione Islamica si è nuovamente rivolto alla  gioventù occidentale, la quale oggi appare per la maggior parte disinformata sull'Islam a causa del pregiudizio nei media e nella società a favore di Israele e del Sionismo, o sono Musulmani ma vivono in un clima di Islamofobia e per la disperazione si sono lasciati trasportare dal movimento militante dei jihadisti che nacque in Afghanistan nel 1979 con la benedizione degli USA, e adesso è un tratto distintivo permanente della politica mondiale. Ayatollah Ali Khamenei li richiama a "riconsiderare la minaccia del terrorismo nel mondo, le sue radici per scoprirne la profonda penetrazione nell'Islam".

Il tono delle considerazioni dell'Ayatollah è calmo ed amichevole, il contenuto intelligente e allo stesso tempo sincero. Vi si può sentire il suo spirito di amore universale e il tormento per la sofferenza che il terrorismo porta con se. E' triste notare che i media come i politici occidentali manifestano un'ossessione contro l'Iran, nonostante i costanti sforzi dell'Iran per aiutare l'Occidente nella lotta contro il terrorismo. Di certo, le motivazioni sono l'appoggio e il devoto sostegno dell'Iran alla Palestina e il suo rifiuto di sottomettersi ai dettami dell'imperialismo. Entrambi "peccati" imperdonabili.
 
 
  Postato da cdcnet il 10/12/2015 (530 letture)
(Leggi Tutto... | 10618 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran THE AXIS OF RESISTANCE: HOW IRAN IS LEADING THE FIGHT?

67567333Catherine Shakdam
journal-neo.org
 
While many world nations remain under the impression that Washington and its regional allies in the Middle East – Saudi Arabia in the lead, are indeed conducting just wars in the region, fighting and opposing the rise of Wahhabi radicalism, it is really East they should be looking, as it is Iran which has risen a barrier and a bulwark against the cancer of this black plague.

For all its statements and promises, for all its officials engineered narrative and its corporate media flamboyant accusations against Muslims and so-called “enemy” Muslim nations, who more than the United States has contributed to both the rise and dissemination of ISIS?

To be perfectly accurate, while Washington provided political cover and military assistance, it is Riyadh which took care of the logistics: funding and networking its radical interpretation of Islam to better introduce the enslavement and subsequent balkanization of the Middle East and Central Asia.
 
 
  Postato da cdcnet il 12/08/2015 (595 letture)
(Leggi Tutto... | 7581 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran LA PERSIA SI AFFACCIA ALLA CORSA ALL’ORO

TeheranDI PEPE ESCOBAR
rt.com

Potreste aver sentito parlare dell’N-11. Sì, un altro intruglio di Goldman Sachs, per il beneficio di quegli eletti – gli “investitori globali”. Questi sono i prossimi BRICS, il nuovo potere emergente.

L’N-11 è composto da: Bangladesh, Egitto, Indonesia, Iran, Corea del Sud, Messico, Nigeria, Pakistan, Filippine, Turchia e Vietnam. Alcune di esse potrebbero addirittura entrare a far parte del gruppo dei BRICS.

Nel momento in cui il regime delle sanzioni svanisse, probabilmente verso l’inizio del 2016, l’Iran diventerà il più figo degli N-11. È difficile competere con il suo spessore: un mercato da 80 milioni di persone, principalmente con una buona educazione, un capitale umano misto più attrattivo di quello turco e sul fronte più importante, quello energetico, una combo di petrolio in quantità pari all’Arabia Saudita, di gas pari alla Russia e presumibilmente più risorse minerarie dell’Australia.

A breve sarà di nuovo sui mercati internazionali smanioso di vendetta. Si tratta di una scossa economica di portata mondiale.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/07/2015 (779 letture)
(Leggi Tutto... | 15686 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran Pepe Escobar: L'ACCORDO SUL NUCLEARE CON L'IRAN RESETTA IL 'GRANDE GIOCO' EURASIATICO

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Eccoci qua. È sicuramente storico. La diplomazia forse ha vinto. Nei termini del Nuovo Grande Gioco in Eurasia e le conseguenti scosse tettoniche che riorganizzano la zona, questo è epocale: l’Iran – supportato da Russia e Cina – ha finalmente, con successo, scoperto il lungo, tortuoso e durato 12 anni bluff degli atlanticisti riguardo le proprie “armi nucleari”.

Tutto ciò è accaduto solo perché l’amministrazione Obama ha bisogno di 1) almeno un successo di politica estera e 2) un modo per almeno provare ad influenzare la messa in opera del nuovo ordine geopolitico che ruoterà attorno all’Eurasia.

Nella foto: Il presidente Usa Barack Obama e il vice Joe Biden dopo la dichiarazione alla Casa Bianca sull'accordo raggiunto a Vienna (afp)

 
 
  Postato da cdcnet il 15/07/2015 (747 letture)
(Leggi Tutto... | 13859 bytes aggiuntivi | Pepe Escobar | Voto: 0)
 

 
  Iran NUCLEAR AGREEMENT WITH IRAN

By Paul Craig Roberts
Information Clearing House

Washington’s issue with Iran has never been Iran’s nuclear energy program. The notion pushed by the neoconservatives that Iran only had a nuclear energy program (5% uranium enrichment) in order to hide a nuclear weapons program (95+% enrichment) was always a cover for Washington’s real opposition to Iran and Washington’s real 

From the standpoint of Washington’s doctrine of US world hegemony, the problem with Iran is its independence. Like Iraq, Libya, Syria, Venezuela, Ecuador, Bolivia, Brazil, Argentina, Cuba, North Korea, Russia and China, Iran is not Washington’s vassal.

Washington was unwilling to admit the truth and to say that Iran was on its target list, because Iran would not submit to Washington’s will. Instead, Washington decided to create fear of Iran among the American and European peoples.

 
 
  Postato da cdcnet il 08/07/2015 (502 letture)
(Leggi Tutto... | 6080 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran Pepe Escobar: RUSSIA, CINA, IRAN: LA STRATEGIA IN SINCRONIA

DI PEPE ESCOBAR
rt.com

Negli scorsi decenni, il mito pre-costruito di una elusiva “bomba iraniana” non è stato mai il vero problema tra gli USA e l'Iran. Il vero problema è da ricercarsi nelle modalità per contenere o “isolare” una nazione potente e indipendente che rifiutava di accettare la teoria dell'eccezionalismo americano[1].

Adesso che la “riabilitazione” dell'Iran – almeno secondo quanto sostengono i difensori dell'eccezionalismo e i loro tirapiedi – sembra essere imminente, nell'attesa di un accordo nucleare che potrebbe essere finalizzato a giugno, diverse fazioni a Washington ancora non riescono a decidersi e agire di concerto.

Il Pentagono ha pressoché ammesso che l'intramontabile sogno proibito dei neo-conservatori e dei media corporativi rimane sul tavolo: l'opzione militare.

 
 
  Postato da cdcnet il 23/04/2015 (941 letture)
(Leggi Tutto... | 14564 bytes aggiuntivi | Pepe Escobar | Voto: 0)
 

 
  Iran RUSSIA'S MISSILE WALL IN IRAN

159449154By Tony Cartalucci
journal-neo.org

The popular narrative surrounding the conflict between the West and Iran has always been one of a dangerous rogue state bent on obtaining nuclear weapons before triggering a nuclear-fueled Armageddon aimed at Israel. Underneath this elementary propaganda, lies a more complex truth underpinning a proxy conflict between East and West.

Just as had been the case during World War I and II, the strategic position, resources, and population of Iran constitute a necessary prerequisite to first overcome before containing and eventually overrunning the political order in Moscow. This time around, in addition to Moscow, the Western axis also seeks to eventually encircle and overrun Beijing as well.
 
 
  Postato da cdcnet il 18/04/2015 (750 letture)
(Leggi Tutto... | 12247 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran DEAL WITH IRAN - MAJOR SIGN OF THE EMPIRE'S WEAKNESS

The deal with Iran – a major sign of the Empire’s weaknessthesaker.is

So a deal was apparently reach in Lausanne. It is not quite final, and there might be zig-zags, but it looks likely that a deal will be reached between Iran and the AngloZionist Empire. Except for in this case, the Anglos appear to be distinctly happier than the Zionist.

So what is going on here? First and foremost, and I have sad that innumerable times on this blog, this is not about some putative Iranian nuclear weapons program. I will not repeat all the arguments in detail here (those interested can look into the archives), but here is a short summary of why Iran never intended to have a nuclear weapon:
 
 
  Postato da cdcnet il 03/04/2015 (719 letture)
(Leggi Tutto... | 6489 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran IT IS TIME FOR IRAN TO TELL THE WEST 'GOODBAY'

ayatollah kkhameneiBy Paul Craig Roberts
ICH

From all appearances, the Obama regime’s negotiations with Iran, overseen by Russia, were on the verge of ending the contrived nuclear issue. An end to the confrontation is unacceptable to the Zionist Israeli government and to their neocon agents in America. The Republicans, a political party owned lock, stock, and barrel by the Israel Lobby, hastily invited Netanyahu, the crazed ruler of both Israel and America, to quickly come to tell the Republican Congress, which the insouciant American voters put in place, how to prohibit any accommodation with Iran.

Observing the Israeli-controlled Republican Congress, a collection of warmongers, taking steps to prevent any peaceful resolution of a fabricated issue, Iran’s leader, Seyyed Ali Khamenei sent a letter to Western youth advising the youth of the Western world of the mischaracterization of Islam by Western propagandists. http://s15.khamenei.ir/ndata/news/28731/pdf/en.pdf
 
 
  Postato da cdcnet il 28/01/2015 (666 letture)
(Leggi Tutto... | 10080 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran GUERRA PURA A TEHRAN

ReyShrineDI PEPE ESCOBAR
asiatimes.com

Ho appena trascorso una frenetica settimana a Teheran. Prima della partenza, presi una decisione consapevole: nello zaino soltanto un libro. Massima concentrazione. Finii per scegliere Pure War, ristampa del 2008 di Semiotext di Los Angeles del 1983, un classico di Paul Virilio che avevo preso qualche giorno fa al rinnovato Foyles di Londra.

Per un corrispondente itinerante, andare in Iran è sempre un fatto eccezionale. Per ottenere un visto/stampa di solito ci vogliono mesi. Questo era il mio sesto viaggio - e non avevo il visto. Solo un numero, collegato ad un visto da ottenere in aeroporto.

Fino all'ultimo minuto, ho pensato di essere espulso dall’ Imam Khomeini International e di far ritorno ad Abu Dhabi, che ora fa finta di voler bombardare Il Califfo. Poi, un piccolo miracolo: una sala VIP, un visto in dieci minuti e nel giro di poco tempo stavo già fotografando una Teheran stranamente deserta all'alba di Venerdì, oltre la psichedelica stazione spaziale rivestita di verde che è il santuario dell'Imam Khomeini.

 
 
  Postato da cdcnet il 14/10/2014 (667 letture)
(Leggi Tutto... | 18602 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran L'ACCORDO SUL NUCLEARE CON L'IRAN PRELUDE A UNA GUERRA

DI TONY CARTALUCCI
informationclearinghouse.info

" ... qualsiasi operazione militare contro l'Iran sarà probabilmente molto impopolare in tutto il mondo e richiederà un adeguato contesto internazionale sia per garantire supporto logistico all'operazione che per ridurre al minimo il contraccolpo che si può avere da esso. Il modo migliore per ridurre al minimo lo sdegno internazionale e massimizzare il sostegno (anche riluttante o dissimulato) è di colpire solo quando vi sia una diffusa convinzione che agli iraniani è stati fatta un’offerta superba, ma che essi hanno respinto – un’offerta così buona che solo un regime determinato a dotarsi di armi nucleari ed a farlo per motivazioni malvagie poteva rifiutare.
In tali circostanze, gli Stati Uniti (o Israele) potrebbero presentare le loro operazioni come prese con dolore, non con rabbia, e almeno alcuni nella comunità internazionale concluderebbero che gli iraniani "se la sono cercata", rifiutando un buon affare."
Report del 2009 della Brookings Institution " Which Path to Persia?", pagina 52.
 
 
  Postato da cdcnet il 28/11/2013 (650 letture)
(Leggi Tutto... | 3906 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran USA-IRAN: ECCO L'ACCORDO MA SI CONTINUA A TESSERE LA TELA

Free Image Hosting at www.ImageShack.us DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Quel muro di diffidenza durato 34 anni tra Stati Uniti e Iran ha cominciato a crollare domenica notte alle tre, ora di Ginevra.
Oppure no ? Dopo tutto, si tratta solo di soluzione che entrambi i paesi hanno definito "primo passo" - un accordo per avviare i negoziati (ecco il testo completo ) ma le condizioni, per l'Iran, sono dure.

All’Iran sarà concesso di ricominciare a scambiare oro, petrolchimica, auto e parti aeronautiche, e saranno scongelati circa 4,2 miliardi di dollari per vendite petrolifere, ma c’è ancora una fortuna che resterà congelata - tra cui 10 miliardi di dollari nelle banche europee. E ci sono ancora 50 miliardi di dollari che l'Iran non ha incassato dai clienti asiatici - Cina , India, Giappone , Corea del Sud , Turchia - tutti soldi che ancora non possono tornare a casa.
 
 
  Postato da cdcnet il 26/11/2013 (642 letture)
(Leggi Tutto... | 11401 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran ROUHANI ALL'ONU

DI PEPE ESCOBAR
counterpunch.org

È venuto. Ha ascoltato. E ha fatto surf.

“Ho ascoltato attentamente le dichiarazioni fatte oggi all’Assemblea Generale dal presidente Obama … [Io] spero che si eviterà di seguire gli interessi a breve termine dei gruppi di pressione guerrafondai e che si potrà creare un contesto nel quale gestire le nostre differenze”.
Poi ha sottolineato quella che è sempre stata la posizione ufficiale dell’Iran: “Le trattative possono sempre avere luogo, su un piano di parità e governate da mutuo rispetto ”.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/09/2013 (647 letture)
(Leggi Tutto... | 7178 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran UNO SGUARDO DA TEHERAN

DI FRANKLIN LAMB
counterpunch.org

Da Teheran

A dire la verità, in questi giorni la situazione è un po' tesa a Teheran, come nella maggior parte degli altri paesi di questa regione, e il vostro osservatore abbastanza presto potrebbe imbarcarsi su quello che per qualche tempo potrebbe essere l'ultimo volo Teheran-Damasco, alla luce di ciò che forse accadrà nei prossimi giorni.

Non è che io abbia fretta di lasciare la Repubblica islamica. Amo l'Iran e la sua gente, che nei loro valori fondamentali e nella visione della vita sono americani quanto la torta di mele. Gli iraniani pensano un po' come me ed i miei amici a casa, e gli americani pensano un po' come loro, questo nonostante le loro rappresentazioni estremiste e motivate dalla politica, progettate dai loro governi.
 
 
  Postato da cdcnet il 08/09/2013 (669 letture)
(Leggi Tutto... | 10716 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran WASHINGTON PARLA ALL'IRAN CON LINGUA BIFORCUTA

DI FINIAN CUNNIGHAM
Information Clearing House

Solo pochi giorni dopo che il vice presidente americano Joe Biden (nella foto) aveva pubblicamente fatto un'allettante offerta di colloqui bilaterali tra Stati Uniti ed Iran, Washington ha imposto altre sanzioni punitive per la vitale industria petrolifera iraniana.

Cosa pensare di questa posizione apparentemente contraddittoria degli Stati Uniti? Alcuni opinionisti pensano che l'atteggiamento anomalo esprima una politica del bastone e della carota da parte di Washington, per cui gli incentivi fatti balenare all’Iran sono stati rapidamente seguiti da un colpo basso, avente l'obiettivo di forzare un risultato finale.
 
 
  Postato da cdcnet il 12/02/2013 (730 letture)
(Leggi Tutto... | 14697 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran L'IRAN ELUDE LE SANZIONI E PAGA IN ORO

Free Image Hosting at www.ImageShack.us DI TYLER DURDEN
Zero Hedge

Negli ultimi mesi c'è stata una grossa speculazione sbagliata sul fatto che l'Iran sia stato spinto fuori dal regime di mercato dei petrodollari e che quindi la sua economia imploderà in quanto il paese non avrà più accesso al biglietto verde e non potrà condurre trattative internazionali - questo sarebbe il fattore trainante con cui le sanzioni economiche internazionali cercano di rovesciare il governo locale soffocando l'economia iraniana. E mentre ci sono stati periodi con una rilevante inflazione interna, che il governo è riuscito a controllare frenando la speculazione alimentata dal "mercato grigio", l'Iran continua a portare avanti piuttosto allegramente i suoi commerci internazionali particolarmente con Cina, Russia e India, i suoi maggiori partner commerciali.
 
 
  Postato da cdcnet il 30/10/2012 (1011 letture)
(Leggi Tutto... | 12587 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran LA CANCELLAZIONE DELL' MKO

GLI USA IMBRACCIANO UFFICIALMENTE LE ARMI CONTRO L'IRAN

DI KOUROSH ZIABARI
iranreview.org

Con un atto di inequivocabile ed esplicita ostilità verso l'Iran, gli Stati Uniti hanno tolto il nome dell'organizzazione Mujahedin-e-Khalq (MKO) dalle proprie liste di organizzazioni terroristiche venerdì 28 Settembre, mostrando il proprio supporto incondizionato alle forze nemiche della nazione iraniana senza essere troppo impliciti.

Il governo statunitense ha annunciato la decisione pochi giorni dopo che il segretario di stato Hillary Clinton ha presentato un archivio di informazioni classificate riguardanti il gruppo terroristico al Congresso.

La decisione è stata presa con il pretesto che negli ultimi dieci anni la MKO non ha portato a termine alcuna operazione terroristica
 
 
  Postato da cdcnet il 27/10/2012 (882 letture)
(Leggi Tutto... | 11493 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Iran SANZIONI SOVVERSIVE: LO SVILUPPO STRATEGICO DELL'ECONOMIA IRANIANA

DI ERICDRAITER
ericdraitser.podbean.com

Questa guerra in corso contro l'Iran, manifesta e sotterranea, istigata principalmente da Stati Uniti e Israele, cerca di isolare l'Iran politicamente, militarmente e soprattutto economicamente.

Gli imperialisti occidentali hanno come obiettivo finale nientemeno che una guerra su larga scala con l'Iran, un potere chiave nella regione, e grande fallimento dei tentativi USA di controllo o manipolazione, dalla rivoluzione del 1979. I loro tentativi di demonizzare l'Iran facendolo apparire come un paria internazionale e un attore irrazionale nel teatro mondiale sono stati ripetutamente frustrati, come visto recentemente al summit del NAM (movimento dei paesi non allineati) svoltosi a Teheran, dove due terzi del mondo si sono schierati con l'Iran nel condannare le sanzioni imposte dagli USA e dai loro alleati europei.
 
 
  Postato da cdcnet il 02/10/2012 (927 letture)
(Leggi Tutto... | 17921 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran LA GUERRA DELL’ AMERICA. PROSSIMA FERMATA IRAN: CHI CI SALVERA’ ?

DI COLIN TODHUNTER
globalresearch.ca

Una delle più impressionanti fotografie mai scattate fu opera di una macchina, non di una persona. Il nome della fotografia è “Pale Blue Dot” ( punto azzurro, ndt.). Si tratta di un'immagine della Terra presa nel 1990 dalla sonda Voyager, a circa 6 miliardi di chilometri dal nostro pianeta, mentre la navicella stava lasciando il Sistema Solare. La Terra appare come un minuscolo punto, quasi perduto nella vastità dello spazio.

“Blue Marble” (biglia blu, ndt.) è un'altra immagine dallo spazio che mostra la Terra. Fu scattata dall'Apollo 17 nel 1972. L'intero pianeta è un vivido, incantevole turbinio di profondi oceani blu, bianche nuvole sparse e solide masse di terra verde posto in netto contrasto con l'apparente vuoto spaziale.
 
 
  Postato da cdcnet il 19/09/2012 (876 letture)
(Leggi Tutto... | 8731 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran IL VERTICE NAM DI TEHERAN – UN SUCCESSO DIPLOMATICO PER L'IRAN

DI KOUROSH ZIABARI
countercurrents.org

Intervista a Finian Cunningham(*)

Il giornalista e commentatore politico irlandese Finian Cunningham ritiene che il sedicesimo Vertice del Movimento Non Allineato tenutosi a Teheran e conclusosi il 31 agosto scorso, è stato un “successo diplomatico per l’Iran” e “un colpo alla supremazia egoistica dell’Occidente ”.
“Considerando l’alta percentuale di partecipazione al Vertice NAM di Teheran da parte di quasi 120 nazioni, la maggioranza del mondo si è chiaramente dissociata dalle posizioni di potere dell’Occidente nei confronti dell’Iran. La maggioranza delle nazioni del mondo si è riunita a Teheran per esprimere rispetto e solidarietà alla Repubblica Islamica dell’Iran”, ha detto Finian Cunningham in un’esclusiva intervista con la Fars News Agency.
 
 
  Postato da cdcnet il 17/09/2012 (721 letture)
(Leggi Tutto... | 31656 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran Imperialismo: L'IRAN NON CEDERA'

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com



Iniziamo a martellamento: l’Iran non cederà, l’Iran non cederà, l’Iran non cederà.

Nessun martello tuttavia riuscirà a scalfire la nebbia fitta e ingannevole che aleggia su una certa dirigenza statunitense che un’inesorabile campagna propagandistica spaccia per "la comunità internazionale”.

Leggiamo, ad esempio, questo laconico editoriale, dove scopriamo che “la comunità internazionale è in attenta osservazione di possibili cedimenti nella rigida presa di posizione dell’Iran. Riuscirà l’inasprimento delle sanzioni a costringere Teheran a fare concessioni e permettere una soluzione diplomatica dell’attuale stallo?”. Ecco la secca risposta: no.
 
 
  Postato da cdcnet il 09/07/2012 (1157 letture)
(Leggi Tutto... | 9493 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 0)
 

 
  Iran IL DIRITTO DELL'IRAN DI ATTACCARE ISRAELE

DI KAVEH L. AFRASIABI
Asia Times Online

Dopo anni vissuti nel timore di un attacco militare israeliano, Teheran sta adesso contemplando l’idea di un attacco preventivo, considerati i preparativi israeliani per un raid aereo contro le istallazioni nucleari iraniane. Citando il diritto a una autodifesa preventiva e invece di aspettare che Israele faccia la prima mossa, l’Iran dovrebbe muoversi prima e mutilare la capacità di Israele di dare vita al minacciato attacco.

Questo piano iraniano di lanciare un attacco preventivo è perfettamente legale e in accordo col diritto consuetudinario internazionale, secondo il parere di diversi analisti politici di Teheran: “Secondo la carta delle Nazioni Unite, l’Iran ha il diritto proprio all’autodifesa che in questo caso si tradurrebbe al diritto di rispondere alla chiara e presente minaccia di attacco imminente da parte dello stato di Israele, in palese violazione delle leggi internazionali”, ci dice, con la garanzia dell’anonimato, un giurista politico dell’università di Teheran.
 
 
  Postato da cdcnet il 17/03/2012 (1002 letture)
(Leggi Tutto... | 7996 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Surveys
· Top
· Web_Links
 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· Libri

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· Vaccini

AUTORI

· Tony Cartalucci

· Michel Chossudovsky

· William Engdahl

· Pepe Escobar

· Chris Hedges

· Michael Hudson

· Peter Koenig

· Stephen Lendman

· Thierry Meyssan

· James Petras

· John Pilger

· Paul Craig Roberts

·
 Brandon Turbeville

· John W. Whitehead

· Mike Whitney
 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  Cerca nel sito

 

  Stat

 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.