Lavrov: La Libia e' terra di nessuno per terroristi e trafficanti
Data: 29/04/2020
Argomento: Libia


Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha confermato lunedì che la Russia rimane impegnata a risolvere il conflitto in Libia e a cercare i modi per risolvere la crisi.



[Libia, 28 aprile 2020] - In una conferenza a Mosca all'Istituto statale delle relazioni internazionali del ministero degli Esteri russo tramite videoconferenza, Lavrov, secondo l'agenzia di stampa russa Sputnik, ha detto: "Ci impegneremo a trovare modi per liberare [la Libia] dalla profonda crisi che ha travolto questo paese dopo che le forze della NATO hanno palesemente violato la risoluzione del Consiglio di Sicurezza e bombardato la Libia nel 2011. Hanno demolito questo paese per un obiettivo egoistico e ristretto di rovesciare il regime di Muammar Gheddafi. "

Ha ritenuto che la Libia sia diventata una terra di nessuno per i terroristi, per il passaggio e il contrabbando di armi e droghe verso il sud, nonché per lo svolgimento di altre attività criminali, da un lato, e per il traffico di immigrati clandestini che si riversano attraverso queste stesse terre verso nord per recarsi in Europa, dall'altro.

Ha aggiunto: "Pertanto, tutte le parti interessate stanno compiendo sforzi per correggere le conseguenze di questa avventura lanciata dalla NATO nel 2011. Ci impegneremo per raggiungere questo obiettivo nel tentativo di aiutare la Libia".

© Al Marsad English (2020)







Questo Articolo proviene da comeDonChisciotte.net
http://www.comedonchisciotte.net

L'URL per questa storia è:
http://www.comedonchisciotte.net/modules.php?name=News&file=article&sid=8576