BRITAIN: AN ISRAELI PUPPET WITHIN THE EU
Data: 05/07/2016
Argomento: Gran Bretagna


Original Title: Haaretz Confirms: Britain Has Been Operating As An Israeli Puppet Within The EU

By Gilad Atzmon
ICH

;With Brexit, Israel Loses a Major Asset in the European-Union,” Haaretz reports. 

 “Britain helped moderate and balance EU decisions about the peace process, blunt criticism and even harness the member states against anti-Israel moves at the UN; voices sympathetic to the Palestinian cause could now become more dominant.”

 The Israelis have started to recognize that the Jewish State: “has lost a significant asset in the European-Union…, Britain leaving would not serve Israeli interests, especially on the Palestinian issue.”

(Traduzione in italiano): HAARETZ CONFERMA: LA GRAN BRETAGNA ERA UNA MARIONETTA DI ISRAELE ALL’INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA



But why was Britain an Israeli asset? How was Britain reduced to act as an Israeli colony? Simple. British foreign affairs are dominated by the Jewish Lobby. 

 According to the Israeli paper, PM David Cameron met leaders of the Jewish community in London a few days before the referendum.  Cameron asked the Jewish oligarchs, “do you want Britain – Israel’s greatest friend – in there opposing boycotts, opposing the campaign for divestment and sanctions, or do you want us outside the room, powerless to affect the discussion that takes place?”

 At least 52% of the Brits felt neglected by Cameron’s government. Clearly the Jewish community leaders weren’t. Their foreign interests were looked after.    

 However, the Jews were not totally convinced by Cameron’s plea.  “Quite a few of the participants in the discussions argued that Britain’s leaving the EU would actually serve Israel’s interests.” The official cited one argument to the effect that “Britain’s leaving would considerably weaken the EU and its institutions, reduce its international influence, and take the sting out of its Israeli-Palestinian decisions.”  Another argument was that “Britain’s leaving would undermine the EU’s stability and require its institutions and members to direct their energy toward unifying the ranks, rather than toward the Israeli-Palestinian conflict.”

 Maybe Brussels needs to familiarize itself with the elements within the UK Jewish lobby that seek to weaken or even dissolve the EU. I guess that the Brits can see that their politicians repeatedly compromise their national interests. The emergence of Boris Jonson, Michael Gov and Theresa May is not going to change this fact. The Israeli press has already confirmed that these three are the most devoted Zionist enthusiasts in the Kingdom and beyond.

Gilad Atzmon is an Israeli-born British jazz saxophonist, novelist, political activist and writer. http://www.gilad.co.uk/


TRADUZIONE:


HAARETZ CONFERMA: LA GRAN BRETAGNA ERA UNA MARIONETTA DI ISRAELE ALL’INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA


DI GILAD ATZMON

gilad.co.uk

“Con il Brexit, Israele perde uno dei suoi più importanti asset nell’UE” scrive Haaretz oggi:

“La Gran Bretagna aveva aiutato a moderare e bilanciare le decisioni dell’UE circa il processo di pace, a sollevare critiche e ad aizzare gli stati membri per opporsi alle mosse avverse ad Israele nell’ONU; ora le voci vicine alla causa palestinese potrebbero diventare dominanti”.

Gli Israeliani si stanno accorgendo che lo Stato Giudaico “ha perso un importante asset all’interno dell’UE... l’uscita della Gran Bretagna non serve gli interessi di Israele, sopratutto per quanto riguarda la causa palestinese”.



Perchè il Regno Unito è un asset israeliano? Perchè si comportava come una colonia? Semplice. La politica estera è dominata da una lobby ebraica.

Secondo alcuni documenti israeliani, il Primo Ministro Cameron si è incontrato con alcuni leader della comunità ebraica di Londra alcuni giorni prima del referendum. Cameron ha chiesto agli oligarchi “volete che la Gran Bretagna – uno dei più grandi amici di Israele – resti lì ad opporsi ai boicottaggi, alle campagne per le cessioni e le sanzioni, o ci volete fuori dalla stanza, incapaci di influenzare le discussioni in atto?”.

Almeno il 52% degli Inglesi si è sentito trascurato dal governo Cameron,. Chiaramente la comunità ebraica no. I loro interessi all’estero erano ben difesi.

Comunque, gli Ebrei non erano convinti appieno dall’appello di Cameron. “Solo alcuni dei partecipanti hanno sostenuto che l’uscita avrebbe davvero fatto il bene di Israele”. Una chiave di lettura era che “l’uscita avrebbe considerevolmente indebolito l’UE e le sue istituzioni, riducendone l’influenza internazionale e togliendole peso nelle decisioni israelo-palestinesi”. Un’altra sosteneva che “l’uscita indebolirebbe l’UE, tanto da far sì che l’attenzione si concentri sul serrare i ranghi, piuttosto che verso il conflitto israelo-palestinese”.

Forse Bruxelles dovrebbe familiarizzare con gli elementi della lobby ebraica che la vorrebbero debole o addirittura dissolta. Penso che gli Inglesi possano vedere come i loro politici ripetutamente mettano a repentaglio i loro interessi. L’emergere di Boris Johnson, Michael Gov e Theresa May non cambierà questo dato di fatto. La stampa israeliana ha già confermato che questi tre sono tra i maggiori sostenitori del sionismo del Regno Unito ed oltre.

 

Gilad Atzmon è un sassofonista jazz, romanziere, attivista politico e scrittore britannico di nascita isarealiana. http://www.gilad.co.uk/

FONTE: http://www.gilad.co.uk/

LINK: http://www.gilad.co.uk/writings/2016/6/26/haaretz-confirms-britain-has-been-operating-as-an-israeli-puppet-within-the-eu

26.06.2016

 

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l'autore della traduzione FA RANCO

 







Questo Articolo proviene da comeDonChisciotte.net
http://www.comedonchisciotte.net

L'URL per questa storia è:
http://www.comedonchisciotte.net/modules.php?name=News&file=article&sid=5046