ULTIME NOTIZIE NON ALLINEATE DELLA GUERRA IN LIBIA (marzo 2012)
Data: 04/03/2012
Argomento: Libia


CONTINUA SU APRILE 2012

31 Marzo 2012
da algeriaISP

Il CNT ha deciso di pagare a ciascun "ribelle" e "mercenario" che ha combattuto contro Gheddafi la somma di 2000 dinari (1200 euro) se donna e 4000 (3200 euro) se uomo.
Scomparsi tutti i posti di blocco a Tripoli, i "ribelli" hanno posizionato cecchini sugli edifici.
A Sabha, il gruppo del commando "Saika", spedito da Bengasi a Sabha, è stato preso di mira da un cecchino dei Toubous; numerosi morti e feriti. Combattenti Toubou sono tornati in aree che hanno lasciato durante la tregua con i "ribelli". I "ribelli" si sono ritirati dalla regione Touyouri, quindi la città di El Karama è stata bombardata dai "ribelli". Una donna incinta Toubou è stata uccisa dai "ribelli".  Una donna di nome "Fatima" ha chiamato il canale televisivo della CNT "Kanat la Libia" per dire che i "ribelli" entrano nelle loro case per rubare quando sanno che ci sono solo donne, il giornalista della stazione televisiva riaggancia senza permettere alla donna di spiegare la situazione. I "ribelli" hanno fatto saltare in aria la centrale elettrica a sud di Sabha causando i blackout nella città di Marzak, Weden e Traghen. Agguato al convoglio di "ribelli" provenienti da Misurata. I "ribelli" hanno attaccato i feriti in un ospedale di Sabha uccidendoli a sangue freddo. Il canale televisivo El Arabia ha fornito una cifra di 147 "ribelli" uccisi e 395 feriti. Un convoglio di nove pickup stanno lasciando la città di Ajdabia e si dirigono verso la città di Sabha. Il Comandante della tribù Suleiman, Maihoub Abu Bakr, è stato ucciso dalle forze Tobou.
Scontri tra i "ribelli" di Ragdaline e El Jamile contro i ribelli di Zawiya e Zouara vicino alla regione di El Assa nei pressi del confine con la Tunisia. Al confine con la Tunisia di Raes Jdir, i "ribelli" fuggono verso la Tunisia in seguito agli avvenimenti di Sabha.



30 Marzo 2012
da libia-sos.blogspot.it/

Sabha: Continuano gli scontri tra i combattenti Tobu e i mercenari "ribelli" nella regione Touyouri, oggi 20 "ribelli" uccisi, quattro feriti e 16 fatti prigionieri. Ieri sera, tre esplosioni hanno scosso la città, il CNT-NATO ha bombardato il centro di telecomunicazione e una centrale elettrica per evitare che le persone diffondano al mondo le azioni del CNT-NATO. Il CNT-NATO incapace di piegare i Tobu vuole negoziare, ma allo stesso tempo continua a bombardare la città. I combattenti Toubu sono riusciti a circondare la città di Traghen su tutti i fronti. Il rappresentante per la sicurezza del CNT-NATO di Sabha, accusato di stupro e tortura di donne a Sabha, è stato ucciso. Un'informativa parla di un battaglione di "ribelli" di Zawiya circondati a Saba. Ribelli di Bengasi e Misurata pronti ad affluire su Saba (quelli di Bengasi avrebbero già raggiunto l'aeroporto, mentre i 500 pickup dei "ribelli" di Misurata sarebbero in viaggio).
Tripoli: Scontri oggi tra i combattenti della resistenza e i "ribelli" nella regione di Salah Eddine e Hadaba.

29 Marzo 2012
da AlgeriaISP, libyaSOS

"L'Italia sta rubando denaro ai libici sostenendo falsamente che si tratta di conti privati di Gheddafi. L'Italia sequestra 1,5 miliardi di euro dei conti della famiglia Gheddafi [Sono pure bugie - non esistono conti privati di Gheddafi]".
"Un messaggio circola tra i combattenti della resistenza: Non violare luoghi sacri, non entrare nelle acse dei "ratti", furto e vandalismo della pubblica proprietà è proibito, garantisci la sicurezza dei cittadini, delle madri, sorelle e anziani anche se fossero "ratti". Rispetta i valori morali islamici che la generazione di Muammar ha costruito. Evita omicidi non necessari, abbiamo bisogno di meno sangue possibile, considera che la Libia ha perso tanto sangue dai cuori delle nostri madri, sorelle, bambini e anziani".

Molti civili uccisi a Saba. Un convoglio di 150 pick-up montati con armi pesanti dei "ribelli" di El Hatmane, Zenten e Zawiya hanno appena lasciato Berkan dirigendosi verso Obary nel sud della Libia. La resistenza verde ha chiesto ai combattenti Toubous di non credere alla tregua richiesta dal CNT in quanto si tratta di una trappola. I "ribelli" hanno chiesto rinforzi provenienti da tutte le altre città al fine di uccidere i Tubus. La situazione è molto tranquilla nelle città di Katroun e Mazrak mentre scontri continuano a Sabha.
Violenti scontri nella regione Takerkiba a Elhayatetra tra i combattenti Toubou e i "ribelli" di Takerkiba che vogliono tornare a Sabha. Secondo il canale televisivo Al Arabia, i combattenti Toubou hanno rifiutato la tregua e hanno accusato il CNT di bombardare con aerei da guerra Sabha e chiedono un'indagine internazionale per questo "crimine efferato". Combattenti Toubou hanno rapito due "ribelli" del battaglione El Dardire vicino al posto di controllo Articolo 17 a Sabha. Gli aerei da guerra del CNT sorvolavano la città di Sabha per bombardare la città senza distinzione tra combattenti Toubous e civili. I combattenti Toubou controllano l'intera città di Katroune e hanno messo posti di blocco agli ingressi della città. I combattenti Toubou hanno ucciso 3 "ribelli". Gli scontri stanno continuando tra i combattenti Tubu e i "ribelli" nella città di Hijara a Sabha. I "ribelli" di Misurata sono appena arrivati a Sabha per sostenere gli altri "ribelli". La situazione nella città di Hijara è disastrosa per i "ribelli". Il tributo di morte dei "ribelli" è in aumento, essi sono eliminati dai tiratori scelti Toubous. I combattenti Toubou si sono collocati con armi pesanti nel centro storico. I combattenti Toubou hanno ucciso 5 "ribelli" negli scontri nelle città Hijara e Touyouri. Esplosioni hanno scosso la città di Sabha. I combattenti Toubou hanno appena ricevuto un rinforzo di un convoglio di 150 pick-up che trasportano armi e munizioni. Combattenti Toubou hanno arrestato quattro "ribelli" nella regione di El Jadid. I "ribelli" hanno bombardato la città di Sabha con carri armati e aerei da guerra ferendo e uccidendo i civili nella regione Hijara. Un convoglio di "ribelli" Zenten verso Obary per combattere i Tuareg.
Bengasi: il tribunale militare ha liberato un gruppo di detenuti, ufficiali dell'esercito libico. Scontri tra giovani della regione di El Selmani e "ribelli". Grandi manifestazioni dei "combattenti della libertà" che reclamano il pagamento dei salari.
Derna: Esplosione ieri al Centro Vocazionale Femminile quando un gruppo sconosciuto gettava una granada nel cortile, nessun ferito. Una settimana fa un'auto piena di munizioni e esplosivo è esplosa in città, si pensa che una granada sia stata gettata all'interno del veicolo. All'inizio di marzo il capo del comitato per la sicurezza della città, Mohammed Al-Hassi, è stato ucciso con armi da fuoco presso un distributore, era capo dell'unità anti-droga di Derna che cercava di catturare i trafficanti di droghe lungo il confine egiziano.

28 Marzo 2012
da AlgeriaISP

Ieri a Tripoli, gli aerei da guerra hanno sorvolato la città.
I combattenti delle tribù Toubou controllano completamente la città di Sabha. Aerei da guerra dei "ribelli" hanno bombardato i combattenti Toubou vicino all'aeroporto. Una forte esplosione ha scosso la zona di El Mahdia a Sabha. Gli scontri a Sabha hanno finora causato 37 morti e 127 feriti. A Sabha, esaurite le munizioni, i "ribelli"  sono tornati nelle case dei cittadini a cercare e prendere armi e munizioni per combattere i Toubou. I civili di Sabha chiedono all'ONU dove sia la no-fly zone quando la città di Sabha è bombardata dagli aerei della CNT. I ribelli Zenten con un convoglio si dirigono alla città di Sabha, in successive notizie il convoglio sarebbe stato per errore attaccato dagli aerei del CNT. Un convoglio di combattenti tribali Toubou hanno lasciato la città di Katroune e si dirigono verso Sabha.
Da ore, a Sabha, continuano gli scontri tra i combattenti Toubou e i "ribelli" nella regione di Hajara
Combattenti Toubou cercano di invadere l'aeroporto Samnou.
Il colonnello "ribelle", capo della polizia, "Mohamed Yusuf" ha presentato le sue dimissioni al CNT. Il CNT ha inviato 30 "ribelli" del battaglione Saïka di Benghazi nel sud libico. 
Una libica di nome "Aisha" della tribù Tuareg ha chiamato il canale televisivo Al Jazeera e li ha informati che gli aerei da guerra del CNT hanno bombardato il campo tuareg di El Touyouri e che ci sono molti feriti.
Una fonte parla delle dimissioni del ministro della Difesa di Zenten, Osama El Jouili ​​a seguito degli scontri nel sud della Libia. Uno dei membri del CNT a Misurata, Souleimane El Fortiya, ha dichiarato sulla catena TV del CNT « Kanat Libya » che il ministro della difesa « Oussama El Jouili » ha lasciato la Libia dirigendosi nel Qatar dopo lo scoppio del conflitto a Saba. Oussama El Jouili è stato rimpiazzato dal suo braccio destro El Sadik El Ghaithi.
A Marzak, a sud della Libia, i combattenti Toubou hanno preso il controllo dei siti di stoccaggio delle armi dei "ribelli" e hanno sequestrato i loro pickup.
A Khoms, il battaglione "Saedoune artiglieria pesante" si sposta verso il sud libico.

27 Marzo 2012
da LybiaSOS

Le notizie provenienti da Saba sono frammentarie e spesso contraddittorie. Aerei NATO avrebbero oggi bombardato la città in varie zone dove si trovano i combattenti Toubou. "Convogli di bande armate "ex-ribelli" si dirigono verso la città. Il CNT manda carroarmati verso Saba.
Ci sono segnalazioni di scontri tra Tobou e Suleiman a Murzuq, i Suleiman sarebbero circondati.


25-26 Marzo 2012

da LybiaSOS, AlgeriaISP

Sirte, i cittadini della tribù Warfala hanno reagito contro i "ribelli" di Misurata che ieri avevano attaccato la città.
Tripoli, la macchina del canale televisivo Al Arabia è stata rubata dal parcheggio dell'hotel Kornithia insieme ad una somma di denaro. Il capo dei "ribelli" Zenten e responsabile dell'aeroporto di Tripoli ha detto che i "ribelli" del suo battaglione non hanno intenzione di consegnare l'aeroporto al Governo del CNT. Mukhtar al-Akhdar ha detto che presto presenterà le sue dimissioni dal comando del battaglione. Un convoglio di 150 pickup dei "ribelli" del battaglione di Tripoli che trasportano armi pesanti si dirige verso l'aeroporto internazionale di Tripoli per espellere i "ribelli" Zenten. Due elicotteri sorvolano a bassa quota la regione di Abou Slim. Ucciso dai "ribelli" un giovane nella regione di Sidi Elsayah, altri giovani che si opponevano alla trasformazione dell'area in discarica all'aperto sono stati arrestati. Scontri all'aeroporto tra "ribelli" Zenten e altri "ribelli: si parla di alcuni morti.
Bani Walid, un convoglio di pickup di "ribelli" si sta dirigendo verso Bani Walid per un'operazione di rastrellamento alla ricerca di libici fedeli a Gheddafi.
Kufra, nei pressi di Point 5-5, sono stati trovati da alcuni cani due corpi mal sepolti.
Violenti scontri presso la sede dei battaglioni di "ribelli" che si trova dietro l'Istituto di Arte e Comunicazione nella città di Riyadia.
Due tiratori scelti della resistenza verde hanno ucciso 2 "ribelli" e ferito altri sulla strada di fronte alla moschea Takita, i 2 combattenti della resistenza sono stati arrestati.
A Misurata violenti scontri tra "ribelli" nella regione di Ghayran davanti all'accademia navale.
Sabha, i combattenti delle tribù di Toubous hanno ucciso un leader del CNT, "Osama El Kaidi". Violenti scontri all'aeroporto, dove gli aeromobili sono state colpite. Denso fumo si alza dalla sala del popolo. I combattenti della tribù Toubous sono riusciti a uccidere un altro leader dei "ribelli". I combattenti hanno preso d'assalto la sede locale del consiglio militare del CNT della città di Saba. Un bilancio della televisione El Arabia parla di 21 morti e 71 feriti. I combattenti delle tribù Toubou hanno catturato un leader dei "ribelli". Colpito uno dei capi dei "ribelli" che attualmente si trova in rianimazione. I "ribelli" del battaglione di Ouled El Alem sono stati circondati dai combattenti delle tribù Toubous. I combattenti delle tribù Toubou uccidono il cugino di uno dei capi dei "ribelli" "Bahr Eddine". Sono appena arrivati rinforzi per i combattenti Toubous ​​(un convoglio di 50 pick-up dalla città di Marzak). L'ospedale della città è pieno di feriti, i medici sono fuggiti dall'ospedale e non vi sono più adeguate cure per i feriti. I combattenti della tribù Toubous hanno attaccato la sala del popolo con armi pesanti e lancio di RPG, bilancio di 5 morti della tribù di Wled Slimane e molti feriti, la tribù di Wled Slimane stava tenendo una riunione nella sala del popolo. Secondo alcuni testimoni, la città di Sabha è sotto il controllo dei combattenti tribali Toubou; si è trattato di un attacco a sorpresa con armi pesanti.
Violenti scontri sono esplosi ​​al posto di blocco n ° 60 vicino alla città di Obary, tra i "ribelli" di Mgawire e i "ribelli" Zenten. "Ribelli" di altre parti, di Zawiya, Misurata e Rajbane, hanno preso parte al conflitto. Il primo rapporto parla di un "ribelle" Rajbane morto, uno dei Zawiya e due del battaglione Tiniri. L'ospedale di Obary è pieno di feriti. Gli scontri a Obary sono scoppiati a causa di un rifiuto dei "ribelli" Zenten della regione. A Ghat, all'ospedale sono arrivati molti feriti, vittime degli scontri nella città di Obary.
La resistenza lancia il comunicato numero 6 chiedendo ai combattenti di muoversi sullo stesso piano.
Zawiya, un convoglio dei "ribelli" di Zawiya si preparano per dirigersi verso il sud della Libia.
Il canale televisivo Al Arabia ha appena dichiarato che sono esplosi scontri tra le tribù della città di Tarhouna nella Libia occidentale.

24 Marzo 2012

da LybiaSOS, AlgeriaISP

Combattenti della resistenza scoprono fosse comuni vicino Taziry; più di 1.000 persone sono morte nei combattimenti durati 3 giorni. Nuove fosse comuni vengono scoperte nei territori riconquistati dall'esercito verde.
Condannati dall'eserciito libico 5 mercenari francesi riconosciuti colpevoli di crimini contro il popolo libico.
Tripoli, scontri con spari all'interno delle milizie a causa del non pagamento dei salari ai "ribelli" della regione di Kardji. E' confermata la notizia secondo cui il direttore della banca "El Jamhouriya" di Tajoura è fuggito con i figli all'estero, rubando 3 milioni di dinari, lasciandone 2 milioni in banca, il che ha spinto i "ribelli" a prendere d'assalto la banca e rubare i restanti 2 milioni di dinari. Il battaglione dei "ribelli" Zenten Mohamed Elmadani hanno attaccato l'hotel Rixos, sparando nella hall e provocando danni. Le ragioni di questo incidente è che la direzione dell'hotel aveva cercato di allontanare un "ribelle" Zenten che è stato ospitato per 6 mesi nell'hotel senza pagare. I "ribelli" avrebbero rapito il direttore dell'hotel. Diversi incendi sono scoppiati in diverse aree a Tripoli. Violenti scontri nella città di El Andalus a Tripoli. Scontri tra i giovani della tribù di Mkarha e i "ribelli" Zenten che si dirigevano verso la città di Sabha; distrutti due pickup, arrestato un "ribelle".
Le autorità egiziane hanno deciso di chiudere la frontiera "Msaedi" dopo gli attacchi contro i libici che entravano in Egitto da parte della popolazione della città egiziana di Saloum.
Sirte: violenti scontri tra la popolazione e i "ribelli" di Misurata.
A Benghazi, le strade Djamel, Souk Elhout, Elhadaik, Elmajouri sono chiuse. Scontri con armi e diversi civili feriti.
Bani Walid: 2 esplosioni nella stazione di polizia.
Il portavoce dei Tuareg ha detto che i Tuareg hanno risorse materiali e militari per creare un paese indipendente nel sud della Libia. I "Ribelli" Zenten hanno chiesto rinforzi per combattere i Tuareg.
Il villaggio di Chouiref ha issato la bandiera verde sulle case.


23 Marzo 2012

da LybiaSOS, AlgeriaISP

Il battaglione "Sakr Elawhed" della resistenza verde ha confermato la cattura del "ribelle" del CNT-NATO che mostrò oggetti personali del leader libico durante l'invasione di Tripoli.
Tripoli, scontri armati tra le milizie nella sede della sicurezza fuori Jomoa Souk. Incendio e spari al mercato Al-Akremia
Il valico di frontiera tunisino-libico è stata chiuso per diverse ore dopo che i "ribelli" della regione di Zouara hanno sparato a caso verso i militari dell'esercito tunisino.
A Misurata, spari sono stati sentiti la scorsa notte dalla città.
A Bengasi, un grande incendio è scoppiato nel Souk Elkarimiya Elistithmari.
A Ajdabiya, una lunga coda di libici in banca per ritirare i propri soldi e alla fine le casse sono vuote.
A Sirte, una studentessa che si è laureata presso l'Università è rimasta uccisa da un "ribelle" che stava guidando la sua auto.
A Sabratha, una donna è stata trovata morta sulla spiaggia della città.
Rettifica: Haitham Zriba ucciso davanti alla sua abitazione in circostanze misteriose è stato il cameraman dello spettacolo condotto da Dr. Yusuf Shakir e non il regista.
Scontri fra Resistenza Verde e miliziani Zenten nella regione di Ashuwayrif, la resistenza verde arrestava 2 miliziani e uccideva gli altri, 3 auto distrutte.
Scontri con armi pesanti tra miliziani Janzour e Zentan a Misurata, 2 morti fino ad ora. Violenti scontri tra gli stessi 2 gruppi di milizie a Janzour.


21-22 Marzo 2012

da LybiaSOS

Ucciso in circostanze misteriose il regista libico Haitham.
Amnesty International teme che i crimini commessi dagl ex "ribelli" in Libia vadano impuniti in quanto i membri dei diritti umani dell'ONU non spingono il nuovo governo a investigare sugli abusi commessi durante la guerra libica sponsorizzata dalla NATO.
La Libia (il CNT) ha deciso di riprendere le relazioni diplomatiche con l'Iraq, che erano state interrotte nel 2003 dopo l'invasione degli USA.
Zawiyah: i "mercenari del 17 febbraio" malmenano e uccidono i residenti anti-CNT.
5000 sarebbero i militari del Qatar che hanno invaso la Libia.
Il Marocco ha arrestato signori della guerra libici per contrabbando di droga in Egitto, Algeria, Marocco.
Il mercenario libico Abdul Rahman Alwerfalli, che terrorizzò Tripoli con la sua banda, è stato arrestato a Homs in Siria.
Fosse comuni con migliaia di vittime trovate in varie zone della Libia.
Una delegazione libica è ripartita dalla Mauritania senza il capo dei servizi segreti libici, Abdullah al-Senussi.
Saba: molte strade chiuse, rumori di spari e pneumatici in fiamme.
Abbandonati 6 cilindri e 4 contenitori di media grandezza riempiti con iprite (gas mostarda) e portati in Libia con La NATO.


20 Marzo 2012

da LybiaSOS

La Mauritania respinge le richieste di estradizione di El Moudjahid Sanoussi. Il presidente della Mauritiana ha detto alla delegazione NATO: "Sanusi è venuto di sua volontà, e se ne andrà nello stesso modo".
Bengasi: Una grande esplosione scuote la città.
Tripoli. Rumori di spari e scontri vicino alla moschea nella parte orientale, nell'area di Ain Zara, nella Piazza Verde, nella zona di Ben Achour. Una forte esplosione udita nella piazza Verde, che è interdetta alla viabilità e al passaggio delle persone, le strade di accesso sono chiuse dai "ribelli", non è chiaro il motivo.  Caccia militari sorvolano la città.
I separatisti di Barca hanno iniziato il controllo dei campi petroliferi orientali, separandosi dalla Corporazione Petrolifera Nazionale Libica.
Attacco con mortai contro una pattuglia militare tunisina al confine con la Libia presso Alkrnta Batawai Ben Guerdane: la pattuglia stava scavando un fossato per impedire le operazioni di contrabbando e le infiltrazioni di armi.

19 Marzo 2012

da AlgeriaISP, somaliasupport3

"Oggi è un triste anniversario - il giorno in cui i bombardieri della NATO iniziarono l'aggressione della Libia un anno fà. Riposino in pace tutte le vittime. Riposino in pace tutti i bambini libici uccisi dalle bombe NATO, noi non vi dimenticheremo". [da Lybia S.O.S.]
Tripoli
, scontri in Piazza Verde, le strade di accesso sono chiuse. Altri scontri a Ghot Chael e Jazirate Eldarne.
I combattenti della resistenza hanno effettuato un'operazione per liberare il mujahid "Mohamed Libia" che è stato imprigionato da 4 mesi. L'operazione è stata eseguita con successo, senza perdita di vite umane.
I combattenti della resistenza hanno arrestato un gruppo di cittadini stranieri del Qatar, Emirati Arabi, britannici e italiani. Sono tutti vivi e si trovano adesso in un luogo sicuro.
Il Dr. Hamza Touhami è intervenuto ieri, 18 marzo 2012, sulla questione del capo della sicurezza della Libia Abdellah El Senussi. La situazione non è ancora chiara. Alcuni dicono che è in arresto, altri lo negano, altri che è stato liberato. Il Dr Touhami ha contattato tutte le persone vicine a Abdellah El Senussi per verificare la veridicità delle informazioni del suo arresto, ma nessuno lo sa esattamente. La Mauritania è in conflitto con Mustafa Abdeljalil e non è un membro della corte penale internazionale. Per altro secondo il CNT sarebbe già stato catturato dai "ribelli" diversi mesi fa.
Le forze verdi hanno espresso condoglianze al battaglione "Sawalim Siriya Osoud Eldhalam" per i 3 uomini rimasti uccisi fra cui il comandante del battaglione, caduti sul campo di battaglia dopo un'operazione speciale effettuata dai combattenti di questo battaglione, nel sud della Libia. I combattenti della resistenza sono riusciti a catturare 8 pick-up con armi pesanti, un camioncino equipaggiato con un cannone canna 106 mm, 23 auto, 17 Kalachnikov, 12 fucili e 6 RPG automatici. I combattenti della resistenza hanno ucciso 24 "ribelli" e imprigionato 2 uomini dei "ribelli" Zenten.
Stamattina i combattenti del battaglione "Sakr Elawhed" della forza verde hanno fatto una nuova operazione liberando 32 prigionieri delle forze armate della resistenza popolare, di cui 3 donne, in un campo di prigionia nella regione Aoune Ben Khala. In questa operazione, i combattenti della resistenza hanno ucciso sette "ribelli", mentre tutti gli altri sono fuggiti, lasciando le loro armi.
Esplosione nelle condutture del Grade fiume artificiale, secondo la gente del posto è un sabotaggio (la versione ufficiale parla di forte pressione nelle valvole), interruzione della fornitura di acqua a varie città, compresa Tripoli; l'esplosione è avvenuta a Bani Walid. Secondo una fonte, gli autori sarebbero "ribelli" del battaglione "28 maggio" e avrebbe avuto lo scopo di danneggiare l'immagine della città di Bani Walid durante la visita della delegazione ONU.
Khums: Uccisi 4 libici la cui abitazione è stata colpita da un colpo di cannone sparato presumibilmente nella direzione sbagliata da "ribelli".
Scontri e proteste per lo sceicco Omran Saleh di Sirte, imprigionato e torturato dai "ribelli"; non è chiaro se sia stato ucciso.


17-18 Marzo 2012

da AlgeriaISP, somaliasupport3

18/03. A Tripoli, i combattenti del battaglione «Sakr Elawhed» della resistenza verde sono penetrati in una casa occupata da un gruppo di spie libiche e occidentali che svolgevano la loro attività nei confronti dei cittadini libici, in particolare della resistenza. Nell'attacco sono rimasti uccisi 4 "ribelli" libici e 2 occidentali. Questa mattina, due forti esplosioni hanno scosso la zona dell'aeroporto. Scontri tra combattenti della resistenza e “ribelli” nella regione di Abou Slim e Elhadaba. Scontri violenti con armi di piccolo calibro si sono verificati nella regione dietro l'ospedale El Khadra a Abou Slim tra il battaglione dei “ribelli” di Aghiou e il battaglione dei “ribelli” di Damour. Ogni battaglione vuole prendere questa zona come bottino di guerra. Testimoni parlano di tre feriti portati in ospedale a Abu Slim. Il Ministero dell'Interno ha fatto una dichiarazione sulla lotta di Abu Slim. Si tratta di una conflitto interno personale tra i “ribelli” del battaglione El Kaekae e il consiglio militare del CNT di Abu Slim. Il canale televisivo Al Arabiya parla di due morti e decine di feriti. Nelle stesse ore la resistenza verde sta combattendo contro la brigata di Bel Haj all'interno e fuori della città. Decine di persone Tuareg e Wershafana sono state ritrovate sepolte in fosse comuni vicino alla città. Militanti "ribelli" hanno colpito e ditrutto un appartamento in cui erano esposte bandiere verdi, l'intera famiglia è morta nell'incendio.
A Sabha, gruppi di manifestanti hanno tenuto un sit-in all'esterno dell'edificio dell'amministrazione per richiedere certificati di cittadinanza e passaporti per andare all'estero per cure o andare alla Mecca. Le notizie parlano di scontri con armi pesanti con numerosi feriti e morti.
In Marocco, il responsabile del CNT per i feriti è stato ucciso fuori dall'hotel ElMajlis a Rabat.
Il Consiglio militare di Barca denuncia l'aggressione di manifestanti pacifici a Bengasi con coltelli e armi da fuoco da parte del Ministero degli Interni e delle milizie. Anche il presidente del nuovo paese Barca "Ahmed El Senussi Zoubeiri" accusa il governo libico di repressione armata della manifestazione pro federazione organizzata a Bengasi 16 marzo. Ha chiesto al CNTdi smettere di fare propaganda nelle moschee contro Barca.
Combattimenti nei campi petroliferi tra milizie "ribelli" antagoniste, ritrovati 87 corpi.

17/03. La resistenza ha emanato un comunicato stampa nel quale si sostiene che la notizia della cattura del capo della sicurezza della Libia, Abdellah El Senussi, all'aeroporto di Nouakchott in Mauritania, è falsa.

Comunicato del Comitato Internazionale dei Giuristi per la Difesa dei Libici Oppressi e Esiliati.
Il Comitato esprime la sua più ferma condanna di tutti i crimini commessi da milizie e gruppi armati contro civili innocenti.
Chiede una immediata cessazione di tutti questi crimini e atti disumani, punibili con procedimenti penali internazionali presso i tribunali e le autorità legali competenti.
Richiede il rilascio immediato e incondizionato degli oltre 11.000 prigionieri politici, 7000 sono ancora nelle carceri di Misurata, la cessazione di ogni persecuzione contro gli esuli, e la possibilità per loro di procurarsi cibo, cure mediche, accesso alla scuola per i figli. il diritto alla casa, il rinnovo del loro passaporto e il loro riconoscimento come cittadini libici.
Il Comitato fà appello alla comunità internazionale, alle Nazioni Unite, alla Lega Musulmana Mondiale, l'Organizzazione dell'Unione Africana, Unione Europea, Lega Araba, a tutte le ONG internazionali e le organizzazioni dei diritti umanie  di aiuti per i rifugiati, Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, a tutti i popoli liberi del mondo e ogni persona dotata di umanità e chiede loro di fornire assistenza, nell'ambito delle loro possibilità e competenze, a queste persone oppresse ed esiliate.
Il Comitato invita tutti i media tunisini e del mondo di far conoscere la verità all'opinione pubblica di tutti i paesi e di mettersi in contatto con il Comitato per capire la realtà della vita quotidiana vissuta dal popolo libico.
Infine, il Comitato chiede a tutto il popolo libico, in particolare agli oppressi ed esiliati, di prendere contatti con il Comitato stesso.
Fatto a Tunisi, 11 marzo 1012.
Il Segretario Generale Dr. Ben Jemaa Mohiedine


La frontiera El Saloum è stata chiusa e la bandiera verde issata nella regione di Amsead.

A Misurata, nello stesso giorno, due banche sono state rapinate da uomini armati. Il bottino è stimato a 190.000 dinari libici per la prima rapina, mentre per la seconda l'importo non è noto.

A Tripoli, questa mattina, una forte esplosione ha scosso la regione di Ghot Chael nei pressi della Clinica El Chifae.

A Benghazi, le milizie del CNT di Mustapha Abdeljalil sparano sui manifestanti, alcuni rimangono feriti. Successivamenti giovani della città manifestano per chiedere le dimissioni del governo e di Mustapha Abdeljalil dopo che le sue  milizie hanno sparato sui manifestanti pacifici. 3 uomini uccisi a colpi di arma da fuoco in vendetta agli attacchi contro i manifestanti, gli uomini erano separatisti. Alcuni prigionieri verdi sono fuggiti dal carcere Bouhdima a Bengasi.


15-16 Marzo 2012

da AlgeriaISP, somaliasupport3

Manifestanti sono giunti da tutti le città orientali a Bengasi per chiedere la federazione della Libia. Erano accompagnati da ribelli armati con tutti i tipi di armi e lanciarazzi. I manifestanti sono stati attaccati dai "ribelli" del Ministero dell'Interno che si trovavano nei loro pick-up montati con armi pesanti. Un primo bilancio parla di 5 feriti tra i "ribelli" pro-federazione. La milizia del ministero dell'Interno e del CNT di Mustapha Abdeljalil hanno anche attaccato il corrispondente della stazione tv Al Arabia che aveva ripreso l'attacco contro i manifestanti. Un bilancio ulteriore dell'attacco delle milizie di Abdeljail parla di 1 morto e molti feriti tra i manifestanti.
I combattenti della resistenza hanno colpito tre soldati stranieri vicino al loro accampamento nel deserto. Due morti nella resistenza.
A Ghadames, un drone ha bombardato due auto di civili proprietari di bestiame. Il primo missile Ha gravemente ferito il conducente della prima vettura, mentre il secondo missile è esploso poco prima del passaggio dell'auto, il conducente è miracolosamente sopravvissuto.
Misurata: 3 esplosioni e attacchi contro i "ribelli" di Misurata nord e tentativo di liberare i prigionieri.
Tripoli: La resistenza ha attaccato un convoglio di miliziani di Bel Haj in un'autostrada fuori della città. Alcuni tentativi di liberare prigionieri detenuti in città.


11-14 Marzo 2012

da AlgeriaISP

14/3. Gli USA hanno dispiegato più di 10000 militari nella Libia orientale.
2 milioni di bandiere verdi e t-shirt con l'immagine di Gheddafi sono entrate in Libia.
Il comitato internazionale per la difesa dei libici oppressi in Libia e degli esuli libici all'estero si è riunito a Tunisi il 10 e l'11 marzo 2012 per fare il punto delle condizioni atroci in cui vive la popolazione. Circa 1,3 milioni di sfollati dopo la guerra di colonizzazione della Libia, tra cui 400.000 vivono in Tunisia. Nel suo discorso di presentazione, Naceur Akil Ouerfelli, Coordinatore delle tribù libiche e Presidente del Centro di Soccorso dei rifugiati all'estero, si è concentrata sulle atrocità subite dai libici accusati di essere pro o semplicemente sospetatti di esserlo perch� hanno nomi come Seif, Aicha, Kamis, Mouatassam ecc ... o perch� sono di Sirte o Bani Walid .... L'orrore ha raggiunto il suo culmine quando è stata dettagliata la disumana situazione dei libici neri e di quelli provenienti dall'Africa sub-sahariana. Nella Libia "democratica" e sostenuta dai paesi occidentali, i neri vengono uccisi, mutilati e torturati. In Libia oggi, i neri non dovrebbero essere sepolti per non inquinare la terra libica. Questo è stato deciso dal CNT e dalle milizie armate che dominano la Libia sotto il silenzio di approvazione dei media, dell'opinione mondiale e degli stati. Il Comitato ha poi fatto appello ai difensori dei diritti umani, ai messaggeri di pace, agli intellettuali e artisti africani, in particolare dell'Unione africana, alle ONG, ai cittadini del mondo, per indignarsi e agire. La composizione del comitato:
- Essid Bashir, presidente del comitato, ex preside degli avvocati tunisini
- Mohieddin Benjemaa, segretario generale del comitato. E anche ambasciatore di pace per l'ONU e l'UE
- Adel Ben Hssine, portavoce ufficiale
- Naceur Ouerfelli, coordinatore delle tribù libiche e presidente della politica estera del Rescue Center della Libia
- Robert Charvin, rettore dell'Università di Nizza, responsabile per le relazioni internazionali nel comitato
- Prince Henri de Bourbon (Francia)
- Simone Blasini, segretario generale della commissione per i diritti umani presso le Nazioni Unite a Ginevra
- Ginette Skandrani Hesse, presidente dell'Osservatorio dei Diritti Umani (Francia)
- Louisa Roule, Vice Presidente del Partito comunista britannico
- Curtis Borrière, avvocato ed ex senatore degli Stati Uniti
- Edmond Jouve, presidente dell'Accademia Europea delle Scienze.
Tripoli, questa mattina, un uomo ha ucciso quattro persone nella loro auto nella regione di Al-Zawiya Dahmani. L'auto apparteneva ad un battaglione di "ribelli".
Per un'ora, i tiratori scelti del battaglione "Sakr Elawhed" della forza verde hanno preso di mira cinque "ribelli" in diverse regioni di Tripoli.
La resistenza ha neutralizzato con armi da 14.5 mm uomini armati del CNT ad un posto di blocco sulla strada per Garan.
Sirte: I combattenti del battaglione "Thaer Sirte" della Resistenza Verde hanno compiuto una nuova operazione affrontando una riserva di armi del battaglione 17 febbraio dei "ribelli" nella regione Bouhadi a Sirte. Hanno sequestrato tutte le armi e hanno esploso il campo con l'aiuto dei giovani della resistenza della città di Sirte.
Bengasi, ieri sera alle 20:30, un'esplosione ha scosso la zona Liti. Manifestazione dei "ribelli" davanti alla Banca Centrale per richiedere i salari di febbraio.
Violenti scontri tra i "ribelli" di Janzour e la resistenza verde Warchfana nella città di Sayad. Un morto dalla parte dei Warchfana.

13/3. L'ONU ha votato all'unanimità l'estensione della sua missione in Libia per altri 12 mesi.
Tripoli, questa mattina presto, combattenti della cellula "Sakr Elawhed" della resistenza verde hanno avviato una nuova operazione affrontando un raduno di "ribelli" di Misurata. Hanno sequestrato 10 Kalashnikov e 4 RPG oltre a munizioni. Hanno ucciso tre ribelli, tra cui un egiziano.
Dal momento dell'invasione della Libia, il numero di mendicanti sta aumentando ogni giorno.

12/3. Tripoli, elicotteri volano a bassa quota nella regione Elhadaba Elkhadra.
I "ribelli" continuano a bloccare le strade principali in seguito al fallimento delle trattative per il pagamento dei salari.
Bengasi, alle 3:40 di questa mattina, due esplosioni hanno scosso la zona Hadjaz.
Tobruk, manca il carburante per lo sciopero dei dipendenti delle stazioni di rifornimento.


10 Marzo 2012

da AlgeriaISP, Somaliasupport3

Bengasi: Altri 2 edifici in fiamme (Hotel Elbaladi e edificio El Istithmar). Membri di Al Qaeda hanno attaccato "ribelli" favorevoli alla federazione e al nuovo paese indipendente di Barca, uccidendo un sostenitore della Federazione.
Il battaglione dei combattenti "Thaer Sirte" della forza verde hanno assaltato un convoglio di tre veicoli dei ribelli e 23 pick-up montati con armi pesanti a 20 km dalla regione Samnou nella città di Sabha. Hanno distrutto tutti i veicoli e pick-up. Hanno ucciso 12 "ribelli".
Zliten: Un'altra guerra si prepara alle porte di Zliten tra gruppi di "ribelli" provenienti da varie città, definiti da AlgeriaISP come appartenenti a Al Qaeda, e i "ribelli" di Zliten. I rpimi vorrebbero infatti demolire un luogo sacro (la tomba di Abdel Salam Asmar).
Il Dr. Hamza Touhami è intervenuto il 9 marzo 2012, confermando che la popolazione di Barca accetta la separazione della sua regione dalla Libia. Tutto è stato pianificato dall'Occidente. Ha confermato che il numero uno del CNT "Mustapha Abdeljalil" concorda sulla separazione, ma fa finta di essere contro. Dr Touhami ha chiesto che il popolo libico attui la disobbedienza civile per preparare la venuta della forza verde a liberare il paese. Ha chiesto ai "ribelli" di svegliarsi perch� il paese sta per essere diviso. Ha chiesto ai "ribelli" che si trovano nei loro pick-up nei posti di blocco di sollevarsi contro il CNT e di andare a integrare la resistenza dal momento che sono abbandonati e non avranno nulla in futuro e rimarranno poveri per tutta la vita. Ha inviato un messaggio alla Resistenza. La resistenza è molto forte in tutte le regioni. E' pronta. Le è stato ordinato di non muoversi. Si muoverà come un sisma al momento opportuno. Infine, ha inviato un messaggio "codificato" al popolo libico: "Il vostro fratello morto vi dà il buon giorno. Giuro che il vostro fratello morto mi ha mandato attraverso un uomo di fiducia questo messaggio e che ci sarà nel prossimo futuro una dichiarazione simile a quella del 1 ° settembre 1969. Giuro che è vero. Attendeteci, arriviamo! ". Egli ha richiesto di diffondere questo messaggio in tutta la Libia.
Secondo ALGERIA/ISP "il fratello morto, che ha trasmesso il messaggio alla resistenza, non è altro che il generale Khamis Gheddafi o la Guida Maoummer Gheddafi! Il futuro ce lo dirà."

9 Marzo 2012

da AlgeriaISP, za-afriku.ru, Somaliasupport3

Bengasi: Grande incendio al mercato dei tappeti dopo violenti combattimenti.
Tripoli: La resistenza verde ha catturato armi in un deposito della brigata Bel haj. Ieri scontri in 3 aree della città, Souq Juma'a - ain zara - gargaresh.
Libia Orientale: Numerose proteste contro la suddivisione della Libia voluta anche dal "Consiglio della Cirenaica".
Tobruk: Combattimenti in corso, città assediata da alcune settimane.
Kufra: Le informazioni sulla città sono cessate. Il CNT afferma di essere riuscito a stabilizzare la città.
Il 6 Marzo l'esercito verde e brigate della resistenza hanno compiuto un raid alla prigione di Misurata: liberati più di 500 prigionieri, confiscati telefoni e denaro, distrutti i computer dei ribelli e gli uffici della Nato, molti i "ribelli" uccisi.
La Commissione Internazionale Indipendente Europea ha chiesto ulteriori indagini sui bombardamenti delle città da parte delle forze NATO. La Commissione non avrebbe ricevuto sufficiente informazione sulla necessità dei bombardamenti per proteggere la popolazione. Il portavoce Philippe Kirsch ha citato i dati della NATO, secondocui i bombardamenti avrebbero causato 60 vittime e 55 feriti tra i civili, cifra che secondo esperti indipendenti sarebbe molto sottostimata. E' stata anche preparata una lista di persone sospettate di aver commesso crimini contro l'umanità in Libia, lista che sarà consegnata all'Alto Commissariato per i Diritti Umani.

6-8 Marzo 2012

da AlgeriaISP, LibyaSOS, Somaliasupport3

08/03. L'azione della resistenza verde è quasi interamente rivolta alla liberazione dei "prigionieri" libici: crescono infatti i campi di "tortura" gestiti da privati sotto controllo delle milizie e del CNT. E' di oggi la notizia della liberazione di decine di Tuareg e uomini della resistenza da un campo di tortura delle milizie.
L'assenza di eclatanti azioni della resistenza sono una ragione tattica: aspettano gli scontri tra gruppi di "ribelli".
Bandiere verdi sventolano nel sud-est.
A Misurata crescono le case chiuse con decine di "schiave" libiche, ben apprezzabile anche il forte odore di hashish.
La brigata Bel haj ha attaccato la brigata Zintan a Tripoli. La stessa brigata Bel Haj ha rimosso le milizie di Zintan da un villaggio vicino Zawiyah.
"Ribelli" attaccano le sedi locali del CNT a Tripoli e Bengasi contro la spartizione della Libia.
A Tripoli, la resistenza verde ha annunciato la liberazione della giornalista Hala Misrati. Sembra che sia riuscita a lasciare il territorio della Libia. Ha parlato online alla radio della resistenza dei 6 mesi trascorsi da un carcere all'altro (complessivamemte 20 prigioni diverse). Presto annuncerà pubblicamente i nomi delle persone che hanno tradito il paese. Avrebbe avuto la possibilità di lasciare in tempo il paese ma ha preferito rimanere a difenderlo da tutte le bugie che i media gettavano sulla Libia.
I membri della tribù Warfala, sequestrati a Bengasi dai "ribelli", dopo essere stati ufficialmente invitati dalle tribù dell'est, sono 16 e non 13 come precedentemente detto (i loro nomi qui).

07/03. La moglie del dottor Hamza Touhami è stata liberata dagli uomini della tribù Warfala.
Il CNT e l'auto-proclamato Consiglio della Cirenaica sono ai ferri corti, già segnalati scontri nei quali avrebbero perso la vita 20 militanti. La situazione è divenuta esplosiva dopo che il consiglio della Cirenaica ha revocato i contratti petroliferi in corso. I confini del nuovo stato non sono definiti.
L'integrità della Libia sarà difesa con tutti i mezzi - anche "con la forza", se necessario, così si è espresso il leader del CNT, Mustafa Abdel Jalil, dopo che le tribù orientali hanno dichiarato l'autonomia regionale.
I "ribelli" della città di Sabha hanno manifestato per chiedere le dimissioni del consiglio di transizione della città.
Dopo l'annuncio della nascita di un primo paese indipendente «Barca», uno dei membri del CNT, « Abdelmadjid Seif Elnasr» annuncerà la proclamazione di un nuovo paese indipendente « Fezen ».

06/03. A Bengasi, una delegazione di Bani Walid, che è stata ufficialmente invitata dalle tribù libiche dell'est, è stata fermata. La delegazione era a Bengasi da alcuni giorni per incontrarsi con i rappresentanti di altre tribù al fine di sostenere l'unità nazionale contro ogni partizione della Libia. La delegazione è stata rapita oggi alle 01:00, si tratta di 13 uomini, 8 della tribù Warfala di Bani Walid e 5 dei Warfala di Bengasi. Sono in corso negoziati per la loro liberazione nelle prossime ore.
Infine, la zona di Barca si separa dalla Libia e diventa un paese indipendente. Ibrahim SAHD, il segretario generale dell'esercido della salvezza della Libia creato in Inghilterra nel 1981, ha rilasciato un'intervista alla televisione Al Arabia per confermare la nascita di Barca come paese indipendente.
Sit-in organizzati in tutte le città d'Oriente della Libia come Derna, Baida, Chahate, Tabrok e per alcuni momenti a Bengasi. I manifestanti chiedono le dimissioni del Consiglio generale di Barca che vuole creare una nuova nazione indipendente.
Bengasi, scontri tra manifestanti a favore e contro la spartizione della Libia.
In Cirenaica, regione orientale della Libia, si è riunito un Congresso Regionale che ha scelto una semi-autonomia da Tripoli.
La tribù Warfalla di Bani Walid sta pensando di separarsi dal resto della Libia. La tribù rappresenta 1/3 dei libici e controlla un territorio esteso come la Tunisia, ma non ha nessun controllo sugli affari del paese.

4-5 Marzo 2012

da AlgeriaISP

Tripoli. Scontri tra i combattenti della resistenza verde e i "ribelli" nella zona di Hadaba vicino al cimitero Sidi Hoceine. Tredonne libiche della resistenza Verde hanno condotto un'operazione attaccando un checkpoint dei "ribelli" vicino a El Hadaba. Arresti arbitrari di giovani libici provenienti da Bani Walid, qualsiasi veicolo immatricolato Bani Walid è stato fermato. Una potente esplosione ha scosso la zona della strada per l'aeroporto seguita da una sparatoria. Pick-up dotati di armi pesanti circondano Bab El Aziziya, la residenza di Gheddafi.
Il Dr. Hamza Touhami ha conferma l'arresto della moglie e fa un appello ai "barbari" del CNT, affermando che anche se avete preso la mia cara moglie, non mi farete tacere, io sarò lì con la resistenza, e non smetterò di denunciare le crudeltà.
L'ex numero 2 del CNT, Mahmoud Jibril, ha dichiarato che la Libia stà per essere divisa e che dietro questa spartizione ci sono paesi stranieri che vogliono fare come in Sudan. A Benghazi, i libici pro-CNT hanno manifestato contro la divisione della Libia, comparsi striscioni con scritte "popolo libico, siamo fratelli da Tobruk a Nalout".
Il comandante di un battaglione dei "barbari" di Misurata, "Saraya Elsouihli", ha detto che giovani provenienti da Misurata "ex ribelli che hanno combattuto contro Gheddafi" hanno attaccato il quartier generale del battaglione, hanno distrutto tutto, hanno liberato i prigionieri tra cui agenti dei servizi. I giovani hanno esploso contenitori di munizioni che erano depositati in grandi quantità dietro la sede del battaglione. Ha aggiunto che c'è una morte e questo è l'esperto di esplosivi che è un nazionale canadese. Un'altra persona ha detto che gli assalitori avevano computer, telefoni cellulari e l'elenco dei prigionieri. Hanno liberato 324 prigionieri. Secondo ALGERIA ISP, questa storia è strana! Molto probabilmente si tartta di un'altra operazione della resistenza.
Distrutto un aereo da guerra nella base militare a nord della città di Sabha. Nessuna informazione sul motivo per cui è esploso.

1-3 Marzo 2012

da za-kaddafi.ru

Gli Stati Uniti e i suoi alleati cercano di ottenere la separazione e la balcanizzazione della Libia per sostenere i loro interessi economici. Stanno cercando di dividere, almeno in due il paese, per accendere le guerre tribali e girare la Libia in una nuova Jugoslavia, e diffondere la guerra in altre parti dell'Africa. Il Regno Unito ha sviluppato un piano di colonizzazione della Libia e alcuni paesi arabi, come il Qatar, con l'aiuto degli Emirati Arabi Uniti, finanzieranno un esercito di mercenari sotto l'apparenza di forze di pace. Gli Stati Uniti vogliono stabilire il quartier generale di AFRICOM in Libia.
A Misurata un artificiere canadese ha perso la vita tentando di disinnescare un ordigno.
Zliten: militanti hanno preso d'assalto la sede del Battaglione dei "ribelli" 17 febbraio (Bengasi) e catturato il leader, "Colonnello" Buhulayda Salah, che era arrivato 3 giorni prima per visitare il quartier generale del battaglione.
Una cellula di combattenti della resistenza di Sirte "Taer Sirte" hanno con successo distrutto un convoglio di 3 pickup con i "ribelli" di Misurata che si stava dirigendo ad El Sadada. Il convoglio era accompagnato dal comandante "ribelle" originario del Qatar.
In Bengasi, secondo tentativo di assassinare il giudice impegnato nelle indagini per la morte del generale Abdel Fattah Younis. Durante l'attacco, sono state utilizzate armi di piccolo calibro. Il giudice è stato ricoverato. 
Una potente esplosione ha distrutto il quartier generale del battaglione di Bengasi "martiri 17 febbraio."
In Tripoli, scontri tra i "ribelli" e combattenti della resistenza nei pressi del cimitero di El Hadaba Hussein Seeley.
I leader della città hanno deciso di creare una federazione di Brega e stanno minacciando il CNT, che si oppone, di crearla con la forza o attraverso una causa in seno alle Nazioni Unite.
Alcune donne in forza al Gruppo del Battaglione libico verde hanno collocato una bomba nella sede dei servizi diplomatici occidentali nella città di Tripoli, nei pressi di Souk Jomo. 
“Banditi” della NATO hanno rapito la moglie di Hamza Tuhami, giornalista verde.
L'ambasciata statunitense a Tripoli è stata chiusa dopo che guardie e ufficiali di intelligence sono stati uccisi, i diplomatici occidentali sono caduti sotto il lancio intenso di razzi. Si sta facendo strada la guerra tra i “patrioti libici” e le istituzioni occidentali.
Le forze della resistenza libica hanno sganciato bombe su un paio di colonne di “ratti” nelle montagne occidentali. Il numero di militanti uccisi nell'operazione è sconosciuto, il fuoco ha colpito almeno nove veicoli.
L'esercito verde ha iniziato a raccogliere dati sugli ufficiali dell'esercito libico, della polizia e sui “patrioti” che sono morti a Bengasi, nella Libia orientale. L'esercito è stato in grado di identificare molti fatti sul movimento degli insorti.
Le forze speciali dell'Esercito Verde hanno lanciato una missione per eliminare i campi militari, i centri, i veicoli di al-Qaeda e di altri rami dei “ratti”. La missione è stata progettata per eliminare 75 importanti personaggi dei "ribelli", 39 dei militanti ricercati sarebbero già stati colpiti. Alcuni agenti segreti francesi hanno trovato la morte in una macchina che stava trasportando mercenari.
L' Esercito Verde ha sparato a milizie del Nord di Misurata che avevano mantenuto i rifugiati nella cella zoo. L'operazione è avvenuta in 52 minuti. I combattenti della Resistenza hanno bloccato la strada. Durante il successivo scambio di fuoco nove civili sono stati uccisi, 27 feriti, cinque funzionari dell' Esercito Verde sono rimasti feriti, due ufficiali sono stati uccisi in battaglia. Eliminati tutti i “"ribelli"” che costrinsero i prigionieri fedeli all'Esercito di Liberazione della Libia a mangiare la bandiera verde.
L'azienda Afriqiyah Airways ha ripreso i voli internazionali in Cina, Asia, e 30 destinazioni in Africa, nei paesi che erano contro l'aggressione della NATO in Libia. L'azienda dispone di 15 velivoli, il resto della flotta fu distrutta dai "ribelli".
I "ribelli" hanno dissacrato le tombe e fatto a pezzi i cimiteri cristiani ed ebrei a Bengasi.







Questo Articolo proviene da comeDonChisciotte.net
http://www.comedonchisciotte.net

L'URL per questa storia è:
http://www.comedonchisciotte.net/modules.php?name=News&file=article&sid=2269