Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Top
· Web_Links
 

  Categorie

· Tutte le Categorie
· Approfondimenti

· Associazioni

· Chris Hedge

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo
· Interviste

· James Petras

· Libri

· Michel Chossudovsky

· Mike Whitney

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Paul Craig Roberts

· Pepe Escobar

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Stephen Lendman

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· William Engdahl

 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

 
  Russia Imperialismo: UN BUDGET SENZA RUSSIA: L'INCUBO DELL'IMPERO

DI FRED REED
informationclearinghouse.info

Penso che questa folle isteria circa la Russia debba finire. Probabilmente però ciò non accadrà. Per ragioni di politica interna ed imperialista Washington e New York stanno di nuovo manipolando l’opinione pubblica statunitense verso la guerra.  Tutto ciò è stupido, ingiustificato e pericoloso.

La stupidità verso la Russia è, ovviamente, parte delle mosse dell’establishment per liberarsi di Trump. Sì, l’uomo è imprevedibile, contraddittorio, impulsivo, persegue la maggior parte delle promesse elettorali e potrebbe non essere qualificato per fare il Presidente – ma non per questo Washington e New York si vogliono sbarazzare di lui. Si tratta di soldi e potere, come tutto negli USA. Wall Street, il Pentagono, i Neocon e l’Impero sono quelli che governano negli Stati Uniti. Trump ha messo in pericolo la loro ciotola di riso.

 
 
  Postato da cdcnet il 07/03/2017 (209 letture)
(Leggi Tutto... | 11116 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Imperialismo: DONALD TRUMP SMANTELLA L'ORGANIZZAZIONE DELL'IMPERIALISMO STATUNITENSE

Thierry Meyssan

Donald Trump ha iniziato la più importante riforma delle strutture amministrative degli Stati Uniti degli ultimi 69 anni. Ha appena messo fine al progetto imperialista per rifare del proprio Paese uno Stato come gli altri.

 
 
  Postato da cdcnet il 31/01/2017 (342 letture)
(Leggi Tutto... | 3859 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: SYRIA'S HEROIC FIGHT AGAINST WESTERN IMPERIALISM

231231231Andre Vltchek
journal-neo.org

It is hard to imagine a more resilient, more heroic nation than Syria!

With only 17 million inhabitants (according to the 2014 estimate), Syria is now facing the mightiest coalition on Earth – a coalition that consists of virtually all traditional Western colonialist and neo-colonialist nations.

It is also facing some of the cruelest and deadliest inventions of the West – the extremist and murderous post- and pseudo-Islamic groupings, similar to those that were already unleashed against the Soviet-Union during the war in Afghanistan.

Because of the tremendous determination of its people, Syria is still standing! But it is standing against all odds. Its Golan Heights are illegally occupied by Israel, its borders constantly violated by the Turkish military, and by the West’s ‘special forces’ and air force.
 
 
  Postato da cdcnet il 01/10/2016 (229 letture)
(Leggi Tutto... | 13521 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Africa Imperialismo: OOPS THEY DID IT AGAIN

US 'MISDIRECTED' DRONE STRIKE ON SOMALIA KILLS 22 CIVILIANS, SOLDIERS

undefinedDaniel McAdams
ronpaulinstitute.org

In what the US is calling a "misdirected" airstrike, some 22 Somali citizens and soldiers were killed by a US missile fired from a drone intended to take out al-Qaeda affiliated al-Shabab militia members. According to the BBC, the airstrike may have been a ruse by one region in Somalia seeking to settle scores with another courtesy of US military might: "Officials in the semi-autonomous region of Galmudug accused neighboring Puntland of misleading the US into believing they had targeted extremists."
 
 
  Postato da cdcnet il 30/09/2016 (179 letture)
(Leggi Tutto... | 2310 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: FORZE STATUNITENSI IN 7 BASI NELLA SIRIA SETTENTRIONALE

en.farsnews.com

La scorsa settimana il Pentagono ha ammesso la presenza di proprie forze nella Siria Settentrionale ma non ha precisato altri dettagli.

Sulla base di informazioni raccolte da mezzi di informazione e sul campo, le sette basi, in cui sono dispiegate le forze statunitensi, sono:

1. Campo di aviazione di  Rmeilan nella provincia settentrionale di Hasakah (con costruzione di elisuperfici). 

2. Villaggio di Mabrouka (zona occidentale di Qamishli) dove sono dispiegate almeno 45 unità speciali dell'esercito americano.

 
 
  Postato da cdcnet il 25/09/2016 (324 letture)
(Leggi Tutto... | 2789 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: BREAKING: DID WASHINGTON JUST DECLARE A 'NO FLY' ZONE IN SYRIA?

undefinedDaniel McAdams
ronpaulinstitute.org

Reading between the lines in today's Pentagon press briefing, a bombshell US policy shift is becoming more apparent: Syrian forces and their Russian partners are being told that conducting military operations in some parts of Syrian airspace opens them up to being shot down by the US military.

Pentagon Spokesman Peter Cook was asked numerous times in numerous ways whether this amounts to a US "no fly zone" over parts of Syria. His first response was vague but threatening: We will use our air power as needed to protect coalition forces and our partnered operations. ...We advise the Syrian regime to steer clear of [certain] areas.

 
 
  Postato da cdcnet il 23/08/2016 (220 letture)
(Leggi Tutto... | 4157 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: US WARNS SYRIAN MILITARY .... AGAINST OPERATING INSIDE SYRIA!

undefinedDaniel McAdams
ronpaulinstitute.org

Just when you thought US foreign policy could not get more absurd. Lt. Gen. Stephen Townsend, who is listed as "commander of US forces in Iraq and Syria," has issued a warning to the Syrian military that if its counter-insurgency operations on Syrian soil leave US troops on Syrian soil "feeling threatened," the US military would "defend itself." 

That needs to be broken down to even be believed.

The Syrian military is fighting an armed uprising on its own soil. The US government is training and equipping several factions of that armed insurgency, in this case the Kurdish YPG militia. The US military is also operating on Syrian soil alongside and in support of the YPG militia. Members of the YPG militia have, over the past several days, been firing on Syrian government forces. The Syrian air force returns fire on its own soil and the US military that is illegally operating on Syrian soil issues a warning to the Syrian government to stop firing on insurgents on Syrian soil!

 
 
  Postato da cdcnet il 22/08/2016 (226 letture)
(Leggi Tutto... | 2684 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Africa Imperialismo: U.S. EXPANDS SECRET WARS IN AFRICA

By Justin Yun
Information Clearing House - Chimes

Sintesi in italiano: GLI USA AMPLIANO LE GUERRE SEGRETE IN AFRICA.

L'imperialismo militare americano adotta un nuovo stile di combattimento con droni, operazioni speciali, mercenari, basi segrete, militari per procura e guerra informatica. Ogni giorno forze statunitensi effettuano missioni segrete in 70-90 paesi, nel 75% delle nazioni del mondo solo lo scorso anno, con un aumento del 145 per cento del tasso delle operazioni condotte sotto l'amministrazione Bush. A causa della natura segreta delle operazioni speciali, il Pentagono può nascondere all'opinione pubblica il coinvolgimento militare nelle altre nazioni.

 
 
  Postato da cdcnet il 05/06/2016 (466 letture)
(Leggi Tutto... | 9421 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Libia Imperialismo: THE ISLAMIC STATE IS PRETEXT TO AGAIN MUG LIBYA

By Moon Of Alabama
March 19, 2016 "ICH" - "Moon Of Alabama"

There are currently two governments in Libya. A "moderately Islamist" one in the west in Tripoli and one in the east in Tobruk. The eastern one is internationally recognized and "secular" but also supported by some Salafist groups. Both governments have their own parliament and various supporting militia. In the middle of the long east-west coastline the Islamic State led by some cadres from Iraq and Syria has taken a foothold in Sirte. It is recruiting followers from north Africa and moving to capture nearby oilfields to finance its further expansion.

The "west" is alarmed about this development and wants to intervene with military force. Special forces from several countries are already on the ground. But both governments and their parliaments do not want such foreign intervention.

 
 
  Postato da cdcnet il 20/03/2016 (358 letture)
(Leggi Tutto... | 8903 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Corea del Nord Imperialismo: DPRK: ISOLATED, DEMONIZED AND DEHUMANIZED BY THE WEST

index By Andre Vltchek
March 19, 2016 "ICH" - "Dissident Voice"

Soon, most likely, there will be new brutal sanctions imposed against North Korea. And there will be massive provocative military exercises held, involving the US and South Korea (ROK). In brief, it is all ‘business as usual’: the West continues to torture DPRK; it is provoking it, isolating, demonizing and dehumanizing it, making sure that it wouldn’t function normally, let alone thrive.

The submissive Western public keeps obediently swallowing all the shameless lies it is being served by its mainstream media. It is not really surprising; people of Europe and North America already stopped questioning official dogmas a long time ago.

Photo: Border at Panmunjom from DPRK side

 
 
  Postato da cdcnet il 20/03/2016 (327 letture)
(Leggi Tutto... | 19126 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Libia Imperialismo: US-NATO INVADE LIBYA TO FIGHT TERRORISTS OF OWN CREATION

435345354Tony Cartalucci
journal-neo.org

Up to 6,000 troops are being sent to invade and occupy Libya, seizing oilfields allegedly threatened by terrorists NATO armed and put into power in 2011. The London Telegraph, almost as a footnote, reports of a sizable Western military force being sent in on the ground to occupy Libya in an operation it claims is aimed at fighting the so-called “Islamic State” (ISIS). In its article, “Islamic State battles to seize control of key Libyan oil depot,” it reports:

Under the plan, up to 1,000 British troops would form part of a 6,000-strong joint force with Italy – Libya’s former colonial power – in training and advising Libyan forces. British special forces could also be engaged on the front line.

One would suspect a 6,000-strong foreign military force being sent into Libya would be major headline news, with debates raging before the operation even was approved. However, it appears with no debate, no public approval, and little media coverage, US, British, and European troops, including Libya’s former colonial rulers – the Italians – are pushing forward with direct military intervention in Libya, once again.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/01/2016 (484 letture)
(Leggi Tutto... | 8712 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: U.S. AGREES TO ACT AS TERRORIST BODYGUARD

OPEN TO ATTACKING ASSAD FORCES

By Brandon Turbeville
activistpost.com

Fresh on the heels of the establishment of an "ISIL-Free Zone" (aka "No-Fly Zone") in northern Syria along the Turkish border, the United States has quietly announced that it will also extend its airstrike operations to act as the traveling bodyguard of the jihadists it has trained and “vetted.”

The policy, reportedly authorized by Barack Obama, would involve the US Air Force bombing any force attacking the so-called “moderate rebel fighters,"including the Syrian military.

The announcement was first reported on Sunday by the Wall Street Journal via anonymous military sources. The senior military official told the WSJ “For offensive operations, it’s ISIS only. But if attacked, we’ll defend them against anyone who’s attacking them. We’re not looking to engage the regime, but we’ve made a commitment to help defend these people.”

White House National Security Council spokesman, Alistair Baskey, stated “We won't get into the specifics of our rules of engagement, but have said all along that we would take the steps necessary to ensure that these forces could successfully carry out their mission.”
 
 
  Postato da cdcnet il 03/08/2015 (333 letture)
(Leggi Tutto... | 6745 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Medio Oriente Imperialismo: THE FAKE WAR ON ISIS: US AND TURKEY ESCALATE IN SYRIA

435435345Eric Draitser
journal-neo.org

It is late July 2015, and the media is abuzz with the news that Turkey will allow US jets to use its bases to bomb Islamic State (ISIS) targets in Syria. There is much talk about how this development is a “game-changer,” and how this is a clear escalation of the much ballyhooed, but more fictional than real, US war on ISIS: the terror organization that US intelligence welcomed as a positive development in 2012 in their continued attempts to instigate regime change against the Syrian government led by Bashar al-Assad.

The western public is told that “This is a significant shift…It’s a big deal,” as a US military official told the Wall Street Journal. What the corporate media fail to mention, however, is the fact that Turkey has been, and continues to be, a central actor in the war in Syria and, consequently, in the development and maintenance of ISIS. So, while Washington waxes poetic about stepping up the fight against the terror group, and lauds the participation of its allies in Ankara, the barely concealed fact is that Turkey is merely further entrenching itself in a war that it has fomented.
 
 
  Postato da cdcnet il 02/08/2015 (518 letture)
(Leggi Tutto... | 13323 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: FOUR YEARS OF SYRIAN RESISTANCE TO IMPERIALIST TAKEOVER

Syria_Obama By Sara Flounders
Global Research, March 28, 2015
Workers.org

U.S. efforts to overturn the government of Syria have now extended into a fifth year. It is increasingly clear that thousands of predictions reported in the corporate media by Western politicians, think tanks, diplomats and generals of a quick overturn and easy destruction of Syrian sovereignty have been overly optimistic, imperialist dreams. But four years of sabotage, bombings, assassinations and a mercenary invasion of more than 20,000 fighters recruited from over 60 countries have spread great ruin and loss of life.

The U.S. State Department has once again made its arrogant demand that Syrian President Bashar al-Assad must step down. This demand confirms U.S. imperialism’s determination to overthrow the elected Syrian government. Washington intends to impose the chaos of feuding mercenaries and fanatical militias as seen today in Libya and Iraq.
 
 
  Postato da cdcnet il 28/03/2015 (480 letture)
(Leggi Tutto... | 11118 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Medio Oriente Imperialismo: YEMEN BEWARE AS IT THREATENS US-BACKED ORDER

Finian Cunningham
m.strategic-culture.org

The crisis in Yemen is the latest manifestation of the old order desperately trying to cling on to a dwindling power base. That old order has been backed by the United States and its allies among the Persian Gulf Arab dictatorships as a bulwark against a popular uprising that could lead to democratisation in the poorest Middle Eastern country. If such an outcome were to succeed, the repercussions for the autocratic Gulf monarchies would be deeply destabilising. Saudi Arabia, which shares a southern border with Yemen, is the primary concern for this spreading «instability».

That is why the House of Saud is now issuing all sorts of grave warnings of «foreign interference» and blaming Iran for «aggression». Saudi Foreign Minister Saud al Faisal this week said that the Gulf Cooperation Council (GCC) is ready to send in a military force to «protect Yemen’s sovereignty». The GCC comprises the six monarchial states of Saudi Arabia, Kuwait, Bahrain, Qatar, the United Arab Emirates and Oman. All are stalwart American client regimes.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/03/2015 (524 letture)
(Leggi Tutto... | 11320 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Venezuela Imperialismo: US AGGRESSION AGAINST VENEZUELA

us-venezuela-tensionFACT NOT FINCTION

by EVA GOLINGER
counterpunch.org

Recently, several different spokespersons for the Obama administration have firmly claimed the United States government is not intervening in Venezuelan affairs. Department of State spokeswoman Jen Psaki went so far as to declare, “The allegations made by the Venezuelan government that the United States is involved in coup plotting and destabilization are baseless and false.” Psaki then reiterated a bizarrely erroneous statement she had made during a daily press briefing just a day before: “The United States does not support political transitions by non-constitutional means”.

Anyone with minimal knowlege of Latin America and world history knows Psaki’s claim is false, and calls into question the veracity of any of her prior statements. The U.S. government has backed, encouraged and supported coup d’etats in Latin America and around the world for over a century.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/02/2015 (708 letture)
(Leggi Tutto... | 21124 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Venezuela Imperialismo: LA LOTTA DEL VENEZUELA CONTRO 'UN NEMICO COMUNE'

DI MIKE ALBERT
johnpilger.com

John Pilger intervistato da Mike Albert per Telesur, la rete televisiva latinoamericana.

Albert: Perché gli Stati Uniti dovrebbero voler rovesciare il governo in Venezuela?

Pilger: Qui ci sono principi e dinamiche semplici al lavoro. Washington vuole sbarazzarsi del governo venezuelano perché è indipendente dai piani USA per quella regione e perché è provato che il Venezuela ha le più grandi riserve di petrolio al mondo e utilizza il suo reddito petrolifero per il miglioramento della qualità della vita della propria gente.

La lotta del Venezuela contro “un nemico comune”. Il Venezuela resta una fonte di ispirazione per riforme sociali in un continente devastato dagli storicamente rapaci Stati Uniti. Un servizio a cura di Oxfam, a suo tempo, descrisse benissimo la rivoluzione sandinista in Nicaragua chiamandola “la minaccia di un buon esempio”. È stato così in Venezuela da quando Hugo Chàvez vinse le sue prime elezioni.
 
 
  Postato da cdcnet il 18/02/2015 (737 letture)
(Leggi Tutto... | 10976 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Libia Imperialismo: OBAMA DESTROYED LIBYA

Ted Rall
commondreams

Barack Obama destroyed Libya.

What he did to Libya is as bad as what Bush did to Iraq and Afghanistan. He doesn't deserve a historical pass.
When Obama took office in 2009, Libya was under the clutches of longtime dictator Colonel Muammar Gaddafi. But things were looking up.
Bush and Gaddafi had cut a deal to lift Western trade sanctions in exchange for Libya acknowledging and paying restitution for its role in the bombing of Pan Am flight 103 over Lockerbie, Scotland. In a rare triumph for Bush, Libya also agreed to give up its nuclear weapons research program. Libyan and Western analysts anticipated that Gaddafi's dictatorship would be forced to accept liberal reforms, perhaps even free elections and rival political parties, in order to attract Western investment.
(Photo: Indy Media).
 
 
  Postato da cdcnet il 18/02/2015 (631 letture)
(Leggi Tutto... | 9504 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: DID OBAMA JUST DECLARE WAR ON SYRIA?

U.S. War in Syria – MISSION ACCOMPLISHED?By Eric Draitser
RT

The news that President Obama has formally asked US Congress to authorize military force against ISIS is not surprising. What may come as a shock to Americans oblivious to these developments is that the administration has de facto declared war on Syria.

On Wednesday, President Barack Obama presented the US Congress with a draft resolution authorizing the use of military force.Liberal pundits have lauded the Obama administration for observing the Constitutional requirement for congressional approval of military action, while many conservatives have predictably pilloried the administration for presenting a “weak” and “flawed” strategy that will be doomed to failure.However both these lines of argument are, in fact, distractions from the far bigger, far more dangerous, and far more criminal action being taken by the White House: an aggressive war against Syria, a sovereign nation.

 
 
  Postato da cdcnet il 13/02/2015 (1063 letture)
(Leggi Tutto... | 19469 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Venezuela Imperialismo: VENEZUELA: A COUP IN REAL TIME

Maduro y militaresBy Eva Golinger
Venezuelanalysis

There is a coup underway in Venezuela. The pieces are all falling into place like a bad CIA movie. At every turn a new traitor is revealed, a betrayal is born, full of promises to reveal the smoking gun that will justify the unjustifiable. Infiltrations are rampant, rumors spread like wildfire, and the panic mentality threatens to overcome logic. Headlines scream danger, crisis and imminent demise, while the usual suspects declare covert war on a people whose only crime is being gatekeeper to the largest pot of black gold in the world.

This week, as the New York Times showcased an editorial degrading and ridiculing Venezuelan President Maduro, labeling him “erratic and despotic” (“Mr. Maduro in his Labyrinth”, NYT January 26, 2015), another newspaper across the Atlantic headlined a hack piece accusing the President of Venezuela’s National Assembly, Diosdado Cabello, and the most powerful political figure in the country after Maduro, of being a narcotics kingpin (“The head of security of the number two Chavista defects to the U.S. and accuses him of drug trafficking”, ABC, January 27, 2015). The accusations stem from a former Venezuelan presidential guard officer, Leasmy Salazar, who served under President Chavez and was recruited by the U.S. Drug Enforcement Agency (DEA), now becoming the new “golden child” in Washington’s war on Venezuela.
 
 
  Postato da cdcnet il 04/02/2015 (833 letture)
(Leggi Tutto... | 15465 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Europa Imperialismo: US ARMY SENDS 100 TANKS TO EASTERN EUROPE

TO "DETER RUSSIAN AGGRESSION"

Tyler Durden
zerohedge.com

The ink on Barack Obama's Chuck Hagel termination letter hasn't dried yet but already the US president's new, and seemingly far more hawkish advisors, are having their warmongering presence felt. Case in point: the Eastern European theater of (Cold) war, where Military.com reports that the new Army commander in Europe plans to bolster the U.S. armored presence in Poland and the Baltic states and keep rotations of U.S. troops there through next year and possibly beyond to counter Russia. Lt. Gen. Frederick "Ben" Hodges, who replaced Lt. Gen. Donald M. Campbell  earlier this month as commander of U.S. Army Europe, said the Army was looking to add about 100 Abrams tanks and Bradley Fighting Vehicles to the forces in Eastern Europe.

Photo: These U.S. Army M1A2 Abrams tanks are part of the European Activity Set, a combined-arms battalion-sized set of vehicles and equipment pre-positioned at Germany’s Grafenwoehr Training Area. Markus Ruachenberger/U.S. Army.

 
 
  Postato da cdcnet il 03/12/2014 (830 letture)
(Leggi Tutto... | 9861 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Imperialismo: THE ANGLO-AMERICAN EMPIRE'S WAR OF CONQUEST

THE WAR ON THE ISLAMIC STATE (ISIL) IS A LIE.
THERE IS NO REASONING WITH AN EMPIRE WAGING A WORLD WAR OF DECEPTION


The Anglo-American Military Axis: West Backs Holy Alliance For Control Of Arab World And Persian GulfBy Larry Chin
Global Research, October 05, 2014

On September 24, 2014, the United Nations passed a resolution paving the way to open-ended “anti-terror” warfare against the Islamic State (IS), the “network of death”, promising a war that will “last for years”.  


The “war on the Islamic State” is a lie. It is the same fetid Big Lie that is the “war on terrorism”, reheated and updated with new, bloodier special effects, new propaganda, a familiar but revised cast of demonic villains and a new military attack calendar. 
 
 
  Postato da cdcnet il 05/10/2014 (464 letture)
(Leggi Tutto... | 10016 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: OBAMA KILLS 50 CIVILIANS AND 3 CHILDREN IN SYRIA

kerryfriendofsyria.co

If it was that easy to kill the ISIL terrorists in Raqqa than the Syrian air force would have done it long ago. The reason they haven’t is because the terrorists are living among the civilians.

That doesn’t matter to Obama, he had his excuse to attack Syria and he doesn’t care about Syrian civilians. Even though the majority of ISIL have fled to Iraq, Obama had to attack Syria and cause a world war. This man is nothing but an absolute idiot, nothing he is doing makes any sense if he wants to destroy the terrorists. It only makes sense in destroying Syria. The only country who has been fighting Obama backed terrorists for 3 years.
There is only one threat to the USA and that is Obama who is making enemies all over the world.
 
 
  Postato da cdcnet il 23/09/2014 (461 letture)
(Leggi Tutto... | 3910 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Imperialismo: LA DURATURA FIABA DELLA GUERRA GIUSTA

normandiaDI MICKEY Z
worldnewstrust.com

Si sta avvicinando non solo un’altra giornata della memoria, ma anche il settantesimo anniversario dello sbarco in Normandia…beh tutti sappiamo cosa ciò significa: nostalgia spinta, sciovinismo, e mania dell’anniversario.

Nel mezzo della nostra perpetua guerra contro il male, l’America sta ancora festeggiando ciò che era la “guerra giusta”. Nei fatti, più che una semplice guerra giusta, Tom Brokaw, l’imbonitore delle aziende mediatiche, ha ritenuto la seconda Guerra Mondiale “la guerra più grande che il mondo abbia mai visto.”

Ma gli Stati Uniti hanno combattuto quella guerra contro il razzismo con un esercito segregato.
 
 
  Postato da cdcnet il 01/06/2014 (454 letture)
(Leggi Tutto... | 5264 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Imperialismo: WHY NEOCONS SEEK TO DESTABILIZE RUSSIA?

Russian President Vladimir Putin. (Russian government photo)By Robert Parry
consortiumnews.com

April 28, 2014 "ICH" - "CN" - Now that the demonization of Russia’s President Vladimir Putin is in full swing, one has to wonder when the neocons will unveil their plan for “regime change” in Moscow, despite the risks that overthrowing Putin and turning Russia into a super-sized version of Ukraine might entail for the survival of the planet.

There is a “little-old-lady-who-swallowed-the-fly” quality to neocon thinking. When one of their schemes goes bad, they simply move to a bigger, more dangerous scheme.

If the Palestinians and Lebanon’s Hezbollah persist in annoying you and troubling Israel, you target their sponsors with “regime change” – in Iraq, Syria and Iran. If your “regime change” in Iraq goes badly, you escalate the subversion of Syria and the bankrupting of Iran. [See Consortiumnews.com’s “The Mysterious Why of the Iraq War.”]

 
 
  Postato da cdcnet il 29/04/2014 (806 letture)
(Leggi Tutto... | 9720 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: SYRIA'S VICTORY IS TURNING POINT FOR WESTERN GLOBAL HEGEMONY

335056 Tony Cartalucci
journal-neo.org

Since 2011, Syria has been the target of an attempted foreign-backed regime change. Riding on the momentum of the US-engineered “Arab Spring,” protesters took to the streets across Syria, serving as cover for armed militants the US, Israel, and Saudi Arabia – on record – had been preparing since at least as early as 2007.

It was in Pulitzer Prize-winning journalist Seymour Hersh’s 2007 article, “The Redirection: Is the Administration’s new policy benefiting our enemies in the war on terrorism?” that prophetically stated (emphasis added): 

“To undermine Iran, which is predominantly Shiite, the Bush Administration has decided, in effect, to reconfigure its priorities in the Middle East. In Lebanon, the Administration has coöperated with Saudi Arabia’s government, which is Sunni, in clandestine operations that are intended to weaken Hezbollah, the Shiite organization that is backed by Iran. The U.S. has also taken part in clandestine operations aimed at Iran and its ally Syria. A by-product of these activities has been the bolstering of Sunni extremist groups that espouse a militant vision of Islam and are hostile to America and sympathetic to Al Qaeda.”
 
 
  Postato da cdcnet il 31/03/2014 (827 letture)
(Leggi Tutto... | 11696 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Venezuela Imperialismo: WASHINGTON SEEKS REGIME CHANGE IN VENEZUELA

by GARRY LEECH
counterpunch.org

Both the ongoing protests in Venezuela and the economic problems that the demonstrators are protesting against appear to have been orchestrated by the opposition in order to destabilize the country and bring down the government. Unable to gain power through the ballot box, the Venezuelan opposition has turned to unconstitutional means to oust President Nicolas Maduro. With only limited support among Venezuelans, the opposition has been dependent on outside aid from the United States and Colombia, Washington’s closest ally in Latin America. The current protests appear to represent the latest tactic in a destabilization campaign that Washington has been waging against Venezuela for more than a decade, initially to overthrow former president Hugo Chávez, and now to oust his successor Maduro.
 
 
  Postato da cdcnet il 04/03/2014 (1585 letture)
(Leggi Tutto... | 16789 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Imperialismo: 15-YEAR ANNIVERSARY OF NATO AGGRESSION AGAINST YUGOSLAVIA

John Robles
Voice of Russia
February 27, 2014

In March 1999, at the direction of the United States of America, NATO engaged in its first act of illegal aggressive war, beginning what can only be called the “dark age of intervention” in which we are living today. The fact that NATO was allowed to get away with the aggression on Serbia and Montenegro emboldened US/NATO and the US military industrial intelligence banking complex and since that day, under a doctrine of Responsibility to Protect, Humanitarian Interventionism, Preventive War and then the all encompassing “War on Terror”, US/NATO have proceeded to destroy country after country and do away with leaders that they have not found to be submissive enough to their will.

The events of 9-11-2001 were a watershed moment for the geopolitical architects and served as a catalyst to allow them to expand their military machine to every corner of the world and invade countries at will and conduct operations with complete disregard for international law and accepted international norms.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/02/2014 (1502 letture)
(Leggi Tutto... | 9928 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Ucraina Imperialismo: LA NATO SI ANNETTERA' L'UCRAINA ?

Free Image Hosting at www.ImageShack.us DI PEPE ESCOBAR

rt.com/op-edge

Chiunque creda che Washington sia profondamente innamorata della «democrazia» in Ucraina dovrebbe andare su e-Bay, dove stanno ancora mettendo all'asta i video di Saddam Hussein. Li compra chi offre di più.

Oppure dovrebbe stare a sentire le ufficiose-registrazioni-ufficiali dell'amministrazione Obama, che giura quasi ogni giorno che non c'e nessuna "guerra per procura", che non si sta replicando nessuna Guerra Fredda in Ucraina.

In poche parole, la politica di Washington  bipartisan in Ucraina è sempre stata contro la politica di Mosca.

Certo qualche volta un cambiamento di regime è necessario, anche perché la UE, geopoliticamente, non è altro che una apppendice della NATO, quello che conta veramente è che la NATO estenda i suoi confini in Ucraina. O almeno  fino all'Ucraina occidentale - anche se sarebbe solo un premio di consolazione.

 
 
  Postato da cdcnet il 25/02/2014 (529 letture)
(Leggi Tutto... | 10240 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Imperialismo: SCENEGGIATURE E SCENEGGIATE

DI PIOTR

Tra la sceneggiatura del golpe in Ucraina e la sceneggiata di Vladimir Luxuria a Soci, assistiamo al marketing del nuovo imperialismo. Bugie, martellamenti e amnesie.

Sceneggiatura. L'Ucraina

1. Quando nel mio post di un mese fa ho scritto che prevedevo che l'Ucraina stesse per diventare la Siria europea, la profezia era purtroppo molto facile.

Tutto si è ripetuto da copione. Mi viene in mente la barzelletta del carabiniere che va due volte a vedere Ben Hur perché pensa che possa cambiare il risultato della corsa delle bighe.

No. Il risultato è lo stesso ovunque Cia, Nato e suoi uffici specializzati in "rivoluzioni colorate", con contorno di Ong e di media e intellettuali progressisti (che sono diventati i nemici giurati di ogni ipotesi di emancipazione umana, comunque la si declini, vuoi con Marx, vuoi con Gesù o vuoi soltanto per puro amore di noi stessi, dei nostri figli e dell'Umanità e della Natura).

Il risultato è lo stesso perché il copione è esattamente lo stesso. Persino la pretesa "morte in diretta" dell'infermiera. Quando l'ho vista mi è subito venuta in mente la "morte in diretta" di Neda Soltan a Teheran. Ve la ricordate? Fece piangere indignato tutto il cortile della distopia ginocratica di sinistra, con a capo Lidia Menapace, più propriamente detta Menaguerra da quando votò a favore delle nostre missioni sub-imperiali a fianco degli Usa con motivazioni pseudo-poetico-intellettuali da presa per il culo.
 
 
  Postato da cdcnet il 24/02/2014 (835 letture)
(Leggi Tutto... | 28184 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Ucraina Imperialismo: PRESI CON LE MANI NEL SACCO

DI MIKE WHITNEY
counterpunch.org

Una registrazione segreta rivela il complotto sostenuto dagli Stati Uniti per ribaltare il presidente ucraino democraticamente eletto

"Nell’ultima figuraccia del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e dell’ amministrazione Obama, l’Assistente Segretario di Stato Victoria Nuland è stata registrata mentre ordiva strategie per il partito ucraino all’opposizione insieme all’Ambasciatore Americano in Ucraina, Geoffrey Pyatt. Non si può più negare, quindi, che l’operazione di cambio di regime in Ucraina è, in un certo modo, diretta da Washington.  La conversazione registrata chiariva inequivocabilmente che,  mentre il Segretario di Stato John Kerry condanna qualsiasi ingerenza straniera negli affari interni dell'Ucraina, il suo Dipartimento di Stato è praticamente al comando dell’ intero processo.". – Daniel McAdams, “‘F** the EU" una registrazione rivela che sono gli Stati Uniti a guidare l’opposizione Ucraina”. Ron Paul Institute Tape Reveals US Runs Ukraine Opposition“, Ron Paul Institute.

Washington torna con i suoi vecchi trucchi. Si poteva pensare che dopo i fiaschi in Afghanistan e Iraq qualcuno del team politico avesse detto ai fantasisti di darci un pò un taglio. E invece no.
 
 
  Postato da cdcnet il 13/02/2014 (639 letture)
(Leggi Tutto... | 16777 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Iraq Imperialismo: CRIMINI CONTRO L'UMANITA' IN IRAQ

LA DISTRUZIONE DELLE INFRASTRUTTURE DI DISTRIBUZIONE DELL’ENERGIA HA AVUTO UN DISASTROSO IMPATTO ECONOMICO ED AMBIENTALE

DI SOUAD N. AL-AZZAWI
GlobalResearch

Nel 2009, dopo sei anni di occupazione, con una popolazione che si aggira intorno ai 30 milioni di individui e una domanda di 6800-7500 MW [2], la disponibilità di energia elettrica è di soli 3300 MW. Per intenderci, l’Iraq non può raggiungere i 9925 MW di produzione che aveva negli anni ’80; la popolazione riceve solo il 30% dell’energia che gli veniva fornita dal governo prima dell’occupazione. La rete elettrica irachena era stata creata nel 1917 [1].
 
 
  Postato da cdcnet il 08/11/2013 (770 letture)
(Leggi Tutto... | 13593 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Imperialismo: L'IMPERATORE (DELLA FARSA) E' NUDO

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Non c’è niente di tragico nella Presidenza di B. Obama, capace di attrarre i talenti analitici di un neo-Plutarco o di un neo-Gibbon. Questa Presidenza è più una farsa pirandelliana, del tipo “Personaggio in Cerca di Autore”.

I candidati ad essere l’Autore sono ben noti - dalla lobby ebraica alla Casa di Saud, da una ristretta cerchia di industriali bellici ad una élite ancora più ristretta dell’alta finanza, gli unici e soli Padroni del Mondo. Il povero Barack è solo un numero, un funzionario dell’Impero, il cui repertorio decisionale non arriva neanche a stabilire in che modo sorridere ai fotografi.
 
 
  Postato da cdcnet il 10/09/2013 (556 letture)
(Leggi Tutto... | 11648 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Libia Imperialismo: ULTIME NOTIZIE NON ALLINEATE SULL'OCCUPAZIONE DELLA LIBIA (LUGLIO 2013)

da http://libia-sos.blogspot.it, http://allainjules.com

31/07/13. Sirte: Violenti scontri tra sostenitori della Sharia e il battaglione del colonnello Abu Salah.
Rishvana: La popolazione ha attaccato un accampamento dei mercenari della NATO rubando materiale bellico, i mercenari sono fuggiti.
Najat: Un membro del cosiddetto Consiglio Shura è sfuggito ad un tentativo di omicidio.
Cider e Ras Lanuf: Sciopero dei lavoratori del petrolio che non ricevono il salario da mesi.

Un comandante delle forza di protezione di Bengasi è stato ucciso ieri dall'esplosione di un ordigno collocato nella sua autovettura nel distretto di Salmani Est. [*]

30/07/13. Tripoli: Disinnescata autobomba collocata presso l'Hotel Mahari Radisson, una telefonata anonima ha segnalato la vettura che risulta rubata circa 1 settimana fa. Rimasto chiuso oggi il negozio Libyana in via Omar Mukhtar, fatto oggetto di colpi di arma da fuoco sparati da un'autovettura domenica scorsa.[*]
Bengasi: Un militare delle forze speciali libiche è stato ucciso nel distretto di Sidi Yunis dall'esplosione di un ordigno collocato sotto la sua auto. Un altro militare della sicurezza è rimasto gravemente ferito in un attacco simile vicino alla moschea di Said Ibn Muaath. Un'altra bomba è esplosa sotto un veicolo militare parcheggiato all'esterno della procura generale, un colonnello della marina è rimasto ferito. [*]

 
 
  Postato da cdcnet il 28/07/2013 (1126 letture)
(Leggi Tutto... | 15320 bytes aggiuntivi | Voto: 1)
 

 
  Egitto Imperialismo: C'E' WASHINGTON DIETRO IL COLPO DI STATO EGIZIANO?

DI MICHEL CHOSSUDOVSKY
Global Research

Il Pentagono ha dato il "via libera"?

“[Il segretario della difesa USA] Hagel e [il capo dello Stato Maggiore] Dempsey stavano percorrendo una linea sottile … tra esprimere la propria preoccupazione ed evitare di dare l'impressione che gli Stati Uniti manipolavano gli eventi dietro le quinte.” (Military.com, 3 luglio, 2013)

Il movimento di protesta è contro gli Stati Uniti ed il loro regime delegato dei Fratelli Musulmani.
 
 
  Postato da cdcnet il 13/07/2013 (868 letture)
(Leggi Tutto... | 10344 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Imperialismo: GIGANTISMO IMPERIALE E IL DECLINO DEL PIANETA TERRA

DI TOM ENGELHARDT
informationclearinghouse.info

Si estendeva dal mar Caspio al mar Baltico, dal centro dell'Europa alle isole Kurile nel Pacifico, dalla Siberia al centro dell'Asia. Il suo arsenale nucleare contava 45.000 testate mentre il suo esercito raggiungeva i 5 milioni di unità. Non c'era stato nulla di simile nell'Eurasia sin dai tempi in cui i Mongoli conquistarono la Cina, parti dell'Eurasia centrale e la pianura Iraniana, e cavalcarono in Medio Oriente saccheggiando Baghdad. Tuttavia, quando l'unione sovietica crollò nel dicembre del 1991, fu il più povero e il più debole potere imperiale a sparire. E poi ce ne fu uno. Non era mai successo prima: un'unica nazione dominava il globo senza l'ombra di un rivale. Non esisteva neanche un nome per tale stato (o stato di mente). "Superpotenza" era già stato usato quando ce n'erano due.
 
 
  Postato da cdcnet il 31/05/2013 (596 letture)
(Leggi Tutto... | 16031 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Libia Imperialismo: RICORDARE LA JAMAHIRIYA LIBICA

DI ALEXANDER MEZYAEV
strategic-culture.org

La Libia uno stato autosufficiente e prospero è collassato due anni fa. Riporta alla memoria i drammatici eventi e ciò che hanno prodotto. Prima di tutto, è stato un nuovo tipo di guerra, una «rivoluzione virtuale» e le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite erano basate su …la revisione delle sequenze di un film Tv.

Dopo l’adozione della risoluzione numero 1970 da parte del Consiglio di Sicurezza ONU, il Consiglio ONU per i diritti umani ha inviato in Libia la Commissione d’indagine indipendente. Il governo libico acconsentì alla visita di tutti i posti dove sarebbe stato aperto il fuoco su chi protestava pubblicamente. I membri della commissione furono autorizzati ad andare ovunque volessero recarsi e loro … in tutta fretta lasciarono il paese.
 
 
  Postato da cdcnet il 12/03/2013 (741 letture)
(Leggi Tutto... | 9009 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  USA Imperialismo: LE ILLUSIONI DELL'IMPERO (E QUELLO CHE ACCADE NEL MONDO REALE)

DI PEPE ESCOBAR
asiatimes.com



Barack Obama non sarà mai così sprovveduto da usare un Discorso alla Nazione per annunciare un “asse del male”. 
No. Doppia “O” (Obama-bis), dotato della sua esclusiva licenza di uccidere (Lista Nera), è molto più astuto. Con la stessa sicurezza con cui ha lanciato un nuovo programma di Governo USA più “intelligente” (e non più ampio), si è tenuto ben strette le carte della sua “nuova” politica estera. Poca è stata la sorpresa quando è risuonata la promessa che “entro la fine dell’anno, la nostra guerra in Afganistan sarà terminata"; non lo sarà per nulla, ovviamente, perché Washington lotterà fino alla fine pur di mantenere ben salde a quel suolo le truppe anti-insurrezione – per contrastare – come dice Obama – “quei residui malvagi di al-Qaeda".

Obama ha promesso di “aiutare” la Libia, l’Yemen e la Somalia, per non parlare del Mali. Ha promesso di “impegnare” la Russia. Ha promesso di sedurre l’Asia con partnership Trans-Pacifiche – in poche parole con qualche accordo commerciale amichevole di libero scambio. Per il Medio Oriente, ha promesso di schierarsi dalla parte di chi vuole la libertà; escluderebbe quindi la popolazione del Bahrain.
 
 
  Postato da cdcnet il 15/02/2013 (670 letture)
(Leggi Tutto... | 12654 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Africa Imperialismo: ZERO DARK MALI

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Goooooooood morning, Vietnam! Oops, scusate, quello era un altro pasticcio del passato. Allora la colonna sonora erano Hendrix, Jefferson Airplane, Motown e Stax. Ora siamo al Goooooooooood morning, Mali! E la colonna sonora non può essere niente di meno trascendentale di Dounia (1) di Rokia Traore e niente di meno psichedelico di Amadou o di Dimanche a Bamako (2) di Mariam. Qualcosa di molto più minaccioso. Qualcosa che si avvicina all’immancabile Hendrix di Machine Gun (3).


Il tempismo – come nella diffusione della Guerra Globale al Terrore (GWOT) – è tutto. Le controffensive Libiche nel Sahel, sapientemente coreografate, non potrebbero essere miglior sostituzione della NATO che issa una gigantesca bandiera bianca in Afghanistan. Non c’è più Goooooood morning, Kabul! C’è solo il triste conto alla rovescia prima di vedere l’ultimo elicottero della NATO che lascia Bagram, in stile Saigon 1975.
 
 
  Postato da cdcnet il 28/01/2013 (834 letture)
(Leggi Tutto... | 8037 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Imperialismo: 7 INTUIZIONI GENIALI DI NOAM CHOMSKY SULL'IMPERO AMERICANO

FONTE: ALTERNET.ORG

Il Nuovo Ordine Mondiale descritto da una delle menti più grandi del paese.

Noam Chomsky è un esperto di molte materie – tra cui la linguistica, il funzionamento della nostra economia e la propaganda. La sua saggezza risplende particolarmente quando parla della struttura e del funzionamento dell’impero americano. Chomsky parla e scrive di tale materia sin dagli anni ’60. Di seguito 7 potenti citazioni sulla malvagità, atrocità ed ironia dell’impero americano prese dal suo sito personale e da un sito curato dai suoi fans dedicato alla raccolta delle sue opinioni.
 
 
  Postato da cdcnet il 21/01/2013 (1000 letture)
(Leggi Tutto... | 7845 bytes aggiuntivi | Voto: 4.5)
 

 
  Libia Imperialismo: ULTIME NOTIZIE NON ALLINEATE SULL'OCCUPAZIONE DELLA LIBIA (gennaio 2013)

14/1/2013
da Libyasos
Benghazi: Attentato contro il console italiano, salvato dall'auto blindata. Manifestazione per chiedere all'emiro del Qatar: “Chi ha ucciso il generale Younes Abdelfateh?”. Violenti scontri nelle vie della città. I cittadini chiedono un esercito e una forza di polizia. Ordigno contro “stazione di polizia”, quattro feriti. Un giocatore della selezione è stato trovato morto in circostanze misteriose. Un mercenario libico originario della città è stato ucciso ad Aleppo, aveva 21 anni e studiava ingegneria.
Tripoli: Miliziani di Zintan hanno attaccato la sede del centro ippico.
Derna: Saccheggiato l'edificio della Libyan Airlines.
Bani Walid: La tribù Warfala ha inviato un documento al “ministro degli interni e della difesa” chiedendo che i “mercenari” e i “terroristi” “ribelli della NATO” si ritirino dalla città.
Zawiya: “Ribelli della NATO” hanno distrutto l'auto di una studentessa che si dichiarava leale alla Libia verde. La raffineria è chiusa a causa di uno sciopero dei dipendenti pubblici. “Ribelli della NATO” hanno fatto un sit nella città di Zawiya, chiedendo vestiti.
Tunez – Libia: Chiuso il valico di frontiera al confine tra Tunisia e Libia, dove i tunisini lanciano pietre contro i libici e i loro veicoli.
Alcuni “ribelli della NATO” si disperano per la loro rivoluzione, gridando contro il Qatar e la Francia e chiedendosi come un paese piccolo come il Qatar possa controllare la Libia.
Controversie tra bande di Misurata e Cirenaica, alcuni vogliono avere tutto il potere e il controllo della Libia, gli altri sono accusati di consegnare il paese al Qatar.
Il “traditore” Moussa Koussa, ex Ministro degli Esteri di Muammar Gaddafi, che disertò per fuggire a Londra, che si trasformò in un informatore chiave per la NATO/Qatar/CNT, ha visto il Qatar recepire un ordine di cattura tramite l'Interpol.
Nuovo video dei combattenti della resistenza verde.


La bandiera verde è la bandiera dei combattenti libici. Nel periodico «La Domenica del Corriere» del 12/11/1911 è descritta la battaglia tra i muyahidin libici musulmani e l'84° Reggimento di Fanteria dell'esercito italiano: come si vede nell'illustrazione e come si legge nella didascalia [Battaglia del 26 ottobre nell'oasi di Tripoli: l'8° compagnia del dell'84° fanteria conquista agli arabi la bandiera verde del profeta], i Mujahideen innalzavano la bandiera verde.

 
 
  Postato da cdcnet il 04/01/2013 (1910 letture)
(Leggi Tutto... | 9812 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Libia Imperialismo: Ultime notizie non allineate sull'occupazione della Libia (settembre 2012)


26 settembre 2012

da Libyasos, AlgeriaISP
Una forte esplosione ha interessato la sede della polizia all'entrata ovest della città di Darna.
A Tripoli, 2 forti esplosioni nalla zona Sinai e esplosioni e scambi di colpi di arma da fuoco nella zona di Ferdji e nella città di Andalous.
A Tripoli, le milizie hanno lanciato una campagna di arresti dei libici fedeli alla Jamahiriya.
Un "ribelle" ha dichiarato che le milizie del CNT propongono ai "ribelli" una somma di 15000 dollari se partono per la jihad in Siria passando per la Turchia.
I "ribelli" armati di artiglieria pesante hanno circondato la regione di Abou Slim.
I "ribelli" di Khoms hanno bloccato la via che porta a Tripoli.
I "ribelli" di Zawiya si preparano ad attaccare Bani Walid (sembra che l'attacco sia programmato per venerdì 28 settembre).
L'ambasciatore U.S.A. assassinato in Libia giocava un ruolo centrale nel reclutare jihadisti per combattere in Siria.
Zintan: I "ribelli" del battaglione Sawaek hanno attaccato i quartieri generali del Congresso Nazionale di Zenten, uccisi 2 membri della sicurezza e 1 "ribelle", 3 feriti.
Droni volano sulle regioni di Derna, Jabal al Akhdar, e Marj.
Bengasi: Manifestanti attaccano i quartieri generali del Congresso Nazionale, il Capo dell'esercito lascia Bengasi per timore di rappresaglie.

24 settembre 2012

da Libyasos, AlgeriaISP
Nell'immagine: la morte di uno degli assassini di Gheddafi.
Sabha: Il Ministro degli Interni ha inviato 4700 uomini con lo scopo di arrestare tutti i libici della resistenza.
Il Ministro della Salute Fatima Hamroush è stato attaccato da manifestanti all'Hotel Conrinthea.
Derna: Esplode autobomba.
A Bengasi, permane uno stato di caos tra le brigate che appartengono al [o uccidono in nome del] governo e quelle che agiscono [uccidono] in maniera autonoma. La milizia Rafalah al-Sahati, un gruppo islamico con sede a Bengasi che ha occupato una delle tre basi delle milizie attaccate dai manifestanti il 21-22 settembre, ha detto oggi di aver trattenuto qq3 persone perché coinvolte nell'attacco alla loro base. Scontri tra uomini armati all'ospedale Jalae a Bengasi. Ucciso un "ribelle" all'ufficio informazioni di Bengasi.
A Tripoli, i "ribelli" hanno messo molti posti di blocco nella regione del Souk Jomoa e in altre zone, alla ricerca di giovani di Chatae Barak. Scontro all'aeroporto tra ex-"ribelli". Ex-"ribelli" che ora si sono nominati "Forze nazionali mobili" hanno assalito e ripulito le caserme secondarie. La banda armata autonominatasi Esercito ha detto di aver arrestato tutti i membri del gruppo e sequestrato tutte le armi. Le caserme erano state occupate da una banda di ex-"ribelli" che si era nominata 143esima divisione di fanteria e che non prendeva ordini da ex-"ribelli", ora esercito nazionale. Il ministro della difesa ha detto di aver sentito solo ora parlare di "Forze nazionali Mobili".
La resistenza chiede alla popolazione di Chatae Barak di fare attenzione perché un convoglio di 10 pickup con armi pesanti ha l'intenzione di entrare nella base aerea di Barak Chatae.
Una signora chiama da Sabha la TV de CNT affermando che Sabha non è stata liberata, o in altre parole che la città appartiene tutt'ora alla Jamahiriya. La stessa persona sostiene che la città ha festeggiato la festa di El Fateh, che sono ben visibili le bandiere verdi e le foto della guida Kadhafi e che i ragazzi a scuola rifiutano la bandiera della vergogna.
Un nuovo fronte di combattimento si è aperto nella regione di Grika a Ouadi Hayat, dove si registrano scontri con armi pesanti. La resistenza chiede alle tribù del sud della Libia e di Ouadi Hayat di andare a sostenere la popolazione di Grika che cerca di espellere i "ribelli" dalla città.
L'Istituto di Scienze a Barak Chatae è stato attaccato dalle milizie armate dei "ribelli", che hanno espulso studenti e funzionari dell'Istituto.
Gruppi di uomini armati della resistenza hanno attaccato varie sedi delle milize a Obary, bruciando la 'bandiera della vergogna' e distruggendo le loro vetture.
Un convoglio di 25 pick-up dei "ribelli" fornito di armi pesanti cerca di entrare nella regione di Jofra.
LETTURA CONSIGLIATA: Benghazi Attack. Libya’s Green Resistance Did It… And NATO Powers Are Covering Up. Nell'articolo l'autore avverte che la NATO e i burocrati che essa ha installato in Libia vogliono che tu creda che i 5,6 milioni di libici siano felici che la NATO e i suoi terroristi abbiano distrutto la Libia, che abbiano portato “libertà e democrazia” e non caos e morte, e che non ci sia resistenza verde agli imperialisti della NATO o ai suoi alleati islamici. Invece la resistenza è diventata sempre più attiva, colpisce qualunque possibile obbiettivo NATO e giustizia i libici che hanno tradito Gheddafi. Quello che è accaduto a Bengasi è solo l'ultimo colpo inferto all'occupazione illegale del loro paese da parte della NATO. Tutti conoscono in Libia la resistenza verde, i cui membri si chiamano “Tahloob” (parola araba per lealisti di Gheddafi), solo all'estero si nega la sua esistenza. L'articolo sostiene l'ipotesi che l'attacco contro l'ambasciatore sia opera della resistenza verde. Nell'articolo si sottolineano, anche attraverso importanti testimonianze, una serie di fatti: un consolato Usa a Bengasi non è mai esistito (si tratta di alcune villette occupate da statunitensi), non essendoci un consolato non vi sono marines e quant'altro a difenderle, l'ambasciatore Stevens era “amato” nella città di Bengasi (era fuggito da Tripoli in seguito ad un attentato), città piena di islamici filo-NATO, faceva tranquillamente jogging per le strade, non vi sono mai stati manifestanti presso le villette, vi è stato invece un improvviso attacco da parte di un centinaio di uominin ben armati, l'ambasciatore viene estratto in asfissia dalla villa, morirà all'ospedale poco dopo, non vi è stato alcun linciaggio da parte della folla. L'autore poi sottolinea nuovamente come Al Qaeda sia una creatura statunitense, un gruppo di mercenari alle dipendenze di Washington e Londra dal 1980. Il Presidente Reagan li chiamava "eroi" e "combattenti per la libertà". Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno inviato i suoi mercenari di Al Qaeda nei Balcani, Libia, Siria, Cecenia, Somalia, Sudan, e in altri luoghi dove la NATO voleva infiltrarsi, distruggere, o destabilizzare. Ayman Al Zawahiri, il cosiddetto capo dei mercenari di Al Qaeda, è in busta paga degli Stati Uniti per far avanzare l'imperialismo NATO. Zawahiri ripetutamente ha invocato la morte di Gheddafi, e ora invoca ripetutamente la morte del presidente siriano Bashar Al Assad. Egli chiede inoltre ai pakistani di sostenere i talebani, al fine di far credere al mondo che i talebani esistano ancora. Si registra qualche volta in inglese, ma la sua vera identità e il luogo dove si trova sono un segreto NATO. Improponibile d'altronde anche l'idea che i salafiti abbiano effettuato l'attacco mortale, in quanto i salafiti sono alleati della NATO. I Salafiti e Wahhabiti connotano un rigoroso letterale approccio puritano all'Islam. Essi sono principalmente associati con lo stile feudale dell'Islam dell'Arabia Saudita, ed erano alleati della NATO contro Gheddafi. Ora sono alleati della NATO contro Assad, l'Iran, gli Hezbollah e gli sciiti in generale. Un esempio di salafiti in Libia è il gruppo Ansar Al Sharia - un termine generico per milizie che vogliono applicare la legge severa della sharia in Libia. I suoi membri sono pro-NATO e anti-Verde. Non avevano motivo di attaccare il sito del governo degli Stati Uniti, che avevano contribuito a galvanizzare l'insurrezione islamista per rovesciare il governo di Gheddafi, a partire almeno dal marzo 2011 e sotto la supervisione del compianto Christopher Stevens. Stevens era l'uomo di punta di Washington a Bengasi ed aveva coltivato forti legami con gli islamisti. In breve, non ha senso che questi uccidano il loro finanziatore americano. La spiegazione più ovvia per l'autore è che i quadri - la Resistenza Verde - fedeli a Gheddafi e oppositori del regime imposto dalla NATO abbiano effettuato l'attacco. NATO ed i suoi collaborazionisti libici non vogliono ammettere questa realtà, perché significa ammettere l'esistenza di una resistenza potente e crescente.

23 settembre 2012

da Libyasos, AlgeriaISP
Il dottor Hamza Touhami è intervenuto sulla situazione in Libia. Ha chiesto al movimento della resistenza di tutte le città di rovesciare il regime del CNT. Ha confermato che a Bengasi la rivolta è generale. Altre città si trovano nella stessa situazione di Chatae Barak, Obary, Tripoli, ... Ha chiesto alle tribù di Zawiya, Sabratha, Sormane ... Tarhouna, Warfala di prendere le armi e bonificare il terreno dalle grinfie dei traditori libici.
In un comunicato del porta parole delle tribù libiche si chiede ai libici di rivoltarsi come a Bengasi per cacciare i traditori della Libia.
Un grande convoglio di "ribelli" è partito da Sirte, un altro da Zliten e un terzo da Tripoli, con l'intenzione di raggiungere Chatae Barak e vendicare l'espulsione dei "ribelli" dalla città.
Tripoli: I "ribelli" della delegazione della sicurezza (Lajna Amniya), recentemente fuggiti dai combattimenti a Barak Chatae, hanno circondato l'hotel Rixos chiedendo le dimissioni dei ministri dell'interno e della difesa, attaccati 2 membri del congresso.
Il leader del GNC Magarief ha invitato le milizie "illegali" a sciogliersi. L'esercito del GNC ha dato 48 ore di tempo alle milize per lasciare Tripoli e un ultimatum a tutte le milizie non governative di smantellare.
Bengasi: l'esercito e la polizia del GNC hanno arrestato molte persone, che incitavano la folla a protestare. Dopo l'assalto alle sedi delle milizie non governative, 6 militari sono stati trovati uccisi con le mani legate dietro la schiena e un colpo in testa.; uccisi anche 13 giovani come vendetta dell'assalto alla sede delle milizie. Il colonnello Hamed Belkhir, sequestrato dalle milizie, è stato ritrovato assassinato insieme ad altri 2 miliatri del CNT.
Braq/Brak: Resoconti non confermati affermano che il Consiglio supremo di sicurezza (SCC) ha fatto arrestare 80 membri della resistenza verde mentre sarebbero 50 gli uomini dell'SCC rimasti uccisi.

22 settembre 2012

da AlgeriaISP
Sabha: Violenti scontri fra le milizie SCC e la resistenza verde, decine di feriti.
Brak/Buraq: L'esercito verde tende un agguato alle milizie del comando supremo di sicurezza (SCC) e uccide almeno 9 ex "ribelli".
Zawiya: Autobomba uccide 24 persone ferendone molte altre, ancora in corso scontri tra milizie rivali.
Derna: Le 2 principali milizie [ex "ribelli"] di Derna, città nella Libia occidentale conosciuta come roccaforte degli islamici, si sono ritirate dalle loro 5 basi e hanno annunciato l'intenzione di smobilitarsi - secondo quanto riferito dai residenti.
Tripoli: Scontri nella regione di Ghot Chael presso la sede di reclutamento dei "ribelli". Alcuni manifestanti hanno bloccato la via Achrine Ramadan ed altre vie a Souk Jomoa in seguito all'uccisione dei "ribelli" di Tripoli e Misurata a Barak Chatae.
Bengasi: Liberati 400 detenuti dalla sede del battaglione Raf Allah Sahati e prelevate grandi quantità di armi e munizioni. Alcuni funzionari militari sono stati visti all'aeroporto che cercano di sfuggire al caos.
Bengasi: "La rivoluzione verde è iniziata". Manifestanti hanno preso d'assalto le sedi dei battaglioni Ansar Charia e Fodil. L'ospedale Jalae ha ricevuto i corpi di 6 manifestanti uccisi e 11 feriti. Un convoglio di "ribelli" del battaglione Souihli e del battaglione Sedoune di Misrata si dirigono verso la città per sostenere il battaglione Ansar e quello Sahati contro la popolazione di Bengasi.
Continua la barbarie nelle prigioni del CNT: un prigioniero è stato assassinato ieri nella prigione di Ain Zara.
I "ribelli" della regione di Karda e Ouled Slimane si approfittano della situazione della sicurezza per attaccare la regione di Abou Khmada.
L'ufficiale dell'esercito del CNT, Faradj Ahmed, che ha accompagnato Abdellah Senoussi nella sua estradizione verso la Libia, è stato assassinato dalla resistenza a Bengasi.
Barak Chatae: I "ribelli" di Misurata, Souk Jomoa e Tajora si preparano ad attaccare la resistenza a Barak Chatae.
Barak Chatae: un "ribelle" del battaglione Thowar 17 febbraio di Sabha, Saradj Houidi, ha detto che la CNT ha chiesto a tutti i battaglioni di Tripoli di spostarsi a Barak Chatae per risolvere un problema semplice e che non è necessario l'utilizzo di armi pesanti. Il "ribelle" ha detto che quando sono tornati in città, hanno notato che tutte le pareti erano imbrattate con slogan pro Gheddafi "Allah e Maoummer." Ha aggiunto che i ribelli sono rimasti intrappolati in un agguato. 16 ribelli sono stati uccisi da cecchini e 50 sono stati fatti prigionieri. Egli ha detto che su tutte le case, erano posizionati cecchini professionisti, probabilmente uomini dell'esercito libico. I ribelli hanno preso quindi la decisione di ritirarsi dalla città e si trovano nella città di Temenhinte.
Barak Chatae
: Decine di corpi di "ribelli" sono arrivati alla base militare di Maetika a Tripoli. Si tratta dei "ribelli" uccisi nella città di Barak Chatae in seguito agli scontri con la popolazione. Altri corpi di "ribelli" sono ancora nella città. La cittadinanza ha requisito le armi dei "ribelli".

19-20 settembre 2012

da AlgeriaISP
I "ribelli" di Souk Jomoa e Misurata hanno lasciato la regione di Barak Chatae e si dirigono verso la città di Sabha.
Un convoglio di 19 pickup e un'autoambulanza si sono diretti verso l'aeroporto di Tripoli.
A Misurata i "ribelli" hanno chiuso l'ingresso ovest della città.
Il procuratore generale, Abdelaziz Abdelhamid Hassadi, ha chiesto ai "ribelli" di cercare e consegnare il generale dissidente Suleiman Mahmoud Abidi. E'accusato dal braccio destro del leader libico, Abdallah Senoussi, di aver dato il via libera alle guardie della prigione di Abu Slim di sparare ai prigionieri.
Il colonnello Ali Dela Kaidi è stato colpito da un gruppo di uomini armati che erano a bordo di una Hundai bianca nella strada di Obary. Era con la compagna che è rimasta uccisa. Il colonnello era il presidente del consiglio militare di Mahdiya prima che la città di Sabha venisse consegnata ai "ribelli".
Sit-in degli abitanti di Taouerga per chiedere il ritorno alla loro città.
Un giovane libico è stato trovato morto vicino all'ospedale di Abou Slim, sul corpo sono presenti segni di tortura.
A Zliten, si sono udite alcune esplosioni.

18 settembre 2012

da LybiaSOS
E' aperta la caccia ai nemici personali dei membri del GNC. Khaled AlHarary, membro del GNC, ha detto alla BBC che lealisti di Gheddafi potrebbero essere dietro l'attacco all'ambasciata statunitense.
La milizia di Bengasi nega intanto la sua partecipazione all'attacco al consolato. Ma il presidente del congresso nazionale libico, Mohammed Magariaf, ha suggerito che l'attacco potrebbe essere l'opera di militanti libici che lavorano al fianco di stranieri legati ad Al Qaeda, ne sarebbero prova le comunicazioni intercettate dagli statunitensi tra il gruppo Ansar al-Sharia e l'Al Qaeda del Nord Africa. "Non è vero. Sfidiamo chiunque lo affermi a dimostrarlo" hanno risposto i capi del gruppo "[Magariaf] avrà la sua opinione ma quello che serve è di fornire una prova a ciò che ha detto". La milizia di Bengasi afferma che qualche confusione può essere nata dal fatto che loro non sono i soli ad usare il nome Ansar al-Sharia. "Ma non c'è alcuna relazione tra questi gruppi" affermano i responsabili della Ansar al-Sharia di Bengasi.
Ansar al-Shariah è il gruppo tra i più forti delle molte milizie armate su cui il governo fà affidamento per mantenere la sicurezza a Bengasi, sono ad esempio a guardia dei principali ospedali. Ne fanno parte almeno 300 membri attivi, sebbene altre fazioni dicono che il numero è di almeno 5000 aderenti. Alcuni dei suoi capi sono veterani dell'Afghanistan. Le rivalità tra le fazioni armate sono all'ordine del giorno in Libia, ma le altre fazioni evitano di confrontarsi con Ansar al-Shariah.
Una figura importante del gruppo, Youssef Jihani, ha negato ad AP che il gruppo abbia preso parte all'attacco. "Noi non approviamo l'uccisione di civili, specialmente di quelli che ci hanno aiutato" ha detto il giorno dopo l'attacco. Commentando il sentimento profondamente anti-USA del gruppo ha aggiunto: "Tutte le politiche americane sono ostili all'Islam. Se l'America vuole andare in guerra con Al Qaeda, questa ha il diritto di difendersi".
Alcuni giorni dopo l'attacco al consolato USA, 200 di loro sono sfilati per le strade della città in auto, imbracciando le armi" per "celebrare il Profeta" in reazione al film. In tale occasione, un giovane barbuto ha detto ad un reporter "Noi vogliamo che le leggi della Shariah islamica governino la Libia, altrimenti iniziamo una seconda rivoluzione... Saremo una minaccia per gli USA".
Intanto il GNC/CNT dà diverse versioni sul numero degli arrestati in seguito all'attacco al consolato.
Brak: E' circondata dalle forze CNT/GNC [in realtà per la maggior parte si tratta di bande provenienti da Misurata] dopo che in città in una radio locale erano state messe in onda per 1 ora canzoni pro Jamahiriya.

17 settembre 2012

da algeriaISP
I responsabili della sicurezza a Bengasi sono stati dimissionati per gli eventi accaduti al consolato statunitense, si tratta del vice primo ministro, Wanis al-Sharef, e del capo della sicurezza nazionale a Bengasi, Hussein Bou Hmida.
Il comandante supremo dell'esercito del CNT riconosce che la situazione della sicurezza in libia è catastrofica.
Scontri lungo la via Omar Mokhtar a Tripoli.
Il Qatar compra il petrolio libico a 25 dollari e lo rivende a prezzo di mercato.
Dopo l'assassinio dell'ambasciatore statunitense sono 20 i droni che gli USA fanno volare sulla Libia.
I giovani della tribù Tobou bruciano copertoni nelle strade di Sabha per protestare contro le uccisioni di uomini della tribù, uditi anche colpi di arma da fuoco.

15 settembre 2012

da algeriaISP
I combattenti della tribù Toubous hanno attaccato i "ribelli" del battaglione Fares di Ouled Souleimane dopo che quest'ultimi avevano ammazzato uno della tribù Toubous.
Ieri sera, a Sabha i "ribelli" hanno ucciso un uomo della tribù di Kadhafi e uno della tribù Toubous.
I droni USA hanno bombardato uno degli accampamenti dei "ribelli" nella regione di Tajoura (morti e feriti).
Le società petrolifere straniere hanno deciso di bloccare le attività in Libia e di evacuare i dipendenti.
I "ribelli" hanno tolto posti di blocco in quanto possibile bersaglio dei droni.
A Tripoli, i soldati statunitensi sostenuti dai droni vanno ad attaccare i campi dei "ribelli" di al Qaeda.

14 settembre 2012

da Leonorenlibia, algeriaISP, libyaSOS
I "ribelli" al Qaeda di Zawiya hanno arrestato il giornalista Hadji mentre tentava di filmare la distruzione del mausoleo e della moschea di Sormane.
I "ribelli" Zenten si sono proposti per proteggere le ambasciate e sono pronti a difendere i "ribelli" Qaeda.
Attentato contro il responsabile della pagina Facebook dei "ribelli" di Sabha.
Primo attacco dei droni contro i "ribelli" di Al Qaeda nella regione di Brega.
A Bengasi, i "ribelli" di Ansar Sharia sparano contro i droni USA con armi pesanti.
Sarebbero stati i "ribelli" Ansar Charia a lanciare l'attacco contro l'ambasciata a Bengasi per vendicare Abu Yahia.
Il CNT ha messo fuorilegge i "ribelli" Ansar Sharia.
Diversi ribelli del battaglione Ansar Sharia sono fuggiti portando con loro le armi e munizioni dopo la dichiarazione del consiglio militare del Cnt. Violenti scontri sono scoppiati tra "ribelli" e "ribelli" di Ansar Charia.
La resistenza verde chiede alle tribù di proteggere le città dall'infiltrazione dei "ribelli" di Al Qaeda.
Il comandante del battaglione dei "ribelli" di Brega è stato ascoltato dagli americani sull'attentato all'ambasciata.
Il presidente del consiglio militare del CNT si è dimesso.
Più di 200 soldati americani sono scesi sulle spiagge libiche appena ad est di Tripoli.
Droni USA hanno sparato contro i "ribelli" a Bengasi e Brega. Distrutti 2 depositi di armi a Bengasi.
Lo spazio aereo libico è stato chiuso al volo civile. Un aereo egiziano con 140 passeggeri diretto a Bengasi è tornato in Egitto senza poter atterrare.
A Tripoli, i ristoranti statunitensi KFC e Hardee sono stati bruciati dai manifestanti. Esplode fabbrica di fuochi d'artificio.
Truppe statunitensi stanno sbarcando in Libia. Bengasi è piena di militari statunitensi che sembrano stare a proprio agio, come a casa propria. Gli aerei statunitensi stanno liberamente bombardando Bengasi. Si parla di un campo di addestramento di mercenari controllato dagli invasori stranieri, campo che mandava "terroristi" o "islamici" o "salafisti" o "mercenari" o "milizie", o come si desidera chiamarli, in tutti i paesi arabi che stavano invadendo. Ora pare che li stiano bombardando. Vi sono voci di 50 veicoli statunitensi che si stanno dirigendo a Tripoli. 


Ci sono report che suggeriscono che  l'attacco all'ambasciata USA a Bengasi dell'11 settembre sia un lavoro interno ("inside job") e che gli USA sapessero della possibilità dell'attacco almeno 48 ore prima, ma non fecero niente.

da Counterpsyops

Inside Job … – Daily Mail / Revealed: inside story of US envoy’s assassination‎‏

The Independent, citando fonti diplomatiche, ha scritto che il Dipartimento statunitense sapeva, almeno 48 ore pirma degli attacchi, che gli edifici a Bengasi e al Cairo sarebbero stati colpiti.

“Comunque, i diplomatici delle due città non vennero avvertiti".

Si è saputo anche che "il consolato di non era protetto dal contingente di marine che normalmente è messo a salvaguardia della ambasciate".

dailymail.co.uk
“Non sono come sono riusciti a trovare il luogo (il posto sicuro) per attaccarlo. E' stata una cosa pianificata, l'accuratezza con cui i mortai ci hanno colpito era troppo buona per qualsiasi rivoluzionario" ha detto il capitano Fathi al-Obeidi della brigata 17 febbraio.
Secondo fonti ufficiali:
9.30 -10:00 pm – L'edificio principale del consolato viene colpito.
10:15 pm – Gli attaccanti entrano nell'edificio e lo incendiano.
2:30am (del giorno dopo) – Le forze di sicurezza libiche e statunitensi arrivano all'annesso.
Un ufficiale libico ha detto all'Associated Press che gli attaccanti hanno saccheggiato la zona sicura nel complesso del consolato, suggerendo che qualcuno aveva dato una soffiata agli attaccanti circa il luogo della zona sicura.
Un funzionario del dipartimento di stato USA ha detto che Stevens e il suo team "finirono con il ritrovarsi separati l'uno dall'altro a causa del fumo denso e scuro mentre cercavano di evacuare l'edificio in fiamme".
Un ufficiale USA ha riferito che non c'era personale militare statunitense alla missione di Bengasi al tempo dell'attacco. Un funzioanrio del contro-terrorismo USA ha riferito che la violenza a Bengasi era "troppo coordinata o professionale2 per non essere stata pianificata.

“L'attacco fa sorgere domande sul perché l'edificio era così scarsamente protetto.

dailymail.co.uk


 
 
  Postato da cdcnet il 01/09/2012 (2236 letture)
(Leggi Tutto... | 50094 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Iran Imperialismo: L'IRAN NON CEDERA'

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com



Iniziamo a martellamento: l’Iran non cederà, l’Iran non cederà, l’Iran non cederà.

Nessun martello tuttavia riuscirà a scalfire la nebbia fitta e ingannevole che aleggia su una certa dirigenza statunitense che un’inesorabile campagna propagandistica spaccia per "la comunità internazionale”.

Leggiamo, ad esempio, questo laconico editoriale, dove scopriamo che “la comunità internazionale è in attenta osservazione di possibili cedimenti nella rigida presa di posizione dell’Iran. Riuscirà l’inasprimento delle sanzioni a costringere Teheran a fare concessioni e permettere una soluzione diplomatica dell’attuale stallo?”. Ecco la secca risposta: no.
 
 
  Postato da cdcnet il 09/07/2012 (1063 letture)
(Leggi Tutto... | 9493 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: SIRIA, WACO, OCCUPY E LOS ANGELES

I COLLEGAMENTI CHE SPERANO VOI NON FACCIATE MAI

DI TONY CARTALUCCI
Prisonplanet.com

Mentre chiede alla Siria di ritirare le sue forze di sicurezza dalle città nelle quali bande erranti di terroristi stanno ufficialmente commettendo atrocità diffuse, quali rapimenti, torture e omicidi di civili, come testimoniato dal rapporto, elaborato nello stesso Occidente da Human Rights Watch "Syria: Armed Opposition Groups Committing Abuses", l’Occidente ha negato ai propri cittadini il diritto di riunirsi seppur pacificamente nelle proteste di “Occupy”, nelle quali i manifestanti rivolgevano le proprie lamentele verso il loro paese. Il governo siriano viene continuamente minacciato dall’Occidente affinche' inizi un processo di “transizione” politica o, più precisamente, si sottometta a un cambio di regime appoggiato dal mondo occidentale, a dispetto dei militanti armati, mentre l’Occidente stesso mantiene una rigida politica di non-negoziazione verso le richieste dei terroristi.

Foto: Mentre l’ONU chiede alla Siria non solo di permettere che terroristi armati circolino liberamente nelle sue città, ma anche di accogliere le loro richieste, l’Occidente ha cacciato dalle strade dei propri centri urbani , con la forza, i pacifici manifestanti del movimento “Occupy”. Ci si chiede cosa sarebbe successo se i protestanti attaccati con gli spray e picchiati in strada avessero tirato fuori delle pistole e sparato sulla polizia. Washington avrebbe ritirato le forze di sicurezza e accolto le loro richieste?
 
 
  Postato da cdcnet il 15/05/2012 (936 letture)
(Leggi Tutto... | 11448 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Imperialismo: LA GUERRA INFINITA DELL'OCCIDENTE ALL'UMANITA'

DOPO LA LIBIA - SIRIA E IRAN.

DI TONI SOLO
tortillaconsal.com

Questo articolo è stato scritto nel gennaio 2012 da Toni Solo, editore del sito web Nicaraguano Tortilla con Sal, e rappresenta forse una delle analisi più complete in lingua inglese che riguarda il contesto storico dell’attuale aggressione imperialista contro la Siria e l'Iran, i passaggi (inclusa la fabbricazione del consenso pubblico) che portano alle guerre dell'Occidente, gli insegnamenti da trarre dalla guerra alla Libia, il fallimento della Sinistra internazionale nel mobilitare la solidarietà per le vittime di queste guerre e le implicazioni dei recenti avvenimenti per il mondo "in via di sviluppo", con particolare attenzione alla progressiva America Latina.– Lizzie Phelan

Dopo la Libia, le ricche oligarchie Europee e Nord Americane continuano le lore secolari guerre contro l’umanità, attaccando adesso Siria e Iran. Esse e i loro alleati non concederanno mai una giusta parte di risorse economiche mondiali alla maggioranza impoverita del globo.
 
 
  Postato da cdcnet il 23/04/2012 (828 letture)
(Leggi Tutto... | 31554 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: LA VERITA' DIETRO AL PROSSIMO CAMBIO DI REGIME IN SIRIA

DI SHAMUS CROOKE
Countercurrents.org

Dopo essersi di nuovo convocata per decidere il destino della Siria, la Lega Araba ha deciso di prorogare la sua "missione di monitoraggio" in Siria [*]. Comunque, alcune nazioni della Lega Araba sotto il controllo diplomatico degli Stati Uniti stanno chiedendo a grande voce il sangue. Questi paesi – veri burattini della politica estera statunitense – vogliono dichiarare la supervisione della Lega stessa "un fallimento", così che un intervento militare - nella forma di una zona con divieto di volo – possa essere usato per il cambio di regime.

Gli Stati Uniti sembrano usare una strategia in Siria che si è perfezionata nel corso degli anni, dopo con il recente successo in Libia: piccoli gruppi paramilitari leali agli interessi degli USA che pretendono di parlare per la popolazione natìa; questi militanti attaccano poi il governo che gli Stati Uniti vorrebbero veder rovesciato, - bombardamenti dei terroristi inclusi - e quando il governo attaccato si difende, gli Stati Uniti lamenteranno un "genocidio" o gli "assassinii di massa", auspicando l’intervento militare straniero.

[*] Il 28 gennaio 2012 la Lega Araba sospende la missione di monitoraggio.
 
 
  Postato da cdcnet il 28/01/2012 (995 letture)
(Leggi Tutto... | 13060 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Imperialismo: I "DESAPARECIDOS" DELL'IMPERO

DI ATILIO BORON
Rebelion.org

Ci sono attualmente due paesi che attirano la maliziosa attenzione dell'impero: Iran e Venezuela, per puro caso padroni di immense riserve petrolifere.

Un articolo recente firmato da John Tirman, direttore del Centro di Studi Internazionali del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e pubblicato sul Washington Post, espone con crudezza una riflessione su un aspetto poco studiato delle politiche di aggressione dell'imperialismo: l'indifferenza della Casa Bianca e dell'opinione pubblica per le vittime delle guerre che gli Stati Uniti dispiegano all’estero (1).

 
 
  Postato da cdcnet il 13/01/2012 (843 letture)
(Leggi Tutto... | 15007 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Venezuela Imperialismo: DOPO L'IRAN, IL VENEZUELA?

DI MIKE WHITNEY
Counterpunch

"Il caso contro il Venezuela iniziato durante l’amministrazione George W. Bush è accelerato rapidamente sotto Obama."

Eva Golinger, autrice di “The Chavez Code: Cracking US Intervention in Venezuela

Avvocato ed attivista, Eva Golinger ha scritto un pezzo eccellente sulle relazioni tra Stati Uniti e Venezuela che ha postato sul suo sito web Postcards from the Revolution. Golinger dettaglia la trasformazione stupefacente che Chavez ha effettuato da quando è salito al potere dodici anni fa.
 
 
  Postato da cdcnet il 10/01/2012 (1098 letture)
(Leggi Tutto... | 10185 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran Imperialismo: INDEBOLIRE L'IRAN PER L'ATTACCO FINALE

DI WAYNE MADSEN
Strategic Culture

In un certo senso, la tanto attesa guerra dell’America e di Israele contro l’Iran già iniziata. Non il tipo di guerra che ci si aspettava (uno stile a sorpresa da manuale israeliano e un attacco lampo alle installazioni nucleari iraniane, seguito da un’intensa campagna di bombardamenti aerei da parte degli Stati Uniti e della Nato), bensì una guerra segreta dal carattere tranquillo e inaspettato. La guerra segreta, risultata nell’aumento di velivoli statunitensi radioguidati nei cieli dell’Iran e nell’incremento di esplosioni sospette alle installazioni militari iraniane, stata associata a un’azione di destabilizzazione di tutti gli alleati e amici dell’Iran, compresi Siria, Russia, Cina, Corea del Nord e Venezuela...
Tale strategia d’attacco multifronte ha mandato un messaggio chiaro all’Iran, che minacciato a casa propria dai sabotaggi segreti e non può più contare sui suoi alleati esteri, che devono fare i conti con problemi interni causati da Stati Uniti e Israele.

 
 
  Postato da cdcnet il 06/01/2012 (973 letture)
(Leggi Tutto... | 13695 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: LA SOSPENSIONE DELLA SIRIA DALLA LEGA ARABA AVVICINA L'INTERVENTO MILITARE

DI CHRIS MARSDEN
WSWS.org

Il voto della Lega Araba per sospendere la Siria fa avvicinare la possibilità di un intervento militare esterno in quella che è di fatto una guerra civile.

La riunione tenuta al Cairo lo scorso sabato ha sancito che la Siria verrà sospesa dalla Lega Araba e che dovrà affrontare sanzioni se non dovesse porre fine alla repressine sui manifestanti anti-governativi.

Diciotto nazioni si sono dette a favore della sospensione, che parte da mercoledì. Solo Siria, Libano e Yemen hanno votato contro, con l’Iraq che si è astenuto.

Decine di migliaia di persone hanno contestato questa decisione nelle piazze siriane di Damasco, Aleppo, Raqqa, Lattakia, Tartous, Hasaka e Sweida, e ci sono stati attacchi agli edifici consolari dell’Arabia Saudita, del Qatar e della Turchia.

 
 
  Postato da cdcnet il 16/11/2011 (988 letture)
(Leggi Tutto... | 11582 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.