Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

 
  Spagna Terrore e Guerre: ATTENTATO A BARCELLONA

Un altro islamico. Un altro furgone. Un'altra lunga lista di morti e feriti inutili.

Inutili perchè non ci sono rivendicazioni. E anche quando ci sono, queste rivendicazioni sono talmente vacue e ridicole che è come se non esistessero.

 
 
  Postato da cdcnet il 18/08/2017 (429 letture)
(Leggi Tutto... | 1665 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  USA Terrore e Guerre: THE UNITED STATES AND THE CRUCIFIXION OF YEMEN

The United States has killed, maimed, displaced and otherwise harmed an astonishing number of people in its 241-year record of murder and mayhem—including more than 20 million killed in 37 nations since 1945.

Murder, Direct and Proxy

 
 
  Postato da cdcnet il 10/08/2017 (148 letture)
(Leggi Tutto... | 34863 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Terrore e Guerre: AMERICA'S CATASTROPHIC - AND ILLEGAL - INTERVENTATION IN SYRIA MUST BE STOPPED

Toward the end of last year, leaked audio of then-Secretary of State John Kerry went viral across the independent media because it appeared to confirm that the U.S. was watching ISIS and allowing the group to grow in order to exert pressure on the Syrian government, a long-time adversary of the Obama administration.

 
 
  Postato da cdcnet il 04/08/2017 (128 letture)
(Leggi Tutto... | 11293 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Terrore e Guerre: LA SIRIA CHIEDE LA FINE DEI BOMBARDAMENTI TERRORISTICI CONDOTTI DAGLI U.S.A.

DIETRO IL FALSO PRETESTO DI COMBATTERE L'ISIS

In lettere indirizzate al segretario generale dell'ONU Antonio Guterres e attuale presidente del Consiglio di Sicurezza, il Ministro degli Esteri siriano ha chiesto la fine della coalizione condotta agli USA, che opera illegalmente sul suo territorio senza il permesso di Damasco o del consiglio di sicurezza ONU. 
Dal settembre 2014, gli aerei della coalizione guidata dagli USA hanno terroristicamente bombardato le infrastrutture siriane, le sedi governative e le forze governative -  dietro il falso pretesto di combattere l'ISIS.
Ogni giorno vengono massacrati civili. 

 
 
  Postato da cdcnet il 02/08/2017 (162 letture)
(Leggi Tutto... | 5236 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq Terrore e Guerre: BAGNO DI SANGUE A MOSUL: 'UCCIDETELI TUTTI..ISIS, UOMINI, DONNE, BAMBINI'

I soldati iracheni ricevono negli ultimi giorni di battaglia con l'ISIS l'ordine brutale: Uccidere tutto ciò che si muove. I risultati si trovano fra le macerie.

(Articolo non tradotto)

 
 
  Postato da cdcnet il 28/07/2017 (397 letture)
(Leggi Tutto... | 13065 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Terrore e Guerre: COME SOSTENERE UNA GUERRA PERPETUA (E' FACILE; NASCONDI I CORPI)

Sostenere una situazione di guerra perenne post 11 settembre richiede una accurata manipolazione dell'opinione pubblica. Il punto chiave è narrare una storia senza sangue, creando così l'impressione che le guerre statunitensi abbiano poche conseguenze almeno per gli 'americani'.
Come può il governo 'americano' sostenere le sue guerre di fronte a soldati morti che tornano a casa? Perchè non ci sono proteste fra il popolo americano per quelle perdite? La risposta è la narrazione della guerra senza sangue.

 
 
  Postato da cdcnet il 19/07/2017 (349 letture)
(Leggi Tutto... | 9068 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran Terrore e Guerre: TEHERAN: DESTINAZIONE FINALE DI U.S.A. E STATO ISLAMICO

Molte persone sono rimaste uccise e molte altre ferite negli attacchi terroristici coordinati nella capitale iraniana, Teheran. Sparatorie e attacchi dinamitardi hanno preso di mira il Parlamento iraniano e la tomba dell’Ayatollah Khomeini.

 
 
  Postato da cdcnet il 14/06/2017 (329 letture)
(Leggi Tutto... | 13151 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Arabia Saudita Terrore e Guerre: TRUMP SIGLA IL PIU' GROSSO ACCORDO SULLE ARMI DELLA STORIA AMERICANA

FONTE: ZEROHEDGE.COM

Con la crescita economica che va a rilento, il complesso militare-industriale è pronto a salvare il PIL statunitense, vendendo armi al solito acquirente: l’Arabia Saudita. Il vero motivo della visita di Trump in Arabia era proprio vendere armamenti per 350 miliardi di dollari nel corso dei prossimi dieci anni, secondo stime.

Per favorire il tutto, l’arrivo di sabato di Trump al Royal Diwan “è stato accolto con uno show, col re saudita che ha accolto la famiglia presidenziale con “un benvenuto da re”.

 
 
  Postato da cdcnet il 22/05/2017 (174 letture)
(Leggi Tutto... | 5487 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Terrore e Guerre: DARE UN SENSO ALLA PAURA DEL 'SUPER INNESCO'

Per settimane ho ricevuto e-mail di lettori presi dal panico che mi chiedevano se gli Stati Uniti avessero sviluppato una tecnologia speciale chiamata “super innesco”, che renderebbe possibile agli Stati Uniti lanciare con successo un primo attacco (preventivo) contro la Russia che la disarmerebbe. I super inneschi sono stati menzionati anche in combinazione con una presunta mancanza da parte della Russia di un sistema orbitale di allerta precoce a infrarossi che funzioni, cosa che darebbe ai Russi meno tempo per reagire ad un possibile attacco nucleare statunitense.

 
 
  Postato da cdcnet il 15/05/2017 (333 letture)
(Leggi Tutto... | 36067 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Terrore e Guerre: SE VI CHIEDETE PERCHE' TRUMP SGANCIA LE BOMBE, CHIEDETELO A OBAMA, BUSH E CLINTON

DI DARIUS SHAHTAHMASEBI

I media tradizionali hanno sostenuto gli attacchi in Siria. Anche l’apparentemente pacifica Nuova Zelanda pensa che siano la giusta risposta all’uso delle armi chimiche.

Come mai il presidente americano può dichiarare guerra senza il consenso dell’ONU?

Dopo le guerre in Vietnam e Corea, la War Powers Resolution venne approvata nel 1973: il Congresso deve dare l’assenso all’entrata in guerra. Tuttavia, il presidente può ancora lanciare una guerra per un periodo di 60 giorni dopo averlo notificato al parlamento.

 
 
  Postato da cdcnet il 15/04/2017 (311 letture)
(Leggi Tutto... | 3832 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Terrore e Guerre: AL QAEDA REBRANDING SERVES US AGENDA

The RAND Corporation’s recent piece titled, “Al Qaeda in Syria Can Change Its Name, but Not Its Stripes,” all but admits what was already suspected about designated terrorist groups operating in Syria – that they are undergoing a transition in an attempt by their state sponsors to bolster their legitimacy and spare them from liquidation amid the shifting tides on the battlefield.

 
 
  Postato da cdcnet il 29/03/2017 (128 letture)
(Leggi Tutto... | 7074 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Terrore e Guerre: US Illegal Invasion of Syria is an Act of War

It Didn’t Take Long for Trump to Become a Warmonger

friendsofsyria

Assad: No one invited US to Manbij, all foreign troops in Syria without permission are ‘invaders’

Donald Trump is continuing Obamas illegal invasions of Sovereign Nations against International law.

Only in power for a few months and US Warmongering continues. Trump has broken his election promises of no more invasions and has actually put boots on the ground in Syria.

 
 
  Postato da cdcnet il 13/03/2017 (183 letture)
(Leggi Tutto... | 1970 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Terrore e Guerre: Trump Drones Yemen More in One Week Than Obama in a Year

By Daniel McAdams
Information Clearing House

Undeterred by the disastrous commando raid on Yemen in the first days of his Administration, where plenty of civilians were killed but the target got away, President Donald Trump has escalated US military involvement in the tragic Yemen conflict to an unprecedented level. In fact as Foreign Policy reports, the US President has bombed Yemen more in the past week than President Obama (no peacenik) has bombed in a year.

But although the US escalation in Yemen is sold back home as another aggressive front in the war against al-Qaeda, in fact US operations in Yemen are actually helping al-Qaeda as well as its chief sponsor, Saudi Arabia.

 
 
  Postato da cdcnet il 12/03/2017 (131 letture)
(Leggi Tutto... | 5120 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Terrore e Guerre: Trump Greenlights Arms Sales to Saudis Frozen Under Obama

Written by Anti-Media News Desk

(GPA) Riyadh – The US State Department under Donald Trump has announced today that they will green-light the sale of weapons to Saudi Arabia that were previously frozen in the final months of the Obama administration.

The State Department announced the resumption of the sale of arms today, that will primarily be used by Saudi Arabia to fight their ongoing war in Yemen. The problem is that the announcement did not include any conditions that would require the Saudis to improve the standards used in this war that have already led to a host of war crimes and human rights violations.

 
 
  Postato da cdcnet il 12/03/2017 (129 letture)
(Leggi Tutto... | 4789 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iraq Terrore e Guerre: MOSUL: CIVILIANS ARE THE REAL TARGETS... NOT 'ISIS'

As Iraqi death Squads and Coalition Forces Advance on Mosul, Uppity Civilians are the Real Targets… not “ISIS™”

11Scott Creighton
willyloman.wordpress.com

In Iraq, there is a popular revolt taking place against the neoliberal puppet regime we installed after we illegally invaded the country and occupied it for over a decade. Led by the General Military Council for Iraqi Revolutionaries, the popular insurgency started in earnest once the US had to pull out the majority of their forces per an agreement signed back in the Bush administration days. The large Sunni population of the country had no representation in the government in Baghdad and they were sick of being imprisoned and abused by our previous puppet dictator, al-Maliki so they took advantage of the power vacuum created by our exodus and rose up against him.

Photo: Iraqi death squad member. Our partners against “ISIS”.

 
 
  Postato da cdcnet il 23/02/2017 (246 letture)
(Leggi Tutto... | 11886 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Terrore e Guerre: THE U.S. DROPPED AN AVERAGE OF 3 BOMBS PER HOUR LAST YEAR

Darius Shahtahmasebi
theantimedia.org

According to an estimate recently released by the Council on Foreign Relations (CFR), in 2016 alone, the Obama administration dropped at least 26,171 bombs in seven different countries.

As even the most pro-administration publications have noted, that amounts to 72 bombs per day – three bombs per hour – every day for the entire year. Unfortunately, this didn’t classify as “violence” worthy of criticism by Meryl Streep and her colleagues in Hollywood.

 
 
  Postato da cdcnet il 11/01/2017 (261 letture)
(Leggi Tutto... | 5170 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Terrore e Guerre: LA GUERRA DISUMANIZZA QUALUNQUE COSA TOCCHI

DI PAUL TRITSCHLER
informationclearinghouse.info

 Gli omicidi di massa sono sempre dei crimini contro l’umanità e sempre implicano la degradazione totale dell’altro.

Durante una recente visita a Gloucester Books, uno dei miei posti preferiti a Londra, mi sono trovato a sfogliare dei tascabili di seconda mano e dei vecchi periodici che sbiadivano al sole. L’articolo in prima pagina di un numero di  National Geographic Magazine commemorava gli equipaggi dell’ Ottava Squadra delle forze aeree Usa per il loro sacrificio ed abnegazione durante la Seconda Guerra Mondiale. Non vi era niente di inusuale in ciò, ma tale onore veniva esteso anche ai loro raid di bombardamenti sulle città tedesche. Il racconto si concentrava soprattutto sugli ex piloti, e mostrava foto di giovani militari mentre correvano verso i loro aerei, sorridevano e salutavano mentre ci salivano, sfiorando per scaramanzia delle immagini di pin-up anni ’40 dipinte sulla carlinga.
 
 
  Postato da cdcnet il 08/11/2016 (310 letture)
(Leggi Tutto... | 13386 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Terrore e Guerre: US IN SYRIA: HOW TO BUILD A TERROR-STATE

234213123123Tony Cartalucci
journal-neo.org

A nation is its institutions, and should those institutions weaken, the nation itself will be weakened. And should those institutions be destroyed, the nation, for all intents and purposes, will also be destroyed. 

A dramatic example of how to destroy a nation unfolded in 2003 in Iraq as a US led axis invaded and occupied it, intentionally targeting and destroying Iraqi institutions and essential infrastructure, including the police, military, and the government as well as bridges, electricity, and communications.

In the ruins left in the wake of the US-led invasion, through the “Coalition Provisional Authority,” US and European corporations were invited in to not only rebuild these institutions and infrastructure, but to do so in a manner making them dependent on and profitable to US-European corporate-financier interests well into the foreseeable future.
 
 
  Postato da cdcnet il 28/09/2016 (287 letture)
(Leggi Tutto... | 10773 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Terrore e Guerre: RICONOSCERE NEGLI USA L'ANTICIVILTA'

da luogocomune.net

Se qualcuno si domanda a cosa siano servite le ridicole "bombe" di New York degli ultimi giorni, le risposte sono almeno due. La prima è la solita: la necessità di tenere viva negli americani la paura del terrorismo, con episodi importanti alternati ad espisodi senza gravi conseguenze. La seconda, molto più importante, è stata quella di far passare in secondo piano lo scandalo del bombardamento delle truppe siriane da parte degli americani a Der Ezzor. I russi hanno accusato gli americani di appoggiare apertamente l'ISIS, ma di questo sui media nostrani - impegnati appunto a seguire la faccenda delle pentole a pressione - non è comparso praticamente nulla. Ce ne parla Maurizio Blondet in questo suo articolo:

 
 
  Postato da cdcnet il 21/09/2016 (548 letture)
(Leggi Tutto... | 4738 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Terrore e Guerre: TERRORISM: A MATRIX OF LIES AND DECEIT

343453454Christopher Black
journal-neo.org

So how is your war on “terrorism” going? I’m not doing too well at it since I have no idea who the enemy is. Like the American black comedian, Dick Gregory, who, on hearing that President Johnson had declared a war on poverty, ran out onto the street with a hand grenade to throw it at some poor people, I have no idea who the real enemy is, who to throw a grenade at. That makes me think.

We are told, the world over, by every government, that we are in a “war against terrorism.” But terrorism is an action, a tactic, a strategy. It’s a method not person, a group, a country. How can there be a war against a method of war. But they want us to fight a method and never ask the why or the who. That doesn’t seem to matter anymore. They tell us not to be concerned with why something happens, only how it happens.

TRADUZIONE: TERRORISMO: UNA FONTE DI BUGIE E INGANNI

 
 
  Postato da cdcnet il 17/06/2016 (460 letture)
(Leggi Tutto... | 9700 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Terrore e Guerre: TERRORISMO E G4S: UN'ALTRA FALSE FLAG A ORLANDO?

g4s2Kevin Ryan
washingtonsblog.com

La sparatoria a Orlando del 12 giugno presenta caratteristiche comuni a numerosi e recenti attacchi terroristici. Ad esempio, il sospetto è stato subito ucciso e la versione ufficiale ha immediatamente tentato di incolpare l'Islam. Tuttavia, come con la maggior parte del terrorismo negli Stati Uniti, il sospetto Omar Mateen aveva legami ambigui con l'FBI. Ha anche lavorato per una società con sospetti legami a precedenti atti terroristici.

Come molti dei sospetti negli ultimi atti di terrorismo, Mateen era ben noto all'FBI. Infatti l'Ufficio lo aveva intervistato diverse volte ed aveva valutato il suo potenziale per il terrorismo in almeno tre occasioni. Questo fatto è degno di nota se si considera che sia prima dell'11/9 che dopo, i comandi dell'FBI potrebbero aver facilitato molti atti terroristici.

 
 
  Postato da cdcnet il 13/06/2016 (902 letture)
(Leggi Tutto... | 7763 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  11 settembre Terrore e Guerre: 9/11: THE FBI REPORT AND THE DANCING ISRAELIS STANDING TRUTH ON ITS EAR

By Mark H. Gaffney
ICH

On the morning of September 11, 2001 a Jersey City, N.J. housewife named Maria was making coffee in her kitchen when she received a phone call from a neighbor who excitedly told her to look out the window. When Maria looked she was shocked to see a plume of smoke rising from the World Trade Center about a mile away across the Hudson River. Quickly Maria grabbed some binoculars and stepped out onto the balcony of her high-rise apartment, known as the Doric Towers, which afforded an excellent view of lower Manhattan. Maria did not yet know that a commercial airliner had plowed into the north tower of the World Trade Center, but it was obvious that an ugly tragedy was in progress.

As she watched, she noticed three men in the parking lot below who were behaving strangely. They were sitting or kneeling on the roof of a white panel truck and, like her, were watching the stricken World Trade Center. Oddly, however, the three men were celebrating. They were smiling and laughing, giving high-fives, taking photos, and one looked to be filming the World Trade Center as it burned.

 
 
  Postato da cdcnet il 20/03/2016 (595 letture)
(Leggi Tutto... | 32100 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Somalia Terrore e Guerre: 150 PEOPLE KILLED BY U.S. IN SOMALIA

Nobody Knows the Identities of the 150 People Killed by U.S. in Somalia, but Most Are Certain They Deserved It

By Glenn Greenwald
theintercept.com

The U.S. used drones and manned aircraft yesterday to drop bombs and missiles on Somalia, ending the lives of at least 150 people. As it virtually always does, the Obama administration instantly claimed that the people killed were “terrorists” and militants — members of the Somali group al Shabaab — but provided no evidence to support that assertion.

Nonetheless, most U.S. media reports contained nothing more than quotes from U.S. officials about what happened, conveyed uncritically and with no skepticism of their accuracy: The dead “fighters … were assembled for what American officials believe was a graduation ceremony and prelude to an imminent attack against American troops,” pronounced the New York Times. So, the official story goes, The Terrorists were that very moment “graduating” — receiving their Terrorist degrees — and about to attack U.S. troops when the U.S. killed them.

Photo: Reuters/Abdi Guled

 
 
  Postato da cdcnet il 09/03/2016 (508 letture)
(Leggi Tutto... | 13752 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Medio Oriente Terrore e Guerre: THE SAUDI SLAUGHTER IN YEMEN

By Adil E. Shamoo
February 21, 2016 "Information Clearing House" - "Huffington Post"

Although the Saudis have promised a high-level committee to investigate civilian deaths from their airstrikes in Yemen, they continue to strike civilian targets with countless deaths and destructions.

For instance, among those recently killed in an airstrike on an abandon cement factory were "people in parked cars, a grocery store owner, a pharmacist and shoppers." The nationalist insurgents, the Houthis, have also unfortunately contributed to the increased casualties as they try to repel the invaders and defeat the local groups opposed to them.

 
 
  Postato da cdcnet il 22/02/2016 (466 letture)
(Leggi Tutto... | 6771 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Terrore e Guerre: ALEPPO: LA CITTA' DEI DANNATI

fotoDI PETER OSBORNE
dailymail.co.uk

All'interno della città dei dannati: il giornalista del Daily Mail invia un dispaccio devastante dalla città di Aleppo dilaniata dalla guerra, su come una marea umana fugge in preda al terrore verso l'Europa 


Inaugurato appena prima della prima guerra mondiale, l'hotel di Baron nel centro di Aleppo è stato a lungo sinonimo di comfort e di grande civiltà. Fu qui che Agatha Christie scrisse il suo famoso giallo, Omicidio sull'Orient Express. Lawrence d'Arabia soggiornò al Baron quando pianificò la caduta dell'Impero Ottomano. 
Quando ho bussato alla porta la scorsa settimana, mi sono reso conto  che l'albergo era stato colpito regolarmente dai mortai. Ma era ancora in piedi e, incredibilmente, ancora aperto.

 
 
  Postato da cdcnet il 12/02/2016 (875 letture)
(Leggi Tutto... | 14082 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Terrore e Guerre: SYRIA: NATO'S LAST DESPERATE OPTIONS IN LOST PROXY WAR

562e0f99c361883d648b45b2Tony Cartalucci
journal-neo.org

As Syrian forces and their allies complete the encirclement of Syria’s largest city, Aleppo, the United States and its regional allies have signaled a sudden increased interest in ground operations in Syria, including US airpower backing Turkish-Saudi ground forces.

While it is obvious the US and its allies are responding directly to the collapse of their proxy forces across the country, their most recent threats to further escalate the conflict in Syria are tenuously predicated on “fighting ISIS.”

The Guardian in its article, “Saudi Arabia offers to send ground troops to Syria to fight Isis,” would report:

Saudi Arabia has offered for the first time to send ground troops to Syria to fight Islamic State, its defence ministry said on Thursday. 
“The kingdom is ready to participate in any ground operations that the coalition (against Isis) may agree to carry out in Syria,” said military spokesman Brigadier General Ahmed al-Asiri during an interview with al-Arabiya TV news. 
Saudi sources told the Guardian that thousands of special forces could be deployed, probably in coordination with Turkey.

 
 
  Postato da cdcnet il 06/02/2016 (488 letture)
(Leggi Tutto... | 12665 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Terrore e Guerre: WESTERN AGGRESSION: THE HIGHEST FORM OF TERRORISM

By Edward S. Herman
February 01, 2016 "Information Clearing House"

- Aggression is arguably the highest form of terrorism as it invariably includes the frightening of the target populations and their leaders  as well as killing and destruction on a large scale.. The U.S. invaders of Iraq in 2003 proudly announced a “shock and awe” purpose in their opening assault, clearly designed to instill fear; that is, to terrorize the victim population along with the target security forces. And millions of Iraqis suffered in this massive enterprise. Benjamin Netanyahu himself defined terrorism as “the deliberate and systematic murder, maiming and menacing of the innocent to inspire fear for political ends.” This would seem to make both the Iraq war (2003 onward) and the serial  Israeli wars on Gaza (2008-2009; 2012; 2014)  cases of serious terrorism.
 
 
  Postato da cdcnet il 01/02/2016 (275 letture)
(Leggi Tutto... | 14398 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Medio Oriente Terrore e Guerre: DOVE FARANNO SCOPPIARE LE BOMBE UCRAINE ?

JPEG - 42 kbDI  ANDREY FOMIN
voltairenet.org

Mentre gli aerei della coalizione internazionale bombardavano un campo dell'esercito arabo siriano, il 6 dicembre, Cyber-Berkut (NdT.: un gruppo di attivisti filo russi) hanno reso pubblici dei nuovi documenti, che mostrano come il Qatar abbia acquistato in Ucraina delle bombe russe, in modo da poter accusare la Russia.

Anton Pashynskyi, 25 anni, è il figlio di Sergei Pashynskyi, conosciuto per il suo controverso ruolo svolto nelle sparatorie del febbraio 2014, durante il colpo di stato di Kiev. Quest'ultimo attualmente è membro della Verkhovna Rada (parlamento) dell' Ucraina.

Il 7 dicembre Cyber-Berkut ha reso pubblico un altro blocco di prove che dimostrano i preparativi per attacchi "false flag" in Siria da parte del Ministero della Difesa del Qatar. Secondo una e-mail intercettata da Anton Pashynskyi, un funzionario della Spets Techno Export (Trader ufficiale di armi ucraine), il 21 ottobre scorso ha scritto al suo partner polacco Level 11, il seguente messaggio:
 
" Buongiorno! Abbiamo una nuova proposta. L'esercito del Qatar vuol comprare 2000 bombe OFAB 250-270 - High Explosive Fragmentation -. L'affare è urgente e sono pronti a pagare US$ 2100 per ogni bomba. Valutare come effettuare la consegna - ASAP - appena possibile. Il destinatario finale è il ministero della difesa del Qatar. Seguono dettagli"
 
 
  Postato da cdcnet il 14/12/2015 (642 letture)
(Leggi Tutto... | 5106 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Terrore e Guerre: PILOTI DEI DRONI: STRESSATI E SPESSO CON ABUSO DI ALCOL E DROGHE

DI ANDREW BUNCOMBE
The Independent

Degli informatori provenienti dal segreto mondo statunitense dei droni affermano che gli operatori “sono sotto stress e spesso fanno ricorso a droghe ed alcool” in un raro sguardo all'interno del programma.

Quattro uomini si sono fatti avanti per consentire uno sguardo senza precedenti all'interno del programma statunitense dei droni.

Il programma americano dei droni, secondo alcuni degli uomini che hanno passato anni a pilotare da remoto le missioni, è privo di regole, controproducente e condotto da personale sotto stress, il quale spesso fa abuso di droghe ed alcool.
Fornendo un panorama senza precedenti del funzionamento interno del programma controllato dalla CIA, tanto segreto quanto controverso, quattro ex operatori hanno espresso la loro preoccupazione sul fatto che siano stati regolarmente uccisi dei civili innocenti, indicati poi come “nemici combattenti”.

Per vari anni questi “whistleblower” hanno ricoperto ruoli nel programma che fu avviato dal Presidente George Bush come parte della cosiddetta “guerra al terrore”, programma che è stato poi ampiamente esteso da Barack Obama.

Da una distanza di ben 8.000 miglia nella loro base nel deserto del Nevada gli uomini hanno azionato droni senza personale con a bordo missili Hellfire in posti come Afghanistan, Pakistan, Iraq e Yemen.
 
 
  Postato da cdcnet il 13/12/2015 (527 letture)
(Leggi Tutto... | 8024 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Terrore e Guerre: 6 PAINFUL TRUTHS ABOUT THE WAR ON TERRORISM

Big Brother French FlagDylan Charles, Editor
Waking Times

If you were 4 years old when 9/11 occurred in 2001, then you’re now old enough to enlist and fight in the war on terror. Recent geo-political events suggest that this conflict may endure for some generations to come, so, regretfully, your children may also get to participate. The war on terrorism is apparently part of our culture and part of our lives now.

The towers are gone now, reduced to bloody rubble, along with all hopes for peace in our time, in the United States or any other country. Make no mistake about it: We are at war now — with somebody — and we will stay at war with that mysterious Enemy for the rest of our lives. It will be a Religious War, a sort of Christian Jihad, fueled by religious hatred and led by merciless fanatics on both sides. It will be guerilla warfare on a global scale, with no front lines and no identifiable enemy.” – Hunter S. Thompson
 
 
  Postato da cdcnet il 19/11/2015 (595 letture)
(Leggi Tutto... | 15931 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Surveys
· Top
· Web_Links
 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· Libri

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· Vaccini

AUTORI

· Tony Cartalucci

· Michel Chossudovsky

· William Engdahl

· Pepe Escobar

· Chris Hedges

· Finian Cunningham

· Michael Hudson

· Peter Koenig

· Stephen Lendman

· Thierry Meyssan

· Dmitry Orlov

· James Petras

· John Pilger

· Paul Craig Roberts

·
 Brandon Turbeville

· John W. Whitehead

· Mike Whitney

 

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  Cerca nel sito

 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.