Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Top
· Web_Links
 

  Categorie

· Tutte le Categorie
· Approfondimenti

· Associazioni

· Chris Hedge

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· James Petras

· John Pilger

· John W. Whitehead

· Libri

· Michael Hudson

· Michel Chossudovsky

· Mike Whitney

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Paul Craig Roberts

· Pepe Escobar
· Peter Koenig

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Stephen Lendman

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· Tony Cartalucci

· William Engdahl

 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

  Stat

 

 
  USA Pepe Escobar: LE REGOLE DEL GIOCO, DI TRUMP

Il generale James “Mad Dog[“cane pazzo”] Mattis, scelto dal presidente eletto Donald Trump come nuovo capo del Pentagono, è un servitore modello dell’Impero del Caos. Il suo marchio di fabbrica non poteva che essere “caos [in inglese]. Il Marine Corps Special Operations Command (MARSOC) ne tesse addirittura il panegirico: “San Mattis da Quantico, Santo Patrono del Caos”. Il Santo, nella sua iconografia pop, fa bella mostra di un coltello e di una granata.

Mad Dog può essere certamente riconosciuto come tale, un cane pazzo appunto, anche dal resto del mondo: c’era lui in prima linea nell’assalto frontale all’Afghanistan nel 2001; fu lui a condurre l’aggressione dei Marine contro Baghdad, durante l’operazione “Shock and Awe” [“colpisci e terrorizza”]; e fu sempre lui la mente dietro l’orrenda distruzione di Fallujiah, da parte dell’America, negli ultimi mesi del 2004. Acclamato all’esterno come un fine stratega, si ritirò successivamente dalla funzione di capo del CENTCOM nel 2013.

 
 
  Postato da cdcnet il 15/12/2016 (205 letture)
(Leggi Tutto... | 14473 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Economia Pepe Escobar: La Battaglia del secolo: Protezionismo e Trumponomics contro Neoliberismo

DI PEPE ESCOBAR
rt.com

L’onda rossa portata da Donald Trump il giorno delle elezioni è stato un duro colpo, senza precedenti, contro il neoliberismo. Quella stupida previsione dei primi anni 1990 sulla “fine della storia” si è trasformata in una – possibile – batosta.
Un nuovo primitivismo-globale? Forse una nuova spinta verso un socialismo democratico? Troppo presto per dirlo.

 
 
  Postato da cdcnet il 18/11/2016 (409 letture)
(Leggi Tutto... | 9655 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Economia Pepe Escobar: WALL STREET: TRUMP-CINA, L'ANELLO MANCANTE

trump cina wall streetDI PEPE ESCOBAR
rt.com

Lo Yuan si appresta ad entrare ufficialmente nel paniere di valute internazionali di riserva del Fondo monetario internazionale questo sabato, dove sarà affiancato da dollaro, sterlina britannica, euro e yen.Questo evento è già di per sé un terremoto geoeconomico.
Non soltanto ciò rappresenta un ulteriore passo nell’irresistibile avanzata della Cina verso la supremazia economica; l’inclusione della valuta Cinese nei diritti speciali di prelievo (Special drawing rights, acronimo SDR) inciterà le banche centrali e i più ricchi fondi d’investimento, per primi quelli USA, a comprare sempre più assets Cinesi.

 
 
  Postato da cdcnet il 01/10/2016 (424 letture)
(Leggi Tutto... | 10112 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: L'IMPERO DEL CAOS COLPISCE ANCORA

L’Impero del Caos colpisce ancoradi Pepe Escobar
sakeritalia.it

Subito dopo l’approvazione del Congresso Brasiliano della mozione di Impeachment contro il Presidente Dilma Rousseff da parte di quelli che ho scelto di chiamare le iene della Guerra Ibrida, il Presidente-in-attesa Michel “Brutus” Temer, uno degli artefici del golpe, ha inviato a Washington un senatore, in veste di fattorino speciale, con le ultime notizie sul Colpo di Stato in atto. Il senatore in questione non era in missione ufficiale per il Comitato Senatoriale per le Relazioni Estere.

Brutus Temer era stato messo in allarme dalla reazione dei media globali, che si rendono sempre più conto che quello che sta facendo, dopo essersi alleato con Brutus-2, il noto e corrotto Presidente della Camera Bassa, è quello che è: un Colpo di Stato.

La missione del senatore era presumibilmente quella di lanciare una campagna di pubbliche relazioni per controbilanciare la storia del golpe che, Secondo Brutus-1, “sta demoralizzando le istituzioni brasiliane”.

 
 
  Postato da cdcnet il 27/04/2016 (667 letture)
(Leggi Tutto... | 13800 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: TUTTO CALMO SUL FRONTE EURASIATICO

DI PEPE ESCOBAR
sputniknews.com

Attualmente l’Iran è tornato ad essere demonizzato dall’occidente come “provocatore” e “destabilizzatore”. Perché? L’accordo sul nucleare non avrebbe dovuto riportare l’Iran nel “gruppo di nazioni” apprezzate dall’occidente?

L’Iran sarà ancora una volta messo in discussione al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. La ragione: recenti test di missili balistici, i quali, secondo l’occidente, possono “trasportare testate nucleari” – una chiara violazione della risoluzione 2231 del 2015 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

È una stupidaggine. Teheran ha fatto dei lanci test di missili balistici all’inizio di Marzo. Il Leader Supremo Ayatollah Khamenei ha affermato che i missili sono un punto chiave della futura difesa dell’Iran. Non hanno nulla a che vedere con il programma nucleare iraniano, ma Washington continua a menzionarli durante questa artefatta crisi nucleare.

 
 
  Postato da cdcnet il 07/04/2016 (382 letture)
(Leggi Tutto... | 9601 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: EMPIRE OF CHAOS PREPARING FOR MORE FIREWORKS IN 2016

By Pepe Escobar
December 25, 2015 "Information Clearing House" - "RT"

In his seminal 'Fall of Rome: And the End of Civilization,' Bryan Ward-Perkins writes, "Romans before the fall were as certain as we are today that their world would continue forever... They were wrong. We would be wise not to repeat their complacency.”
The Empire of Chaos, today, is not about complacency.
It’s about hubris – and fear.
Ever since the start of the Cold War the crucial question has been who would control the great trading networks of Eurasia - or the “heartland”, according to Sir Halford John Mackinder (1861–1947), the father of geopolitics.
We could say that for the Empire of Chaos, the game really started with the CIA-backed coup in Iran in 1953, when the US finally encountered, face to face, that famed Eurasia crisscrossed for centuries by the Silk Road(s), and set out to conquer them all.

TRADUZIONE: L’IMPERO DEL CAOS SI STA PREPARANDO PER ALTRI FUOCHI D’ARTIFICIO NEL 2016
 
 
  Postato da cdcnet il 26/12/2015 (379 letture)
(Leggi Tutto... | 12999 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Russia Pepe Escobar: LA RUSSIA ALZA LA POSTA CON WASHINGTON

ECCO IL PIANO NUCLEARE DI SERGEI GLAZYEV


DI PEPE ESCOBAR
rt.com

La storia potrebbe stabilire che il “nuovo ordine mondiale” è iniziato il 28 di settembre, quando il Presidente russo Vladimir Putin e il Presidente degli USA Barack Obama hanno intrattenuto un faccia a faccia di 90 minuti all’ONU a New York.

Senza essere fedeli alle dichiarazioni ufficiali – “produttivo” secondo la Casa Bianca, “teso” secondo una fonte vicina al Cremlino – i racconti degli eventi si sono accumulati molto velocemente.

Putin ha fatto pressioni su Obama affinchè gli USA si uniscano alla Russia in una vera grande coalizione per distruggere l’ISIS/ISIL/Daesh. L’amministrazione Obama, ancora una volta, ha nicchiato. Ho spiegato dettagliatamente qui cosa è successo in seguito: una scossa tellurica che ha sparigliato le carte in tavola nel “Nuovo Grande Gioco” in Eurasia, proprio vicino al Mar Caspio, che ha colto la miriade di sigle dell’intelligence statunitense – per non menzionare il Pentagono – con la guardia completamente abbassata.

 
 
  Postato da cdcnet il 18/10/2015 (855 letture)
(Leggi Tutto... | 10598 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran Pepe Escobar: L'ACCORDO SUL NUCLEARE CON L'IRAN RESETTA IL 'GRANDE GIOCO' EURASIATICO

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Eccoci qua. È sicuramente storico. La diplomazia forse ha vinto. Nei termini del Nuovo Grande Gioco in Eurasia e le conseguenti scosse tettoniche che riorganizzano la zona, questo è epocale: l’Iran – supportato da Russia e Cina – ha finalmente, con successo, scoperto il lungo, tortuoso e durato 12 anni bluff degli atlanticisti riguardo le proprie “armi nucleari”.

Tutto ciò è accaduto solo perché l’amministrazione Obama ha bisogno di 1) almeno un successo di politica estera e 2) un modo per almeno provare ad influenzare la messa in opera del nuovo ordine geopolitico che ruoterà attorno all’Eurasia.

Nella foto: Il presidente Usa Barack Obama e il vice Joe Biden dopo la dichiarazione alla Casa Bianca sull'accordo raggiunto a Vienna (afp)

 
 
  Postato da cdcnet il 15/07/2015 (695 letture)
(Leggi Tutto... | 13859 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: SOGNANDO AMERICANO, DAL G1 AL BILDERBERG

DI PEPE ESCOBAR
rt.com

Qual è il legame tra il summit del G7 in Germania, la visita in Italia del presidente Putin, il meeting del club Bilderberg in Austria e le negoziazioni a Washington sul TTIP – l’accordo di libero scambio USA-UE?

Cominciamo dal G7 nelle alpi bavaresi – piuttosto un G1 con un aggiuntina di “prtner minori” – con il presidente Obama a compiacersi della sua impresa promossa dai neo-con: precettare l’UE per estendere le sanzioni sulla Russia, anche se l’UE distrutta dall’austerità ne patirà addirittura maggiormente le conseguenze.

 
 
  Postato da cdcnet il 14/06/2015 (549 letture)
(Leggi Tutto... | 13081 bytes aggiuntivi | Voto: 4)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: CIAO CIAO BRZEZINSKI

FINISCE QUI IL TUO GRANDE SOGNO DELLO SCACCHIERE DEL POTERE

DI PEPE ESCOBAR
counterpunch.org

L'Eurasia che conosciamo noi (e gli Usa) è morta

Andiamo avanti: Guerra Fredda 2.0. La storia di oggi e del prossimo futuro, nelle sue miriadi di declinazioni e a parte tutti i sobbalzi che certamente avrà lungo il percorso, è quella di una nuova Eurasia integrata.
L’ambiziosissimo progetto cinese di una Nuova Via della Seta continuerà a incrociarsi con l’ Unione Economica Eurasiatica (EEU) guidata dalla Russia.  E verrà il giorno in cui l’Europa si sveglierà e si ritroverà davanti un nuovo e prospero asse commerciale che va da San Pietroburgo fino a Shanghai.  E’ sempre opportuno ricordare che  Vladimir Putin paventò alla Germania uno scenario ancora più allargato, che da Lisbona arrivava fino a Vladivostok.
Ci vorrà tempo – e che tempo. Ma l’ascesa di una nuova Eurasia è inevitabile. E questo porterà con sé qualcosa di assolutamente eccezionale: l’egemonia degli USA sull’Eurasia, che fino all’inizio del millennio poteva ancora sembrare possibile, svanirà in poco tempo davanti agli occhi di tutti.

 
 
  Postato da cdcnet il 24/04/2015 (867 letture)
(Leggi Tutto... | 12260 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran Pepe Escobar: RUSSIA, CINA, IRAN: LA STRATEGIA IN SINCRONIA

DI PEPE ESCOBAR
rt.com

Negli scorsi decenni, il mito pre-costruito di una elusiva “bomba iraniana” non è stato mai il vero problema tra gli USA e l'Iran. Il vero problema è da ricercarsi nelle modalità per contenere o “isolare” una nazione potente e indipendente che rifiutava di accettare la teoria dell'eccezionalismo americano[1].

Adesso che la “riabilitazione” dell'Iran – almeno secondo quanto sostengono i difensori dell'eccezionalismo e i loro tirapiedi – sembra essere imminente, nell'attesa di un accordo nucleare che potrebbe essere finalizzato a giugno, diverse fazioni a Washington ancora non riescono a decidersi e agire di concerto.

Il Pentagono ha pressoché ammesso che l'intramontabile sogno proibito dei neo-conservatori e dei media corporativi rimane sul tavolo: l'opzione militare.

 
 
  Postato da cdcnet il 23/04/2015 (851 letture)
(Leggi Tutto... | 14564 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: THE REAL STORY ON IRAN, US, RUSSIA AND CHINA

Iran's President Hassan Rouhani | WikipediaPepe Escobar
sputniknews.com

The real story is, and will continue to be, how Iran, the key power in Southwest Asia, is about to be positioned in the nonstop complex ballet between the US, Russia and China. That’s one of the key vectors of the New Great Game in Eurasia.

The real story was never about how warmonger Israeli Prime Minister Bibi Netanyahu, a foreign leader, would crudely use the House of Cards, sorry, the US Capitol, as a lowly re-election bully pulpit to mould the US presidency and American foreign policy.

A graphic indication is that while “Bomb Iran” Bibi was distilling his 39-minute harangue in Washington, US Secretary of State John Kerry and Iranian Foreign Minister Javad Zarif were engaged in their third round of nuclear negotiations in Montreux. 
 
 
  Postato da cdcnet il 10/03/2015 (550 letture)
(Leggi Tutto... | 8001 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Francia Pepe Escobar: IPOCRITI CHE BRILLANO ALLA SFILATA DI PARIGI

DI PEPE ESCOBAR
sputniknews.com

La marcia unitaria di Parigi, a cui hanno partecipato oltre 40 capi di stato di tutto il mondo [*], ha messo in luce il “doppio standard” dell’approccio occidentale al problema dalla libertà di parola e della guerra al terrorismo.

Che parata senza precedenti di ipocrisia politica. La vista del generale Hollande, conquistatore del Mali; di David Cameron d’Arabia; di Angela “lasciate morire gli ucraini dell’est” Merkel; di Ahmed “Assad se ne deve andare” Davutoglu; anche quella di re Sarko Primo, liberatore della Libia; per non menzionare Bibi “soluzione finale” Netanyahu, tutti che marciano per la “libertà”, la “libertà di parola” e la “civiltà” contro la barbarie, per le strade di Parigi, avrebbe fatto nascondere dal disgusto qualunque paladino della tradizione intellettuale occidentale, da Diogene a Voltaire, da Nietzsche a Karl Kraus.

 
 
  Postato da cdcnet il 15/01/2015 (845 letture)
(Leggi Tutto... | 11674 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Propaganda Pepe Escobar: L'IMPERO DEL (L'INFINITAMENTE STUPIDO) CAOS

DI PEPE ESCOBAR
facebook.com

I sistemi informatici della Sony Pictures sono stati attaccati da un impiegato malcontento. Un attacco dall'interno.
Questo non ha NULLA a che fare con la Corea del Nord.
Moon of Alabama ha pubblicato probabilmente il miglior articolo di smascheramento di tutti
http://www.moonofalabama.org/2014/12/obama-gambled-lost-us-credibility-on-cyber-claims.html [vedi oltre]
e poi..

 
 
  Postato da cdcnet il 04/01/2015 (880 letture)
(Leggi Tutto... | 8397 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: CINA E RUSSIA SPINGONO LA GERMANIA NELLA LORO ORBITA ECONOMICA

DI PEPE ESCOBAR
Deep Resource

Poi proviamo a immaginare una zona economica eurasiatica, che utilizzi le nuove rotte commerciali, la cosiddetta "Nuova Via della Seta: sarebbe  irresistibile.

Economicamente la Cina è più importante per la Germania che per gli USA.

Pepe Escobar, il giornalista globe-trotter che cerca il pelo nell'uovo nella politica, in giro per il mondo, non è un fan dell'impero globale degli Stati Uniti, per usare un eufemismo.
In uno dei suoi ultimi articoli si è domandato se sia possibile lasciare gli Stati Uniti fuori dell'Eurasia. La risposta in poche parole è sì. Escobar quindi cerca di guardare oltre e pensare alla possibilità che la Germania possa unirsi a Mosca e Pechino.


Uno spettro aleggia e lascia intravedere un rapido invecchiamento del "Nuovo Secolo Americano": la possibilità di una futura alleanza commerciale strategica  Pechino - Mosca - Berlino. Chiamiamola il BMB (B sta per Beijing). Questa possibilità è seriamente stata discussa ai massimi livelli di Pechino e Mosca, ed è stata vista con interesse a Berlino, New Delhi e Teheran. Ma, per favore, non parliamone intorno al Beltway di Washington o alla sede NATO a Bruxelles ... le placche tettoniche della geopolitica eurasiatica continuano a spostarsi, e non hanno nessuna intenzione di fermarsi solo perché le élite americane si rifiutano di accettare che il loro - storicamente breve - "momento unipolare" è in declino.
 
 
  Postato da cdcnet il 03/11/2014 (591 letture)
(Leggi Tutto... | 10507 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: LA NATO ALL'ATTACCO

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

La prima cosa da fare , dobbiamo togliere di mezzo i falsi miti. L'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico non è altro che un Consiglio di Sicurezza dell'Impero del Caos.

Non c'è bisogno di essere un novello-Foucault, abituato ad osservare il mondo con uno sguardo orwelliano o con il Panopticon per notare quell' "anello d'acciaio" -  iper-democratico che si snoda per le strade, nei parchi e che si arrampica perfino sulle mura del castello per "proteggere" decine di ministri e capi di Stato e della NATO: 10.000 persone che ruotano tutti intorno a loro, insieme a  2.000 giornalisti inviati da tutto il mondo reale a Newport, Galles.

Inoltre il vertice della NATO in Galles offre al Segretario Generale uscente, Anders "Fogh of War" Rasmussen, l'occasione per tirare fuori tutto il suo repertorio da cane-da-attacco. E' come se stesse facendo un provino per un ruolo da protagonista in un remake di un film epico come Mars Attack ! di Tim Burton!

 
 
  Postato da cdcnet il 04/09/2014 (891 letture)
(Leggi Tutto... | 13929 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Ucraina Pepe Escobar: QUEL MISSILE ERA DI PUTIN !

DI PEPE ESCOBAR
asiatimes.com



Ed ecco il verdetto di guerra: l'attuale tragedia della Malaysia Airlines - la seconda in quattro mesi - è "terrorismo" perpetrato da "separatisti filo-Russi", armati dalla Russia; e Vladimir Putin ne è il principale responsabile. Fine della storia. Chiunque pensi diversamente, se ne stia zitto. Perché? Perché lo dice la CIA. Perché lo dice la Hillary Clinton di "Siamo venuti, abbiamo visto, è morto". Perché lo ha detto quella pazza scatenata della Samantha Power di “R2P" – tuonando alle Nazioni Unite -  il tutto debitamente stampato e pubblicato da quel covo di “neo-conservatori” che è il Washington Post. [1]

Perché lo hanno detto i media corporativi anglo-Americani – dalla CNN a Fox (che ha cercato di acquistare Time Warner, che a sua volta possiede la CNN). Perché lo ha detto il Presidente degli Stati Uniti (POTUS). E soprattutto perché, prima di tutti,  lo ha detto Kiev a gran voce.  

Eccoli lì allineati  – tutti quegli “esperti costantemente isterici della comunità dell'intelligence statunitense"  con, letteralmente, la bava bocca, pronti ad infierire contro la “cattiva” Russia e il “cattivo “Putin”; esperti di intelligence che non sono stati in grado di identificare un convoglio di scintillanti Toyota bianche che attraversava il deserto iracheno e puntava su Mosul. Eppure quegli stessi hanno già sentenziato che non c’e’ alcun bisogno di indagare ulteriormente sull’enigma MH17. Non importa se il Presidente Putin ha esortato a compiere un’indagine più approfondita e oggettiva sulla tragica vicenda del MH17. E "oggettiva" di certo non significa un’astratta idea di "comunità internazionale", come la interpreta Washington – la solita congrega di vassalli-zimbelli pilotabili.

 
 
  Postato da cdcnet il 22/07/2014 (529 letture)
(Leggi Tutto... | 13523 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Palestina Pepe Escobar: SANGUE IN CAMBIO DI GAS: PERCHEâ BIBI STA PUNENDO GAZA

DI PEPE ESCOBAR
rt.com

Alla fine Bibi ha avuto la sua guerra nuova di zecca. L’Operazione Barriera Protettiva, ovvero l’attuale pulizia etnica al rallentatore messa in atto a Gaza dalle Forze d’Attacco, scusate, Forze di Difesa Israeliane, è il sogno erotico del Primo Ministro Bibi Netanyahu.

È necessario un veloce riassunto. Il Segretario di Stato USA John “Megafono” Kerry stava portando avanti un gioco ipocrita chiamato “tavolo di pace” tra Israele e Palestina. Come previsto, ha fallito miseramente. Hamas e il PLO in Palestina si sono uniti a formare un governo di unità tecnocratico. Bibi, come prevedibile, si è infuriato.

 
 
  Postato da cdcnet il 15/07/2014 (534 letture)
(Leggi Tutto... | 8342 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: ACCOMPAGNAMOLI ALLA MORGUE - PIANO PIANO

DI PEPE ESCOBAR
rt.com

"Credo nell’eccezionalismo americano con ogni fibra del mio essere." Sentito direttamente dalla bocca del leone, il Presidente USA - Barack Obama.

Nel frattempo la nuova strategia “Take it to the Morgue – Quietly” già funziona bene a Donetsk, con quelli che hanno rovesciato il regime di Kiev – e con il pieno appoggio di Washington - negando, nello stile del Pentagono, che siano stati uccisi dei civili nell’operazione "anti-terrorismo" in corso. I Civili di Donetsk sono i nuovi obiettivi di moda, come lo era di moda, fino a poco tempo, sparare sui matrimoni pashtun nelle zone tribali del Pakistan.

Il resto sono dettagli: dettagli mortali, come l’ essere "al centro" della eccezionale visione del mondo dei militari USA – come il fatto che il Pentagono si riserva "il potere di lanciare attacchi unilaterali se gli interessi dell'America sembrano subire una minaccia diretta" – come le otto/nove guerre per procura che vanno avanti senza che se ne veda la fine - ma l'ammissione più sorprendente è che il "fulcro" della politica estera USA d’ora in poi sarà "frenare l'aggressione" di Russia e Cina.

 
 
  Postato da cdcnet il 02/06/2014 (998 letture)
(Leggi Tutto... | 12859 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Ucraina Pepe Escobar: L' UCRAINA & LA GRANDE SCACCHIERA

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Benvenuti nella dottrina dei Two Stooges- i Burattini - della guerra post-moderna .

Il Dipartimento di Stato USA, per mezzo della sua portavoce Jennifer Psaki, ha detto che le dichiarazioni del Direttore della CIA, John Brennan, che aveva affermato che chi ha sovvertito il regime di Kiev sta svolgendo delle "operazioni tattiche" - o una offensiva "anti-terrorismo"  nella parte orientale dell'Ucraina - sono "completamente false". Questo significa che Brennan gli ordini li ha dati e che ormai la campagna "anti-terrorismo" - con un bel po tocco di retorica alla Dubya - è degenerata in farsa.

 
 
  Postato da cdcnet il 19/04/2014 (671 letture)
(Leggi Tutto... | 10912 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Ucraina Pepe Escobar: LA MANCATA PRIMAVERA DELLâUCRAINA, TERRA DI SACCHEGGIO

DI PEPE ESCOBAR
asiatimes.com

Ecco in azione un’ eccezionale (!) campagna statunitense di difesa della democrazia; Washington ha riconosciuto il colpo di stato in Ucraina che ha rovesciato un governo che – nonostante tutti i suoi evidenti difetti – era democraticamente eletto.

Ecco il presidente russo Vladimir Putin, che già dall’anno scorso parlava di come la Russia e la Cina avevano deciso di commerciare in rubli e yuan, sottolineando il fatto che la Russia aveva bisogno di uscire dall’ eccessivo monopolio  del dollaro statunitense. Probabilmente già sapeva che l’Impero avrebbe colpito ancora.  E c’e’ di piu’: il consigliere presidenziale russo Sergey Glazyev ha dichiarato a RIA Novosti : "La Russia abbandonerà il dollaro statunitense come valuta di riserva se gli Stati Uniti applicheranno sanzioni alla Federazione russa ".

 
 
  Postato da cdcnet il 07/03/2014 (598 letture)
(Leggi Tutto... | 12365 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Ucraina Pepe Escobar: LA NATO SI ANNETTERA' L'UCRAINA ?

DI PEPE ESCOBAR
rt.com/op-edge

Chiunque creda che Washington sia profondamente innamorata della «democrazia» in Ucraina dovrebbe andare su e-Bay, dove stanno ancora mettendo all'asta i video di Saddam Hussein. Li compra chi offre di più.

Oppure dovrebbe stare a sentire le ufficiose-registrazioni-ufficiali dell'amministrazione Obama, che giura quasi ogni giorno che non c'e nessuna "guerra per procura", che non si sta replicando nessuna Guerra Fredda in Ucraina.

In poche parole, la politica di Washington  bipartisan in Ucraina è sempre stata contro la politica di Mosca.

Certo qualche volta un cambiamento di regime è necessario, anche perché la UE, geopoliticamente, non è altro che una apppendice della NATO, quello che conta veramente è che la NATO estenda i suoi confini in Ucraina. O almeno  fino all'Ucraina occidentale - anche se sarebbe solo un premio di consolazione.

 
 
  Postato da cdcnet il 25/02/2014 (543 letture)
(Leggi Tutto... | 10112 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Italia Pepe Escobar: A FIRENZE SUI PASSI DI MACHIAVELLI

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

FIRENZE - E’ appena cominciato il 2014, e io sono qui, in una fredda serata piovosa a Piazza della Signoria a Firenze, e sto guardando una placca rotonda sul pavimento – ignorata da una folla di turisti cinesi – che ricorda che qui il 23 maggio 1498 fu impiccato e bruciato il monaco Savonarola, accusato di cospirazione contro la Repubblica Fiorentina. 

E mi viene da pensare - come potrei non farlo - a Machiavelli, che aveva solo 29 anni in quel fatidico giorno e si trovava a pochi passi da dove sono io adesso. Chissà quali idee gli passavano per la mente.

Savonarola era un monaco domenicano che predicava in mezzo al popolo che lo aveva salutavato come il salvatore della repubblica. Fu lui che riscrisse la costituzione per dare il potere alla classe medio-bassa, stiamo parlando di un movimento (populista) molto rischioso, anche per quell'epoca.

Savonarola fece alleare Firenze con i francesi. Ma non aveva nessuna protezione forte, così il papa filo-spagnolo, Alessandro VI, impose dure sanzioni economiche che danneggiarono fortemente la classe mercantile fiorentina (una anticipazione secolare delle ”sanzioni degli americani contro i bazaaris iraniani”).

 
 
  Postato da cdcnet il 19/01/2014 (736 letture)
(Leggi Tutto... | 17063 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  USA Pepe Escobar: L'IMPERATORE (DELLA FARSA) E' NUDO

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Non c’è niente di tragico nella Presidenza di B. Obama, capace di attrarre i talenti analitici di un neo-Plutarco o di un neo-Gibbon. Questa Presidenza è più una farsa pirandelliana, del tipo “Personaggio in Cerca di Autore”.

I candidati ad essere l’Autore sono ben noti - dalla lobby ebraica alla Casa di Saud, da una ristretta cerchia di industriali bellici ad una élite ancora più ristretta dell’alta finanza, gli unici e soli Padroni del Mondo. Il povero Barack è solo un numero, un funzionario dell’Impero, il cui repertorio decisionale non arriva neanche a stabilire in che modo sorridere ai fotografi.

 
 
  Postato da cdcnet il 10/09/2013 (569 letture)
(Leggi Tutto... | 11549 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  USA Pepe Escobar: LE REGOLE DEL DIGITAL BLACKWATER

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Il giudizio che ha dato Daniele Ellsberg sulle"Pentagon Papers" è definitivo: "Nella storia americana non c'è stata nessuna fuga di notizie più corposa di quella fatta filtrare dalla NSA, l’agenzia per la sicurezza nazionale, da Edward Snowden". E questo include gli stessi documenti interni del Pentagono, i cosiddetti “Pentagon Papers”. Si racconta tutto in questo video di 12 minuti girato per The Guardian, in cui Snowden racconta le sue motivazioni.

Il Quartiere Generale della N.S.A. a Fort Meade, Maryland.

 
 
  Postato da cdcnet il 12/06/2013 (730 letture)
(Leggi Tutto... | 11771 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: SCEGLI LA TUA DISTOPIA


DI PEPE ESCOBAR
Asia Times

Uno strip tease alla fine della storia


Sarebbe comodo rievocare il retro-spirito di Burt Bacharach per definire il nostro futuro geopolitico e iniziare a cantare “Ciò di cui il mondo ha bisogno ora / è amore, dolce amore”.

Siamo spiacenti di aver interrotto il disco. Interrompiamo questo momento di dolcezza per riferirvi notizie dell’ultima ora. Siete stati catapultati nell’era del nuovo ‘eroe’ hobbesiano – tanto digitale e virtuale quanto fisico.
 
 
  Postato da cdcnet il 05/05/2013 (605 letture)
(Leggi Tutto... | 23353 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Pepe Escobar: NOTIZIE DAL KYRZAKHSTAN

DI PEPE ESCOBAR
asiatimes.com



La comunità internazionale è andata nel pallone quando il Segretario di Stato Americano ha inavvertitamente tirato fuori il paese del Kyrzakhstan [1].
Fior di analisti, dall’Artico all’Oceania, alla ricerca di spiegazioni credibili, ancora non sono in grado di indicare l’esatta ubicazione geografica di questo misterioso paese misterioso. 

La CIA dice che “è da qualche parte in Asia Centrale”.
Per avvantaggiarsi nel lavoro, il neo capo della CIA John Brennan, ha già messo insieme una flotta di droni armati per raccogliere informazioni sulle sospette attività terroristiche del Kyrzakhstan.
 
 
  Postato da cdcnet il 02/03/2013 (567 letture)
(Leggi Tutto... | 7888 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: IL SUONO DA MONACO

DI PEPE ESCOBAR
asiatimes.com

Le colline (geopolitiche) sono pervase dal suono di… beh, non è proprio musica; piuttosto è quel rumore post-industriale, più simile ai Kraftwerk che a Schubert, che si diffonde dalla 49° edizione della Conferenza sulla Sicurezza di Monaco, appena conclusasi.

Chi non darebbe via un titolo Goldman Sachs per poter sapere cosa è stato sussurrato, in modo molto, molto confidenziale, da quel mix scelto di politici, ministri, generali e spie radunatisi nei corridoi dorati dell’Hotel Bayerischer Hof di Monaco?

Se ne conosce il programma, quello sì, e si sa che le stelle dello show non erano del genere musicale. E’ come il Bayern contro il Barcellona in una partita della Champions League: puoi benissimo chiamarla la partita Biden contro Lavrov.

 
 
  Postato da cdcnet il 07/02/2013 (572 letture)
(Leggi Tutto... | 9641 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: TUTTO QUEL 'PIVOTING'⦠E' ORO PURO

DI PEPE ESCOBAR
asiatimes.com



Per citare quell’immortale detto nel “Falcone Maltese” di Dashiell Hammett, reso poi film da John Huston in “Parliamo dell’uccello nero” – parliamo dunque di quel misterioso uccello fatto d’oro. Eh sì, perché questo è proprio un film noir degno di Dashiell Hammett – con protagonisti il Pentagono, Pechino, le guerre-ombra, i vari “pivoting” e tanto, tanto oro.

Cominciamo dalla posizione ufficiale di Pechino: “Non abbiamo abbastanza oro”. Questo ci porta all’eccesso di spese pazze fatte dalla Cina – cosa a cui tutti possono assistere personalmente e in tempo reale a Hong Kong. La Cina e’ diventata il principale paese produttore e allo stesso importatore di oro nel mondo.
 
 
  Postato da cdcnet il 01/02/2013 (545 letture)
(Leggi Tutto... | 10859 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Medio Oriente Pepe Escobar: ECCO PERCHE' IL QATAR VUOLE INVADERE LA SIRIA

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

L’Emiro del Qatar sta cavalcando l’onda del successo, statene pur certi.

Che entrata in scena all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, a New York! Lo sceicco Hamad bin Khalifa al Thani (nella foto) ha richiesto nientepopodimeno che una coalizione araba “disposta” a invadere la Siria.

Secondo l’emiro, “è meglio che ad intervenire nei loro doveri nazionali, umanitari, politici e militari siano i Paesi arabi stessi, che devono adoperarsi per metter fine allo spargimento di sangue in Siria”. Inoltre, ha sottolineato il fatto che i Paesi arabi hanno il “dovere militare” di invadere la Siria.

Stando all’emiro, i “Paesi arabi” sono le petromonarchie del Club Contro-Rivoluzionario del Golfo (CCG), precedentemente conosciuto anche come Consiglio di Cooperazione del Golfo, più il tacito aiuto della Turchia, la quale dispone di un accordo strategico ad ampio raggio col CCG. In ogni narghilè bar in Medio Oriente si sa che Doha, Riyad e Ankara stanno fornendo armi, finanziamenti e aiuto logistico alle diverse frange dell’opposizione armata siriana impegnata nel cambio di regime.
 
 
  Postato da cdcnet il 02/10/2012 (941 letture)
(Leggi Tutto... | 13481 bytes aggiuntivi | Voto: 3)
 

 
  Siria Pepe Escobar: LA REALPOLITIK OFFUSCA LA

DI PEPE ESCOBAR
arimes.com

Le armi di distruzione di massa (WMD) sono tornate, come se non avessimo mai lasciato i giorni di gloria di Dubya (nomignolo di George W. Bush). No, non hanno trovato l' inesistente scorta segreta di Saddam su Ebay, si tratta di quella esistente di Bashar al-Assad. E non sono le armi di distruzione di massa il pretesto per una invasione ed una occupazione, sono il pretesto per qualsiasi eufemismo l' amministrazione Obama voglia creare per definire “attività militare cinetica”.

Tutta la faccenda è particolarmente sospetta, considerando che Damasco non userà mai armi chimiche contro i “ribelli”.
 
 
  Postato da cdcnet il 24/08/2012 (612 letture)
(Leggi Tutto... | 7834 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Pepe Escobar: TUTTE LE STRADE (DELLA GUERRA) PORTANO ALLA MECCA

DI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Questa è stata senza dubbio UNA COSA GRANDE.

C’erano tutti, ma proprio tutti.  L'emiro del Qatar, il presidente Morsi dall'Egitto, il Presidente Gul della Turchia, l’Autorità palestinese Mahmud Abbas, l’afghano Hamid Karzai, il Primo Ministro del Pakistan Zardari, Marzouki il nuovo leader tunisino, il re Abdullah di Giordania, persino il Presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad.

Tutti i 57 stati membri dell'Organizzazione della Cooperazione Islamica
(OIC) – che rappresentano non meno di un miliardo e mezzo di musulmani.
 
 
  Postato da cdcnet il 17/08/2012 (719 letture)
(Leggi Tutto... | 9611 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Libia Pepe Escobar: PERCHE' GHEDDAFI HA AVUTO IL CARTELLINO ROSSO

DI PEPE ESCOBAR
Asia Times

Ispezionando la landa libica da una confortevole stanza strapiena di sottili schermi LCD in un palazzo di Pyongyang, l’Amato Leader della Repubblica Democratica Popolare della Corea, Kim Jong-il, deve essersi impressionato contemplando la predica del colonnello Muammar Gheddafi

"Che imbecille!", mormora prevedibilmente l’Amato Leader. Non c’è da meravigliarsi. Sa come il Grande G ha firmato virtualmente la sua condanna a morte in quel giorno del 2003, quando accettò il suggerimento dei suoi discendenti malvagi - tutti infatuati dell’Europa – di liquidare il suo programma per le armi di distruzione di massa e di porre il futuro del suo regime nelle mani della NATO.
 
 
  Postato da cdcnet il 11/09/2011 (1077 letture)
(Leggi Tutto... | 11804 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.