Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Top
· Web_Links
 

  Categorie

· Tutte le Categorie
· Approfondimenti

· Associazioni

· Chris Hedge

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica
· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· James Petras

· Libri

· Michel Chossudovsky

· Mike Whitney

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Paul Craig Roberts

· Pepe Escobar

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Stephen Lendman

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· William Engdahl

 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

 
  Mondo Geopolitica: FORGET RUSSIA, TRUMP COULD BE SETTING UP A NEW COLD WAR WITH CHINA

James Holbrooks
theantimedia.org

In a lengthy editorial published Tuesday, TIME magazine chronicled recent actions taken by both China and the United States in the buildup to what many are speculating could be a coming cold war. The article suggested that some, if not most of the tension is rooted in the Trump administration’s outdated view of China as a Soviet-era communist state.

“For many in the Trump camp, I don’t think they believe the Cold War with China ever ended,” Scott W. Harold, a China specialist for think tank Rand Corp., told TIME. “They think that America just hasn’t been fighting.”

 
 
  Postato da cdcnet il 25/01/2017 (96 letture)
(Leggi Tutto... | 5132 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: The Iran-Russia-China Strategic Triangle

F. William Engdahl
journal-neo.org

The developing economic, political and military links binding Iran, China and Russia in what I see as an emerging Golden Triangle in Eurasia, are continuing to deepen insignificant areas. This, while it seems to be US geopolitical strategy in a prospective Trump Administration to distance Washington from both Iran and from China, while dangling the carrot of lessened confrontation between Washington and Moscow–classic Halford Mackinder or Kissinger geopolitics of avoiding a two-front war that was colossally backfiring on Washington by trying to shift the power balance. At present, the dynamic of the past several years of closer cooperation by the three pivotal states of the Eurasian Heartland is gaining strategic momentum. The latest is the visit of China’s Minister of Defense and of Russian senior officials to Teheran.
 
 
  Postato da cdcnet il 21/11/2016 (197 letture)
(Leggi Tutto... | 13184 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Grecia Geopolitica: DE PROFUNDIS - LA GEOPOLITICA IN GRECIA

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU
greekcrisis.fr

A cinque anni dalla nascita del blog Greek-Crisis, Grigoriou fa un primo bilancio che considera gli elementi anche di geopolitica e conclude che è in atto un’occupazione del territorio, un esproprio che ha, forse, l’obiettivo ultimo di togliere di mezzo l’entità-stato della Grecia. Il mezzo è l’Euro, certo, ma anche la crisi dei migranti, sapientemente orchestrata in modo da permettere a forze non ben identificate (in primis attraverso le ONG) di mettere i propri presìdi sulle isole dell’Egeo orientale. Forse è il caso che il blog diventi un giornale di guerra. La narrazione della crisi greca come solo economica è fallace. (NdT)
 
 
  Postato da cdcnet il 07/11/2016 (226 letture)
(Leggi Tutto... | 26505 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: ALLA RICERCA DI UN CAPRO ESPIATORIO

Thierry Meyssan
voltairenet.org

A Berlino, la Germania, la Francia, la Russia e l’Ucraina hanno cercato di sbloccare i conflitti ucraino e siriano. Tuttavia, da un punto di vista russo, questi blocchi esistono solo perché l’obiettivo degli Stati Uniti non è la difesa della democrazia, di cui si avvantaggiano, ma impedire lo sviluppo della Russia e della Cina attraverso l’interruzione delle vie della seta. Disponendo della superiorità convenzionale, Mosca ha dunque fatto di tutto per collegare il Medio Oriente e l’Europa orientale. Cosa a cui è pervenuta scambiando l’estensione della tregua in Siria contro lo stop del blocco degli accordi Minsk. Da parte sua, Washington è sempre alla ricerca del modo di scaricare la sua colpevolezza su uno dei suoi alleati. Dopo aver fallito in Turchia, la CIA si rivolge all’Arabia Saudita.
 
 
  Postato da cdcnet il 25/10/2016 (358 letture)
(Leggi Tutto... | 13601 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Russia Geopolitica: BAITING THE BEAR: RUSSIA AND NATO

shutterstock_391145668By Conn Hallinan
www.counterpunch.org

Aggressive,” “revanchist,” “swaggering”: These are just some of the adjectives the mainstream press and leading U.S. and European political figures are routinely inserting before the words “Russia,” or “Vladimir Putin.” It is a vocabulary most Americans have not seen or heard since the height of the Cold War.

The question is, why?

Is Russia really a military threat to the United States and its neighbors? Is it seriously trying to “revenge” itself for the 1989 collapse of the Soviet U nion? Is it actively trying to rebuild the old Soviet empire? The answers to these questions are critical, because, for the first time since the 1962 Cuban missile crisis, several nuclear-armed powers are on the edge of a military conflict with fewer safeguards than existed 50 years ago.

Photo: vodograj | Shutterstock.com

TRADUZIONE: TORMENTARE L'ORSO: RUSSIA E NATO

 
 
  Postato da cdcnet il 04/05/2016 (744 letture)
(Leggi Tutto... | 29715 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: TUTTO CALMO SUL FRONTE EURASIATICO

iran DI PEPE ESCOBAR
sputniknews.com

Attualmente l’Iran è tornato ad essere demonizzato dall’occidente come “provocatore” e “destabilizzatore”. Perché? L’accordo sul nucleare non avrebbe dovuto riportare l’Iran nel “gruppo di nazioni” apprezzate dall’occidente?

L’Iran sarà ancora una volta messo in discussione al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. La ragione: recenti test di missili balistici, i quali, secondo l’occidente, possono “trasportare testate nucleari” – una chiara violazione della risoluzione 2231 del 2015 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

È una stupidaggine. Teheran ha fatto dei lanci test di missili balistici all’inizio di Marzo. Il Leader Supremo Ayatollah Khamenei ha affermato che i missili sono un punto chiave della futura difesa dell’Iran. Non hanno nulla a che vedere con il programma nucleare iraniano, ma Washington continua a menzionarli durante questa artefatta crisi nucleare.

 
 
  Postato da cdcnet il 07/04/2016 (366 letture)
(Leggi Tutto... | 9722 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Arabia Saudita Geopolitica: THE SAUDIS' ANTI-SHIITE PROVOCATION HAS CLEAR GEOPOLITICAL GOALS

Andrew Korybko
sputniknews.com

Riyadh's execution of Shiite Sheikh Nimr al-Nimr was timed to coincide with the expected lifting of anti-Iranian sanctions and the rejuvenation of the Syrian peace process.

Saudi Arabia just beheaded a prominent anti-government activist and Shiite cleric, Nimr al-Nimr, on trumped-up charges of "terrorism", executing him alongside suspected al Qaeda fighters.
The message Riyadh sent was simple enough — Shiite activists are equivalent to terrorists in the Kingdom's calculus, and this predictably engendered outrage all across the world, especially in majority-Shiite Iran.
The resultant protests, some of which regretfully turned violent and targeted Saudi diplomatic facilities, were cited as 'proof' of Iran's 'aggression' against Saudi Arabia and became the publicly presentable reason for why Riyadh cut off all diplomatic and economic ties with Tehran.
 
 
  Postato da cdcnet il 05/01/2016 (367 letture)
(Leggi Tutto... | 14674 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Europa Geopolitica: GUERRA IBRIDA PER FRANTUMARE I BALCANI ?

grDI ANDREW KORYBKO
orientalreview.org

Nello spirito della nuova guerra fredda e in seguito al successo nel prevenire il South Stream (gasdotto via Siria), gli USA hanno priorizzato gli sforzi nell’impedire la costruzione del gasdotto Balkan Stream, e al momento attuale vi sono perlopiù riusciti. La prima sfida fu il tentativo di rivoluzione colorata del Maggio 2015 in Macedonia, che fu respinta in modo deciso da una cittadinanza patriottica. A seguire, sull’agenda della destabilizzazione troviamo lo sconvolgimento politico che ha minacciato la Grecia durante e in seguito al referendum sull’austerity. L’idea trascinante era che, deposto Tsipras il Balkan Stream sarebbe stato rimpiazzato dal progetto filo-Americano Eastring. Ancora una volta i Balcani si sono dimostrati resilienti e il colpo Americano ne uscì sconfitto, ma rappresenta tuttavia la terza manovra antagonista finalizzata a bloccare il progetto alla sua genesi e congelarlo.

Il South Stream

Il Tre è il numero fortunato:

L’evento cruciale del 24 Novembre, l’abattimento del bombardiere Russo che stava conducendo una missione anti-terroristica sui cieli Siriani ha messo il South Stream a repentaglio. Il progetto è caduto vittima della prevedibile reazione a catena di deterioramento politico da entrambe le parti. Considerato quanto è ovvio che la cooperazione sull’energia sarebbe caduta vittima dell’inasprirsi delle tensioni Russo-Turche sembra ammissibile che gli USA possano avere istigato la Turchia allo scopo di scatenare questo effetto domino ed affondare il Balkan Stream. Anche così fosse (e mi sembra uno scenario convincente) ciò non significherebbe una cancellazione definitiva del progetto, è più strategicamente accurato dire che verrebbe temporaneamente accantonato. Comprensibilmente la Russia non vuole rafforzare la posizione di uno Stato che si è dimostrato così arrogantemente aggressivo nei suoi confronti, ma è un sentimento circoscritto all’attuale Governo ed all’attuale contesto. E’ senz’altro concepibile che un cambiamento fondamentale nella posizione Turca (per quanto assolutamente improbabile sul corto raggio) può portare ad un alleggerimento dei rapporti in grado di resuscitare il Balkan Stream; scenario probaile è che le masse disaffezionate e/o ufficiali dell’esercito preoccupati di sviluppi indesiderati rovescino il Governo.

 
 
  Postato da cdcnet il 07/12/2015 (499 letture)
(Leggi Tutto... | 18048 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran Geopolitica: L'ACCORDO SUL NUCLEARE CON L'IRAN RESETTA IL 'GRANDE GIOCO' EURASIATICO

obamasDI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Eccoci qua. È sicuramente storico. La diplomazia forse ha vinto. Nei termini del Nuovo Grande Gioco in Eurasia e le conseguenti scosse tettoniche che riorganizzano la zona, questo è epocale: l’Iran – supportato da Russia e Cina – ha finalmente, con successo, scoperto il lungo, tortuoso e durato 12 anni bluff degli atlanticisti riguardo le proprie “armi nucleari”.

Tutto ciò è accaduto solo perché l’amministrazione Obama ha bisogno di 1) almeno un successo di politica estera e 2) un modo per almeno provare ad influenzare la messa in opera del nuovo ordine geopolitico che ruoterà attorno all’Eurasia.

Nella foto: Il presidente Usa Barack Obama e il vice Joe Biden dopo la dichiarazione alla Casa Bianca sull'accordo raggiunto a Vienna (afp)
 
 
  Postato da cdcnet il 15/07/2015 (683 letture)
(Leggi Tutto... | 13993 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: SOGNANDO AMERICANO, DAL G1 AL BILDERBERG

g7DI PEPE ESCOBAR
rt.com

Qual è il legame tra il summit del G7 in Germania, la visita in Italia del presidente Putin, il meeting del club Bilderberg in Austria e le negoziazioni a Washington sul TTIP – l’accordo di libero scambio USA-UE?

Cominciamo dal G7 nelle alpi bavaresi – piuttosto un G1 con un aggiuntina di “prtner minori” – con il presidente Obama a compiacersi della sua impresa promossa dai neo-con: precettare l’UE per estendere le sanzioni sulla Russia, anche se l’UE distrutta dall’austerità ne patirà addirittura maggiormente le conseguenze.
 
 
  Postato da cdcnet il 14/06/2015 (533 letture)
(Leggi Tutto... | 13227 bytes aggiuntivi | Voto: 4)
 

 
  Mondo Geopolitica: DIETRO ALLO SCANDALO FIFA C'E' LA GEOPOLITICA

DIMENTICATE LO SPORT: DIETRO ALLO SCANDALO FIFA C’E’ LA GEOPOLITICA E SI APRE UN NUOVO FRONTE NELLA GUERRA ALLA RUSSIA

putinblatter.DI MAHDI DARIUS NASZEMROAYA
strategic-culture.org

E’ indubbio che ci sia molta corruzione all'interno della Fédération Internationale de Football Association (FIFA): è una storia di decenni di tangenti e accordi segreti. La Federazione è responsabile per lo sport più seguito e popolare in tutto il mondo e rappresenta un business molto redditizio di grande prestigio e di notevole potere.

Tuttavia, lo scandalo e gli arresti del 2015, hanno ben poco a che fare con la corruzione e molto a che fare invece con la geopolitica. Benvenuti sul fronte bellico del mondo del Calcio/Football. La FIFA è il nuovo teatro dove si sta svolgendo la guerra tra Stati Uniti e suoi alleati contro paesi come la Russia. E dopo la guerra energetica e valutaria, ecco la nuova guerra dietro le quinte all’interno della FIFA. Vittima illustre: Joseph (Sepp) Blatter.

Già nel 2005, Blatter rifiutò di farsi coinvolgere dal gioco a scacchi geopolitico di Washington. Sotto di lui, la FIFA si rifiutò di cedere alle richieste del Dipartimento di Stato di impedire alla squadra Iraniana di partecipare alla Coppa del Mondo del 2006 e che la Palestina non fosse ammessa in FIFA. Alcuni reati geopolitici della FIFA, tuttavia, potrebbero aver raggiunto un punto di non ritorno.
 
 
  Postato da cdcnet il 11/06/2015 (450 letture)
(Leggi Tutto... | 19450 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: CIAO CIAO BRZEZINSKI

FINISCE QUI IL TUO GRANDE SOGNO DELLO SCACCHIERE DEL POTERE

brezinskiDI PEPE ESCOBAR
counterpunch.org

L'Eurasia che conosciamo noi (e gli Usa) è morta

Andiamo avanti: Guerra Fredda 2.0. La storia di oggi e del prossimo futuro, nelle sue miriadi di declinazioni e a parte tutti i sobbalzi che certamente avrà lungo il percorso, è quella di una nuova Eurasia integrata.
L’ambiziosissimo progetto cinese di una Nuova Via della Seta continuerà a incrociarsi con l’ Unione Economica Eurasiatica (EEU) guidata dalla Russia.  E verrà il giorno in cui l’Europa si sveglierà e si ritroverà davanti un nuovo e prospero asse commerciale che va da San Pietroburgo fino a Shanghai.  E’ sempre opportuno ricordare che  Vladimir Putin paventò alla Germania uno scenario ancora più allargato, che da Lisbona arrivava fino a Vladivostok.
Ci vorrà tempo – e che tempo. Ma l’ascesa di una nuova Eurasia è inevitabile. E questo porterà con sé qualcosa di assolutamente eccezionale: l’egemonia degli USA sull’Eurasia, che fino all’inizio del millennio poteva ancora sembrare possibile, svanirà in poco tempo davanti agli occhi di tutti.
 
 
  Postato da cdcnet il 24/04/2015 (846 letture)
(Leggi Tutto... | 12400 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Iran Geopolitica: RUSSIA, CINA, IRAN: LA STRATEGIA IN SINCRONIA

DI PEPE ESCOBAR
rt.com

Negli scorsi decenni, il mito pre-costruito di una elusiva “bomba iraniana” non è stato mai il vero problema tra gli USA e l'Iran. Il vero problema è da ricercarsi nelle modalità per contenere o “isolare” una nazione potente e indipendente che rifiutava di accettare la teoria dell'eccezionalismo americano[1].

Adesso che la “riabilitazione” dell'Iran – almeno secondo quanto sostengono i difensori dell'eccezionalismo e i loro tirapiedi – sembra essere imminente, nell'attesa di un accordo nucleare che potrebbe essere finalizzato a giugno, diverse fazioni a Washington ancora non riescono a decidersi e agire di concerto.

Il Pentagono ha pressoché ammesso che l'intramontabile sogno proibito dei neo-conservatori e dei media corporativi rimane sul tavolo: l'opzione militare.

 
 
  Postato da cdcnet il 23/04/2015 (837 letture)
(Leggi Tutto... | 14566 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: EURASIA AS WE (AND THE U.S.) KNEW IT IS DEAD

By Pepe Escobar
Global Research, April 19, 2015
Asia Times

Move over, Cold War 2.0. The real story, now and for the foreseeable future, in its myriad declinations, and of course, ruling out too many bumps in the road, is a new, integrated Eurasia forging ahead.

China’s immensely ambitious New Silk Road project will keep intersecting with the Russia-led Eurasia Economic Union (EEC). And that will be the day when the EU wakes up and finds a booming trade/commerce axis stretching from St. Petersburg to Shanghai. It’s always pertinent to remember that Vladimir Putin sold a similar, and even more encompassing, vision in Germany a few years ago – stretching from Lisbon to Vladivostok.

It will take time – and troubled times. But Eurasia’s radical face lift is inexorable. This implies an exceptionalist dream – the U.S. as Eurasia hegemon, something that still looked feasible at the turn of the millennium – fast dissolving right before anyone’s eyes.
VERSIONE IN ITALIANO
 
 
  Postato da cdcnet il 19/04/2015 (597 letture)
(Leggi Tutto... | 10099 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Medio Oriente Geopolitica: THE GEOPOLITICS BEHIND THE WAR IN YEMEN

By Mahdi Darius Nazemroaya
March 29, 2015 "ICH" - "SCF"

The United States and the Kingdom of Saudi Arabia became very uneasy when the Yemenese or Yemenite movement of the Houthi or Ansarallah (meaning the supporters of God in Arabic) gained control of Yemen’s capital, Sanaa/Sana, in September 2014. The US-supported Yemenite President Abd-Rabbuh Manṣour Al-Hadi was humiliatingly forced to share power with the Houthis and the coalition of northern Yemenese tribes that had helped them enter Sana. Al-Hadi declared that negotiations for a Yemeni national unity government would take place and his allies the US and Saudi Arabia tried to use a new national dialogue and mediated talks to co-opt and pacify the Houthis.

The truth has been turned on its head about the war in Yemen. The war and ousting of President Abd-Rabbuh Manṣour Al-Hadi in Yemen are not the results of «Houthi coup» in Yemen. It is the opposite. Al-Hadi was ousted, because with Saudi and US support he tried to backtrack on the power sharing agreements he had made and return Yemen to authoritarian rule. The ousting of President Al-Hadi by the Houthis and their political allies was an unexpected reaction to the takeover Al-Hadi was planning with Washington and the House of Saudi.
 
 
  Postato da cdcnet il 30/03/2015 (549 letture)
(Leggi Tutto... | 18778 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: THE REAL STORY ON IRAN, US, RUSSIA AND CHINA

Iran's President Hassan Rouhani | WikipediaPepe Escobar
sputniknews.com

The real story is, and will continue to be, how Iran, the key power in Southwest Asia, is about to be positioned in the nonstop complex ballet between the US, Russia and China. That’s one of the key vectors of the New Great Game in Eurasia.

The real story was never about how warmonger Israeli Prime Minister Bibi Netanyahu, a foreign leader, would crudely use the House of Cards, sorry, the US Capitol, as a lowly re-election bully pulpit to mould the US presidency and American foreign policy.

A graphic indication is that while “Bomb Iran” Bibi was distilling his 39-minute harangue in Washington, US Secretary of State John Kerry and Iranian Foreign Minister Javad Zarif were engaged in their third round of nuclear negotiations in Montreux. 
 
 
  Postato da cdcnet il 10/03/2015 (537 letture)
(Leggi Tutto... | 8001 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: GLOBAL POLITICS: A WAR OF MEANINGS

By Nikolai Starikov
nstarikov.ru
Translated by DzhMM, Mikhael, Gideon
(vineyardsaker)

In the course of life today, we’ve grown accustomed to using terms whose meaning we might not fully understand. We throw them around casually, not realizing that they lose their meaning and sometimes even come around to stand for their exact opposite. This is precisely why the sense has arisen today in society that there is a need to determine in a clear and understandable manner exactly what is happening on the global chessboard in front of all of our eyes – the Big Story, written online.
Even those people the very furthest from politics are feeling the need for understanding and explaining to themselves the reasons for the things they encounter even just moving through their own lives. Why have prices in stores started to go up? What’s the reason for the fact that, quietly and nearly unnoticed, belief in a brighter tomorrow is slipping? When and why did talk about a possible war stop being speculative and distant? These and dozens of other questions have driven millions of yesterday-apolitical citizens to seek answers. They feel the need to find those answers and to construct a new worldview in which what-comes-tomorrow is not simply a lottery ticket, but a predictable and logical continuation of today. Predictable and, hopefully, not frightening.
(Image: Amely Rose´s Art Blog)
 
 
  Postato da cdcnet il 18/02/2015 (692 letture)
(Leggi Tutto... | 35681 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Europa Geopolitica: IL NUOVO ARCO DI INSTABILITA' EUROPEA

moscakremlinoDI PEPE ESCOBAR
rt.com

Il Consiglio Europeo per gli Affari Esteri e il think-tank di Berlino Frierich Ebert Stiftung sono appena giunti più o meno alla stessa conclusione.

Se la pericolosa fase di stallo tra UE e Russia circa l’Ucraina non verrà risolta, l’UE potrebbe dover affrontare, entro il 2030, un dispiegamento di forze militari nell’Europa Orientale; una nuova corsa alle armi con la NATO come protagonista e una “zona di instabilità” semi-permanente dal Baltico ai Balcani e al Mar Nero.

Ciò che i due think-tank non potranno – e non vorranno – mai ammettere è che un nuovo “arco di instabilità” europeo – dal Baltico al Mar Nero, come io stesso ed altri analisti abbiamo paventato – è esattamente cosa l’Impero del Caos e il suo braccio armato – la NATO – stanno costruendo per prevenire una più stretta integrazione eurasiatica.
 
 
  Postato da cdcnet il 12/12/2014 (748 letture)
(Leggi Tutto... | 8984 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: THE GEOPOLITICS OF WORLD WAR III

syria wwIIIscgnews.com

The real reason Russia and Syria are being targeted right now.


Contrary to popular belief, the conduct of nations on the international stage is almost never driven by moral considerations, but rather by a shadowy cocktail of money and geopolitics. As such, when you see the mouthpieces of the ruling class begin to demonize a foreign country, the first question in your mind should always be "what is actually at stake here?"

For some time now Russia, China, Iran, and Syria have been in the cross hairs. Once you understand why, the events unfolding in the world right now will make much more sense.

The U.S. dollar is a unique currency. In fact its current design and its relationship to geopolitics is unlike any other in history. Though it has been the world reserve currency since 1944, this is not what makes it unique. Many currencies have held the reserve status off and on over the centuries, but what makes the dollar unique is the fact that since the early 1970s it has been, with a few notable exceptions, the only currency used to buy and sell oil on the global market.
 
 
  Postato da cdcnet il 06/11/2014 (862 letture)
(Leggi Tutto... | 42925 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Geopolitica: QUANDO CROLLERA' L'IMPERO USA ?

suecoeFONTE: CLUBORLOV (BLOG)

Come insegna la storia, gli imperi collassano prima o poi, quindi, le probabilità che l’impero USA lo faccia possono essere considerate del 100% con grande sicurezza. La domanda è: quando? (Tutti si pongono il noioso quesito).
Ovviamente, tutto ciò che si deve fare è lasciare gli USA, andare in qualche posto che non sia obbligatoriamente collegato con la loro economia e a questo punto non ci si dovrà più preoccupare della domanda. Alcune persone hanno provato a rispondere, ma per quanto ne so io, nessuno ha espresso una metodologia attendibile per calcolare la data.

Per porre rimedio  a questa manchevolezza della teoria del collasso, una volta ho provato a scovare un metodo in un articolo intitolato “Picco dell’impero”, che era basato sulla teoria di Joseph Tainter della diminuzione dei rendimenti sulla complessità – o la diminuzione dei rendimenti su un impero. È un perfetto problema di calcolo differenziale e tutti gli studenti di microeconomia presi dal calcolo di costi marginali vs. ricavi marginali, per cercare un lavoro nella prossima alla morte industria del shale gas, dovrebbero applicarcisi, per investire meglio il loro talento matematico. Nel frattempo ecco qui un aggiornamento e una stima rivista.
 
 
  Postato da cdcnet il 05/11/2014 (1055 letture)
(Leggi Tutto... | 16945 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: CINA E RUSSIA SPINGONO LA GERMANIA NELLA LORO ORBITA ECONOMICA

reutersmediaDI PEPE ESCOBAR
Deep Resource

Poi proviamo a immaginare una zona economica eurasiatica, che utilizzi le nuove rotte commerciali, la cosiddetta "Nuova Via della Seta: sarebbe  irresistibile.

Economicamente la Cina è più importante per la Germania che per gli USA.

Pepe Escobar, il giornalista globe-trotter che cerca il pelo nell'uovo nella politica, in giro per il mondo, non è un fan dell'impero globale degli Stati Uniti, per usare un eufemismo.
In uno dei suoi ultimi articoli si è domandato se sia possibile lasciare gli Stati Uniti fuori dell'Eurasia. La risposta in poche parole è sì. Escobar quindi cerca di guardare oltre e pensare alla possibilità che la Germania possa unirsi a Mosca e Pechino.


Uno spettro aleggia e lascia intravedere un rapido invecchiamento del "Nuovo Secolo Americano": la possibilità di una futura alleanza commerciale strategica  Pechino - Mosca - Berlino. Chiamiamola il BMB (B sta per Beijing). Questa possibilità è seriamente stata discussa ai massimi livelli di Pechino e Mosca, ed è stata vista con interesse a Berlino, New Delhi e Teheran. Ma, per favore, non parliamone intorno al Beltway di Washington o alla sede NATO a Bruxelles ... le placche tettoniche della geopolitica eurasiatica continuano a spostarsi, e non hanno nessuna intenzione di fermarsi solo perché le élite americane si rifiutano di accettare che il loro - storicamente breve - "momento unipolare" è in declino.
 
 
  Postato da cdcnet il 03/11/2014 (578 letture)
(Leggi Tutto... | 10638 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: EUTANASIA DEL REALE

timisoaraDI ROSANNA SPADINI
comedonchisciotte

Fine dell’empatia comunicativa e inizio della distopia sociale, indotta ad arte dalla meraviglia multimediale dei visual network. Il 1989 è un anno di svolta, è l’anno in cui la società dello spettacolo diventa schiava di se stessa, in cui lo spettacolo viene trasformato in strumento di disperazione e di morte e si rompe quel patto millenario dell’illusione scenica utilizzato fino a quel momento per la promozione culturale della società, ridotta ora a semplice scenografia teatrale. Un teatro che rinnega se stesso, un teatro che uccide.

Il senso dell’incertezza della “società liquida” lo si riconosce anche nell’esercizio ossessivo della “navigazione in rete”, dove ci si connette immediatamente con gli altri, ma in realtà con altrettanta facilità ci si disconnette, smantellando con un canc i legami interpersonali che ci disturbano.
 
 
  Postato da cdcnet il 14/09/2014 (487 letture)
(Leggi Tutto... | 19630 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: LE GUERRE PER L'ENERGIA DEL XXI SECOLO

warenergyDI MICHAEL T. KLARE
TomDispatch.com

I conflitti globali sono sempre più alimentati dal desiderio di ottenere Petrolio e Gas naturale (e i profitti che questi ultimi generano)

L’Iraq, la Siria, la Nigeria, il Sud del Sudan, l’Ucraina, l’Est e il Sud del Mar della Cina: ovunque si guardi, il mondo è in fiamme, con nuovi conflitti o vecchi conflitti in via di intensificazione. A prima vista, questi sconvolgimenti sembrano essere eventi indipendenti, guidati da proprie circostanze, uniche e peculiari. Ma se guardiamo più da vicino notiamo come essi condividano alcune caratteristiche fondamentali - in particolare, un infuso stregato di antagonismi etnici, religiosi e nazionali, portato al punto di ebollizione dall’ossessione dell’Energia.
 
 
  Postato da cdcnet il 15/07/2014 (595 letture)
(Leggi Tutto... | 30480 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Medio Oriente Geopolitica: BRUCIATE, UOMINI IN NERO, BRUCIATE

isisDI PEPE ESCOBAR
asiatimes.com

Andiamo dritti al punto. Come per la collezione estiva  di arredi per esterno di Zara, completa di fucili d'assalto all'ultima moda, scarpe da ginnastica Nike e Toyota nuove fiammanti che attraversano ildeserto Siriano-Iracheno: i Jihadisti Incazzosi in nero.

C'era una volta (piuttosto recente), il governo USA che aiutava solo i “terroristi buoni” (in Siria), invece dei “terroristi cattivi”, un eco dei (meno recenti) tempi in cui sosteneva solo i “Talebani buoni” e non quelli “cattivi”.

Cosa succede quindi se i cosidddetti “esperti” della Brookings Institution iniziano a blaterare che lo Stato Islamico di Iraq e Sham (ISIS) è davvero il più cattivo manipolo di jihadisti sul pianeta (dopo tutto sono un prodotto di Al Qaeda)? Sono davvero così terribili che per una perversa logica di neolingua diventano la nuova normalità?
 
 
  Postato da cdcnet il 22/06/2014 (516 letture)
(Leggi Tutto... | 12782 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Brasile Geopolitica: LA GEOPOLITICA DELLA COPPA DEL MONDO

world-cupDI PEPE ESCOBAR
asiatimes.com

SAO PAULO – Una delle immagini più rappresentative della Coppa del Mondo – per ora – è la vista della Mannschaft – ovvero la nazionale di calcio tedesca – che socializza con alcuni indigeni pataxo a qualche centinaia di metri dal luogo in cui il Brasile è stato “scoperto” nel 1500. Si potrebbe definire una riscoperta europea degli esotici paesi tropicali. Poi c’è la nazionale inglese che si rilassa al mare, all’interno di una base militare, come scenario il meraviglioso Pan di Zucchero, supportata da un esperto in umidità e apparecchiature di ventilazione industriale (dopotutto c’è la rissa nella giungla questo sabato “immersa nella foresta amazzonica”, come l’hanno definita i tabloid inglesi).

La Coppa del Mondo – il più grande spettacolo del pianeta – comincia così come un’implacabile propaganda/denigrazione Made in occidente (stati satelliti inclusi) anti-cinese ed anti-russa annichilisce tutti i livelli di isteria conosciuti.
 
 
  Postato da cdcnet il 13/06/2014 (900 letture)
(Leggi Tutto... | 12182 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: EFFETTO STRANAMORE: COME CI CONVINCONO AD ACCETTARE UN'ALTRA GUERRA MONDIALE

strangeloveDI JOHN PILGER
lewrockwell.com

L’altro giorno mi sono rivisto il  Dr. Stranamore . L'avrò visto forse una dozzina di volte, rende bene il concetto delle notizie senza senso. Quando il maggiore Major T.J. “King” Kong va “ in punta di piedi con i Rooskies” e vola con il suo bombardiere nucleare B-52 verso un obiettivo in Russia, lascia al Gen. "Buck" Turgidson il compito di rassicurare il Presidente.

 - “Dovremo essere i primi a sparare” - dice il generale - " e ne potremo ammazzare massimo 10- 20 milioni, non di più".
  - Il Presidente Merkin Muffley : "Non mi farete passare alla storia come il più grande genocida dopo Adolf Hitler ."
 
- Generale Turgidson : "Forse potrebbe essere meglio, signor Presidente , se Lei fosse più interessato al bene del popolo americano che a come Lei sarà ricordato nei libri di storia "
 
 
  Postato da cdcnet il 22/04/2014 (797 letture)
(Leggi Tutto... | 10802 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: OLD WORLD ORDER, NEW WORLD ORDER, CHAOS AND CHANGE

Andrew McKillop
21st Century Wire

It’s now official: our political leaders are lost.

Always keen to push towards the next war, but not altogether sure why they are actually doing it. This disconnect is a problem.

All signs point to the transition towards their plan for a One World Order, and it may not a a smooth process at all.

Geopolitical Harbingers


Certainly by the closing decades of the 19th century, geopolitical theory was splitting into two camps: Global Seaborne Hegemon theory of US admiral Albert Thayer Mahan, and Pan-Asian Landward Hegemon theory championed by British academic and director of the London School of Economics, Sir Halford Mackinder. In both cases however, whether the coming single global superpower attained that status by sea wars, land wars, military or political – economic conflict was certain, as the power blocs collided and the seats of global power shifted. In both cases, throughout land areas and seas regions – pivot or shatterbelt zones, blue water seas or oceans – all would remain disputed.

Two large examples of their influence are the fact that Mackinder’s theories were adopted during Nazi Germany’s disastrous attempt to invade and conquer the Russian heartland, while Thayer Mahan’s enduring theories have a present and current major influence on China’s expanding military naval strategy as it moves to secure sea lanes for global commodities and energy supplies, along with its  modern aircraft carriers and anti-ship missile arsenals.
 
 
  Postato da cdcnet il 19/04/2014 (891 letture)
(Leggi Tutto... | 15395 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Ucraina Geopolitica: L' UCRAINA & LA GRANDE SCACCHIERA

Free Image Hosting at www.ImageShack.usDI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Benvenuti nella dottrina dei Two Stooges- i Burattini - della guerra post-moderna .

Il Dipartimento di Stato USA, per mezzo della sua portavoce Jennifer Psaki, ha detto che le dichiarazioni del Direttore della CIA, John Brennan, che aveva affermato che chi ha sovvertito il regime di Kiev sta svolgendo delle "operazioni tattiche" - o una offensiva "anti-terrorismo"  nella parte orientale dell'Ucraina - sono "completamente false". Questo significa che Brennan gli ordini li ha dati e che ormai la campagna "anti-terrorismo" - con un bel po tocco di retorica alla Dubya - è degenerata in farsa.

 
 
  Postato da cdcnet il 19/04/2014 (660 letture)
(Leggi Tutto... | 11095 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Ucraina Geopolitica: ESTRATTO GEAB 83: CRISI UCRAINA: 8 RACCOMANDAZIONI STRATEGICHE

ucrainaFONTE: LEAP2020

L’EUROPA CERCHI DENTRO SE STESSA LE RISORSE  PER LIBERARSI DALLA TRAPPOLA AMERICANA

Se è pur vero che l'Ucraina – un piccolo paese con una popolazione che non arriva a 50 milioni di abitanti – caratterizzata com’è dal confinare con due “mostri”, l’Europa e la Russia, non ha davvero altra scelta che "schierarsi", non è la stessa cosa per l’Europa.

Questa crisi rappresenta un test per la capacità dei politici nazionali di raccogliere lo strumento di indipendenza, di pace e di potere che, proveniente dai loro padri (le generazioni di politici che hanno governato fino alla fine degli anni '80), è a loro disposizione, ovvero quest’Europa unita ed istituzionalizzata, che deve solo essere messa sotto controllo politico ...
La difficoltà consiste nel fatto che lo strumento che i politici devono ora afferrare non è l'Unione Europea. Come abbiamo più volte spiegato, l’UE non è che una tappa lungo il cammino della costruzione europea e, in questo momento, deve essere evitata.
 
 
  Postato da cdcnet il 09/04/2014 (606 letture)
(Leggi Tutto... | 23240 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Arabia Saudita Geopolitica: CRACKS IN THE HOUSE OF SAUD

Crack in the House of Saud A Divided Kingdom

by PATRICK COCKBURN

counterpunch.org

President Obama flew to Saudi Arabia to patch up relations with King Abdullah at the end of last week in his first visit in five years. The alliance had been strained by Saudi anger over US negotiations with Iran on its nuclear programme and Obama’s refusal to go to war in Syria to overthrow Bashar al-Assad last year. For its part, the US is upset by Saudi Arabia covertly supporting al-Qa’ida-type movements in Syria and elsewhere.

The US-Saudi relationship is a peculiar one in that it is between a reactionary theocratic monarchy – it is the only place in the world where women are not allowed to drive – and a republic that claims to be the chief exponent of secular democracy. The linkage is so solid that it was scarcely affected by 9/11, though al-Qa’ida and the hijackers had demonstrably close connections to Saudi Arabia.
 
 
  Postato da cdcnet il 01/04/2014 (1021 letture)
(Leggi Tutto... | 8247 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: PIPELINE PREDICAMENT: THE UKRAINE, SYRIA, RUSSIA AND U.S. GAS NEXUS

By Yuram Abdullah Weiler
tehrantimes.com

The past five years have demonstrated that the U.S. president does not have any ethical dimension for his foreign policy - Syria is one example - let alone the question of intervening to uphold the principle of non-aggression against a sovereign state.
Marwan Kabalan, political analyst at the Doha Institute.
 
The recent U.S.-backed coup that toppled the former government in Ukraine has been couched in the noble rhetoric of democracy, humanitarian intervention and self-determination, but a closer examination reveals an ugly underside of realpolitik whose motive is energy dominance.  Like Syria, Ukraine has one of the key gas pipeline corridors coveted by the U.S. and its NATO allies that is still under the influence of a so-called R&D (resistant and defiant) country such as Russia.

To understand what is happening in Ukraine and Syria, and how Qatar and Azerbaijan are involved, we must briefly look at regional energy developments following the dissolution of the former Soviet Union.  While the Persian Gulf is well known for its abundant energy resources, the Caspian Sea Basin also has seen oil exploration and production since the early 1900s however the U.S. and the West had scant involvement there before the end of the Cold War.  Since the breakup of the former Soviet Union, the United States and Russia have engaged in fierce competition to control the energy resources of the newly created Caspian Sea littoral states.
 
 
  Postato da cdcnet il 19/03/2014 (1073 letture)
(Leggi Tutto... | 11877 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Mondo Geopolitica: IL NUOVO GRANDE ( RISCHIOSO) GIOCO IN EURASIA

svobodaDI PEPE ESCOBAR
Asia Times

In Ucraina l’Occidente ha sostenuto un golpe incostituzionale contro un governo eletto democraticamente, golpe perpetrato con l’aiuto di gruppi di estrema destra, neo-fascisti e truppe d’assalto neo-naziste come Svoboda. Dopo il contro-golpe Russo, il presidente Obama ha proclamato che un qualsiasi referendum in Crimea avrebbe “violato la costituzione Ucraina e le leggi internazionali”.
Questo è solo l’ultimo esempio di una lunga serie di stupri seriali a danno delle “leggi internazionali”.

La lista è enorme, per citarne solo alcuni:

• Il bombardamento NATO della Serbia nel 1999 (78 giorni), in modo da permettere al Kosovo di secedere;

• l’invasione americana dell’Iraq nel 2003 e la seguente occupazione del paese con costi stimati in milioni di miliardi di dollari e con annessa creazione di guerra civile su larga scala;
 
 
  Postato da cdcnet il 18/03/2014 (648 letture)
(Leggi Tutto... | 8898 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: GEAB 83: CRISI SISTEMICA GLOBALE

geabFONTE: LEAP2020

GEAB n. 83 – CRISI SISTEMICA GLOBALE – LA RISPOSTA DEGLI STATI UNITI SALE D’INTENSITA’: SCATENARE UNA GUERRA FREDDA PER MEGLIO ANNETTERSI L’EUROPA, ASSICURANDOSI LA SOPRAVVIVENZA

Piano completo dell'articolo:

1 . COSTRUZIONE DI UNA TRAPPOLA PER DEVIARE L'EUROPA DAL SUO DESTINO
2 . ATTACCHI IN SERIE CONTRO L’EUROPA
3 . FAR SCENDERE SULL’EUROPA UNA NUOVA CORTINA DI FERRO
4 . OBBLIGO PER L'EUROPA DI UNA SCELTA DI CAMPO
5 . TROVARE LE PECULIARI RISORSE EUROPEE NECESSARIE PER LIBERARSI DALLA TRAPPOLA [otto raccomandazioni strategiche]

In questo comunicato pubblico presentiamo le parti 1 e 3.
 
 
  Postato da cdcnet il 17/03/2014 (761 letture)
(Leggi Tutto... | 15467 bytes aggiuntivi | Voto: 4)
 

 
  USA Geopolitica: REGIME CHANGE: FIRST UKRAINE, THEN VENEZUELA, THEN ...?

Regime Change: First Ukraine, then Venezuela, then Ecuador, Bolivia, Brazil . . . China?

USdollars By Dr. Paul Craig Roberts
Global Research, March 14, 2014
paulcraigroberts.org

Now that US Secretary of State John Kerry has issued an ultimatum to Russia, telling Putin that he has until Monday to follow Washington’s orders or else, hopefully everyone can see the repeat of the March of Folly that produced World War 1.

In my last column, “Merkel Whores For Washington,” I mistakenly attributed to Khrushchev all transfers of Russian territory to Ukraine.  The first gifts of Russian territories to Ukraine were made by Lenin, and the last was Sevastopol in the early 1990s.

I have posted today Alexandr Solzhenitsyn’s account of how Russian territory was given to Ukraine.  In the meantime, Washington’s puppet regime in Kiev has sent in thugs to commit violence against protesting Russians in eastern Ukraine who want nothing to do with Washington’s stooges in Kiev, prompting Russia to issue another warning that the Russian military will protect Russians. Clearly, Washington is doing everything it can to provoke Putin into sending the Russian Army into eastern Ukraine.  Now that Merkel has sold out Europe, the course of Ukrainian events seems clear, which provides an opportunity for me to address Washington’s coup-in-the-making against Venezuela.
 
 
  Postato da cdcnet il 14/03/2014 (861 letture)
(Leggi Tutto... | 6546 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: BRZEZINSKI, IL GRANDE BURATTINAIO CHE DIRIGE NELL'OMBRA LE STRATEGIE DI GUERRA

DI MIKE WHITNEY
counterpunch.org

“Dal crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, gli Stati Uniti hanno instancabilmente perseguito una strategia di accerchiamento della Russia, proprio come hanno fatto con altri presunti “nemici” come Cina e Iran.  Hanno portato nella NATO dodici Paesi dell'Europa centrale, tutti ex alleati di Mosca. Ora, le forze militari degli Stati Uniti sono ai confini della Russia.   Questa crisi è in parte il risultato di un calcolo – a risultato “zero” -  che sta plasmando la politica statunitense nei confronti di Mosca dai tempi della guerra fredda: ogni perdita della Russia equivale ad una vittoria americana, e qualsiasi fatto positivo per la Russia diventa automaticamente negativo per gli Stati Uniti.
Si tratta di un approccio che intensifica il confronto, invece che allentarlo. “
Stephen Kinzer, “U.S.A. – i primi responsabili della crisi Ucraina” Boston Globe"
 
 
  Postato da cdcnet il 12/03/2014 (661 letture)
(Leggi Tutto... | 21940 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: RUSSIA, EUROPE AND THE GEOPOLITICS OF ENERGY

433Eric Draitser
journal-neo.org

From Syria to Sochi, Poland to ***** Riot, diplomatic and geopolitical conflicts between Russia and the West have come to dominate the headlines. However, behind these issues lies the fundamental economic competition that must frame any analysis of the politics and interaction between the two.

Fueling Europe

Russia’s dominant position in the European energy market solidifies Moscow as an integral part of the West’s future, forcing Washington and its allies to engage with their eastern rival. Moreover, it is this precisely this necessary engagement that grows Russia’s influence both in Europe and around the world – influence which necessitates the continued Russophobic propaganda in Western media and popular culture.
 
 
  Postato da cdcnet il 28/02/2014 (1426 letture)
(Leggi Tutto... | 13068 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: LA NUOVA GUERRA FREDDA USA-RUSSIA

Free Image Hosting at www.ImageShack.usDI PEPE ESCOBAR
atimes.com

Arriva di nuovo la guerra ( fredda), uguale alla vecchia guerra (fredda). Uguale uguale, ma diversa.

 

Un giorno, sono la miriade di implicazioni di Washington "che incombono" sull’Asia - come per il controllo della Cina. Il giorno dopo, è il perenne tentativo di inquadrare la Russia.

Mai un momento di noia nel Nuovo Grande Gioco dell’Eurasia.

 Sulla Russia, la denigrazione con cui si è parlato riguardo a Sochi – tutta da attribuire alla stupidità intrinseca dello "standard" dei media occidentali – è stata solo un atto del grande spettacolo, che tende sempre a personalizzare: la demonizzazione implacabile del Presidente russo Vladimir Putin. [1]

Nella foto: Victoria Nuland, la signora del  "***** the EU".
 
 
  Postato da cdcnet il 16/02/2014 (875 letture)
(Leggi Tutto... | 10629 bytes aggiuntivi | Voto: 5)
 

 
  Russia Geopolitica: RUSSIA UNDER ATTACK

By Paul Craig Roberts
paulcraigroberts.org

In a number of my articles I have explained that the Soviet Union served as a constraint on US power. The Soviet collapse unleashed the neoconservative drive for US world hegemony. Russia under Putin, China, and Iran are the only constraints on the neoconservative agenda.

Russia’s nuclear missiles and military technology make Russia the strongest military obstacle to US hegemony. To neutralize Russia, Washington broke the Reagan-Gorbachev agreements and expanded NATO into former constituent parts of the Soviet Empire and now intends to bring former constituent parts of Russia herself–Georgia and Ukraine–into NATO. Washington withdrew from the treaty that banned anti-ballistic missiles and has established anti-ballistic missile bases on Russia’s frontier. Washington changed its nuclear war doctrine to permit nuclear first strike.

All of this is aimed at degrading Russia’s deterrent, thereby reducing the ability of Russia to resist Washington’s will.
 
 
  Postato da cdcnet il 14/02/2014 (1345 letture)
(Leggi Tutto... | 10951 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Pakistan Geopolitica: TUSSLE: GREAT GAME OF GAS POLITICS

By Zafar Bhutta
Tribune

The great game of gas politics in which global powers want to reshape this region, seems to be hitting the economy of Pakistan. The United States and some Muslim countries are in a race to reshape policies in the region and force Pakistan to import gas from the countries of their choice.

Iran, China and Russia are apparently one force against the US and its allies and want Pakistan to strengthen its ties with Tehran whereas Washington is pressing Islamabad to purchase gas from Qatar and Turkmenistan to meet domestic needs.

In this scenario, two blocs are in the process of making – one comprising Russia, Iran, Pakistan and China if the Iran-Pakistan (IP) gas pipeline project gets under way. Russia and China are in favour of Pakistan opt for this project.
 
 
  Postato da cdcnet il 10/02/2014 (807 letture)
(Leggi Tutto... | 4322 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: DEFAULT USA VS DESTABIZZAZIONE DELL' UCRAINA

DI NIKOLAI MALISHEVSKI
strategic-culture.org 

Alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco di Baviera l'opposizione ucraina e gli Stati Uniti hanno sostanzialmente concordato un piano per costringere Viktor Yanukovich a capitolare. Arseniy Yatsenyuk ha detto che questo piano d'azione è stato preparato con la partecipazione >diretta dei rappresentanti occidentali dopo un incontro con il segretario di Stato americano John Kerry e con i funzionari dell'UE. Mentre  «Euromaidan» continua a  puntellare le tende nelle piazze, dando prova di voler restare li per tutto il tempo che servirà, il Dipartimento di Stato ha definito un termine entro il quale l'operazione di cambio di regime in Ucraina dovrà essere  completata: 24 marzo. Questo è il modo in cui si può interpretare il messaggio apparso sul sito ufficiale del Dipartimento di Stato USA il 24 gennaio (vedi sotto).

 

 
 
  Postato da cdcnet il 06/02/2014 (544 letture)
(Leggi Tutto... | 10401 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: ROUHANI E LA RIPROPOSIZIONE DEL 2014

RouhaniDI PEPE ESCOBAR
Asia Times Online

Il presidente iraniano Hassan Ruohani è al momento l'uomo che lavora con più impegno all'industria dello spettacolo (geopolitico). È appena entrato nella gabbia del leone – o nella palla del pesciolino rosso:  il Forum Economico Mondiale di Davos. E ha affascinato tutti con la sua strategia di "prudente moderazione", che riflette tutto quello che ogni Padrone dell'Universo, vero o falso, vuole davvero sentire: l’Iran si apre al commercio.

Rouhani ha sottolineato quello che ha viene riconosciuto persino da Jim O'Neill, l'inventore dei BRIC, ossia che l'Iran ha il potenziale per trasformarsi in una delle dieci principali economie del mondo prima del 2040. La sua strategia per arrivare al risultato è estremamente solida: una politica estera molto equilibrata, che sia subordinata allo stimolo dello sviluppo economico. Si inizia con un accordo definitivo col P5+1 - i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite più la Germania -  fino alla fine del  2014, l’annullamento di tutte le sanzioni, e poi un flusso continuo di investimenti da parte dell’Occidente.
 
 
  Postato da cdcnet il 29/01/2014 (503 letture)
(Leggi Tutto... | 9171 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: COME DAVOS SALVERA' IL MONDO

DI PEPE ESCOBAR
asiatimes.com



In questa settimana sono volati a Davos a frotte tutti i Signori dell’Universo, sia quelli vagamente veri sia quelli totalmente finti. A Montreux uno può aspirare a salvare la Siria, in una stonata sciarada di Ginevra II, di cui già ho parlato qui (1). In quell’interminabile riunione d’affari conosciuta col nome di Davos, si ha la possibilità di salvare nientemento che il mondo intero. E come extra-bonus, a Davos si può anche giocare a Salva la Siria.  E’ disponibile per i doppiopetti del mondo intero una sessione di simulazione di ben 75 minuti, per provare cosa significa essere un rifugiato siriano.

Il menu offre: detenzione, inseguimento da parte di una milizia armata e diventare il bersaglio delle urla di quelli della cooperazione. Fortunatamente per i partecipanti, non comprende un incontro con gli jihad decapitatori sponsorizzati da Bandar-Bush.  E sono giunte voci che potrebbe partecipare anche quell’insopportabile di Bono.
 
 
  Postato da cdcnet il 24/01/2014 (709 letture)
(Leggi Tutto... | 11281 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: TUTTI IN GIOCO NEL NUOVO GRANDE GIOCO

DI PEPE ESCOBAR
asiatimes.com

Il Grosso Evento del 2014 sarà l'Iran . Ovvio che il grande evento dei primi anni del 21 ° secolo non cesserà mai di essere il rapporto Usa-Cina , ma è nel 2014 che sapremo se un accordo globale che trascende il programma nucleare iraniano sia raggiungibile, e in questo caso la miriade di ramificazioni interesserà tutto ciò che è in gioco nel Nuovo Grande Gioco in Eurasia , tra cui USA-Cina.



Così come stan le cose, noi abbiamo un accordo ad interim del P5 +1 ( i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell'ONU più la Germania ) con l'Iran , e nessun accordo tra gli Stati Uniti e l'Afghanistan .
 
 
  Postato da cdcnet il 01/01/2014 (1243 letture)
(Leggi Tutto... | 16314 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Economia Geopolitica: LE CRESCENTI TENSIONI CON L'ARABIA SAUDITA MINACCIANO IL PETRODOLLARO

DI MICHAEL SNYDER
theeconomiccollapseblog.com

[il petrodollaro non è solamente l’espressione che si riferisce agli ingenti profitti (in dollari) realizzati dai paesi produttori di petrolio: le sue conseguenze hanno una portata mondiale. La divisa americana è infatti adottata come valuta per gli scambi commerciali internazionali, Ndt]

Il principale prodotto esportato dall’America è il dollaro. Se ci si riflette stiamo parlando di semplice carta, non vi è nessuna contropartita a garantirla [p.e. una certa quantità di oro per ogni certa quantità di moneta emessa, Ndt] se non il fatto che tutto il mondo ne fa continuamente richiesta. La divisa americana è utilizzata come valuta negli scambi commerciali internazionali. Il fulcro su cui si basa il meccanismo è il petrodollaro.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/10/2013 (596 letture)
(Leggi Tutto... | 14792 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Arabia Saudita Geopolitica: LA CASA DI SAUD GUARDERA' ALLA CINA ?

DI PEPE ESCOBAR
asiatimes.com

Lo sport geopolitico favorito del giorno è quello di sviscerare e capire i motivi per cui la Casa di Saud – quel connubio di monarchia iper-assoluta e di fanatici Wahhabiti – stia dando i numeri, con l’ineffabile Bandar Bush in prima linea.

E’ terrorizzata dalla possibilità che il Muro di Diffidenza ultra-trentennale tra Washington e Teheran possa crollare da un momento all’altro. E’ terrorizzata al pensiero che quegli Americani infedeli si siano rifiutati di combattere “la nostra” guerra per ribaltare il regime in Siria. E’ inorridita dalle (blande) critiche all’aspra repressione attuata nel Bahrain (che, tra l’altro, è stato invaso dai Sauditi nel 2011). Aborrisce l’adorazione degli americani per quella bizzarra divinità – democrazia – che ha permesso ad amici tiranni in Tunisia e in Egitto di essere abbandonati (la Libia è tutt’altra storia: il Re Abdullah voleva far fuori Gheddafi fin dal 2002).
 
 
  Postato da cdcnet il 27/10/2013 (677 letture)
(Leggi Tutto... | 9737 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: GEAB 78: LA DE-AMERICANIZZAZIONE DEL MONDO E' INIZIATA

L'EMERGERE DI SOLUZIONI PER UN MONDO MULTIPOLARE INTORNO AL 2015

FONTE: LEAP2020.EU

È uno di quei momenti in cui la storia accelera . Qualunque sia l'esito dei negoziati sul tetto del debito [federale americano, conclusisi solo due ore prima dell’annuncio del default NdT], l’Ottobre 2013 è uno di quei momenti. È l’eccessiva ampiezza dello stallo [tra repubblicani e democratici sull’approvazione dello sforamento del tetto del debito federale NdT] che ha aperto gli occhi di coloro che ancora continuano a sostenere gli Stati Uniti. Un leader è seguito quando gli si crede, non quando diventa ridicolo.

"Costruire un mondo de-americanizzato": quest’affermazione avrebbe suscitato un sorriso fino a pochi anni fa. Al massimo sarebbe passata per una provocazione di Hugo Chavez [presidente venezuelano anti-americano recentemente scomparso NdT].
 
 
  Postato da cdcnet il 21/10/2013 (522 letture)
(Leggi Tutto... | 15002 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Ungheria Geopolitica: UNGHERIA: PERCHE' VIKTOR ORBAN E' UN BUON STRATEGA DELLA GEOPOLITICA

FONTE: STRATFOR.COM


La moderna Ungheria è spesso enigmatica agli occhi di un osservatore internazionale. Le politiche non ortodosse del primo ministro agitatore Viktor Orban hanno suscitato speranza , indignazione e scherno da quando è stato eletto per un secondo mandato nel 2010. Tuttavia, come il suo discorso a Chatam House di Londra [tale istituto si autodefinisce, nel proprio sito, come “una fonte indipendente, leader a livello mondiale, di analisi indipendenti, dibattiti informati e idee autorevoli su come costruire un mondo prospero e sicuro per tutti” NdT] dello scorso mercoledì [9 Ottobre NdT] mostra, Orban è un pensatore molto serio di fronte a problemi molto seri.

Le sei tesi che sosteneva [nel discorso a Chatam House NdT] contengono una discreta quantità di dissimulazione politica, ma, in ultima analisi sono la spiegazione più chiara della logica moralmente inquietante ma geopoliticamente coerente che guida le controverse politiche del suo partito Fidesz [in ungherese Fidesz Magyar Polgári Szövetség ovvero Unione Civica Ungherese è un partito politico ungherese di ispirazione conservatrice, populista e cristiana; membro del Partito Popolare Europeo, dell'Unione Democratica Internazionale (conservatori) e dell'Internazionale Democratica Centrista NdT].
 
 
  Postato da cdcnet il 18/10/2013 (719 letture)
(Leggi Tutto... | 7748 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: VECCHIO GIOCO, NUOVA OSSESSIONE, NUOVO NEMICO. ADESSO E' LA CINA

DI JOHN PILGER
johnpilger.com

Le nazioni sono "pezzi su una scacchiera su cui si gioca una grande partita per il dominio del mondo", scrisse nel 1898 Lord Curzon, vicerè dell'India. Niente è cambiato.
Il massacro al centro commerciale di Nairobi non è stato che la sanguinolenta facciata dietro cui il grande gioco sarà un’invasione su vasta scala dell’Africa e una guerra in Asia.

Gli assassini del centro commerciale al-Shabaab provenivano dalla Somalia.
Se c’è un Paese che personifica una metafora imperiale, questo è la Somalia. Pur condividendo lingua e religione, i somali sono stati suddivisi tra inglesi, francesi, italiani ed etiopi. Decine di migliaia di persone sono passate di mano da un potere all'altro. "Quando c’è odio tra di loro", scrisse un funzionario coloniale britannico, "si possono governare facilmente."
 
 
  Postato da cdcnet il 12/10/2013 (472 letture)
(Leggi Tutto... | 8164 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Mondo Geopolitica: RUSSIA, SIRIA E IL DECLINO DELL'EGEMONIA AMERICANA

DI ISRAEL SHAMIR
counterpunch.org

Un colloquio al Rhodes Forum, 5 Ottobre 2013

Prima le buone notizie. L’egemonia Americana è al termine. Il bullo prepotente è stato soggiogato. Abbiamo raggiunto il Capo di Buona Speranza, simbolicamente parlando, nel Settembre del 2013. Con la crisi in Siria, il mondo ha preso una svolta storica nell’era moderna. E’ stata un’azione rapida, rischiosa tanto quanto la crisi dei missili a Cuba nel 1962. Le probabilità di un conflitto mondiale erano alte, con America e Eurasia che tentavano di avere la meglio nel Mediterraneo orientale. Ci vorrà del tempo prima di poterci rendere davvero conto di quello che abbiamo passato: è normale, quando avvengono fatti così importanti.
 
 
  Postato da cdcnet il 09/10/2013 (572 letture)
(Leggi Tutto... | 19686 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Grecia Geopolitica: PERCHE' LA GRECIA RESTA NELL' EURO ? CI SERVE IL GAS, STUPIDO !

Free Image Hosting at www.ImageShack.us FONTE: KEEPTALKINGGREECE.COM

Finalmente veniamo a sapere perché l’Europa e soprattutto la Germania non vogliono che la Grecia esca dalla zona euro. Forse perché proprio grazie alla posizione strategica della Grecia, l'Unione Europea potrebbe riuscire a liberarsi dal dominio del suo principale fornitore di gas naturale, i russi della Gazprom.
Il sogno europeo potrebbe materializzarsi con la realizzazione della Trans Adriatic Pipeline (TAP) che porterà il gas naturale dall'Azerbaijan fino all'Europa.

Questa interessante riflessione si può leggere per esteso sul sito web Deutsche Wirtschaftsnachrichten

Il salvataggio della Grecia non è un progetto politico ma solo una storia di gas naturale e di industria energetica . L'UE vuole liberarsi dalla dipendenza dal gas russo , quindi vuole costruirsi un gasdotto che dalla Turchia passi per la Grecia e arrivi in Italia. Ma se la Grecia dovesse fallire, e chiedere di uscire dall’Euro, questo comprometterebbe tutto il progetto, dunque : la Grecia deve restare nella zona euro . L’amara verità per i greci : lo fanno solo per il paese , non per la gente che ci vive.
 
 
  Postato da cdcnet il 24/09/2013 (518 letture)
(Leggi Tutto... | 5532 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.