Home  ·  Downloads  ·  Iscrizione  ·  Top  ·  Archivio  ·  Argomenti  ·  Categorie  ·  RSS
Vaccini: Particelle metalliche in molti vaccini
Postato il 16/09/2021 di cdcnet

Salute

Ma non preoccupatevi, mettetevi in fila e fate le vostre iniezioni come piccoli robot felici.




Opinioni di Jon Rappoport

15 settembre 2021

In primo luogo, notizie attuali: il Giappone e il vaccino Moderna COVID. Fiercepharma riporta:

"...un altro milione di dosi del vaccino sono state sospese per preoccupazioni di una possibile contaminazione trovata in due ulteriori lotti di vaccino... L'emittente giapponese NHK ha riferito la scorsa settimana che il materiale ritrovato nei vaccini era costituito da particelle metalliche. La settimana scorsa, il Giappone ha sospeso l'uso di 1,63 milioni di dosi".

Quindi si tratta di due sospensioni separate di lotti del vaccino Moderna in Giappone.

Ma questo è solo l'inizio del problema. Ecco un pezzo che ho scritto più di un anno fa, su uno studio ampiamente ignorato. Le implicazioni sono sconcertanti:

-Nanoparticelle pericolose che contaminano molti vaccini; studio innovativo.

"Il polmone", seconda edizione, 2014: "Le nanoparticelle [sono] di dimensioni paragonabili alle strutture subcellulari... permettendo la loro pronta incorporazione nei sistemi biologici."

Uno studio del 2017 su 44 tipi di 15 vaccini tradizionali, prodotti da aziende leader a livello mondiale, ha scoperto un fatto molto preoccupante e precedentemente non riportato:

I vaccini sono pesantemente contaminati da una varietà di nanoparticelle.

Molte delle particelle sono metalli.

Stiamo parlando di vaccini tradizionali, come HPV (papilloma virus umano), influenza, influenza suina, epatite B, MMR (morbillo parotite rosolia), DPT (difterite pertosse tetano), tetano, ecc.

Per cominciare a capire alcuni degli effetti distruttivi delle nanoparticelle contaminanti nei vaccini, ecco l'innovativo studio del 2017:

International Journal of Vaccines & Vaccination
Volume 4 Issue 1
January 23 2017
New Quality-Control Investigations on Vaccines:
Micro- and Nanocontamination
Antonietta M Gatti and Stefano Montanari

https://medcraveonline.com/IJVV/new-quality-control-investigations-on-vaccines-micro-and-nanocontamination.html

https://web.archive.org/web/20200604111734/https://medcraveonline.com/IJVV/new-quality-control-investigations-on-vaccines-micro-and-nanocontamination.html

"Le analisi effettuate dimostrano che in tutti i campioni controllati i vaccini contengono corpi estranei non biocompatibili e biopersistenti non dichiarati dai Produttori, contro i quali l'organismo reagisce comunque. Questa nuova indagine rappresenta un nuovo controllo di qualità che può essere adottato per valutare la sicurezza di un vaccino. La nostra ipotesi è che questa contaminazione sia involontaria, poiché è probabilmente dovuta a componenti inquinati o a procedure di processi industriali (per esempio filtrazioni) utilizzati per produrre i vaccini..."

"La quantità di corpi estranei rilevati e, in alcuni casi, la loro insolita composizione chimica ci ha lasciato perplessi. Le particelle inorganiche identificate non sono né biocompatibili né biodegradabili, il che significa che sono biopersistenti e possono indurre effetti che possono diventare evidenti sia immediatamente vicini al momento dell'iniezione sia dopo un certo tempo dalla somministrazione. È importante ricordare che le particelle (cristalli e non molecole) sono corpi estranei all'organismo e si comportano come tali. Più in particolare, la loro tossicità è per certi aspetti diversa da quella degli elementi chimici che li compongono, oltre a questa tossicità... inducono una reazione infiammatoria".

"Dopo essere state iniettate, queste microparticelle, nanoparticelle e aggregati possono rimanere intorno al sito d'iniezione formando gonfiori e granulomi... Ma possono anche essere trasportate dalla circolazione sanguigna, sfuggendo a qualsiasi tentativo di indovinare quale sarà la loro destinazione finale... Come succede con tutti i corpi estranei, soprattutto così piccoli, inducono una reazione infiammatoria che è cronica perché la maggior parte di quelle particelle non può essere degradata. Inoltre, l'effetto proteina-corona... dovuto a una nano-interazione biologica... può produrre particelle composite organiche/inorganiche capaci di stimolare il sistema immunitario in modo indesiderabile... È impossibile non aggiungere che particelle delle dimensioni spesso osservate nei vaccini possono entrare nei nuclei cellulari e interagire con il DNA..."

"In alcuni casi, per esempio come succede con il ferro e alcune leghe di ferro, possono corrodersi e i prodotti della corrosione esercitano una tossicità che colpisce i tessuti..."

"Date le contaminazioni che abbiamo osservato in tutti i campioni di vaccini per uso umano, gli effetti avversi dopo l'iniezione di questi vaccini sono possibili e credibili e hanno il carattere della casualità, poiché dipendono da dove i contaminanti sono trasportati dalla circolazione sanguigna. È solo ovvio che quantità simili di questi corpi estranei possono avere un impatto più grave su organismi molto piccoli come quelli dei bambini. La loro presenza nei muscoli... potrebbe compromettere pesantemente la funzionalità muscolare..."

"Ci imbattiamo in particelle con composizioni chimiche simili a quelle trovate nei vaccini che abbiamo analizzato, quando studiamo casi di contaminazione ambientale causati da diverse fonti di inquinamento. Nella maggior parte dei casi, le combinazioni rilevate sono molto strane perché non hanno un uso tecnico, non si trovano in nessun manuale di materiali e sembrano il risultato della formazione casuale che si verifica, per esempio, quando si bruciano i rifiuti. In ogni caso, qualunque sia la loro origine, non dovrebbero essere presenti in nessun medicinale iniettabile, tanto meno nei vaccini, più in particolare in quelli destinati ai bambini."

Questo studio del 2017 apre un campo completamente nuovo: l'indagine delle nanoparticelle nei vaccini dove non se ne aspettavano.

Tali particelle non sono medicine in nessun senso della parola.

Molti "esperti" legali e scientifici affermano che lo Stato ha il diritto di rendere obbligatori i vaccini e di imporli alla popolazione. Ma queste nanoparticelle contaminanti non sono vaccini o medicine. Solo un pazzo difenderebbe il diritto dello Stato di iniettarle.

Ecco un'altra sezione dello studio del 2017. Sono indicati i nomi commerciali dei vaccini e le composizioni delle nanoparticelle contaminanti. Fate un respiro profondo e allacciate le cinture:

"...è stata identificata in tutti i casi [tutti i 44 vaccini] l'ulteriore presenza di corpi estranei inorganici di gandezza micro-, sub-micro- e nano (che vanno da 100nm a circa dieci micron), la cui presenza non era dichiarata nei foglietti illustrativi consegnati nella confezione del prodotto..."

"...particelle singole, cluster di micro- e nanoparticelle (meno di 100nm) e aggregati...detriti di Alluminio, Silicio, Magnesio e Titanio; particelle di Ferro, Cromo, Silicio e Calcio...disposte in un cluster, e detriti di Alluminio-Rame...in un aggregato."

"...le particelle sono circondate e incorporate in un substrato biologico. In tutti i campioni analizzati, abbiamo identificato particelle contenenti: Piombo (Typhym, Cervarix, Agrippal S1, Meningitec, Gardasil) o acciaio inossidabile (Mencevax, Infarix Hexa, Cervarix. Anatetall, Focetria, Agrippal S1, Menveo, Prevenar 13, Meningitec, Vaxigrip, Stamaril Pasteur, Repevax e MMRvaxPro).

"...particelle di tungsteno identificate in gocce di Prevenar e Infarix (alluminio, tungsteno, cloruro di calcio)".

"...detriti singolari trovati nel Repevax (Silicio, Oro, Argento) e nel Gardasil (Zirconio)".

"Sono state identificate anche alcune particelle metalliche di tungsteno o acciaio inossidabile. Altre particelle contenenti Zirconio, Afnio, Stronzio e Alluminio (Vivotif, Meningetec); Tungsteno, Nichel, Ferro (Priorix, Meningetec); Antimonio (Menjugate kit); Cromo (Meningetec); Oro, Zinco (Infarix Hexa, Repevax), o Platino, Argento, Bismuto, Ferro, Cromo (MMRvaxPro) o Piombo, Bismuto (Gardasil) o Cerio (Agrippal S1) sono stati anche trovati. Il solo tungsteno appare in 8 su 44 vaccini, mentre il cromo (da solo o in lega con ferro e nichel) in 25 su 44. Le indagini hanno rivelato che alcune particelle sono incorporate in un substrato biologico, probabilmente proteine, endotossine e residui di batteri. Non appena una particella entra in contatto con fluidi proteici, si verifica una nano-bio-interazione... e si forma una 'corona proteica'... La nano-bio-interazione genera un composto di dimensioni maggiori che non è biodegradabile e può indurre effetti avversi, poiché non è riconosciuto come sé dal corpo."

"...Esempi di queste nano-bio-interazioni. Si possono vedere aggregati (entità composite stabili) contenenti particelle di Piombo nel Meningitec... di acciaio inossidabile (Ferro, Cromo e Nichel...) e di Rame, Zinco e Piombo nel Cervarix... Aggregati simili, sebbene in situazioni diverse (pazienti affetti da leucemia o crioglobulinemia), sono già stati descritti in letteratura."

Sono sicuro che avete letto le assicurazioni ufficiali che i problemi di fabbricazione dei vaccini sono "rari". Potete archiviare queste dichiarazioni insieme ad altre bugie mediche.

"Vorrei il panino di  segale ai metalli pesanti, per favore. E invece di servirlo su un piatto, me lo può iniettare?".

Diverse domande vitali che richiedono risposte scaturiscono dai risultati di questo studio del 2017:

Alcune di queste nanoparticelle sono inserite intenzionalmente nei vaccini?

Il processo di produzione standard dei vaccini tradizionali porta INEVITABILMENTE a una nano-contaminazione pericolosa e distruttiva?

La nuova nano-tecnologia viene già impiegata nei vaccini, presumibilmente per "migliorare l'efficacia". Questo processo di fabbricazione porta con sé l'effetto inevitabile di scatenare un uragano di nanoparticelle contaminanti?

Quanti casi di danni cerebrali infantili e di autismo possono essere imputati alla contaminazione da nanoparticelle?

E infine, dove vengono prodotti questi vaccini contaminati? Lo studio di cui sopra non ha cercato di scoprirlo. Era al di fuori dello scopo della ricerca. È risaputo che, per esempio, nel caso degli Stati Uniti, i vaccini o i loro componenti, in molti casi, non sono prodotti a livello nazionale. Dove si colloca il controllo della sicurezza? In Cina, per esempio, dove ci sono stati numerosi scandali farmaceutici legati alla contaminazione dei prodotti?

L'establishment dei vaccini non mostra il minimo interesse a rispondere a nessuna di queste domande. Sono occupati a fingere che le domande non esistano.

Fidarsi dell'establishment sarebbe un suicidio.

https://blog.nomorefakenews.com/

 


 
Links Correlati
· Inoltre Salute
· News by cdcnet


Articolo più letto relativo a Salute:
MALATTIE NON DIAGNOSTICATE E GUERRA RADIOATTIVA


Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"Particelle metalliche in molti vaccini" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.