Home  ·  Downloads  ·  Iscrizione  ·  Top  ·  Archivio  ·  Argomenti  ·  Categorie  ·  RSS
Terrore e Guerre: Covid o non Covid, Bulldozer israeliano demolisce un asilo palestinese
Postato il 20/08/2021 di cdcnet

Palestina

Proprio mentre un nuovo anno scolastico sta iniziando, le forze israeliane demoliscono un asilo palestinese nuovo di zecca, citando, come al solito, "mancanza di permesso" nel contesto di un'occupazione che solo raramente dispensa permessi ai non ebrei.




Ripubblicato da Palestine News and Info Agency (WAFA), 17 agosto 2021

GERUSALEMME, martedì 17 agosto 2021 (WAFA) - Fonti locali hanno riferito che le autorità di occupazione israeliane hanno demolito oggi un asilo nella città di Beit Sfafa, a sud-ovest della città occupata di Gerusalemme.

Le fonti hanno detto a WAFA che le forze israeliane hanno scortato un bulldozer della municipalità di Gerusalemme nell'area di al-Safeh, dove il pesante macchinario ha demolito un asilo appartenente a Mohammad Jum'a.

L'asilo, adiacente alla casa della famiglia Jum'a, avrebbe dovuto aprire le sue porte con l'inizio del nuovo anno scolastico.

Usando il pretesto della costruzione illegale, Israele demolisce regolarmente le case per limitare l'espansione palestinese nella Gerusalemme occupata.

Allo stesso tempo, la municipalità e il governo costruiscono decine di migliaia di unità abitative negli insediamenti illegali di Gerusalemme Est per gli ebrei con l'obiettivo di compensare l'equilibrio demografico a favore dei coloni ebrei nella città occupata.

Anche se i palestinesi di Gerusalemme Est (una parte dei territori palestinesi riconosciuti a livello internazionale e soggetti all'occupazione militare israeliana dal 1967) si vedono negati i loro diritti di cittadinanza e sono invece classificati solo come "residenti" i cui permessi possono essere revocati se si allontanano dalla città per più di qualche anno.

Sono anche discriminati in tutti gli aspetti della vita, incluso l'alloggio, il lavoro e i servizi, e non possono accedere ai servizi in Cisgiordania a causa della costruzione del muro di separazione di Israele.

Secondo un rapporto del gruppo israeliano per i diritti umani B'Tselem, l'Alta Corte israeliana potrebbe essere responsabile di crimini di guerra per le sue politiche che hanno portato all'esproprio dei palestinesi dalle loro proprietà nell'Area C della Cisgiordania.

Il rapporto, Fake Justice, mostra che il sostegno della corte alla politica di pianificazione israeliana equivale al sostegno all'esproprio e al trasferimento forzato dei palestinesi, un crimine di guerra secondo il diritto internazionale.

https://israelpalestinenews.org/



 
Links Correlati
· Inoltre Palestina
· News by cdcnet


Articolo più letto relativo a Palestina:
LA LOBBY ISRAELIANA E LA POLITICA ESTERA DEGLI STATI UNITI (PARTE I)


Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"Covid o non Covid, Bulldozer israeliano demolisce un asilo palestinese" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.