Home  ·  Downloads  ·  Iscrizione  ·  Top  ·  Archivio  ·  Argomenti  ·  Categorie  ·  RSS
LA FRANCIA INSORGE CONTRO IL NUOVO FASCISMO
Postato il 19/07/2021 di cdcnet

Francia

"Anche il vaccino in sé non è più il problema, coloro che l'hanno già avuto si uniscono alle proteste".

“La gente si è svegliata – finalmente!” ha dichiarato Michelle, la  ribelle locale di  Gilet Gialli, mentre osservava la vasta folla che si radunava nella piazza principale di Montpellier nel sud della Francia.




È stata coinvolta nel movimento dei Gilet Gialli fin dall'inizio della rivolta popolare contro il regime di Macron nel novembre 2018.

Due anni fa, nell'aprile 2019, un altro Gilet Jaune  mi disse  nello stesso luogo, Place de la Comédie, che la Francia stava assistendo a "un punto di svolta nella storia".

Nonostante i vasti livelli di repressione militarizzata usati contro i Gilet Gialli, per non parlare della propaganda implacabile nei mass media, il movimento non ha mai abbandonato la lotta.

Solo l'"emergenza" della crisi Covid l'ha spinto, più o meno, fuori dalle strade.

Lo spirito di rivolta non è molto evidente in Francia dal marzo 2020, con la popolazione divisa e timorosa , come altrove.

Ma ora, con l'annuncio che serviranno i passaporti vaccinali per bar, ristoranti, centri ricreativi, centri commerciali e treni, qualcosa sembra essere scattato.

Gli argomenti su virus, maschere e blocchi ora sembrano meno rilevanti di fronte a questo agghiacciante assalto al più fondamentale dei diritti umani.

Anche il vaccino in sé non è più il problema, coloro che l'hanno già avuto si  uniscono alle proteste  contro le leggi totalitarie che entreranno in vigore il 1° agosto.

Sono rimasto impressionato dall'affluenza alla protesta in emergenza a Montpellier mercoledì 14 luglio, ma i numeri di sabato erano su una scala completamente diversa.

Anche le autorità della Prefettura hanno ammesso che in un caldo pomeriggio mediterraneo c'erano 5.000 per le strade.

La folla rappresentava uno spaccato molto ampio della popolazione locale. I Gilet Gialli avevano già iniziato questo processo di abbattimento delle vecchie divisioni politiche di "sinistra" e "destra" a favore di un'ampia lotta popolare contro l'élite di potere.

Ma il processo ora ha chiaramente fatto un ulteriore passo avanti  con un nuovo stato d'animo di unità ribelle che deve incutere paura nei cuori di Macron e dei suoi compari, per non parlare di Klaus Schwab  e dei tiratori di corde globali.

Il senso di questa possibilità è stato accresciuto dalla notizia che il ministro della Giustizia francese Eric Dupond-Moretti è  indagato per presunti “conflitti di interesse”.

“Non vogliamo il pass sanitario!” cantavano le migliaia a Montpellier. "Macron dimettiti!" "Resistenza!" “Libertà!”

Era la stessa immagine ovunque, con numeri enormi non solo a  Parigi, ma in tutta la Francia , come  si  propone questa compilation.

La gente è scesa in piazza ad Aix-en-Provence, Quimper, Annecy, Lione, Perpignan, Nizza, Metz, Lille, Digione, Caen, Tolosa, Reims, Saint-Brieuc, Pau, Strasburgo, Rouen, La Rochelle, Brest, Mulhouse, Bayonne, Narbonne, Saint-Étienne, Albi, Nîmes e La Réunion.

Hanno protestato a  ToloneMarsigliaBordeauxNantes e Rennes . I lacrimogeni sono stati usati sui manifestanti a  Besançon  ei manifestanti hanno bloccato una strada principale a  Chambéry .

La politica di divisione sembra fallire mentre il popolo francese si riunisce per difendere i principi di  libertéégalité  e  fraternité  su cui dovrebbe essere fondata la loro repubblica.

Mi sono imbattuto in un paio di amici anarchici durante la protesta e ho anche preso un volantino da un gruppo chiamato Arme Révolutionnaire Marxiste .

Questo condanna l'“Apartheid sanitaire” imposto dallo Stato: “Trattati come bestie impaurite, sempre più controllati, divisi e spogliati delle nostre libertà, siamo condannati dal potere ad un ulteriore sfruttamento.

“Ma questa volta la medicina del governo non va giù, siamo sempre di più a capire la realtà di questa messinscena medica , così come capiamo sempre meglio la truffa delle elezioni”.

Insiste Michelle dei Gilet Gialli: “Questo passaporto del vaccino non può passare. Non possiamo arrenderci”.

Slogan:

Disobbedienza! Non siamo codici QR.

"I nostri figli non sono cavie"

"Il mio corpo non appartiene alla medicina"

Sì alla libertà incondizionata

Per una scelta illuminata

66 milioni di uomini e donne possono ancora dire di no. Resisti! Non sei solo!

Abbasso la dittatura tecno-medica!

“Insieme, 'vaccinati' o no. No a intimidazioni, costrizioni, discriminazioni. Sì alla libera scelta, all'uguaglianza, alla fraternità”

Vaccinati o no, uniti e solidali per le nostre libertà!

Sei potente, agisci come tale.

Una bugia ripetuta mille volte diventa verità


Immagini manifestazione


Fonte: Winter Oak

https://anti-empire.com/


 
Links Correlati
· Inoltre Francia
· News by cdcnet


Articolo più letto relativo a Francia:
LA STORIA SEGRETA DE L'OREAL


Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"LA FRANCIA INSORGE CONTRO IL NUOVO FASCISMO" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.