Home  ·  Downloads  ·  Iscrizione  ·  Top  ·  Archivio  ·  Argomenti  ·  Categorie  ·  RSS
Imperialismo: Che siano Trump o Biden, gli europei sono ancora i vassalli dello zio Sam
Postato il 30/01/2021 di cdcnet

Europa

La presunzione di Biden di dire agli europei che il Nord Stream-2 è un cattivo affare mostra che alla fine si ritiene che gli europei non abbiano la sovranità quando si tratta di impostare la loro politica energetica.




L’Unione Europea ha ricevuto una scortese nota questa settimana che indica che dovrebbe esserci un nuovo presidente residente a Washington, ma è sempre la stessa politica americana di trattarli come vassalli.

Il presidente democratico Joe Biden potrebbe avere più finezza e sensibilità transatlantica rispetto al repubblicano Donald Trump. Ma la conclusione è che Biden si sente altrettanto autorizzato come il suo predecessore a trasmettere ordini agli europei come ad un branco di lacchè. Forse non con la stessa concisa retorica, ma comunque con lo stesso atteggiamento prepotente.

Questo era chiaro dalla dichiarazione dell’amministrazione Biden sul progetto di gas naturale Nord Stream-2 che dovrebbe essere completato tra Russia ed Europa. “Il presidente Biden pensa che questo sia un pessimo affare per l’Europa”, ha detto il portavoce della Casa Bianca Jan Psaki con un’aria di definitività sulla questione.

La nuova amministrazione sta studiando le modalità per attuare le sanzioni formulate dalla precedente amministrazione Trump che si rivolgeranno alle aziende europee coinvolte nella costruzione del progetto gas. Dopo un anno di lavori sospesi a causa delle sanzioni americane, questa settimana è ripresa la costruzione del gasdotto Nord Stream-2 . Il progetto da 10 miliardi di euro che coinvolge 1.225 chilometri di tubazioni sotto il Mar Baltico dalla Russia alla Germania è stato completato per oltre il 95%. Sono ripresi gli ultimi chilometri di posa dei tubi nelle acque danesi dirette alla costa tedesca.

La nuova linea di fornitura Nord Stream raddoppierà il volume esistente di gas naturale consegnato dalla Russia alla Germania e al resto dell’Unione Europea. L’aumento del consumo di gas naturale più pulito è fondamentale per i piani tedeschi di allontanarsi dal carbone sporco e dall’energia nucleare. Il gas russo è anche molto più economico di fonti alternative come i piani degli americani di esportare gas naturale liquefatto trasportato attraverso l’Atlantico.

In effetti la Russia si è opposta alle sanzioni americane sul Nord Stream-2 sulla base del fatto che Washington sta cercando di rafforzare le decisioni commerciali usando strumenti politici. (Questo per quanto riguarda il capitalismo di libero mercato americano!)

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha ribadito l’impegno del suo governo a portare a termine il progetto Nord Stream-2. I consorzi commerciali tedeschi hanno anche sottolineato l’importanza strategica di garantire forniture energetiche di gas a prezzi accessibili per la futura crescita economica. I costi energetici sono fondamentali per l’economia tedesca guidata dalle esportazioni e per mantenere basse le bollette dei consumatori.

Nord Stream 2

Questo impegno tedesco è nonostante la controversia sulla figura dell’opposizione russa Alexei Navalny, che è stato trasportato in Germania lo scorso agosto sostenendo di essere stato avvelenato dal Cremlino in uno stravagante complotto di omicidio. Il Cremlino ha categoricamente respinto le affermazioni come una provocazione deliberata, suggerendo il coinvolgimento dell’intelligence occidentale nel tentativo di destabilizzare la Russia.
Navalny era rimasto in Germania per quasi cinque mesi come ospite de facto del governo di Berlino. Al suo ritorno a Mosca il 17 gennaio, è stato arrestato per violazioni della sua licenza di libertà condizionale per una condanna sospesa per una condanna per frode passata.

La Merkel e altri politici tedeschi hanno sicuramente fornito a Navalny molto sostegno dei media per le sue accuse infondate contro il Cremlino. La loro indulgenza verso accuse così provocatorie è certamente un disprezzo spregevole per la sovranità e le leggi della Russia, elevando un dubbio da diffamazione sull’ufficio del presidente Vladimir Putin.

Tuttavia, i tedeschi non sono così stupidi. Sanno benissimo che abbandonare Nord Stream-2 equivale a spararsi su entrambi i piedi della loro economia . Quindi, nonostante la confusione su Navalny, Berlino si attacca al Nord Stream-2.

Entra Joe Biden. Il presidente presume di dire agli europei ciò che pensa sia buono o cattivo per loro. Un leader americano dall’altra parte dell’Atlantico sta gridando agli stati europei che prendere in consegna il gas economico dalla Russia “non è un buon affare”.

Naturalmente, gli americani devono mascherare i loro nudi interessi commerciali e strategici con la veste retorica che Washington è “solo” preoccupata per l’Europa che viene sfruttata dal ricatto politico russo se l’Europa dipende da Mosca per le forniture di gas. La conclusione è che la Russia potrebbe chiudere le linee del gas ogni volta che è politicamente opportuno. Questa visione cinica si basa sulla russofobia oscura, e in ogni caso da un punto di vista legale e contrattuale non sarebbe plausibile.

Biden contro il gas russo

L’arrogante opposizione di Biden al Nord Stream-2 non è solo una continuazione della politica dell’amministrazione Trump. Nelle ex amministrazioni Obama (2008-2016) in cui Biden è stato vicepresidente, era politica anche opporsi all’ambizioso progetto del gas, avviato nel 2011.

Con Trump, la maggior parte dei leader europei finì per detestare i suoi modi sfacciati e rozzi. Esibendo il suo slogan America First, Trump ha intimidito gli europei per le presunte tariffe commerciali ingiuste e per il presunto rallentamento degli impegni di spesa militare verso la NATO. Solo la Polonia e gli stati baltici con governi filo USA di destra sembrano aver avuto alcun favore per Trump che ammiravano per le sue sanzioni anti-russe sul Nord Stream-2.

Ora con Biden alla Casa Bianca, vari leader europei hanno espresso sollievo e caloroso benvenuto al nuovo presidente che parla apertamente di rinnovare e rafforzare l’alleanza transatlantica. La convinzione implicita è che Biden apprezzi gli alleati europei in un modo che il volgare Trump non ha fatto.

Qualsiasi idea di un ritrovato apprezzamento americano per gli alleati europei dovrebbe essere respinta. La presunzione di Biden di dire agli europei che il Nord Stream-2 è un cattivo affare mostra che alla fine si ritiene che gli europei non abbiano la sovranità quando si tratta di impostare la loro politica energetica. Lo zio Sam, come sempre, sa cosa è meglio per i suoi piccoli vassalli europei.
Questo dimostra che un presidente a Washington, quale che sia, non cambia l’impostazione egemonica ed arrogante degli USA verso il suoi vassalli europei (n.d.r.).


Finian Cunningham

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

https://www.controinformazione.info/


 
Links Correlati
· Inoltre Europa
· News by cdcnet


Articolo più letto relativo a Europa:
LA VERITA' SULLA SECONDA GUERRA MONDIALE


Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"Che siano Trump o Biden, gli europei sono ancora i vassalli dello zio Sam" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.