Home  ·  Downloads  ·  Iscrizione  ·  Top  ·  Archivio  ·  Argomenti  ·  Categorie  ·  RSS
Gli Anglo-Sionisti stanno cercando di provocare una guerra con l'Iran
Postato il 02/12/2020 di cdcnet

Iran

Non c’è davvero nulla di particolarmente complicato in ciò che è appena accaduto: gli Anglo-Sionisti hanno assassinato un importante scienziato iraniano nella speranza che questo omicidio inneschi una guerra. Gli iraniani hanno promesso una ritorsione, ma non hanno intrapreso alcuna azione, almeno finora.




Dal momento che ci sono quelli che concluderanno inevitabilmente che “l’Iran non può fare nulla”, o “l’Iran ha paura” o anche “L’Iran dovrebbe attaccare Israele”, tutto ciò che voglio fare oggi è menzionare alcune cose fondamentali sulla deterrenza e la ritorsione. Cominciamo dalla prima: la deterrenza.

Deterrenza: ci sono due modi fondamentali per scoraggiare un nemico: negazione e punizione. Il primo caso è infinitamente più desiderabile del secondo. Perché? Negare significa semplicemente che puoi contrastare i piani di attacco del tuo nemico impedendogli di raggiungere il successo. Questo è ciò che fa un sistema di difesa aerea: distrugge il missile in arrivo prima che raggiunga il bersaglio.

Nel nostro caso, sarebbe stata eseguita un’efficace strategia di diniego proteggendo efficacemente Mohsen Fakhrizadeh e la sua famiglia da eventuali attacchi. È chiaro che gli iraniani hanno fallito miseramente in questo compito. Francamente, devo dire che non trovo alcuna scusa possibile per questo: tutti sapevano da anni che Mohsen Fakhrizadeh era sulla lista dei bersagli israeliani, quindi le autorità iraniane hanno avuto anni per prepararsi a difenderlo completamente. In verità, non è così difficile come sembra. Eppure, tutto ciò che apparentemente hanno fatto, è stato fornirgli due guardie del corpo e quella che a me sembra un’auto non blindata. È anche ovvio che gli attaccanti sapevano esattamente dove sarebbe passata la sua macchina e quando. Ancora una volta, questo è semplicemente imperdonabile. Se i servizi antiterrorismo e di controspionaggio iraniani sono così sciatti, significa che ci sono molti altri funzionari iraniani chiave che potrebbero essere uccisi in futuro. In conclusione: gli iraniani hanno dimostrato di non essere in grado di negare.

Si spera che ora abbiano imparato la lezione e che specialisti più competenti e determinati saranno ora incaricati di proteggere le figure chiave iraniane.

Ancora peggio è la fortissima possibilità che alcuni funzionari iraniani possano essere stati reclutati dagli Anglo-Sionisti per assistere nell’esecuzione del piano di assassinio. Mai dire mai, ma credo fermamente che tali omicidi non siano possibili senza complici locali. Ancora una volta, questa è una domanda alla quale i servizi di sicurezza iraniani dovranno non solo rispondere, ma anche essere ritenuti responsabili!

Se gli iraniani non sono in grado di negare, significa che la loro unica opzione per scoraggiare tali attacchi è la punizione.

Gli iraniani possono punire gli Stati Uniti e/o Israele?

Sì, certo che possono, ma solo a rischio di fare esattamente ciò che gli Anglo-Sionisti vogliono ottenere: dare all’Impero un pretesto per la guerra o, perlomeno, un attacco non simbolico alle principali strutture iraniane (e, possibilmente, funzionari).

Il fattore chiave da considerare qui è che la forza aggregata dell’Iran è ancora molto più debole della forza aggregata dell’Impero Anglo-Sionista. Piaccia o no, ma questo è un dato di fatto. Anche Russia e  Cina sono globalmente più deboli dell’Impero, quindi condividono tutte lo stesso problema: come scoraggiare chi è più forte di te?

In effetti, ci sono opzioni diverse dalla risposta immediata all’attacco.

Un’opzione è ciò che la CIA chiama “negabilità plausibile” (l’equivalente russo sarebbe “assicurati che le tue orecchie non sporgano”): ti assicuri che non ci sia modo di dimostrare di aver intrapreso alcuna azione. Ciò può essere fatto utilizzando parti terze e/o operazioni segrete.

[Nota a margine: ho letto che gli iraniani hanno ucciso due degli aggressori e ne hanno catturato uno vivo; se questo è vero, scommetto che questi terroristi non erano né statunitensi né israeliani, ma locali, ovvero terroristi assunti in Iran, o altrove nel Medio Oriente. È così che opera sempre la CIA, basta ricordare come si è impegnata in una campagna di autobombe in Libano [in inglese] in cui le risorse locali della CIA venivano utilizzate per piazzare le bombe. Come loro tipica modalità, questi attacchi hanno provocato 83 morti e centinaia di feriti, ma hanno mancato l’obiettivo prefissato: Muhammad Husayn Fadlallah].

Un’altra opzione è quella che potrebbe essere chiamata “ritorsione con mille tagli” – questo è ciò che gli iraniani stanno facendo agli Stati Uniti in Iraq: le forze filo-iraniane attaccano regolarmente le forze e le posizioni statunitensi, ma sempre al di sotto della soglia oltre la quale gli Stati Uniti devono intraprendere un’azione pubblica importante. Questo approccio può essere riassunto così: “sicuramente non inizierai una guerra su vasta scala solo per un incidente relativamente minore, giusto?”. Mantieni gli “incidenti” abbastanza “minori” e il tuo nemico sarà frustrato e incapace di articolare una risposta adeguata, soprattutto nel tempo.

Parliamo ora del tempo. Si dice che “la vendetta sia un piatto da servire freddo”. Questo è vero! Quando gli Anglo-Sionisti eseguono un’operazione segreta ad alto rischio, tipicamente cercheranno di portare le loro forze in uno stato di prontezza più elevato in caso di un attacco di ritorsione palese. Ma ecco il problema: nessuna forza o struttura può rimanere per sempre in massima allerta. È troppo costoso, troppo complicato, troppo deleterio per le normali operazioni e, infine, si insinua sempre una forma o un’altra di noia. Ancora meglio, chi ha attaccato per primo, prima o poi concluderà che “abbiamo schivato quel proiettile” o “non hanno osato attaccarci”, tira un sospiro di sollievo e riprende le normali attività.

Successivamente, viene il luogo: se sei la parte più debole ma vuoi vendicarti, non solo farai molto meglio a farlo dopo che è trascorso abbastanza tempo affinché il tuo avversario abbassi la guardia, puoi anche scegliere di vendicarti molto lontano da dove sei stato attaccato. Nel nostro caso, ciò significa che poiché gli Anglo-Sionisti hanno commesso il loro atto terroristico in piena vista, non è necessario che tu faccia la stessa cosa. Colpiscili da qualche parte il più lontano possibile dal loro territorio nazionale. La buona notizia è che l’Impero Anglo-Sionista ha un’impronta planetaria. E, ancora meglio, l’Impero è davvero già morto e incapace di mantenere un alto stato di prontezza in tutto il mondo. In poche parole, ci sono *molti* bersagli molto facili là fuori, è abbastanza facile sceglierne uno.

Tenete presente che non bisogna vendicarsi in natura. Se uccidono uno dei tuoi scienziati questo non significa affatto che tu debba uccidere uno dei loro: ci sono molti luoghi aperti alla ritorsione che non richiedono affatto l’uccisione di qualcuno: puoi vendicarti economicamente, politicamente e puoi anche scegliere di vendicarti contro qualsiasi colonia statunitense/israeliana (ce ne sono ancora in abbondanza). Come?

Ad esempio, gli iraniani potrebbero vendicarsi contro qualsiasi cosiddetto “alleato” statunitense o israeliano in Medio Oriente, e anche altrove. Ricordate, l’enorme impronta dell’Impero lo rende indifendibile, e l’attuale caos politico negli Stati Uniti potrebbe essere esattamente ciò di cui alcuni di questi cosiddetti “alleati” hanno bisogno per cercare di sfuggire al controllo statunitense/israeliano.

In verità, l’Iran ha tantissime opzioni!

Sì, probabilmente l’Iran non eseguirà un’azione di ritorsione immediata e pubblica simile a quanto accaduto dopo l’omicidio del Generale Soleimani. Perché? Perché non deve! Il punto principale del contrattacco iraniano era mostrare al mondo, e in particolare ai decisori statunitensi, che la posizione degli Stati Uniti in Medio Oriente lo rende estremamente vulnerabile agli attacchi missilistici iraniani. Non hanno bisogno di farlo di nuovo. In effetti, se la logica o il contrattacco iraniano fosse quello di mostrare che gli Stati Uniti e Israele la pagheranno carissima in caso di attacco su vasta scala, sarebbe del tutto illogico e controproducente fare ora esattamente ciò che potrebbe innescare un tale attacco.

Penso che possiamo essere assolutamente sicuri che l’Iran si vendicherà per gli omicidi di Soleimani e Fakhrizadeh, ma la mia ipotesi è che questa ritorsione sarà “servita fredda” e, probabilmente, in modo asimmetrico. Questo non ha nulla a che fare con le “paure” o le “debolezze” iraniane, e tutto a che fare con il fatto che gli iraniani sono degli strateghi superbi.

Il Saker

PS: coloro che sono interessati alle operazioni segrete iraniane potrebbero esaminare il Volo Pan Am 103, e come gli iraniani hanno usato gli esuli iracheni per deviare l’attacco Anglo-Sionista pianificato contro l’Iran verso il loro nemico mortale della porta accanto: l’Iraq di Saddam Hussein. Semplicemente non ho il tempo materiale per scrivere su questo ora, ma seguite le indicazioni e potrete scoprire da soli cos’è successo realmente.

*****

Pubblicato su The Saker.is il 28 novembre 2020
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.


 
Links Correlati
· Inoltre Iran
· News by cdcnet


Articolo più letto relativo a Iran:
BOMBE NUCLEARI SFONDA-BUNKER CONTRO L'IRAN: SIAMO IN PREDA ALLA FOLLIA


Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"Gli Anglo-Sionisti stanno cercando di provocare una guerra con l'Iran" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.