Home  ·  Downloads  ·  Iscrizione  ·  Top  ·  Archivio  ·  Argomenti  ·  Categorie  ·  RSS
Globalizzazione: Mondialismo: les jeux sont faits
Postato il 08/11/2020 di cdcnet

USA

Ormai i giochi sono fatti. Anche se Donald Trump rimane appeso alla speranza dei ricorsi legali, sono gli stessi commentatori repubblicani ad ammettere che le possibilità di capovolgere il risultato a proprio favore siano praticamente inesistenti. Per ribaltare la situazione infatti gli avvocati di Donald Trump dovrebbero riuscire a dimostrare che c’è stata una signficativa frode elettorale in almeno tre stati diversi: Pennsylvania, Nevada e Georgia. È sufficiente infatti la vittoria in uno qualunque di questi per permettere a Biden di raggiungere comunque la soglia vincente dei 270 delegati. Sarebbe come cercare di farsi annullare tre gol subiti in una volta sola. Basta che uno di questi venga convalidato, e la partita la vince l’avversario.




È infatti probabile che nei prossimi giorni, di fronte al percorso impervio dei ricorsi legali, gli stessi collaboratori di Trump convincano il presidente a lasciar perdere, e a fare finalmente il famoso discorso di concessione.

Come aveva predetto Nancy Pelosi, “indipendentemente dal conteggio dei voti di martedì [3 novembre], il 20 gennaio Joe Biden sarà insediato alla presidenza degli Stati Uniti”.

A questo punto vorrei proporre un paio di considerazioni aggiuntive.

1) L’equilibrio di potere degli Stati Uniti verrà deciso in modo definitivo soltanto il 5 di gennaio. È rimasta infatti aperta la corsa per il controllo del Senato. (Ricordiamo che ogni stato ha diritto di mandare a Washington due senatori, per cui 50 stati = 100 senatori). Nel caso della Georgia però, nessuno dei quattro candidati (due repubblicani e due democratici) è riuscito ad ottenere la maggioranza del 50% (il partito libertarian si è aggiudicato circa il 2% dei voti, lasciando ciascuno dei candidati principali al 49% circa). Secondo le leggi della Georgia, i quattro candidati (due repubblicani e due democratici) dovranno quindi giocarsi l’elezione al senato in un ballottaggio che avverrà il 5 di gennaio. Se per caso dovessero vincere ambedue i democratici, il partito di Joe Biden arriverebbe ad avere 50 senatori su 100. E quando c’è la parità in senato, il voto decisivo viene riservato al vicepresidente degli Stati Uniti, che in questo caso sarà Kamala Harris.

Con 50 senatori eletti quindi, il partito democratico avrebbe la cosiddetta supermajority, ovvero il controllo completo di camera, senato e presidenza. A quel punto l’agenda globalista potrebbe ripartire in modo sfrenato e inarrestabile. Se invece almeno uno dei due senatori georgiani restasse repubblicano, allora i repubblicani conserverebbero almeno il controllo del senato, e con esso una certa possibilità di limitare l’agenda del Deep State.

2) Il ruolo dei media è profondamente cambiato, nell’arco di pochissimo tempo. Nei giorni scorsi è successo un fatto che sarebbe stato considerato impensabile fino a qualche mese fa. Il presidente Trump ha iniziato a fare un discorso in diretta TV dalla Casa Bianca, ma dopo una ventina di secondi è stato interrotto dal commentatore della MSNBC, Brian Williams, che ha detto: “Ci troviamo costretti a interrompere il discorso del presidente, e a correggerlo, perché sta dicendo delle bugie”. In altre parole, il commentatore del telegiornale (la MSNBC è il “braccio armato” della corrente più liberal dei democratici) si è elevato contemporaneamente a giudice e a giustiziere del presidente. Invece di lasciarlo parlare, e poi eventualmente suggerire che “ciò che ha detto non risulta vero”, Williams (su ordini superiori, naturalmente) ha fatto che prendere in mano la situazione, e ha deciso lui di mettere a tacere quello che gli stessi americani definiscono “l’uomo più potente del mondo”.

E oggi è successo ancora di peggio. Durante una trasmissione della CNN, il conduttore Jake Tapper ha detto: “Il presidente Trump ha appena fatto delle nuove dichiarazioni, ma noi non le riportiamo perché sono false”.

Avevano iniziato Facebook e Twitter a decidere loro che cosa potesse dire o non dire il presidente, censurandolo come se fosse un troll qualunque, ed ora i grandi network televisivi hanno adottato lo stesso atteggiamento spudorato. Quello che fino ad un anno fa era una critica più o meno velata del presidente, oggi viene portata avanti come se fosse una cosa assolutamente normale e legittima, fatta alla luce del sole.

Hanno sdoganato la censura in tempo reale, e da qui sarà molto difficile tornare indietro.

Naturalmente, non ci verrà molto perché anche i nostri mezzibusti nazionali si sentano legittimati dai media americani a fare la stessa cosa, e importino anche da noi gesti di arroganza e di presunzione simili a questo. Aspettatevi presto un Mentana che dica, ad esempio: “Salvini ha fatto delle dichiarazioni contro il governo, ma noi abbiamo deciso di non riportarle, perché non corrispondono alla realtà”. Sono loro, i “media affidabili”, quelli che decidono cosa è vero e cosa no.

Anche questo è mondialismo. L’agenda ripartirà con grande violenza, su ogni fronte (quello mediatico in primis), e sarà sempre più difficile opporsi al suo avanzamento, sia nel cuore dell’impero che nelle tante colonie sparse per il mondo.

Massimo Mazzucco

https://www.luogocomune.net/


 
Links Correlati
· Inoltre USA
· News by cdcnet


Articolo più letto relativo a USA:
L'IMPERIALISMO STATUNITENSE ED IL SUO DOMINIO SULL'ASIA


Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"Mondialismo: les jeux sont faits" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.