Welcome to comeDonChisciotte.net

HOME - DOWNLOADS - TOP - ARCHIVIO - ARGOMENTI - CATEGORIE - RSS - LOGIN
 
 

 
  L'uomo (solo 0,01% degli esseri viventi) ha distrutto l'83% dei mammiferi
Postato il 11/06/2018 di cdcnet
 
 
  Animali e Ambiente

E’ uscita una recente ricerca sulla vita sulla Terra, che può lasciarci senza fiato. Rivela quanto sia piccola la nostra umanità, ma quanto sia stato sproporzionatamente grande l’impatto che gli esseri umani hanno prodotto sulla terra.

Il 60% dei mammiferi ormai è costituito da bestiame di allevamento. Nella foto : Allevamento di bovini nel Mato Grosso, in Brasile (Daniel Beltra / Greenpeace) .



Questa valutazione sulla vita del pianeta, rivela, allo stesso tempo, quanto sia insignificante l’Umanità comparandola con il suo impatto esercitato nel grande schema della vita terrestre.

Secondo questo studio, i 7,6 miliardi di persone che oggi vivono nel mondo rappresentano solo lo 0,01% di tutti gli esseri viventi, malgrado ciò, dagli albori della sua civiltà, l’umanità ha provocato la scomparsa dell’83% di tutti i mammiferi selvatici e della metà delle piante viventi, mentre domina su tutto il bestiame che serve all’alimentazione degli umani.

Questa ricerca è la prima stima completa sul peso percentuale esercitato da ciascuna classe di creature viventi e ribalta certi presupposti che finora ci avevano sempre accompagnato. In sintesi i batteri sono una forma di vita veramente importante – il 13% del totale – ma le piante oscurano tutto il resto e rappresentano l’82% di tutta la materia vivente. Tutte le altre creature, dagli insetti ai funghi, ai pesci e agli animali, costituiscono solo il 5% della biomassa mondiale.

Altra sorpresa è che la brulicante vita negli oceani – quella raccontata da tante serie televisive, come Blue Planet II  della BBC – rappresenta solo l’1% di tutte le biomasse. La stragrande maggioranza della vita si svolge sulla terra e una parte molto importante di questa vita – un ottavo – è formata dai batteri che vivono sepolti in profondità sottoterra.

“Non avrei mai creduto che non esistesse ancora una valutazione completa e ufficiale di tutte le diverse componenti della biomassa”, ha affermato il Prof. Ron Milo, del Weizmann Institute of Science di Israele, che ha diretto il lavoro, pubblicato negli atti del  National Academy of Sciences.

La ricerca rivela che il pollame allevato oggi rappresenta il 70% di tutti gli uccelli del pianeta, e che, quindi, solo il 30% degli uccelli sono ancora selvatici ed il quadro diventa ancor più desolante se guardiamo ai mammiferi: il 60% di tutti i mammiferi sulla Terra sono animali, per lo più bovini e suini, il 36% sono umani e solo il 4% sono animali selvatici.

“Questo è piuttosto sconcertante” – ha detto Milo – “perché nei documentari sugli animali selvatici, vediamo stormi di uccelli, di ogni tipo, in grande quantità, e poi quando invece siamo andati a fare una vera analisi completa, abbiamo scoperto che gli uccelli addomesticati sono molto di più di quelli che vivono liberi”.

Di tutti i mammiferi sulla Terra, il 96% sono bestie di allevamento e umani, mentre solo il 4% animali selvatici:
  • Il 60% sono bestiame
  • Il 36% sono umani
  • Il 4% sono mammiferi selvatici 

****

  • Il 70% degli uccelli sono polli ed altri volatili di allevamento
  • Il 30% sono uccelli selvatici

****

La distruzione dell’habitat selvaggio prodotta dall’agricoltura, dal disboscamento e dallo sviluppo (industriale)  ha portato all’inizio di quella che molti scienziati considerano la  sesta estinzione di massa della vita che si sta producendo nella storia della Terra da quattro miliardi di anni. Si è valutato che circa la metà degli animali esistenti sulla Terra si sia estinta negli ultimi 50 anni.

Ma solo il confronto del risultato di queste nuove stime con quello che esisteva prima che gli umani diventassero contadini stanziali e che poi cominciasse la rivoluzione industriale, rivela la vera portata di questo enorme declino.  E’ stata una sorpresa anche per gli scienziati rendersi conto che solo un sesto dei mammiferi selvatici sono sopravvissuti, dai topi agli elefanti. E dopo tre secoli di  caccia alle balene sono rimasti, negli oceani, solo un quinto dei mammiferi marini.

Da quando è cominciata la civiltà umana,  è scomparso  l’83% dei mammiferi selvatici
  • Si è estinto l’ 83% dei mammiferi selvatici
  • Si è estinto l’80% dei mammiferi marini
  • Si è estinto l’50% delle piante
  • Si è estinto il 15% dei pesci

“È qualcosa di veramente sorprendente, la sproporzione del posto che occupa l’Uomo sulla Terra” – ha detto Milo – “Quando faccio un puzzle con le mie figlie, di solito trovo un elefante accanto a una giraffa e accanto un rinoceronte. Ma se provo a rendere più realistico il modo di guardare il mondo, dovrei trovare una mucca accanto a una mucca accanto a una mucca e poi accanto a un pollo.”

Nonostante la supremazia assunta dall’umanità, in termini di peso, l’Homo sapiens sulla terra è ben piccola cosa. I virus, da soli, messi insieme hanno un peso percentuale combinato di tre volte superiore a quello degli esseri umani e così pure i vermi. I pesci sono 12 volte più delle persone e i funghi sono 200 volte di più.

Le piante rappresentano l’82% di tutte le biomasse del pianeta – 7.500 volte di più degli esseri umani

Comparando il totale della massa degli umani troviamo che i virus sono tre volte di più,  i vermi sono tre volte di più, i pesci 12 volte di più e insetti, ragni e crostacei 17 volte di più. Ma l’ impatto dell’uomo sul mondo della natura rimane immenso – ha detto Milo – particolarmente per le scelte alimentari: “Le nostre scelte alimentari hanno un enorme effetto sull’ habitat di animali, piante e altri organismi”.

“Spero che la gente prenda questo [lavoro] come uno strumento per guardare più realisticamente al mondo ed ai propri consumi” – ha detto – “Io non sono diventato vegetariano, ma per me l’impatto ambientale è entrato nel mio processo decisionale quando devo scegliere: che conviene – carne, pollo o tofu?”

I ricercatori hanno effettuato una stima sulla biomassa, mettendo insieme dati di centinaia di studi, che spesso hanno utilizzato tecniche moderne, come il telerilevamento satellitare che può scannerizzare grandi aree e rilevare il sequenziamento del DNA e che possono svelare la miriade di organismi che vivono nel mondo microscopico.

Hanno cominciato prendendo in esame la biomassa di una classe di organismi e poi hanno determinato in quali ambienti quel certo tipo di vita avrebbe potuto vivere in altre parti del mondo per creare un totale globale. Si è usato il carbonio come misura chiave e trovato che tutta la vita contiene 550 miliardi di tonnellate di questo elemento. I ricercatori, pur riconoscendo alcune sostanziali incertezze su certe stime, specialmente sui batteri che vivono nel substrato profondo della terra, sono convinti che il loro lavoro possa offrire una panoramica utile a molti.

Paul Falkowski, della Rutgers University, USA, che non ha partecipato alla ricerca, ha dichiarato: “Lo studio è, per quanto ne so, la prima analisi completa sulla distribuzione della biomassa di tutti gli organismi viventi sulla terra, inclusi i virus.”

“Ci sono due aspetti importanti messi in evidenza da questo studio: per prima cosa, gli umani sono estremamente efficienti nello sfruttamento delle risorse naturali ed hanno abbattuto, e in alcuni casi eliminato, i mammiferi selvatici per usarli come cibo o per piacere in quasi tutti i continenti. In secondo luogo, la biomassa delle piante terrestri domina in modo schiacciante su tutta la scala globale – e la maggior parte di queste biomasse si presenta sotto forma di piante”.

*****

Damian Carrington

Fonte :https://www.theguardian.com

Link : https://www.theguardian.com/environment/2018/may/21/human-race-just-001-of-all-life-but-has-destroyed-over-80-of-wild-mammals-study

21.04.2018

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org  e l’autore della traduzione Bosque Primario

 
 
  Links Correlati

· Inoltre Animali e Ambiente
· News by cdcnet


Articolo più letto relativo a Animali e Ambiente:
COMMERCIO DI PELLICCE IN CINA

 

  Article Rating

Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 

  Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 
 
"L'uomo (solo 0,01% degli esseri viventi) ha distrutto l'83% dei mammiferi" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
 
 


 
 
Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati
 
 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.