Home  ·  Downloads  ·  Login  ·  Top  ·  Archivio  ·  Argomenti  ·  Categorie  ·  RSS
L'INVASIONE BLOCCATA DI ERDOGAN ARRUOLA AL-QAIDA, EX-CLIENTE DELLA CIA
Postato il 08/02/2018 di cdcnet

Siria


L’invasione dei terroristi filo-turchi del territorio d’Ifrin controllato dai curdi in Siria non va bene. Solo pochi giorni prima l’esercito turco subiva la peggiore giornata, con otto morti. Sei uccisi quando un carro armato Leopard 2 di fabbricazione tedesca veniva colpito da un missile anticarro (Konkurs russo) facendone detonare le munizioni.



L’esplosione fu così grande che un altro soldato vicino fu ucciso assieme all’intero equipaggio di cinque uomini. Il numero ufficiale delle vittime di Ankara è ora di 16 morti e forse un centinaio di islamisti. Ciò significa che altre centinaia sono i feriti. Per queste perdite l’offensiva turca può vantare meno di 20 villaggi di confine tolti ai curdi (spesso quasi spazzati via dall’artiglieria). I turchi avanzavano da non meno di sette diversi punti, ma mai più di 6 chilometri, al massimo, dopo più di due settimane. Piuttosto che concentrare l’offensiva in pochi punti chiave e colpire duramente con un colpo decisivo, l’offensiva dei terroristi filo-turchi avveniva lungo tutto il fronte e tentava di avanzare dovunque in una sola volta, con risultati prevedibili. Forse l’effetto delle purghe militari di Erdogan dopo il colpo di Stato è stato maggiore di quanto pensato. Ciò che dovrebbe preoccupare i turchi è che i curdi non sembrano particolarmente impressionati dai loro sforzi, finora. Sono stati respinti, ma nonostante la schiacciante supremazia turca nell’artiglieria e nei corazzati, i curdi hanno potuto contrattaccare in numerosi luoghi e riprendersi un villaggio o una collina che avevano appena perso. Combattere per le proprie case gli da un morale superiore alla carne da cannone degli ex-ribelli filo-turchi.

Una cosa che l’offensiva turco-islamista ha ottenuto è stata annientare un antico tempio assiro di 3000 anni. Così, mentre Erdogan non ottiene alcuna grande vittoria sul campo, agisce proprio come gli islamisti più duri dello SIIL, che una volta sosteneva, cancellando l’inestimabile patrimonio culturale della Siria.
Turkey Untold@TurkeyUntold
Raid aereo turco distrugge ad Ayn Dara un tempio hittita, nel sito archeologico a sud di Ifrin.
16:54 – 27 gen 2018
Altre affermazioni sulla fama dell’offensiva “ramo d’ulivo” vedono gli islamisti mutilare il corpo di una combattente curda e filmare un curdo legato e bendato. Ma non preoccupatevi, forse l’impresa turca di Ifrin può ancora essere salvata, a tal fine la Turchia arruola gli infanticidi dell’Haraqat Nuradin al-Zinqi. Il gruppo fu salutato da Stati Uniti e dal Guardian come modello di “ribelli moderati” e ricevette sostegno adeguatamente ampio e PR. Ora è apertamente parte della coalizione HTS (Hayat Tahrir al-Sham) dominata da al-Qaida, ma è più famoso per un evento di due anni prima, quando i suoi uomini e capi si filmarono orgogliosamente decapitare un ragazzino palestinese del Campo profughi Handarat di Aleppo. (Il ragazzino fu accusato di “spionaggio” per conto della milizia palestinese filogovernativa Liwa al-Quds, a quanto pare meritando la decapitazione con un coltello da cucina dai lerci wahabbiti pesta mogli).
Il piano è che Zinqi colpisca da sud aggiungendosi alla pressione turca da nord, ovest ed est, ma non da Idlib occupata da al-Qaida. Bene, forse ciò cambierà le fortune dell’offensiva della Turchia, ma in realtà probabilmente ciò non succederà. Sarà necessario probabilmente che i soldati regolari turchi assumano anche l’incarico di fanteria. Ma almeno Zinqi tornerà ad esibirsi con questi tizi di nuovo:
Jenan Moussa@jenanmoussa
Che video questo…i ribelli filo-turchi presso Ifrin cantano la canzone jihadista “come abbiamo resistito a Groznij e in Dagestan. Come a Tora Bora. E ora Ifrin ci chiama”.

16:45 – 1 feb 2018

Invincibili? Non proprio: perché i carri armati Leopard tedeschi sono così vulnerabili

Sputnik, 06.02.2018


Alla fine della scorsa settimana, i miliziani curdi distruggevano un carro armato Leopard 2A4 dell’esercito turco, con un lanciamissili anticarro sovietico nel corso dell’operazione di Ankara contro i combattenti curdi in Siria. Perché una cosa del genere è accaduta al presunto “indistruttibile” carro armato tedesco? Gli esperti militari indicano il compartimento vulnerabile delle munizioni come punto debole del Leopard-2. “È stato dimostrato ancora una volta che i tanto propagandati Leopard-2 hanno un difetto fatale, poiché la maggior parte delle munizioni vine immagazzinata nella sezione anteriore sinistra con una debole blindatura su entrambi i lati“, scrivono gli specialisti del Centro di Strategia ed Analisi della Tecnologia della Russia dopo aver visto un video del Leopard distrutto pubblicato dai miliziani curdi, aggiungendo che i primi carri armati Leopard-2A4 distrutti dall’esplosione delle munizioni a bordo riguardavano i carri armati che l’esercito turco perse combattendo lo SIIL nei pressi di al-Bab, in Siria, nel dicembre 2016. Gli esperti ritengono che il Leopard presso Ifrin sia stato apparentemente distrutto da un lanciamissili anticarro Fagot, sviluppato in Unione Sovietica nei primi anni ’70, circa un decennio prima che comparissero i primi carri armati Leopard-2. Ankara ha lanciato l’offensiva col sostegno dell’esercito libero siriano sulla città d’Ifrin, controllata dai curdi, mirando a proteggere i propri confini da ciò che chiama “esercito terrorista”, riferendosi ai gruppi militanti curdi dell’area. L’operazione, soprannominata Ramo d’Ulivo, è contro le YPG sostenute dagli Stati Uniti, considerate da Ankara affiliate al Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), designato organizzazione terroristica in Turchia e molti altri Paesi. Damasco condannava l’operazione come cruda violazione dei suoi confini e delle leggi internazionali. La Russia esprimeva preoccupazione per la situazione umanitaria nella regione e chiedeva di preservare l’integrità territoriale della Siria.


Impiego dei missili anticarro ad Ifrin
Cassad, 6 febbraio 2018

Mappa che indica le aree in cui i curdi hanno colpito obiettivi turchi con missili anticarro.


21 gennaio, un PTRK “Konkurs” colpiva un “Leopard 2A4”
28 gennaio, una stazione di polizia di frontiera veniva colpita da un PTRK “Konkurs”
30 gennaio, un ATGM “Tufan” (missile anticarro iraniano) colpiva un “Leopard 2A4”
31 gennaio, un bulldozer, una stazione di polizia di frontiera e un bersaglio non identificato venivano colpiti da PTRK “Konkurs”
3 febbraio, un “Leopard 2A4“, un bulldozer e un carro armato non identificato (molto probabilmente M-60 Sabra) venivano colpiti da PTRK “Konkurs”
4 febbraio, una stazione di polizia di confine e un bulldozer venivano colpiti da PTRK “Konkurs“.



Marko Marjanovic, Checkpoint Asia 7 febbraio 2018

Traduzione di Alessandro Lattanzio

https://aurorasito.wordpress.com/


 
Links Correlati
· Inoltre Siria
· News by cdcnet


Articolo più letto relativo a Siria:
ULTIME NOTIZIE NON ALLINEATE SULL'AGGRESSIONE ALLA SIRIA (Luglio 2013)


Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"L'INVASIONE BLOCCATA DI ERDOGAN ARRUOLA AL-QAIDA, EX-CLIENTE DELLA CIA" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.