Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

  Moduli

· Home
· AvantGo
· Downloads
· Search
· Stories_Archive
· Top
· Web_Links
 

  Categorie

· Tutte le Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Chris Hedge

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· James Petras

· John Pilger

· John W. Whitehead

· Libri

· Michael Hudson

· Michel Chossudovsky

· Mike Whitney

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Paul Craig Roberts

· Pepe Escobar

· Peter Koenig

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Stephen Lendman

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

· Tony Cartalucci

· William Engdahl

 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

  Stat

 

 
  Imperialismo: TRUMP: SOLO UN'ALTRA TESTA DELL'IDRA AMERICANA
Postato il 16/04/2017 di cdcnet
 
 
  USA

Trump: solo un’altra testa dell’Idra americana Il militarismo americano sotto la presidenza di Donald Trump sta alzando la sua orribile testa come mai prima. Gli attacchi missilistici USA stanno massacrando la popolazione civile in Iraq e in Siria con una tale sete di sangue che sorprenderebbe anche l’osservatore più assuefatto.

I generali dell’esercito e James Mattis, il capo del Pentagono dell’amministrazione Trump, stanno chiedendo una maggiore potenza di fuoco statunitense da dispiegare in Yemen [in inglese], anche se il più povero paese nella regione araba è già stato devastato da due anni di aggressione saudita appoggiata da Washington.



L’ultima mossa è parte di una più ampia strategia americana [in inglese] per combattere ciò che Washington chiama “l’intromissione iraniana” nella regione.  Ironico che lo dica il più grande e distruttivo “ficcanaso” del pianeta.
Poi ovviamente c’è la rinnovata minaccia dell’uso della forza degli USA nel Pacifico asiatico nei confronti della Cina sulla disputa del Mare cinese, e della Corea del Nord [in inglese].

E non dimentichiamoci che Trump, pur avendo anche invocato  [in inglese] in precedenza relazioni amichevoli con la Russia, sembra essere una voce solitaria nella sua amministrazione. Il suo Vice Presidente Mike Pence, così come il Segretario della Difesa James Mattis e l’Ambasciatore di Trump alle Nazioni Unite Nikki Haley, hanno parlato tutti provocatoriamente di aggressione russa nei confronti dell’Europa.

Trump sta spingendo per  uno stanziamento economico folle per le forze armate (con un aumento di 54 miliardi di dollari l’anno cioè del +10%) su un già gigantesco budget di 600 miliardi di dollari l’anno.

L’amministrazione Trump sta anche allentando le restrizioni sull’esportazione delle armi in Arabia Saudita e in altre dittature del Golfo Persico, come il Bahrain. Tutti i dubbi che Washington possa aver pubblicamente espresso sulla questione dei diritti umani in quei regimi dispotici, sono stati superati dall’amministrazione Trump per promuovere spudoratamente la macchina da guerra americana.

 

Ma aspettate un attimo: Trump non aveva promesso un nuovo inizio quando si auto-promuoveva per la Presidenza? Durante la maggior parte della sua campagna elettorale per la Casa Bianca ha denunciato le disastrose guerre oltremare della sua rivale democratica Hillary Clinton e del suo predecessore Barak Obama.

 

A gennaio, nel suo discorso di insediamento dal sapore populista, Trump aveva detto che era finito il tempo in cui l’America imponeva il suo potere agli altri paesi nel mondo. Ha giurato di “make America great again[in inglese, “rendere di nuovo grande l’America”], focalizzando da quel momento in poi la sua economia sulla base della ricostruzione delle infrastrutture USA e ridando vigore alle comunità “dimenticate” e impoverite dell’America.
Ma per quanto riguarda il militarismo americano e gli interventi in paesi esteri, evidentemente siamo alle solite, solo aumentate. Per l’imperialismo americano non è semplicemente business come al solito: sotto Trump, la macchina da guerra USA sta ferocemente accelerando.
Si pensava che Trump fosse un “fuori casta[in inglese] per Washington, che avrebbe fatto le cose diversamente dalle amministrazioni precedenti. In particolare il magnate-diventato-politico aveva detto che avrebbe sfruttato il suo auto-dichiarato fiuto per gli affari per mettere l’America su una nuova strada di rinascita e di cooperazione internazionale.

E c’è il sospetto che così Trump abbia vinto sugli esperti di informazioni e sia stato eletto a novembre. I cittadini americani erano totalmente stufi di decenni di aggressività bellica [in inglese] e hanno votato Trump perché volevano un governo che desse priorità alle loro richieste di lavoro e servizi pubblici. E’ la ragione per cui molti di loro hanno rifiutato la Clinton e l’establishment politico americano, la cui politica estera era troppo spesso sinonimo di abuso su altri paesi attraverso la potenza militare americana.
Siamo solo a metà dei primi 100 giorni di Trump alla Casa Bianca ed è già brutalmente ovvio che l’elettorato americano è stato preso in giro da un ciarlatano. Militarismo, morte e distruzione americani stanno entrando in una nuova e sanguinosa fase. Dopata.
Trump ha confuso le categorie convenzionali della politica americana:  non era conservatore o liberale, e neppure una delle recenti incarnazioni, cioè neoconservatore e neoliberale. Invece, il miliardario agente immobiliare di New York si è presentato come “non-politico” e “uomo del popolo”.

 

Tutte queste presunte variazioni nella politica americana sono illusorie: sono solo teste diverse dello stesso mostro, l’imperialismo USA. Come l’Idra, la figura mitologica greca, il mostro americano è semplicemente un solo corpo con diverse teste che spuntano.

 

Il militarismo grottesco è come funziona l’idra americana. E’ una parte fondamentale e oversize del capitalismo americano: senza militarismo, l’economia americana appassirebbe e morirebbe;  similmente, senza guerre e distruzione, il militarismo americano si atrofizzerebbe.
Questa è la ragione per cui Trump e la sua nuova amministrazione contraddicono così tanto ciò che aveva detto in precedenza a proposito di mettere fine alle iniziative militari oltreoceano degli USA. Sotto le condizioni prevalenti del capitalismo americano –  che finanza le corporazioni con la generosità del contribuente [in inglese] – l’America non può essere altro che un mostro bellicoso.
Tutti gli indicatori indicano che la presidenza Trump sia la più militarista di tutti. E a causa della sua natura ambigua, questo presidente potrebbe anche rivelarsi  il più pericoloso.

Un ambito in cui Trump dava l’impressione di essere relativamente progressista, era il suo dichiarato desiderio di normalizzare le relazioni con la Russia e il suo presidente Vladimir Putin [in inglese]. “Non sarebbe bello se andassimo d’accordo con la Russia?” Trump aveva detto in precedenza, con una nuova sembianza di buon senso che lo aveva contraddistinto rispetto alla solita mentalità russofobica di Washington.
Tuttavia, anche su tale questione, le apparentemente amichevoli intenzioni di Trump si sono seriamente raffreddate. La continua campagna politica e mediatica negli Stati Uniti sulla presunte interferenze nelle elezioni presidenziali, sta gradualmente uccidendo ogni possibilità di normalizzazione tra le due superpotenze nucleari. E quindi Trump sembra aver ultimamente abbandonato le sue precedenti aperture verso Mosca.
Castrata l’amichevole politica di Trump verso la Russia sotto la pressione a cui è sottoposta, in pratica rimane un’amministrazione la cui principale caratteristica è militarismo, militarismo e ancora militarismo.

La spiacevole conclusione è quindi che il potere americano sia incorreggibile: il potere americano, comandato dalla logica capitalistica, è congenitamente guidato dalla guerra. La testimonianza della storia lo prova: dal 1776, durante i suoi 241 anni di esistenza come stato moderno, gli Stati Uniti sono stati in guerra per più del 95% del tempo.

 

Nessun altro paese dalla fine della Seconda Guerra Mondiale ha violato il diritto internazionale con tale regolarità e barbarismo. Nessun’altra nazione ha le mani così insanguinate per guerre, golpe, eversioni e sotterfugi come gli Stati Uniti di America.

 

Donald Trump può avere usato la retorica promettendo un nuovo, pacifico e prosperoso inizio per gli Americani, ma – come un tipico magnate affarista immobiliare – le sue parole si sono rivelate false.

Trump è solo un’altra testa spuntata sul corpo dell’idra americana.

Il processo elettorale tradizionale negli USA è evidentemente inutile, se si vuole arrivare ad un cambiamento reale per il meglio. La popolazione americana, guidata dalle necessità democratiche dell’ampia maggioranza lavorativa nel paese,  ha bisogno di insorgere, creare una nuova forma di politica e figurativamente uccidere la bestia del capitalismo americano. Per il loro bene e per quello del resto del mondo.

*****

Articolo di Finian Cunningham pubblicato da Sputnik il 31 marzo 2017.
Traduzione in italiano a cura di Elvia per SakerItalia

 
 
  Links Correlati

· Inoltre USA
· News by cdcnet


Articolo più letto relativo a USA:
L'IMPERIALISMO STATUNITENSE ED IL SUO DOMINIO SULL'ASIA

 

  Article Rating

Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 

  Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.