Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

 
  Stephen Lendman: LA GUIDA DI HARVARD SULLE FAKE NEWS: IL MODERNO "INDICE DEI LIBRI PROIBITI".
Postato il 20/03/2017 di cdcnet
 
 
  Internet e controllo

DI STEPHEN LENDMAN
globalresearch.ca

L’Index Librorum Prohibitorum era una lista di pubblicazioni ritenute eretiche, bandite dalla Chiesa cattolica.*

I genitori pagano $63.000 all’anno affinché i loro figli vengano così disinformati?

Dopo il colpo di stato ucraino del 2014, con l’instaurazione di una “dittatura democratica” guidata da due partiti neo-nazisti, Harvard ha espresso preoccupazione per una futura “aggressione russa”. Alcuni membri di facoltà hanno chiesto l’intervento militare degli Stati Uniti.

Non una parola sul golpisti appoggiati dagli USA. È stato il più sfacciato colpo di stato europeo dai tempi della marcia su Roma.

Nessuna spiegazione sullo schema orchestrato da Washington. Silenzio assoluto su una grave crisi, tuttora in corso, nel cuore dell’Europa. Trump ha ereditato i pasticci di Obama, ma non ha ancora detto la sua posizione sull’Ucraina.



Harvard ci casca di nuovo. La sua biblioteca ha pubblicato una guida su “false notizie, disinformazione e propaganda”.

Consiglia di consultare FactCheck.org, Politifact, Snopes.com, Washington Post Fact Checker e simili, siti che fanno censure e cestinano informazioni alternative.

Approva l’informazione sterile ed abbandona la libertà di pensiero.

Vengono dati “suggerimenti su come analizzare le fonti”. Bisogna ignorarli. La miglior guida è il buon senso: bisogna evitare i media di regime.

Sono pagati per mentire, le notizie importanti vengono soppresse.

Harvard ha pubblicato un elenco di centinaia di siti definiti “cospirazionisti”, “inaffidabili”, “falsi” e così via.

Quelli che conosco hanno fonti attendibili (al contrario dei mainstream media), tra cui:

21st Century Wire
Activist Post
Antiwar.com
Before Its News.com
Black Agenda Report
Boiling Frogs Post
Common Dreams
Consortium News
Corbett Report
Countercurrents
CounterPunch
David Stockman Contracorner
Fort Russ
Freedoms Phoenix
Global Research
The Greanville Post
Information Clearing House
Intellihub
Intrepid Report
Lew Rockwell
Market Oracle
Mint Press News
Moon of Alabama
Naked Capitalism
Natural News
Nomi Prins
Off-Guardian
Paul Craig Roberts
Pravda.ru
Rense
Rinf
Ron Paul Institute
Ruptly TV
Russia-Insider
Sgt Report
ShadowStats
Shift Frequency
SJLendman.blogspot.com – la mia alma mater (Harvard) raccomanda di evitare i miei articoli, pubblicati ogni giorno
Solari
Sott.net
South Front
Sputnik News
Strategic Culture.org
The Anti-Media
The Duran
The Intercept
The People’s Voice
The Saker
The Sleuth Journal
Third World Traveler
Voltairenet
What Really Happened
Who What Why
WikiLeaks
Zero Hedge

Questi e altri siti che la biblioteca di Harvard dice di evitare sono quelli su cui i lettori dovrebbero contare – evitando New York Times, Washington Post, CNN e altri spacciatori di notizie false.

 

Stephen Lendman

Fonte: www.globalresearch.ca

Link: http://www.globalresearch.ca/harvards-fake-guide-to-fake-news-sites-americas-21st-century-index-librorum-prohibitorum/5579697

14.03.2017

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di HMG

 

* Grendler, Paul F. “Printing and censorship” in The Cambridge History of Renaissance Philosophy, Charles B. Schmitt, ed, Cambridge University Press, 1988, pp. 45–46. Quoted by Wikipedia.

Altre letture di interesse:

CROCIATA ANTI BUFALA: SITUAZIONE TRAGICA MA NON SERIA

OFFENSIVA POLITICO-MEDIATICA CONTRO I SITI DI CONTRO-INFORMAZIONE


LA MORTE DI INTERNET LIBERO E' IMMINENTE

UN PIANO SEGRETO PER UCCIDERE INTERNET ENTRO IL 2012?

INTERNET CENSURATO

THE WAR AGAINST ALTERNATIVE INFORMATION



 
 
  Links Correlati

· Inoltre Internet e controllo
· News by cdcnet


Articolo più letto relativo a Internet e controllo:
GLI RFID E LA FINE DELLA DEMOCRAZIA

 

  Article Rating

Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 

  Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.