Home  ·  Downloads  ·  Iscrizione  ·  Top  ·  Archivio  ·  Argomenti  ·  Categorie  ·  RSS
LA LOBBY ISRAELIANA E LA POLITICA ESTERA DEGLI STATI UNITI (PARTE II)
Postato il 05/04/2006 di cdcnet

Palestina DI JOHN MEARSHEIMER E STEPHEN WALT

Nell’autunno del 2001, e soprattutto nella primavera del 2002, l’amministrazione Bush tentò di porre un freno al dilagante sentimento antiamericano nel mondo arabo e di evitare che alcuni paesi sostenessero gruppi terroristici come Al-Quaeda, mettendo dei limiti alla politica israeliana di espansione nei Territori Occupati e cercando di favorire la creazione di uno stato palestinese. Bush aveva a disposizione mezzi di persuasione molto efficaci. Avrebbe potuto minacciare Israele di limitare il sostegno economico e diplomatico, e quasi tutta l’opinione pubblica negli Usa sarebbe stata certamente dalla sua parte. Un sondaggio del maggio 2003, riportò che più del 60 per cento degli statunitensi era d’accordo nel bloccare gli aiuti se Israele si fosse rifiutato di interrompere il conflitto, e la percentuale saliva al 70 per cento fra le persone “politicamente attive”. Inoltre, il 73 per cento era convinto che gli Usa non dovessero favorire nessuna delle due parti.

Non essendo Washington riuscita a cambiare la politica di Israele, ha finito col sostenerla. Nel tempo, l’amministrazione ha anche adottato le stesse giustificazioni di Israele per legittimare le sue posizioni, così la retorica statunitense è diventata un’imitazione di quella israeliana. Nel febbraio 2003, un titolo del Washington Post riassumeva così la situazione: “Bush e Sharon, politica quasi identica in Medio Oriente”. La principale ragione di questa svolta sta nella Lobby.

La storia inizia alla fine di settembre del 2001, quando Bush esortava Sharon a mostrare una certa moderazione nei Territori Occupati. Inoltre faceva pressioni affinché permettesse al ministro degli Esteri Shimon Peres di incontrare Yasser Arafat, nonostante anche Bush fosse decisamente critico nei confronti della condotta del leader palestinese. Il presidente Usa arrivò perfino a dichiarare di essere favorevole alla costituzione di uno stato palestinese. Allarmato, Sharon lo accusò di cercare di “placare gli arabi a nostre spese”, avvertendo che “Israele non è la Cecoslovacchia.”

Bush s’infuriò all’idea di essere stato paragonato a Chamberlain, e l’ufficio stampa della Casa Bianca definì le parole di Sharon “inaccettabili”. Sharon presentò delle formali scuse di facciata, e subito dopo iniziò a collaborare con la Lobby per persuadere il governo e il popolo statunitense che Usa e Israele si trovavano a fronteggiare una comune minaccia terroristica. Funzionari del governo israeliano e rappresentanti della Lobby insistettero sul fatto che non c’era nessuna differenza fra Arafat e Osama bin Laden: Usa e Israele avrebbero dovuto isolare il leader palestinese in modo da non avere più niente a che fare con lui.

La Lobby si mise anche al lavoro all’interno del Congresso. Il 16 novembre, 89 senatori inviarono a Bush una lettera, pregandolo di rifiutarsi di incontrare Arafat, ma chiedendo anche che gli Stati Uniti non limitassero Israele nelle sue rappresaglie contro i palestinesi; l’amministrazione, recitava il documento, deve dichiarare pubblicamente di essere al fianco di Israele. Secondo il New York Times, quella lettera “era figlia” di un meeting che aveva avuto luogo due settimane prima, fra “i capi della comunità ebraica statunitense e importanti senatori”, aggiungendo che l’AIPAC era stata “particolarmente attiva nel dispensare consigli riguardo alla lettera.”

A fine novembre, le relazioni fra Washington e Tel Aviv erano decisamente migliorate, in parte grazie agli sforzi della Lobby, e in parte grazie all’iniziale vittoria degli Usa in Afghanistan, che diede agli Stati Uniti la fallace sensazione di non aver bisogno del sostegno arabo nella guerra contro Al-Quaeda. Sharon andò in visita alla Casa Bianca ai primi di dicembre, ed ebbe con Bush un incontro molto amichevole.

Nell’aprile del 2002 iniziarono di nuovo i guai, quando l’esercito israeliano lanciò l’Operazione Scudo Difensivo e riassunse il controllo di praticamente tutte le maggiori aree palestinesi nella Cisgiordania. Bush sapeva che le azioni di Tel Aviv avrebbero danneggiato l’immagine degli Stati Uniti nel mondo islamico e reso più difficoltosa la guerra al terrorismo, così chiese a Sharon di “bloccare le incursioni e iniziare il ritiro delle truppe.” Il messaggio fu sottolineato due giorni più tardi, quando ribadì la richiesta di un “ritiro immediato” da parte delle truppe israeliane. Il 7 aprile, Condoleezza Rice, allora consigliere per la sicurezza nazionale di Bush, disse ai giornalisti: “Immediato significa immediato. Significa subito.” Lo stesso giorno, Colin Powell partì per il Medio Oriente per convincere le due parti ad interrompere i combattimenti e dare il via ad un negoziato di pace.

Israele e la Lobby si misero immediatamente in azione. Funzionari filo-israeliani dell’ufficio del vicepresidente e del Pentagono, ed esperti neoconservatori come Robert Kagan e William Kristol, misero pressione su Powell. Lo accusarono perfino di aver “dimenticato la differenza fra i terroristi e chi combatte contro i terroristi”. Bush stesso era manovrato da capi ebraici e cristiani evangelici. Soprattutto Tom DeLay e Dick Armey furono molto convincenti riguardo alla necessità di sostenere Israele, e DeLay e Trent Lott, leader di minoranza al Senato, si recarono alla Casa Bianca per intimare a Bush di fare marcia indietro.

Il primo indizio sul fatto che Bush stesse tornando sui suoi passi comparve l’11 aprile – una settimana dopo che aveva intimato a Sharon di ritirare le sue truppe –, quando l’ufficio stampa della Casa Bianca fece sapere che il presidente riteneva Sharon “un uomo di pace”. Bush ribadì pubblicamente il concetto in occasione del ritorno di Powell dalla sua fallimentare missione, e raccontò ai giornalisti di aver avuto da Sharon risposte soddisfacenti in merito alla sua richiesta di un totale e immediato ritiro delle truppe. Sharon ovviamente non aveva fatto nulla del genere, ma Bush non era più disposto ad affrontare la questione.

Nel frattempo, anche il Congresso si preparava a prendere la stessa direzione. Il 2 maggio, incurante delle obiezioni dell’amministrazione, approvò due risoluzioni che riaffermavano il pieno supporto ad Israele (il risultato delle votazioni al Senato fu di 94 a 2; alla Camera, 352 a 21). Entrambe le risoluzioni stabilivano che gli Stati Uniti “offrivano piena solidarietà ad Israele”, e che i due paesi, per citare i documenti, “erano ora impegnati in una comune battaglia contro il terrorismo.”. La versione della Camera di quel documento, condannava anche “la coordinazione e il continuo sostegno ai gruppi terroristici offerto da Yasser Arafat”, dipinto come la colonna portante del sistema terroristico. Entrambe le risoluzioni furono redatte con l’aiuto della Lobby. Alcuni giorni dopo, una delegazione bipartisan del Congresso in missione in Israele, dichiarò che Sharon avrebbe resistito alle pressioni statunitensi per un negoziato con Arafat. Il 9 maggio, apposite sottocommissioni della Camera si riunirono per esaminare l’ipotesi di finanziare Israele con 200 milioni di dollari extra, con lo scopo di combattere il terrorismo. Powell era contrario, la Lobby era favorevole, e Powell perse.

In breve, Sharon e la Lobby hanno sfidato il presidente degli Stati Uniti, e ne sono usciti da trionfatori. Hemi Shalev, un giornalista del quotidiano israeliano Ma’ariv, ha riferito che l’entourage di Sharon “non riuscì a nascondere la soddisfazione per il fallimento della missione di Powell. Sharon guardò il presidente Bush negli occhi, fece lo sbruffone, e il presidente abbassò lo sguardo per primo.” Ma furono i difensori di Israele negli Usa a giocare un ruolo fondamentale nella sconfitta di Bush, non Sharon o il governo di Tel Aviv.

Da allora, la situazione è leggermente cambiata. L’amministrazione Bush ha continuato a rifiutare ogni contatto con Arafat. Dopo la sua morte, ha appoggiato il nuovo leader palestinese, Mahmoud Abbas, facendo però ben poco per aiutarlo. Sharon ha continuato a sviluppare il suo piano per imporre unilateralmente ai palestinesi un accordo, basato sul “disimpegno” da Gaza, e sulla contemporanea continua espansione nella Cisgiordania. Rifiutandosi di trattare con Abbas, e rendendogli dunque impossibile mostrare al popolo palestinese progressi tangibili, Sharon ha di fatto contribuito all’arrivo al potere di Hamas. Comunque, con la vittoria elettorale di Hamas ora Israele ha un’altra ottima scusa per non trattare. Il governo Usa ha sostenuto l’operato di Sharon (e ora del suo successore, Ehud Olmert). Bush ha persino approvato l’annessione unilaterale dei Territori Occupati, ribaltando le consuetudini politiche di tutti i presidenti, da Lyndon Johnson in poi.

I governanti statunitensi hanno blandamente criticato alcune azioni israeliane, ma nello stesso tempo hanno fatto davvero poco per contribuire alla creazione di una vera nazione palestinese. L’ex consigliere per la sicurezza nazionale Brent Scowcroft, nell’ottobre del 2004, ha detto: “Sharon riesce a manipolare Bush come e quando vuole.” Se Bush cercasse di prendere le distanze da Israele o addirittura criticarne l’operato nei Territori Occupati, si troverebbe a dover fare i conti con l’ira della Lobby e dei suoi esponenti al Congresso. Anche i candidati presidenziali democratici sanno che questo è inevitabile, ragion per cui John Kerry nel 2004 si è premurato di ostentare incondizionato supporto ad Israele, e lo stesso sta facendo oggi Hillary Clinton (nella foto).

Una politica a favore degli israeliani e contraria ai palestinesi, è in cima alle preoccupazioni della Lobby, ma le sue ambizioni non si fermano qui. Vuole anche che gli Stati Uniti aiutino Israele a rimanere la potenza dominante nella regione. Il governo di Tel Aviv e i gruppi ebraici statunitensi agiscono in collaborazione per plasmare la politica Usa nei confronti di Iraq, Siria e Iran, secondo un grande progetto di riordino del Medio Oriente.

Le pressioni da parte di Israele e della Lobby non sono state l’unico fattore che ha determinato l’attacco all’Iraq nel 2003, ma sicuramente uno dei più importanti. Alcuni pensano che questa guerra sia stata fatta per il petrolio, ma non esiste nessuna prova diretta a supporto di questa tesi. La guerra è invece stata motivata soprattutto dal desiderio di rendere lo stato di Israele più sicuro. Secondo Philip Zelikow, ex membro del Foreign Intelligence Advisory Board (un organo consultivo per le questioni strategiche insediato presso la Casa Bianca. N.d.T.), direttore esecutivo della commissione che indaga sui fatti dell’11 Settembre, e attualmente consigliere di Condoleezza Rice, la “vera minaccia” dell’Iraq non era diretta agli Stati Uniti. La “minaccia sottintesa” era “nei confronti di Israele”, ha detto Zelikow in un discorso all’Università della Virginia nel settembre del 2002. “Il governo degli Stati Uniti”, ha aggiunto, “non vuole esporsi troppo, perché la questione non è una delle più popolari”.

Il 16 agosto del 2002, 11 giorni prima che Dick Cheney desse inizio alla guerra con un discorso intransigente ai Veterani di Guerra, il Washington Postriportò che “Israele esortava gli ufficiali statunitensi a non rimandare oltre un attacco militare contro l’Iraq di Saddam Hussein”. A questo punto, secondo Sharon, la coordinazione strategica fra Israele e Stati Uniti aveva raggiunto “una dimensione senza precedenti”, e ufficiali dei servizi segreti israeliani fornivano a Washington una grande quantità di preoccupanti rapporti che riguardavano i programmi iracheni per la costruzione di Armi di Distruzione di Massa. Come ha esposto in seguito un generale israeliano in pensione, “L’intelligence israeliana era in gran parte responsabile del quadro sulle armi non convenzionali irachene, descritto dai servizi segreti statunitensi e britannici.”

Il leader israeliani furono profondamente angosciati quando Bush decide di chiedere al Consiglio di Sicurezza dell’ONU l’autorizzazione per la guerra, e lo furono ancor di più quando Saddam accettò di lasciar entrare gli ispettori delle Nazioni Unite. “La campagna contro Saddam Hussein è un dovere”, dichiarò Shimon Peres ai giornalisti nel settembre del 2002. “Le ispezioni e gli ispettori vanno bene per le persone rispettabili, ma per i disonesti è facile raggirarli.”

Allo stesso tempo, Ehud Barak, scrisse un articolo sul New York Times in cui avvertiva che “In questo momento il pericolo maggiore sta nell’inazione.” Il suo predecessore alla carica di Primo Ministro, Benyamin Netanyahu, scrisse sul Wall Street Journal un pezzo simile, intitolato “Il motivo per rovesciare Saddam”, in cui affermava: “In questo momento l’unica cosa da fare è rovesciare il dittatore. Credo di parlare a nome della stragrande maggioranza degli israeliani, favorevoli ad un attacco preventivo contro il regime di Saddam.” E l’Ha’aretz riferiva nel febbraio 2003: “I capi politici e militari desiderano intensamente una Guerra in Iraq.”

Tuttavia, come faceva notare Netanyahu, il desiderio di una guerra non era limitato solo alle alte sfere. A parte il Kuwait, che Saddam aveva invaso nel 1990, Israele era l’unico paese al mondo in cui sia i politici che l’opinione pubblica erano d’accordo sulla guerra. Il giornalista Gideon Levy, all’epoca notava che: “Israele è l’unico paese i cui leader sostengono senza riserve una guerra, e in cui nessun’altra opinione alternativa ha diritto di esistere.” Infatti, il fanatismo degli israeliani era talmente accentuato, che i loro stessi alleati negli Stati Uniti dovettero dir loro di smorzare la retorica, altrimenti c’era il pericolo che sembrasse una guerra combattuta nel nome di Israele.

All’interno degli Stati Uniti, la più importante corrente a favore della guerra era un pugno di neo-conservatori, molti dei quali strettamente legati al Likud, ma anche i capi delle maggiori organizzazioni che facevano parte della Lobby, fecero sentire la loro voce. Il Forward riferì che “Non appena Bush iniziò a parlare […] di guerra in Iraq, le più importanti organizzazioni ebraiche statunitensi si riunirono per correre in suo aiuto. Dichiarazione dopo dichiarazione, i vari leader sottolinearono la necessità di liberare il mondo da Saddam Hussein e dalle sue armi di distruzione di massa. Gli editorialisti affermarono che “Le preoccupazioni per la sicurezza di Israele, costituiscono legittimamente un fattore primario nelle decisioni dei maggiori gruppi ebraici.”

Benché i neoconservatori e gli alti esponenti della Lobby fossero impazienti di entrare in guerra, così non era per gran parte della comunità ebraica statunitense. Appena la guerra iniziò, Samuel Freedman scrisse che “un sondaggio di opinione su scala nazionale operato dal Pew Research Center, dimostra che gli ebrei sono meno favorevoli alla guerra in Iraq del resto della popolazione, il 62 per cento contro il 52.” Ovviamente sarebbe sbagliato gettare la colpa della guerra in Iraq tutta sull”influenza ebraica”; piuttosto gran parte della responsabilità è da ascrivere all’influenza della Lobby, e dei neo-conservatori che ne fanno parte.

La determinazione dei neo-con a rovesciare Saddam risale a prima che Bush diventasse presidente. Essi provocarono una certa agitazione già nel 1998, quando fecero pubblicare due lettere aperte indirizzate a Clinton, in cui chiedevano che Saddam fosse rimosso dal potere. I firmatari, molti dei quali avevano stretti legami con grandi organizzazioni filo-israeliane quali la JINSA o il WINEP, e che comprendevano nomi come Elliot Abrams, John Bolton, Douglas Feith, William Kristol, Bernard Lewis, Donald Rumsfeld, Richard Perle e Paul Wolfowitz, avevano poche difficoltà a persuadere l’amministrazione Clinton a considerare l’ipotesi di spodestare Saddam, ma non potevano arrivare a proporre una guerra per raggiungere quell’obiettivo. E nemmeno nei primi mesi dell’amministrazione Bush, furono capaci di rendere attraente l’idea di un’invasione dell’Iraq. Per raggiungere il loro scopo avevano bisogno di aiuto. Quest’aiuto arrivò provvidenziale l’11 settembre del 2001. Più precisamente, gli eventi di quel giorno convinsero Bush e Cheney a cambiare la loro linea politica e diventare così fervidi sostenitori della guerra preventiva.

Durante un importante vertice con Bush a Camp David, il 15 settembre, Paul Wolfowitz sostenne la tesi di attaccare l’Iraq prima ancora dell’Afghanistan, nonostante non esistesse alcuna prova che Saddam fosse in qualche modo coinvolto negli attentati, e si avesse invece la certezza che Bin Laden si trovava in Afghanistan. Bush rifiutò il consiglio, e decise di attaccare prima l’Afghanistan, pur considerando seriamente la possibilità concreta di una guerra contro l’Iraq. Infatti il 21 novembre il presidente incaricò i suoi strateghi militari di sviluppare i piani per un’invasione.

Nel frattempo altri neoconservatori lavoravano alacremente nelle stanze del potere. Ancora non conosciamo tutta la storia, ma sappiamo per certo che studenti come Bernard Lewis di Princeton e Fouad Ajami della Johns Hopkins rivestirono un ruolo importante nel convincere Cheney che la guerra fosse l’opzione più giusta, sebbene anche il suo staff di neo-con – Eric Edelman, John Hannah e “Scooter” Libby, capo dello staff di Cheney, nonché una delle persone più potenti dell’intera amministrazione – abbia fatto la sua parte. Entro l’inizio del 2002, Cheney era riuscito a convincere Bush, e con Bush e Cheney in ballo, la guerra era inevitabile.

Al di fuori dell’amministrazione, gli esperti neoconservatori non persero tempo nel sottolineare che l’invasione l’Iraq fosse un passo necessario per vincere la guerra al terrorismo. I loro sforzi erano diretti in parte a mantenere alta la pressione su Bush, e in parte ad aggirare il movimento di opposizione alla guerra fuori e dentro il governo. Il 20 settembre, un gruppo di potenti neo-con insieme ai loro alleati, fecero pubblicare un’altra lettera aperta in cui si diceva: “Anche nel caso in cui non venissero trovati legami diretti fra l’Iraq e gli attacchi, qualunque strategia diretta allo sradicamento del terrorismo e dei suoi sostenitori, deve necessariamente includere un deciso sforzo per rovesciare il regime di Saddam Hussein.” La lettera ricordava anche a Bush che “Israele è stato ed è tuttora il più fedele alleato nella lotta contro il terrorismo internazionale.” Nel numero del 1° ottobre del Weekly Standard, Robert Kagan e William Kristol invocavano un cambio di regime in Iraq non appena i Talebani fossero stati sconfitti. Lo stesso giorno, dalle pagine del Washington Post, Charles Krauthammer spiegava che quando gli Stati Uniti avessero finito in Afghanistan, l’obiettivo successivo sarebbe dovuto essere la Siria, seguita da Iran e Iraq: “La guerra al terrorismo si concluderà a Baghdad, quando spazzeremo via il più pericoloso regime del terrore al mondo.”

Questo fu l’inizio di una propaganda senza sosta, con lo scopo di ottenere il sostegno unanime sui programmi di invasione dell’Iraq, manipolando l’informazione in modo da dipingere Saddam come un’imminente minaccia per gli Stati Uniti. Per esempio, Libby fece pressione sugli analisti della CIA affinché trovassero prove valide come pretesto per una guerra, e lo aiutassero a preparare l’informativa che un ormai screditato Colin Powell avrebbe dovuto presentare al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. All’interno del Pentagono, il Gruppo di Valutazione delle Politiche Antiterrorismo fu incaricato di trovare quei legami fra Al-Quaeda e l’Iraq che potevano essere sfuggiti ai servizi segreti della comunità internazionale. I due membri chiave di questo gruppo erano David Wurmser, un neoconservatore intransigente, e Michael Maloof, un libanese-americano molto legato a Richard Perle. Un altro gruppo del Pentagono, l’Ufficio Piani Speciali, ebbe il compito di scoprire prove da usare per poter vendere la storia della guerra . Era capeggiato da Abram Shulsky, un neo-con amico di lunga data di Wolfowitz, e fra le sue file militavano reduci dei famigerati “think tanks” filo-israeliani. Entrambe queste organizzazioni furono create all’indomani dell’11 settembre, e facevano capo a Douglas Feith.

Come in teoria tutti i neo-con, anche Feith aveva forti legami con Israele, oltre ad essere uno storico sostenitore del Likud. Negli anni ’90, ha scritto svariati articoli in favore degli insediamenti, affermando anche che Israele doveva mantenere il controllo dei Territori Occupati. Inoltre, fatto ancora più importante, insieme a Perle e Wurmser, nel giugno del 1996 scrisse per l’allora neoeletto Primo Ministro Netanyahu, la famosa relazione dal titolo “Un Taglio Netto”. Fra le altre cose, in quella relazione si raccomandava a Netanyahu di “impegnarsi ad eliminare il regime di Saddam in Iraq, essendo questo un importante obiettivo strategico anche per Israele.” Vi erano anche esortazioni affinché anche Israele facesse la sua parte nel riordino dell’intero Medio Oriente. Netanyahu non seguì i loro consigli, ma Feith, Perle e Wurmser sarebbero molto presto diventati uomini chiave dell’amministrazione Bush, riuscendo così a perseguire ugualmente i loro scopi. Un cronista dell’Ha’aretz, Akiva Eldar, avvertiva che Feith e Perle “si trovavano su quella sottile linea che separava la lealtà al loro governo dagli interessi di Israele.”

Wolfowitz è altrettanto devoto ad Israele. Il Forward una volta l’ha definito come “la più aggressiva voce filo-israeliana dell’intera amministrazione”, ponendolo nel 2002 in cima ad una lista di 50 personalità che “avevano deliberatamente sostenuto l’attivismo ebraico”. Più o meno nello stesso periodo il JINSA conferiva a Wolfowitz un premio, l’Henry M. Jackson Distinguished Service Award, per aver contribuito a creare un forte legame fra Israele e Stati Uniti, e il Jerusalem Post, descrivendolo come “ferventemente filo-israeliano”, lo nominava “Uomo dell’Anno” nel 2003.

Per finire, è d’obbligo spendere qualche parola sul supporto che prima della guerra è stato dato dai neo-con ad Ahmed Chalabi, l’esule senza scrupoli che ha guidato il Congresso Nazionale dell’Iraq (INC). Lo hanno spalleggiato, e in cambio Chalabi, una volta arrivato al potere, ha stretto rapporti con i gruppi ebraici statunitensi, e si è impegnato a stabilire buone relazioni con Israele. Questo era esattamente ciò che i promotori di un cambio di regime in Iraq volevano ottenere. Matthew Berger, sul Jewish Journal, ha messo in luce l’essenza di questo scambio: “L’INC ha giudicato queste migliorate relazioni come un modo per sfruttare a suo favore l’influenza degli ebrei a Washington e a Gerusalemme, e per cercare di ottenere consenso verso la sua causa. Da parte loro, i gruppi ebraici hanno visto in tutto questo una buona opportunità per aprire la strada a relazioni più amichevoli fra Israele e Iraq, se e quando l’INC fosse salito al potere rimpiazzando il regime di Saddam Hussein.”


Considerando la devozione verso Israele da parte dei neoconservatori, la loro ossessione per l’Iraq, e la loro influenza sull’amministrazione Bush, non è certo sorprendente che molti statunitensi sospettino che la guerra sia iniziata solo per fare un favore ad Israele. Nel marzo scorso, Barry Jacobs, della Commissione Ebraica Statunitense, ha ammesso che l’idea che Israele e i neo-con abbiano cospirato per trascinare gli Stati Uniti in una guerra contro l’Iraq, era “molto diffusa” fra gli ambienti dell’intelligence internazionale. Comunque, poche persone lo dichiarerebbero pubblicamente, e quei pochi che l’hanno fatto – compresi il senatore Ernest Hollings e il deputato James Moran – sono stati condannati solo per aver sollevato la questione. Alla fine del 2002, Michael Kinsley ha scritto che “la mancanza di una discussione pubblica sul vero ruolo di Israele…è come il proverbiale elefante nella stanza.” La ragione principale della reticenza su questo argomento, continua Kinsley, è la paura di passare per antisemita, ma non ci sono dubbi sul fatto che Israele e la Lobby siano stati fattori chiave nella decisione di entrare in guerra, una decisione che senza il loro operato, gli Stati Uniti avrebbero probabilmente preso con molta più difficoltà. E questa guerra è programmata per essere solo il primo passo. Un titolo sulla prima pagina del Wall Street Journal subito dopo l’inizio del conflitto, recitava: “Il Sogno del Presidente: cambiare non solo il regime, ma l’intera regione. Un’area democratica e filo-statunitense è un obiettivo che ha radici israeliane e neoconservatrici.”

Per lungo tempo, forze filo-israeliane hanno avuto interesse a coinvolgere militarmente gli Stati Uniti in Medio Oriente in modo più diretto, ma durante la Guerra Fredda con scarso successo, poiché in quel momento gli Stati Uniti fungevano da “bilanciatore esterno” nella regione. La maggior parte delle forze destinate al Medio Oriente, come le Forze di Spiegamento Rapido, venivano tenute al sicuro, lontano dalle linee di fuoco. L’idea era quella di mettere l’uno contro l’altro i poteri locali – ecco perché l’amministrazione Reagan sostenne Saddam contro l’Iran rivoluzionario ai tempi della guerra Iraq-Iran – per poter mantenere un equilibrio favorevole agli Stati Uniti.

Questa politica cambiò all’indomani della prima Guerra del Golfo, quando l’amministrazione Clinton adottò la strategia del “doppio contenimento”. Grandi contingenti di forze armate avrebbero stazionato nella regione con il compito di contenere sia l’Iran che l’Iraq, invece di usare ognuno dei due paesi per tenere sotto controllo l’altro. Il padre del doppio contenimento altri non era che Martin Indyk, il quale prima aveva abbozzato questa teoria nel maggio del ’93, quando era al WINEP, e poi l’aveva perfezionata quando era direttore degli Affari per il Medio Oriente e il Sud Est Asiatico al Consiglio di Sicurezza Nazionale.

A metà degli anni ’90, c’era non poco malcontento riguardo al doppio contenimento, in quanto quel tipo di strategia aveva trasformato gli Stati Uniti in un mortale nemico per entrambi i paesi, che peraltro si odiavano l’un l’altro, e costretto Washington a sopportare un peso economico non indifferente. Ma era una strategia gradita alla Lobby, che si dava molto da fare all’interno del Congresso per cercare di preservarla. Pressato dall’AIPAC e non solo, nella primavera del 1995, Clinton diede un giro di vite alla sua politica nella regione, ed impose un embargo economico all’Iran, ma l’AIPAC e i suoi alleati volevano di più. Il risultato fu l’Iran and Libya Sanctions Act, un provvedimento del 1996 che imponeva sanzioni su qualunque compagnia straniera che investisse più di 40 milioni di dollari per lo sviluppo delle risorse petrolifere di Iran e Libia. Come notò all’epoca Ze’ev Schiff, corrispondente di guerra dell’Ha’aretz, “Israele è solo un piccolo elemento in un grande schema, ma chiunque può notare quanto sia capace di influenzare tutti gli altri.”

Alla fine degli anni novanta, tuttavia, i neoconservatori si resero conto che il doppio contenimento non era più sufficiente, e che era necessario che il regime in Iraq venisse abbattuto. Rovesciando Saddam e trasformando l’Iraq in una democrazia, pensavano, gli Stati Uniti avrebbero innescato una catena di cambiamenti in tutto il Medio Oriente. La medesima linea di pensiero era evidente nel documento “Taglio Netto” che i neo-con avevano redatto per Netanyahu. Nel 2002, quando oramai l’invasione dell’Iraq era alle porte, la trasformazione della regione era il vangelo dei circoli neoconservatori.

Charles Krauthammer descrive questo grande progetto come un’invenzione di Natan Sharansky, ma in realtà tutti gli israeliani, di qualunque tendenza politica, pensavano che l’eliminazione di Saddam avrebbe alterato gli equilibri del Medio Oriente a vantaggio di Israele. Aluf Benn scriveva sull’Ha’aretz (17 febbraio 2003):
“Alti ufficiali dell’esercito e funzionari vicini al Primo Ministro Ariel Sharon, come il Consigliere per la Sicurezza Nazionale Ephraim Halevy, dipingono un meraviglioso quadro del roseo futuro che attende Israele alla fine della guerra. Loro immaginano un effetto domino, con la caduta di Saddam Hussein seguita da quella di tutti gli altri nemici del nostro paese…Con questi leader, il terrorismo e le armi di distruzione di massa scompariranno per sempre.”

Dopo la caduta di Baghdad, a metà aprile del 2003, Sharon e i suoi luogotenenti iniziarono a fare pressioni affinché Washington puntasse su Damasco. Il 16 aprile Sharon, intervistato dallo Yedioth Ahronoth, richiedeva agli Stati Uniti di esercitare “forti pressioni” sulla Siria, mentre il ministro della Difesa Shaul Mofaz, dalle pagine del Ma’ariv, affermava: “Abbiamo una lunga lista di questioni da chiarire con i siriani, e sarebbe appropriato se ciò venisse fatto attraverso la mediazione di Washington.” Ephraim Halevy, parlando ad una riunione del WINEP, disse che era importante che gli Stati Uniti avessero un atteggiamento duro nei confronti della Siria, e il Washington Post scriveva che Israele stava “alimentando la campagna” contro la Siria, fornendo ai servizi segreti statunitensi rapporti sull’operato di Bashar Assad, il presidente siriano.

Importanti esponenti della Lobby usarono gli stessi argomenti. Wolfowitz dichiarò: “E’ necessario un cambio di regime in Siria.”, e Richard Perle disse ad un giornalista che “un breve messaggio, un messaggio di sole tre parole deve essere recapitato ad un altro regime ostile in Medio Oriente. Il messaggio è: Voi siete i prossimi.” Ai primi di aprile, un documento bipartisan redatto dal WINEP, affermava che la Siria “deve tenere ben presente che i paesi che seguono il comportamento sprezzante, irresponsabile e avventato di Saddam, potrebbero finire col fare la sua stessa fine.” Il 16 aprile, Yossi Klein Halevi scriveva un articolo sul Los Angeles Times, intitolato “Prossima Mossa: Giro di Vite in Siria.”, mentre il titolo di un articolo di Zev Chafets comparso il giorno dopo sul New York Daily News recitava: “Anche la Siria filo-terrorista ha bisogno di un cambiamento.” Per non essere da meno, Lawrence Kaplan scriveva sul New Republic del 21 aprile che Assad era una seria minaccia per gli Stati Uniti.

Tornando al Campidoglio, il membro del Congresso Eliot Engel, aveva reintrodotto l’Atto per la Responsabilità della Siria e il Ripristino della Sovranità Nazionale del Libano. Quest’atto minacciava sanzioni nei confronti della Siria se non avesse ritirato le sue truppe dal Libano, consegnato le sue armi di distruzione di massa e smesso di fiancheggiare i terroristi; inoltre invitava Siria e Libano a fare passi concreti per ristabilire rapporti di pace con Israele. Questo documento era stato fortemente voluto dalla Lobby – e soprattutto dall’AIPAC – e “formulato”, secondo la Jewish Telegraph Agency, “da alcuni dei migliori amici di Israele al Congresso.” L’amministrazione Bush non ne era particolarmente entusiasta, ma l’atto passò con una maggioranza schiacciante (398 a 4 alla Camera, 89 a 4 al Senato), e il 12 dicembre del 2003 Bush lo firmò, facendolo diventare legge.

La stessa amministrazione era ancora divisa sull’opportunità di un attacco alla Siria. I neoconservatori erano ansiosi di attaccare Damasco, mentre la CIA e il Dipartimento di Stato si opponevano all’idea. E perfino Bush, dopo aver firmato la nuova legge, sottolineava il fatto che bisognava andarci cauti nell’applicarla. Quest’ambiguità era incomprensibile. Oltretutto il governo siriano aveva non solo fornito agli Stati Uniti importanti informazioni su Al-Quaeda dopo l’11 settembre, ma aveva anche messo in guardia Washington su previsti attacchi terroristici nel Golfo e concesso alla CIA libero accesso agli interrogatori di Mohammed Zammar, il presunto reclutatore di alcuni dei dirottatori degli attentati. Prendere di mira il regime di Assad avrebbe significato mettere a repentaglio quella preziosa collaborazione, e dunque rendere più difficoltosa la guerra al terrorismo.

In più, la Siria fino a prima della guerra in Iraq, era sempre stata in buoni rapporti con Washington (aveva perfino votato per la risoluzione ONU 1441), e certamente non costituiva una minaccia per gli Stati Uniti. Adottare la linea dura con Damasco avrebbe fatto sembrare gli Usa come i soliti prepotenti, insaziabilmente desiderosi di colpire gli stati arabi. Ultimo fattore, mettere la Siria nella lista nera, avrebbe significato darle un ottimo pretesto per provocare guai in Iraq. Per quanta fretta si potesse avere, il buon senso consigliava di aspettare che le acque in Iraq si fossero calmate. Ma il Congresso, ovviamente manovrato dai funzionari israeliani e da gruppi come l’AIPAC, insisteva sul giro di vite a Damasco. Senza la Lobby, non ci sarebbe stato alcun Atto per la Responsabilità della Siria, e la politica statunitense nei confronti dei siriani sarebbe stata molto più in linea con gli interessi nazionali.

Gli israeliani tendono a descrivere qualsiasi minaccia nei termini più crudi possibili, ma l’Iran è unanimemente considerato il loro nemico più pericoloso, perché probabilmente sul punto di dotarsi di armi atomiche. Tutti gli israeliani vedono un paese islamico in Medio Oriente in possesso di armi nucleari come una minaccia alla loro stessa esistenza. Un mese prima che scoppiasse la guerra in Iraq, il ministro della Difesa israeliano Binyamin Ben-Eliezer, sottolineava che “l’Iraq è certamente un problema, ma a mio parere, oggi per noi l’Iran è molto più pericoloso.”

Sharon iniziò a spingere gli Stati Uniti contro l’Iran nel novembre del 2002, in un’intervista al Times. Descrivendo l’Iran come “il centro del mondo del terrore”, teso ad acquisire armi atomiche, Sharon dichiarava che l’amministrazione Bush avrebbe dovuto iniziare ad usare le maniere forti con l’Iran “il giorno dopo” aver conquistato l’Iraq. Alla fine di aprile 2003, l’Ha’aretz scriveva che l’ambasciatore israeliano a Washington chiedeva a gran voce un cambio di regime in Iran. La sconfitta di Saddam, continuava, “non era sufficiente”. Secondo lui “gli Stati Uniti non devono fermarsi, poiché siamo ancora fortemente minacciati sia dalla Siria che dall’Iran.” Naturalmente anche i neoconservatori non persero tempo nel cavalcare l’onda del rovesciamento del regime di Teheran. Il 6 maggio, l’AEI (American Enterprise Institute, una fra le più potenti organizzazioni degli Usa, un altro dei famigerati Think Tank, in questo caso una delle massime roccaforti del pensiero neo-con. N.d.T.) finanziò, insieme alla Fondazione per la Difesa delle Democrazie e all’Istituto Hudson, una conferenza sull’Iran. I relatori erano tutti palesemente filo-israeliani, e molti richiesero che il regime iraniano fosse rimpiazzato da una democrazia. Come al solito, una frotta di articoli scritti da influenti neo-con esposero le ragioni di un attacco all’Iran. “La liberazione dell’Iraq è stata solo la prima grande battaglia per il futuro del Medio Oriente, ma la prossima grande sfida – speriamo non militare – sarà con l’Iran.”, così scriveva William Kristol sul Weekly Standard del 12 maggio.

La pronta risposta dell’amministrazione alle pressioni della Lobby fu un superlavoro per far interrompere all’Iran il suo programma nucleare. Con poco successo, in verità, visto che l’Iran sembra determinato a crearsi un arsenale atomico. Di conseguenza la Lobby ha intensificato la pressione. Editoriali e articoli non fanno altro che mettere in guardia su un imminente pericolo nucleare iraniano, raccomandano cautela nei confronti di qualunque concessione da parte di un regime “terroristico”, e fanno sottili allusioni ad un’azione preventiva, nel caso la diplomazia dovesse fallire. La Lobby sta spingendo il Congresso ad approvare l’Atto per il Supporto alla Libertà dell’Iran, che dovrebbe ampliare le sanzioni già esistenti. Anche il governo di Israele avverte che potrebbe dare il via ad un’azione preventiva, se l’Iran persistesse nel suo programma nucleare, ma sembra una minaccia fatta più che altro per attirare l’attenzione di Washington sul problema.

Qualcuno potrebbe obiettare che in fin dei conti Israele e la Lobby non hanno influenzato più di tanto la politica nei confronti dell’Iran, visto che gli Stati Uniti hanno le loro ragioni per impedire che l’Iran diventi una potenza nucleare. C’è qualcosa di vero, ma le ambizioni nucleari dell’Iran in realtà non costituiscono una minaccia per gli Usa. Se Washington è riuscita a convivere con un Unione Sovietica nucleare, una Cina nucleare e perfino con una Corea del Nord nucleare, allora può convivere anche con il nucleare iraniano. E questo è il motivo per cui la Lobby deve mantenere alta la pressione sui politici statunitensi. Anche se la Lobby non esistesse, difficilmente Teheran e Washington sarebbero alleati, ma sicuramente la politica statunitense sarebbe molto più moderata, e un’ipotesi di guerra preventiva non verrebbe neanche presa in considerazione.

È alquanto prevedibile il desiderio da parte di Israele e dei suoi sostenitori americani che gli Usa affrontino qualunque problema relativo alla sicurezza di Israele. Se i loro sforzi per indirizzare la politica americana andranno a buon fine, tutti i nemici di Israele verranno indeboliti o sconfitti, Israele avrà mano libera con i palestinesi, e la maggior parte dei combattimenti, dei morti, della ricostruzione e dei risarcimenti ricadrà sulle spalle degli Stati Uniti. Ma anche nel caso in cui Washington fallisse nei suoi progetti di trasformazione del Medio Oriente, e si ritrovasse a combattere contro l’intero mondo fondamentalista arabo e islamico, Israele finirà comunque sotto l’ala protettiva dell’unica superpotenza esistente al mondo. Dal punto di vista della Lobby, quest’ultimo non sarebbe il risultato perfetto, ma sarebbe ovviamente meglio che rimanere isolati, o essere addirittura costretti ad una pace con i palestinesi.

Può dunque il potere della Lobby essere in qualche modo limitato? Data la debacle irachena, la conseguente necessità da parte degli Stati Uniti di ricostruirsi un’immagine nel mondo arabo, e le recenti rivelazioni riguardo alcuni esponenti dell’AIPAC che hanno passato segreti governativi statunitensi ad Israele, si potrebbe rispondere affermativamente. Si potrebbe anche pensare che la morte di Arafat, e l’elezione del più moderato Mahmoud Abbas possa indurre Washington a sostenere con vigore e imparzialità un accordo di pace. In pratica, ci sarebbero svariati motivi per prendere le distanze dalla Lobby e adottare una politica mediorientale più aderente agli interessi nazionali. Inoltre, usare tutto quel grande potere per ottenere la pace fra Israele e Palestina, aiuterebbe il processo di democratizzazione in tutta la regione.


Ma tutto questo non accadrà, almeno non a breve termine, perché l’AIPAC e suoi alleati (inclusi i Sionisti Cristiani) non hanno alcun serio avversario nel mondo delle lobby. Sanno che sta diventando sempre più difficile sostenere la causa di Israele, e reagiscono reclutando sempre più persone ed ampliando il loro campo d’azione. Per di più, i politici statunitensi sono sempre molto sensibili ai finanziamenti elettorali e ad altre forme di pressione politica, e i grandi canali informativi sono propensi a rimanere dalla parte di Israele, qualunque cosa succeda. Il potere della Lobby crea problemi su più fronti. Incrementa il rischio di attacchi terroristici in tutto il mondo, soprattutto nei paesi europei alleati degli Stati Uniti. Ha reso impossibile arrivare alla conclusione del conflitto Israelo-Palestinese, una situazione che fornisce agli estremisti uno straordinario mezzo persuasivo nel reclutamento dei volontari, incrementando le file di terroristi e simpatizzanti, e contribuisce all’espansione del fondamentalismo islamico in Europa e Asia. Fatto non meno preoccupante, le pressioni della Lobby potrebbero portare gli Stati Uniti ad un attacco contro Iran e Siria, con conseguenze potenzialmente devastanti. Nessuno ha bisogno di un altro Iraq. Bene che vada, l’ostilità della Lobby nei confronti di quei due paesi, renderà quasi impossibile per Washington chiedere loro un sostegno nella battaglia contro Al-Quaeda, o contro la resistenza irachena, quando il loro aiuto è invece necessario. C’è anche un aspetto morale da sottolineare. Grazie alla Lobby, gli Stati Uniti sono diventati de facto fautori dell’espansione israeliana nei Territori Occupati, rendendosi dunque complici dei crimini perpetrati nei confronti dei palestinesi. Questa situazione taglia le gambe agli sforzi da parte di Washington di “esportare la democrazia”, e ne evidenzia l’ipocrisia di fondo, nel momento in cui esorta altre nazioni a rispettare i diritti umani. Ugualmente ipocrita appare il tentativo di limitare gli arsenali nucleari, dato che poi accetta supinamente l’arsenale nucleare israeliano, che oltretutto costituisce uno dei motivi per cui anche altri paesi desiderano dotarsi dell’atomica.

Inoltre, la volontà della Lobby di soffocare qualunque dibattito su Israele è insano per una democrazia. Imbavagliare gli scettici organizzando schedature e boicottaggi – oppure accusandoli di antisemitismo – viola il principio della libertà di opinione su cui si basa qualsiasi democrazia. L’impossibilità da parte del Congresso di condurre una discussione aperta su questioni di tale importanza, paralizza l’intero processo decisionale democratico. I fiancheggiatori di Israele devono essere liberi di sostenere le loro ragioni e di sfidare chi è in disaccordo con loro, ma i tentativi di reprimere le opinioni contrarie tramite l’intimidazione vanno duramente condannati.

Tirando le somme, l’influenza della Lobby è stata controproducente anche per Israele. La sua abilità di convincere Washington a sostenere politiche espansionistiche, ha dissuaso Israele dal cogliere opportunità – quali un trattato di pace con la Siria o una pronta e piena applicazione degli Accordi di Oslo – che avrebbero salvato molte vite israeliane e ridotto il numero di estremisti palestinesi. Negare ai palestinesi i loro legittimi diritti politici, non ha certamente reso Israele un paese più sicuro, e la tattica di uccidere o emarginare una generazione di leader ha conferito sempre più potere a gruppi estremisti come Hamas, e reso difficile per un capo palestinese avere la volontà di accettare un accordo onesto, e la possibilità di metterlo in pratica. Sarebbe stato molto meglio anche per Israele se la Lobby avesse avuto meno potere, e se la politica degli Stati Uniti fosse stata più equidistante.

Tuttavia, esiste ancora una punta di speranza. Nonostante la Lobby sia ancora una forza molto potente, sta diventando sempre più difficile nascondere i disastrosi effetti della sua politica. Una nazione potente può condurre una politica errata per un certo periodo, ma la realtà non può essere ignorata per sempre. Ciò di cui si ha bisogno è una discussione schietta sul reale potere della Lobby, e un dibattito molto più aperto sugli interessi degli Stati Uniti in quella regione di vitale importanza. Il benessere di Israele è certamente uno di quegli interessi, ma la sua continua occupazione della Cisgiordania e i suoi progetti espansionistici nella regione non lo sono. Un dibattito serio porterebbe alla luce i limiti strategici e morali di questo sostegno univoco e incondizionato, e potrebbe portare gli Stati Uniti su posizioni maggiormente coerenti con i loro interessi, con gli interessi degli altri paesi della ragione, e perfino con gli interessi a lungo termine di Israele.

John Mearsheimer insegna Scienze Politiche a Chicago, ed è l’autore di The Tragedy of Great Power Politics.

Stephen Walt insegna Affari Internazionali alla Kennedy School of Government di Harvard. Il suo ultimo libro è Taming American Power: The Global Response to US Primacy.


John Mearsheimer & Stephen Walt
Fonte: www.lrb.co.uk
Link: http://www.lrb.co.uk/v28/n06/mear01_.html
Marzo 2006

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di GIUSEPPE SCHIAVONI

VEDI ANCHE:

LA LOBBY ISRAELIANA E LA POLITICA ESTERA DEGLI STATI UNITI (PARTE I)


 
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Links Correlati
· Inoltre Palestina
· News by cdcnet


Articolo più letto relativo a Palestina:
LA LOBBY ISRAELIANA E LA POLITICA ESTERA DEGLI STATI UNITI (PARTE I)


Article Rating
Average Score: 4.6
Voti: 5


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"LA LOBBY ISRAELIANA E LA POLITICA ESTERA DEGLI STATI UNITI (PARTE II)" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.