Home  ·  Downloads  ·  Iscrizione  ·  Top  ·  Archivio  ·  Argomenti  ·  Categorie  ·  RSS
LA GRAN BRETAGNA AVEVA CONSIDERATO IL DISPIEGAMENTO DI TRUPPE NELLE STRADE
Postato il 24/09/2013 di cdcnet

Gran Bretagna DI LIZZIE BENNETT
Activist Post

Durante la crisi economica del 2008 la Gran Bretagna aveva valutato l'idea di schierare i militari nelle strade: beh, ora è peggio

In base ad alcuni brani estratti dal suo libro, Gordon Brown, che allora era Primo ministro, temeva l’anarchia durante la crisi del 2008. Secondo il libro, egli disse:
Abbiamo pensato: imporre il coprifuoco? dispiegare l’esercito nelle strade? come ripristiniamo l’ordine?
Se le banche chiudono e i bancomat non funzionano, se la gente va alla Tesco e le loro carte non vengono accettate, presto esploderà tutto.
Se non possono comprare cibo, benzina, medicine per i propri figli, la gente inizierà a rompere le vetrine e fare da soli.
E non appena la gente lo vede in TV, quella è la fine, perché tutti penserebbero “Va bene, è esattamente quello che dobbiamo fare”. Sarebbe l’anarchia. Questo è ciò che potrebbe accadere domani.


Beh, se pensava che allora andasse male, deve ringraziare Dio di non essere più in carica.
Non c’è dubbio che il 2008 sia stato brutto, ma il 2013 è peggio per chiunque, anche se le cifre manipolate dal governo dicono tutt’altro.

Mentre inciampiamo tra una crisi e l’altra, la gente si fa irrequieta. Non abbastanza irrequieta per i miei gusti, ma si stanno scuotendo dal profondo torpore nel quale hanno vissuto per la maggior parte della loro vita.

Mentre i costi continuano a salire, la gente, che quest’inverno dovrà di nuovo scegliere tra riscaldamento e sostentamento, comincia finalmente a rendersi conto che c’è qualcosa che non va.

Nello scorso giugno, è stato riportato che esiste la probabilità che il Regno Unito avrà a che fare con carenze energetiche nei prossimi due anni. I commenti dell’Ofgem (l’ufficio dei mercati del gas e dell’elettricità) sono tristi da leggere.

In breve, le scorte disponibili saranno intorno al 2%, il che in un brutto inverno equivale quasi a niente. Potete leggere di più quiqui.

Il Management Today va persino oltre, sostenendo che il rischio di blackout è raddoppiato rispetto a prima del rapporto dell’Ofgem.
L’osservatorio energetico dell’Ofgem afferma che non abbiamo abbastanza riserve per produrre energia e ha suggerito che l’unica soluzione potrebbe essere il razionamento.
Credo che questo almeno permetterà alle persone di comprarsi da mangiare senza preoccuparsi delle bollette del gas.

Per quanto riguarda il cibo: com’è possibile che la più grande catena di supermercati possa far pagare 2,79 sterline per un sacco da neanche due chili di patate piccole e poco saporite? Non il solito sacco da due chili e mezzo. Il sacco standard da 2 chili e mezzo si è rimpicciolito da quando sull’etichetta appare il peso in kg. Controllate voi stessi, se non mi credete.

Lo stesso vale per i fagioli in scatola: una lattina standard dovrebbe contenere 453 grammi di fagioli, e di fatti era così tanto tempo fa. Ora ne contiene 420. Stessa lattina, stessa immagine, tutto uguale tranne il fatto che si paga di più per avere meno. Per i pelati ancora peggio, che di media ne contengono 400 grammi. Di nuovo, controllate se non mi credete.

Quindi, torniamo a Gordon Brown: eventuali carenze energetiche impediranno alla gente di prelevare denaro, causeranno malattie e morte, creeranno il caos nelle strade e nelle stazioni di servizio. Intaccheranno tutto ciò ormai diamo per scontato. L’assistenza sociale si fermerà bruscamente, i pagamenti verranno ritardati o persi nel ciberspazio, i freezer dei supermercati saranno pieni di cibo andato a male. Non c’è dubbio che la mancata sicurezza di risorse combustibili causerà più problemi che nel 2008.

Quando ciò accadrà, e molti ne sono sicuri, finalmente il popolo britannico si sveglierà e si guarderà intorno. Quando vedranno cosa succede, non potendo più tenere i loro bambini al caldo o nemmeno cucinargli un pasto, vedendo come vengono fregati ogni volta, allora David Cameron e i suoi amichetti di Eton potrebbero avere un bel po’ da fare.

Lizzie Bennett
Fonte: www.activistpost.com
Link: http://www.activistpost.com/2013/09/uk-considered-putting-troops-on-streets.html
22.09.2013

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ROBERTA PAPALEO

 
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Links Correlati
· Inoltre Gran Bretagna
· News by cdcnet


Articolo più letto relativo a Gran Bretagna:
LA MORTE DELLA PRINCIPESSA DEL GALLES, 10 ANNI DOPO


Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"LA GRAN BRETAGNA AVEVA CONSIDERATO IL DISPIEGAMENTO DI TRUPPE NELLE STRADE" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

 
Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.