Welcome to comeDonChisciotte.net
 
 

  Moduli

· Home
· Downloads
· Stories_Archive
· Top
· Web_Links
 

  Argomenti

· AFRICA

· Egitto

· Libia

· Somalia


· AMERICHE

· Argentina

· Brasile

· Colombia

· Cuba

· Messico

· USA

· Venezuela
 

· ASIA-PACIFICO

· Afghanistan

· Cina

· Corea del Nord

· Giappone

· India

· Oceania

· Pakistan


· EUROPA

· Belgio

· Francia

· Germania

· Gran Bretagna

· Grecia

· Islanda

· Italia

· Norvegia

· Portogallo

· Spagna

· Russia

· Ucraina

· Ungheria


· MEDIO ORIENTE

· Arabia Saudita

· Iran

· Iraq

· Libano

· Palestina

· Siria

· Turchia


· MONDO

· Animali e ambiente

· Economia

· Internet e controllo

· Propaganda

· Salute

· Storia

· 11 settembre 2001

 

  11 settembre 2001: Guida alla lettura

 

  IL PROFITTO UBER ALLES! IL PROFITTO INNANZITUTTO!

 

  LO STATO DI POLIZIA E IL MERAVIGLIOSO GRANDE FRATELLO

 

  FAME E TERRORE A GAZA

 

  ALIMENTAZIONE: Guida alla lettura

 

  UOMO E ANIMALI: Guida alla lettura

 

  SALUTE: Guida alla lettura

 

  TEST

Map
 

 
 
BENVENUTI SU COMEDONCHISCIOTTE.NET

Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità
Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero
Anonimo


E' possibile postare nel forum, scrivere commenti, inviare articoli, ed altro solo su: www.comedonchisciotte.org
comedonchisciotte@yahoo.it

 
 


 
  Internet e controllo AL SUONO DI ALGORITHM'N'BLUE

algoritmi facebookDI PEPE ESCOBAR
strategic-culture.org

Tutti viviamo nell’Età dell’Algoritmo

Ecco qui una storia che non solo riassume questa età ma è significativa di come l’ossessione per l’algoritmo può andare per il verso sbagliato.

Tutto è cominciato quando Facebook ha censurato la foto storica della “ragazza del napalm”di Kim Phuch, simbolo universalmente riconosciuto della guerra in Vietnam. La foto era stata pubblicata dallo scrittore norvegese Tom Egeland, il quale voleva cominciare un dibattito sulle “sette fotografie che hanno cambiato il mondo”.

Non solo questa foto è stata cancellata, ma l’account di Egeland e’ stato sospeso.
 
 
  Postato da cdcnet il 30/09/2016 (11 letture)
(Leggi Tutto... | 10875 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Palestina SHIMON PERES: ISRAELI WAR CRIMINAL WHOSE VICTIMS THE WEST IGNORED

By Ben White
middleeastmonitor.com

Shimon Peres (1923-2016)
  • Best known in the West for role in Oslo Accords
  • Family moved to Palestine in the 1930s
  • Fought with the Haganah during the Nakba
  • Described as the architect of Israel’s clandestine nuclear programme
  • Saw Palestinian citizens as a ‘demographic threat’
  • Played key role in early days of West Bank settlements
  • Responsible for Qana massacre in Lebanon in 1996
  • Defended Gaza blockade and recent Israeli offensives
 
 
  Postato da cdcnet il 29/09/2016 (16 letture)
(Leggi Tutto... | 13485 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria WASHINGTON HAS JUST DECLARED WAR ON RUSSIA

324123123123Martin Berger
journal-neo.org

Nobel Peace Prize laureate, US President Barack Obama has been steadfastly pursuing a policy of armed interventions and conflicts across the globe longer and more extensively than any other president in recent US history. Now he’s sounding an advance against Russia, paying no heed to the fact that it may result in world war followed promptly by mutual nuclear annihilation.

One could hardly make a compelling argument how else one can explain the statement made by Spokesperson for the US State Department, Rear Admiral John F. Kirby, other than a direct declaration of war. The statement reads as follows:

The consequences are that the civil war will continue in Syria, that extremists and extremists groups will continue to exploit the vacuums that are there in Syria to expand their operations, which will include, no question, attacks against Russian interests, perhaps even Russian cities, and Russia will continue to send troops home in body bags, and they will continue to lose resources – even, perhaps, more aircraft…
 
 
  Postato da cdcnet il 29/09/2016 (65 letture)
(Leggi Tutto... | 8026 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Turchia UN INFORMATORE ESPONE IL MODO IN CUI IL PRINCIPALE ALLEATO DELLA NATO ARMA E FINANZIA L'ISIS

1ha1rkplep81yys47ywdzeg DI NAFEEZ AHMED
medium.com

+ Il capo dei servizi segreti della Turchia, Hakan Fidan, è stato nominato membro di un gruppo terroristico legato ad al-Qaeda e all’ISIS
+ L’intelligence turca ha fornito direttamente all’ISIS aiuti militari per anni
 + Il governo turco ha dirottato forniture militari all’ISIS tramite un’agenzia di aiuti umanitari
 + I combattenti dell’ISIS, tra cui il vice di al-Baghdadi, hanno ricevuto cure mediche gratuite in Turchia e “protezione” dalla polizia turca
+ Il capo dell’ISIS in Turchia ha ricevuto “protezione H24/7” all’ordine personale del presidente Erdogan

+ Le indagini di polizia turche riguardanti l’ISIS vengono sistematicamente annullate

+ Il petrolio dell’ISIS viene venduto con la complicità delle autorità in Turchia e nella regione curda del nord dell’Iraq

+ La NATO afferma il ruolo della Turchia come alleato nella guerra all’ISIS
 
 
  Postato da cdcnet il 29/09/2016 (173 letture)
(Leggi Tutto... | 17649 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Terrore e Guerre: US IN SYRIA: HOW TO BUILD A TERROR-STATE

234213123123Tony Cartalucci
journal-neo.org

A nation is its institutions, and should those institutions weaken, the nation itself will be weakened. And should those institutions be destroyed, the nation, for all intents and purposes, will also be destroyed. 

A dramatic example of how to destroy a nation unfolded in 2003 in Iraq as a US led axis invaded and occupied it, intentionally targeting and destroying Iraqi institutions and essential infrastructure, including the police, military, and the government as well as bridges, electricity, and communications.

In the ruins left in the wake of the US-led invasion, through the “Coalition Provisional Authority,” US and European corporations were invited in to not only rebuild these institutions and infrastructure, but to do so in a manner making them dependent on and profitable to US-European corporate-financier interests well into the foreseeable future.
 
 
  Postato da cdcnet il 28/09/2016 (65 letture)
(Leggi Tutto... | 10773 bytes aggiuntivi | Terrore e Guerre | Voto: 0)
 

 
  USA Opinioni: DELENDA EST SYSTEMA ( AMERICA )

FONTE: DEDEFENSA.ORG

Noi non sappiamo precisamente chi è l’autore P.T. Carlo che interviene qui di seguito dal sito russo nazionalista sovranista Katehon.com il 23 settembre 2016, se non che è americano e che si situa all’interno del movimento conservatore che noi decideremo di considerare “rivoluzionario” per compensare le tendenze sistematiche al ribaltamento di significati della nostra epoca ( rivoluzionario nel senso di una rivolta radicale ed effettivamente rivoluzionaria contro il pensiero del sistema). Questo testo finisce allo stesso modo in cui inizia: “L’America deve essere distrutta” (come come già diceva il vecchio Catone Delenda est Carthago) ed è un testo assolutamente radicale ed estremista; tuttavia non è affatto eccessivo né esaltato, è persino ragionevole e misurato perché il suo estremo radicalismo è l’unica risposta razionale da dare all’attuale spinta di dissoluzione del Sistema (dell’America).
 
 
  Postato da cdcnet il 28/09/2016 (216 letture)
(Leggi Tutto... | 19315 bytes aggiuntivi | Opinioni | Voto: 0)
 

 
  Mondo THE INTELLECTUAL YET IDIOT

Nassim Nicholas Taleb
medium.com

What we have been seeing worldwide, from India to the UK to the US, is the rebellion against the inner circle of no-skin-in-the-game policymaking “clerks” and journalists-insiders, that class of paternalistic semi-intellectual experts with some Ivy league, Oxford-Cambridge, or similar label-driven education who are telling the rest of us 1) what to do, 2) what to eat, 3) how to speak, 4) how to think… and 5) who to vote for.

[Traduzione disponibile qui]
 
 
  Postato da cdcnet il 28/09/2016 (49 letture)
(Leggi Tutto... | 10462 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  USA Politica: THE DONALD VERSUS HILLA THE HUN

maxresdefault-1WHO Won The Great Debate? GOPs and DEMs Pretty Much Agree Who Lost!

State of the Nation

Any armchair political analyst could see Hillary Clinton’s strategy last night.
They could also see how Donald Trump made a fatal decision which he was unable to undo.

The Clinton strategy

Hillary knew that she has more baggage than any — ANY — presidential candidate in U.S. history, bar none.  Because of that harsh reality, her handlers impressed upon her that the only defense was a very sneaky and scurrilous offense.  And that’s what she did.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/09/2016 (131 letture)
(Leggi Tutto... | 9211 bytes aggiuntivi | Politica | Voto: 0)
 

 
  Siria Interviste: INTERVIEW WITH AL-NUSRA COMMANDER: 'THE AMERICANS STAND ON OUR SIDE'

By Jürgen Todenhöfer
moonofalabama - globalresearch


[This interview by Jürgen Todenhöfer was first published in German on September 26 2016 by the Kölner Stadtanzeiger, the major newspaper in the Cologne region. (The interview was copied and translated to English by Bernhard for educational and academic purposes.)]

It was the seventh trip by my son Frederic and me to the civil war country Syria. We were there for 13 days. Words can only barely describe the extend of damage and suffering on both sides.

We conducted the interview ten days ago with a commander of the al-Qaida branch "Jabhat al-Nusra". Abu al-Ezz reported quite openly about his financiers Saudi-Arabia, Qatar and Kuwait. We were able to exactly research the identity of the man and know practically everything about him.
 
 
  Postato da cdcnet il 27/09/2016 (145 letture)
(Leggi Tutto... | 10531 bytes aggiuntivi | Interviste | Voto: 2.5)
 

 
  Mondo ULTIMA CHANCE PER LA DEMOCRAZIA

elezionirusse putin democraziaDI ISRAEL SHAMIR
unz.com

Le elezioni parlamentari russe sono andate lisce come un abito di seta. Il partito di governo, Russia Unita, ha una grande maggioranza dei seggi in Parlamento, mentre gli altri tre partiti, i comunisti (CPRF), i nazionalisti ei socialisti hanno condiviso il resto. I partiti pro-occidentali non superano la soglia e son rimasti fuori, come prima.

L’affluenza è stata bassa. Il dato ufficiale indica un rispettabile 48%, ma i rapporti in tempo reale hanno indicato un valore molto inferiore. Gli ultimi dati in tempo reale si attestano a 20% per Mosca e 16% per S. Pietroburgo. Questi numeri hanno iniziato a salire inspiegabilmente dopo le 5 pm, e Eduard Limonov, uno scrittore famoso e acuto osservatore della scena politica, è rimasto convinto che l’affluenza sia stata artificialmente “migliorata”.

 
 
  Postato da cdcnet il 26/09/2016 (278 letture)
(Leggi Tutto... | 15251 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria LA ROAD MAP USA PER BALCANIZZARE LA SIRIA

syriaDI PEPE ESCOBAR
rt.com

Dimenticate i meeting senza fine tra Sergei Lavrov e John Kerry; dimenticate l’intervento russo per evitare che il caos regnasse in Siria e dimenticatevi della possibilità che una vera tregua si realizzi e venga rispettata dagli alleati jihadisti degli Usa. Dimenticatevi delle indagini del Pentagono su cosa è accaduto davvero nel bombardamento “non voluto” a Deir Ezzor.

La prova definitiva della vera agenda dell’Impero del Caos in Siria la si può trovare in un documento della DIA (defense intelligence agency) desecretato nel Maggio dell’anno scorso.

 
 
  Postato da cdcnet il 26/09/2016 (412 letture)
(Leggi Tutto... | 6004 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria HE WHO HESITATES IS LOST AND RUSSIA HESITATED

By Paul Craig Roberts
September 25, 2016 ICH

The Russian government deceived itself with its fantasy belief that Russia and Washington had a common cause in fighting ISIS. The Russian government even went along with the pretense that the various ISIS groups operating under various pen names were “moderate rebels” who could be separated from the extremists, all the while agreeing to cease fighting on successive verges of victory so that Washington could resupply ISIS and prepare to introduce US and NATO forces into the conflict. The Russian government apparently also thought that as a result of the coup against Erdogan, which was said to implicate Washington, Turkey was going to cease supporting ISIS and cooperate with Russia.

 
 
  Postato da cdcnet il 25/09/2016 (181 letture)
(Leggi Tutto... | 7781 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: FORZE STATUNITENSI IN 7 BASI NELLA SIRIA SETTENTRIONALE

en.farsnews.com

La scorsa settimana il Pentagono ha ammesso la presenza di proprie forze nella Siria Settentrionale ma non ha precisato altri dettagli.

Sulla base di informazioni raccolte da mezzi di informazione e sul campo, le sette basi, in cui sono dispiegate le forze statunitensi, sono:

1. Campo di aviazione di  Rmeilan nella provincia settentrionale di Hasakah (con costruzione di elisuperfici). 

2. Villaggio di Mabrouka (zona occidentale di Qamishli) dove sono dispiegate almeno 45 unità speciali dell'esercito americano.

 
 
  Postato da cdcnet il 25/09/2016 (212 letture)
(Leggi Tutto... | 2789 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 0)
 

 
  Mondo ALEXANDER DUGIN, DEIR EZ-ZOR E LA TERZA GUERRA MONDIALE

deir ez zor syria 5FONTE: DEDEFENSA

Il testo apparso il 20 settembre 2016 sul sito Katehon.com , Alexander Dugin sviluppa il tema che l’attacco per errore dell’ USAF contro le forze aeree a Deir ez-Zor non è evidentemente un errore, cosa che assai pochi commentatori informati contestano seriamente, e che ci si avvicina molto pericolosamente alla terza guerra mondiale. Secondo il filosofo del nuovo euro-asianesimo, non siamo mai stati così vicini alla terza guerra mondiale. Douguine attribuisce questa evoluzione direttamente al destino della campagna presidenziale USA , con la prospettiva sempre più possibile se non probabile della sconfitta di Hillary Clinton . e virgola l’attacco in Siria sarebbe dunque l’unico modo che hanno trovato i globalisti di Washington per fermare o disturbare l’ ascesa di Trump sia facendo rinviare le elezioni a causa di un avvenimento catastrofico, sia lasciando a Trump La Casa Bianca in una situazione catastrofica di una guerra generale in corso…

 
 
  Postato da cdcnet il 25/09/2016 (600 letture)
(Leggi Tutto... | 18911 bytes aggiuntivi | Voto: 0)
 

 
  Siria Imperialismo: IL PENTAGONO HA BOMBARDATO L'ESERCITO SIRIANO PER UCCIDERE L'ACCORDO SUL CESSATE-IL-FUOCO?

deir al zor f16DI MIKE WHITNEY
counterpunch.org

“Tutto suggerisce che l’attacco… era stato deliberatamente ordinato da forze all’interno del governo degli Stati Uniti ostili al cessate-il-fuoco… Affermazioni sul fatto che caccia statunitensi fossero all’oscuro di chi stessero bombardando sono semplicemente non credibili, e sono categoricamente contraddette da altri resoconti dei media…” — Alex Lantier, World Socialist Web Site

Una spaccatura tra il Pentagono e la Casa Bianca, Sabato, si è trasformata in aperta ribellione, quando due aerei F-16 e due aerei A-10 da guerra hanno bombardato posizioni dell’esercito arabo siriano (SAA) a Deir al-Zor uccidendo almeno 62 regolari siriani e ferendone altri 100. Gli Stati Uniti hanno ufficialmente assunto la responsabilità per l’incidente che è stato chiamato un “errore”, ma la tempistica del massacro ha aumentato la speculazione che l’attacco è stato un disperato tentativo dell’undicesima ora di far deragliare la fragile tregua ed evitare porzioni dell’accordo attuativo a cui i leaders del Pentagono si sono opposti pubblicamente.

 
 
  Postato da cdcnet il 24/09/2016 (297 letture)
(Leggi Tutto... | 13878 bytes aggiuntivi | Imperialismo | Voto: 0)
 

  Categorie

· Tutte le Categorie

· Approfondimenti

· Associazioni

· Cinema

· Coercizione mentale

· Economia

· Filosofia

· Galleria immagini

· Geopolitica

· Globalizzazione

· Imperialismo

· Interviste

· Libri

· Misteri

· Musica

· Opinioni

· Politica

· Psicologia

· Religione

· Repressione

· Servizi segreti

· Storia

· Terrore e carcere

· Terrore e Guerre

 

  Ricerca con Google


www

Comedonchisciotte
.org
.net
 

  Autori tradotti

Ellen Brown

Toni Cartalucci

Michel Chossudovsky

F. William Engdahl

Pepe Escobar

Chris Hedges

Michael Hudson

Peter Koenig

Dmitry Orlov

James Petras

John Pilger

Paul Craig Roberts
 


 
  Disclaimer Il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità. Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno è usato per tracciare l'utente.
Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software.